ITALCULT - Servizio sperimentale non ufficiale
Notiziario online dedicato agli Istituti italiani di cultura all'estero
Dato il carattere sperimentale, questo servizio puo' essere interrotto senza preavviso

IL "CERCA IIC": cliccare qui

Oggi e' il

Data inserimento in rete: sabato, ottobre 13, 2001
IIC Copenaghen - DANIMARCA: ACCORDO ISTITUTO DI CULTURA E RIVISTA "IL PONTE"

Copenaghen, 12 ott. (Adnkronos) - Una collaborazione fra l'Istituto Italiano di Cultura di Copenaghen e la rivista degli italiani residenti in Danimarca "Il Ponte" per diffondere nella locale comunità italiana le iniziative dell'Istituto. Grazie all'accordo, che è stato firmato in occasione della settimana dedicata alla lingua italiana (15-20 ottobre), la rivista, redatta anche da alcuni esponenti del COM.IT.ES, arriverà ora anche nelle case dei danesi, soci e amici dell'Istituto di Cultura, che desiderano essere informati sulle interessanti tematiche proposte dalle rivista in lingua italiana.


IIC Copenaghen - SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO / L'ISTITUTO ITALIANO DI COPENAGHEN FIRMA UN ACCORDO CON 'IL PONTE' - RIVISTA DEGLI ITALIANI IN DANIMARCA

IIC Copenaghen - COPENAGHEN \aise\12 ottobre 2001 - Nell'ambito delle iniziative previste per la settimana della lingua italiana nel mondo (15-20 ottobre) cui partecipano 93 istituti italiani di cultura all'estero, l'Istituto di cultura di Copenaghen ha siglato un accordo di collaborazione con la redazione de "Il Ponte", rivista degli italiani in Danimarca, della cui redazione fanno parte anche alcuni esponenti del COM.IT.ES. Con il numero di ottobre, che uscirà in concomitanza della settimana della lingua italiana, inizia infatti una stretta collaborazione tra l'Istituto di Cultura e Il Ponte, unica rivista interamente in lingua italiana pubblicata in Danimarca, che ha una tiratura di circa cinquemila esemplari. Da questo numero saranno regolarmente presenti nella rivista due pagine contenenti il calendario delle attività culturali organizzate dall'Istituto o in collaborazione con l'Istituto e approfondimenti e commenti sulle attività stesse. La rivista, già consolidata e molto diffusa in seno alla locale comunità italiana, arriverà ora anche nelle case dei danesi, soci e amici dell'Istituto di Cultura, che desiderano essere informati sulle attività dell'Istituto e sulle interessanti tematiche proposte dalle rivista in lingua italiana. Nella consapevolezza dell'importanza della lingua italiana per la formazione del cittadino europeo, l'Istituto di Cultura di Copenaghen dà con questa iniziativa il proprio contributo alla diffusione dell'italiano in Danimarca in adesione agli obiettivi indicati nella Decisione del Consiglio dei Ministri UE e del Parlamento Europeo, che hanno dichiarato il 2001 Anno Europeo delle Lingue. (aise)


AD AMSTERDAM IL DIZIONARIO ITALIANO – NEERLANDESE

IIC Amsterdam - Sarà presentato ad Amsterdam il prossimo 18 ottobre per iniziativa dell’Istituto Italiano di Cultura

(News ITALIA PRESS, 12 ottobre 2001) Nell’ambito della settimana della diffusione della lingua italiana promossa dal Ministero degli Affari Esteri e celebrata dal 15 al 20 ottobre, sarà presentato ad Amsterdam il prossimo 18 ottobre il Dizionario Italiano – Neerlandese / Neerlandese - Italiano, del Prof. Vincenzo Lo Cascio.
All’incontro, promosso dall’Istituto Italiano di Cultura per i Paesi Bassi, sarà presente come relatore anche il Prof. Riccardo Campa, Ordinario di Storia del Pensiero Politico presso l’Università di Siena e Vice Presidente della “Dante Alighieri”, Società che da più di cento anni e grazie all’attività di oltre 500 Comitati diffonde e promuove la lingua e la cultura italiane in tutto il mondo.
Gli altri relatori saranno il dott. Marc Leijendekker, ex-corrispondente a Roma per la NOS, il prof. Willy Martin, Ordinario di Lessicografia dell’Università di Amsterdam, e il prof. Hugo Brandt Corstius, Ordinario di Linguistica e Letteratura Neerlandese dell’Università di Parigi. News ITALIA PRESS


Data inserimento in rete: venerdì, ottobre 12, 2001
IIC Londra - LA RIVELAZIONE DI ROSSELLINI A LONDRA

Seminario il 16 ottobre presso l’Istituto Italiano di Cultura di Londra

(News ITALIA PRESS, 12/10/2001) The Italian department of University College di Londra rende omaggio al cineasta italiano Roberto Rossellini con un seminario dedicato all’indagine dell’opera cinematografica e televisiva dell’artista. L’evento, previsto per il prossimo 16 ottobre presso l’Istituto Italiano di Cultura di Londra, percorre l'avventura neorealistica dal Regista. “Il realismo per me non è che la forma artistica della verità” ha dichiarato lo stesso Rossellini. E la produzione rosselliniana rivela una curiosità per gli individui e la realtà, un bisogno di dire le cose come sono in modo spietatamente concreto. L’oggetto vivo del film realistico è il mondo.
La complessa arte rosselliniana, testimonianza eccellente del Neorealismo, è scandita anche da un periodo psicologico-mistico, in cui prevale l’osservazione dei dilemmi sentimentali, e un periodo didattico, in cui è dominante la riflessione sull’attività dell’uomo nella storia.
Le immagini realizzate da Rossellini rivelano sull’uomo e il suo destino quanto forse nessun'altro regista è mai riuscito a dire con così lucida chiarezza.
Il cinema di Rossellini si propone come straordinario mezzo suscitatore di energie e strumento affascinante di conoscenza del senso autentico e universale. La macchina da presa è il testimone fedele degli eventi che di volta in volta costringono i protagonisti a stabilire un rapporto con il reale. La rappresentazione avviene senza ricorrere allo stratagemma d'inventare lo straordinario. "L'ovvio scopre le sue carte nascoste", confessa il Maestro.
La rivelazione del reale, al di fuori delle regole codificate dello spettacolo tradizionale, è stata successivamente raccolta come lezione dai giovani registi francesi esponenti del movimento cinematografico anticonformista della nouvelle vague, che si impone sul piano internazionale nel 1959. News ITALIA PRESS


Data inserimento in rete: giovedì, ottobre 11, 2001
News ITALIA PRESS - N° 195, Anno VIII, del 11/10/01
--------------------------------------------------------------------------------
NUOVO CINEMA ITALIANO AL VIA

IIC Copenaghen - Spicca nella rassegna danese nuovo cinema italiano La via degli angeli di Pupi Avati

(News ITALIA PRESS, 11 ottobre 2001) Nell’ambito della rassegna Nuovo Cinema Italiano organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di Copeneghen dal 12 al 19 ottobre, spicca tra pregevoli lavori in cartellone - Il partigiano Johnny di Guido Chiesa, Placido Rizzotto di Pasquale Scimeca, Metronotte di Francesco Calogero, La lingua del santo di Carlo Mazzacurati, Amor nello specchio di Salvatore Maira - La via degli angeli di Pupi Avati, la cui proiezione è prevista per il prossimo 13 ottobre.
Nato dalla contaminazione di vecchie e nuove generazioni di interpreti, La via degli angeli si avvale di un ottimo cast su cui svettano i Gianni Cavina e Carlo delle Piane impegnati a portare sullo schermo due personaggi dalla grandiosità tragica. I loro dialoghi serrati e dai tratti surreali, le loro espressioni buffe e al tempo stesso drammatiche danno vita a momenti entusiasmanti e commoventi. Poi le nuove generazioni di attori: Valentina Cervi in una recitazione composta, Chiara Muti che riesce a dare sensualità a un personaggio dalla penosa follia, e due protagoniste del piccolo schermo la bolognese doc Chiara Sani e Paola Saluzzi.
La storia è ricca di fascino e di eco lontane provenienti dal passato di un’Italia ingenua e rurale. Sasso Marconi, un’estate degli anni Trenta: Ines e la madre sono arrivate da Bologna per trascorrere le vacanze insieme ai parenti. La ragazza è innamorata del figlio del padrone del negozio dove è dattilografa e non riesce a dimenticarlo neanche divertendosi con le adorate cugine. Nel frattempo inizia a lavorare alla grande villa per battere a macchina il romanzo scritto dalla cognata della padrona, una donna inquieta che dopo la morte del ricco marito architetto sembra essersi persa in una dolce malinconia sentimentale. Nel frattempo il fratello di Loris va sulla montagna per dire a tutti che il sabato successivo si terrà il grande ballo dell’estate nella balera di cui Loris è proprietario.
È un film coraggioso questo diretto da Pupi Avati, perché pur rischiando di far risaltare troppo sapori e tematiche presenti anche nelle pellicole precedenti, l’autore emiliano ha invece realizzato una pellicola matura e generosamente traboccante di spunti di riflessione e di motivi di meditazione per il suo pubblico. /News ITALIA PRESS


Data inserimento in rete: mercoledì, ottobre 10, 2001
IIC Oslo - SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA/ DEDICATA UNA GIORNATA AI BAMBINI ITALO-NORVEGESI

ROMA\aise\10 ottobre 2001 - In occasione della "settimana della lingua italiana" il Comitato della Dante Alighieri di Oslo ( Norvegia) dedicherà il prossimo 20 ottobre una giornata ai bambini italo-norvegesi. La manifestazione, promossa dalla "Dante" locale in collaborazione con l'Associazione "Giovane Italia" e con l'Istituto Italiano di Cultura di Oslo vedrà la partecipazione dell'attrice Annalisa Dal Prà e di altri artisti che realizzeranno diversi spettacoli teatrali per i grandi e per i più piccoli. L'incontro culturale è destinato in modo particolare a tutti i bambini partecipanti ai corsi di italiano organizzati dalla "Dante Alighieri" di Oslo e alle famiglie italo norvegesi della città. Un'iniziativa importante, questa del Comitato della "Dante" di Oslo, che dimostra l'impegno costante della Società per la diffusione e la promozione della lingua e della cultura italiane in tutto il mondo. (aise)



IIC Los Angeles - APRE LA BIBLIOTECA ITALIANA A LOS ANGELES
“La Settimana della Lingua Italiana nel Mondo” a Los Angeles

(News ITALIA PRESS, 9 ottobre 2001) In occasione delle celebrazioni per la prossima “Settimana della Lingua Italiana nel Mondo” in programma dal 15 al 20 ottobre, organizzata dal Ministero per gli Affari Esteri e dall’Accademia della Crusca di Firenze, l’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles ha organizzato un appuntamento per la giornata del 17 ottobre volto non solo alla promozione della cultura e della lingua italiana, ma anche alla presentazione di un’importante novità. Sarà infatti inaugurata dal Console Generale di Los Angeles Massimo Roscigno la nuova Biblioteca, aperta a studenti ed insegnati, con sede presso l’Istituto di Cultura.
Prima dell’inaugurazione della biblioteca è previsto un convegno nel quale verranno discussi alcuni interessanti temi che riguardano la cultura italiana. Ad accogliere e salutare partecipanti e relatori sono previsti gli interventi del Console Roscigno e del Direttore dell’Istituto di Cultura professor Guido Fink. Nel suo saluto il Console parlerà del significato della Settimana della Lingua Italiana, sottolineandone l’importanza nel processo di promozione e tutela della cultura italiana nel mondo, ricordando il coinvolgimento di 93 Istituti Italiani di Cultura sparsi in tutto il mondo, numerose scuole, insegnanti e studenti delle più importanti Università e trasmettendo un messaggio di appoggio a quanti operano per la promozione della cultura italiana all’estero.
Seguirà la relazione di un illustre esperto di questioni relative alla lingua italiana: il professor Romano Luperini, docente dell’Università di Siena, parlerà di “Evoluzione del linguaggio letterario dalla Neoavanguardia ai Cannibali”. Successivamente il Direttore dell’Istituto di Cultura, Guido Fink, illustrerà l’evoluzione della “Storia della lingua italiana nel cinema contemporaneo”.
L’incontro proseguirà con la proiezione di un video che riassume la storia dell’Accademia della Crusca di Firenze, tradizionale ricettacolo dei più importanti studi nazionali e internazionali della lingua italiana. Infine la serata si concluderà con l’apertura della mostra “Montanelli maestro di lingua”, dedicata al maestro del giornalismo Indro Montanelli, recentemente scomparso. News ITALIA PRESS



IIC Istituti italiani di cultura - L’ITALIANO COME BENE CULTURALE DA DONARE AL MONDO

Presentata ufficialmente oggi la Prima Settimana della Lingua italiana nel mondo, che si celebrerà dal 15 al 20 ottobre

(News ITALIA PRESS, 9 ottobre 2001) La prima Settimana della lingua italiana nel mondo, evento annunciato nel 2000 nell’ambito della Prima Conferenza degli Italiani del Mondo, sarà inaugurata il prossimo 15 ottobre, coinvolgendo la rete diplomatico-consolare e i 93 Istituti Italiani di Cultura. Oggi alla Farnesina la presentazione ufficiale dell’iniziativa, organizzata dal Ministero agli Affari Esteri, dall’Accademia della Crusca, dalla Società Dante Alighieri in collaborazione con il Ministero per i Beni e le attività culturali, il Ministero dell’Istruzione e dell’Università e, infine, sostenuta dal Ministero per gli Italiani Del Mondo avendo ricevuto l’Alto Patronato dal Presidente della Repubblica.
La Settimana della lingua italiana nel mondo, è fondata sul progetto di offrire l’Italiano come “bene culturale”. 300 appuntamenti, tra conferenze, seminari, mostre librarie e documentarie, concorsi letterari, simultaneamente nel mondo testimonieranno, fino al 20 ottobre, il valore dell’immagine attualizzata della lingua italiana e della bellezza della cultura italiana.
Ha illustrato l’articolarsi della Settimana il Direttore Generale per la Promozione e la Cooperazione Culturale della Farnesina, l’Ambasciatore Francesco Aloisi. La prima sezione, La lingua italiana nel tempo: da dove viene e dove va, prevede convegni e dibattiti ai quali interverranno accademici ed esperti dell’Accademia della Crusca e dell’AISLL (Associazione Internazionale per gli Studi di Lingua e Letteratura Italiana). Centrale sarà l’analisi dell’evoluzione della lingua attraverso il tempo e l’uso, rievocando concetti emergenti dagli scritti dello svizzero Ferdinad de Saussure (1857-1913) che ha fondato la linguistica moderna. L’Italiano e le arti della parola, seconda sezione, s’incentrerà sull’osservazione dell’Italiano delle produzioni letterarie, teatrali, musicali, cinematografiche, radiofoniche e televisive. La sezione conclusiva è un concorso di scrittura narrativa, Racconta con me, rivolto a studenti liceali e universitari che frequentano le lezioni presso istituzioni italiane all’estero o i corsi di lingua e letteratura italiana presso le università straniere. Ai partecipanti al concorso è stato richiesto di completare la stesura di un racconto originale elaborato per i tre quarti della sua estensione dallo scrittore Giuseppe Bonaviri. Protagonisti dell’intreccio, ambientato nel 2036, due giovani, una siciliana e un piemontese, che s’incontrano a Roma, s’innamorano, si recano a Praga. Travolti da un turbinio di vicissitudini si separano, s’inseguono, si cercano; la narrazione s’interrompe all’improvviso. Dense di suggestione le parole pronunciate nell’odierna conferenza stampa dall’autore del racconto spezzato. Giuseppe Bonaviri si definisce commosso nello scoprire che i partecipanti al concorso, i ragazzi di origine italiana residenti all’estero, possiedono la conoscenza dell’anima immortale della lingua italiana, ovvero dell’infinita dolcezza espressiva delle vibrazioni delle onde elettromagnetiche prodotte dalla musicalità dell’Italiano.
Manifestazione di rilevo all’interno della Settimana del 2001 sarà la videoconferenza, programmata per il 18 ottobre presso la sede fiorentina dell’Accademia della Crusca. 100 insigni studiosi della cultura italiana, collegati telematicamente con 10 Istituti di Cultura dei 5 continenti, saranno impegnati in un’appassionata discussione alla quale sono invitati a partecipare anche gli studenti. Il Presidente dell’Accademia della Crusca, prof. Francesco Sabatini, ha oggi presentato questo particolare evento, contestualizzandolo nell’orientamento al sodalizio verso gli studi di lingua della stessa Accademia, sorta nel 1582 come libera società di letterati.
Ad evidenziare e ribadire il potenziale di ricchezza custodito nella lingua italiana è stato il Ministro degli Italiani del Mondo, Mirko Tremaglia. Con trasporto il Ministro Tremaglia è intervenuto alla conferenza stampa di oggi, constatando il dovere di soddisfare la richiesta di “italianità” da parte del mondo e l’urgenza di attuare la valorizzazione di una “politica dell’italianità”, ovvero l’intraprendere adeguati investimenti sulla presenza delle comunità italiane all’estero. Il Ministro Tremaglia, di ritorno da New York dove il primo ottobre è stata celebrata la memoria delle vittime dell’11 settembre 2001, esprime l’auspicio dell’Italia autenticamte unita. “Mi auguro - spiega il Ministro - che gli italiani nel mondo possano conoscere ed apprezzare l’Italia e che l’Italia conosca ed apprezzi gli italiani nel mondo. E lo stato italiano deve essere l’elemento di coesione dell’Italia e di tutti gli italiani”. Lidia Procacchia / News ITALIA PRESS



Data inserimento in rete: martedì, ottobre 09, 2001
IIC Bruxelles - PRESENTATO IL LIBRO ‘L’EREDITA’ SCOMODA’ DI CASELLI E INGROIA IL COORDINAMENTO CTIM-BENELUX PROTESTA: UNA PRESENTAZIONE A SCOPO POLITICO

BRUXELLES \ aise \ 9 ottobre 2001 Il coordinamento Benelux del CTIM protesta per l’iniziativa della presentazione del libro di Caselli e Ingroia, “l’Eredità scomoda”, presa dall’Istituto Italiano di Cultura, oggi 9 ottobre, a Bruxelles. Secondo il Cordinamento Benelux del CTIM l’unico scopo di una tale manifestazione, alla vigilia della visita in Belgio del presidente del Consiglio, sembra quello di trasferire a livello europeo la contrapposizione politica che i partiti sconfitti dalle elezioni da tempo hanno esacerbato, coinvolgendo la comunità italiana che vive a Bruxelles in diatribe di parte che otterranno il solo scopo di presentare un’immagine distorta di un’Italia divisa e in preda a una dura contrapposizione politica. Il Coordinamento CTIM ricorda che gi Istituti Italiani di Cultura, in tutto il mondo, devono essere a disposizione della comunità italiana emigrata, vegliare al buon nome del Paese e non possono essere vetrina di una parte politica, dopo anni di governo e consociativismo, ormai relegata all'opposizione dal voto degli elettori. Il Ctim invita, pertanto, l’Ambasciatore Cortese <>. Nello stesso tempo il Coordinamento Benelux del CTIM invita il governo Berlusconi ad apportare urgentemente tutte le modifiche legislative necessarie alle nostre comunità che vivono all’estero per fare finalmente quell’opera di trasparenza che queste stesse comunità emigrate aspettano ormai da troppo tempo. (aise)


IIC Vienna - A VIENNA L'ITALIENISCHES FILMFEST

VIENNA\ aise\ 9 ottobre 2001 - E' toccato al regista Gianluca Maria Tavarelli inaugurare la prima edizione dell'Italienisches Filmfest, manifestazione in corso a Vienna dal 5 al 19 ottobre. L'evento è stato organizzato dalla Made in Italy: l'associazione di Francesco Bono, Franco Montini e Piero Spila, attiva nella diffusione del cinema italiano nel Nord Europa, ed è stata realizzato con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (Direzione Generale per il cinema), con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri, la collaborazione del Filmarchiv Austria e il supporto dell'Ambasciata e dell'Istituto Italiano di Cultura.
Accanto a Tavarelli, di cui verrà proiettato Un amore, saranno presenti anche Fabrizio Gifuni e Lorenza Indovina, i protagonisti del film.
Il programma del festival presenta ben 14 film italiani, tra cui Luna e l'altra di Maurizio Nichetti, Figli di Annibale di Davide Ferrario, Autunno di Nina Di Majo, Le Acrobate di Silvio Soldini, L'albero delle pere di Francesca Archibugi, Del perduto amore di Michele Placido, e Radiofreccia di Luciano Ligabue. (aise)



IIC Istituti italiani di Cultura - SOTTO L’ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA - ORGANIZZATA DAL MAE E DALL’ACCADEMIA DELLA CRUSCA ‘LA PRIMA SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO’ – ALLA PRESENTAZIONE ANCHE IL MINISTRO TREMAGLIA

ROMA\ aise\ 9 ottobre 2001 - In una Sala Saraceno (Ministero Affari esteri) troppo piccola, per il gran numero di giornalisti di carta stampata, televisioni e radio, si è svolta a mezzogiorno di oggi, martedì 9 ottobre, la presentazione della prima "Settimana della lingua italiana nel mondo". Questa iniziativa sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica e sostenuta dal Ministero per gli Italiani nel mondo, in programma dal 15 al 20 ottobre, è il frutto di un'intensa collaborazione e cooperazione di Ministero degli Affari esteri e Accademia della Crusca (la più antica del suo genere, tra le attive oggi). Per questo a presentare le manifestazioni erano l'Ambasciatore Francesco Aloisi, Direttore Generale per la promozione della Cultura della Farnesina e il prof. Francesco Sabatini, Presidente dell'Accademia della Crusca. A loro si sono aggiunti, inaspettatamente con gran sorpresa di tutti i presenti il Ministro per gli Italiani nel Mondo, Mirko Tremaglia, e lo scrittore Giuseppe Bonaviri autore di un piccolo racconto con cui è stato effettuato nei mesi scorsi un Concorso letterario che ha coinvolto i giovani allievi di Università ed Istituti Italiani di Cultura di corsi di italiano. I due vincitori del suddetto concorso, un polacco ed tunisino, saranno premiati proprio nel corso della Settimana. (aise)



IIC San Paolo - ITALIA- BRASILE \ LA VISITA DI BACCINI NEL PAESE SUDAMERICANO- IL PROGRAMMA DEL MAE PER GLI ISTITUTI DI CULTURA

SAN PAOLO \ aise \ 8 ottobre 2001 Intensa l’agenda di appuntamenti del sottosegretario Mario Baccini, in visita in Brasile la scorsa settimana: riunione d’area degli Istituti Italiani di Cultura dei Paesi dell’America Latina (durante la quale sono stati trattati i temi della politica culturale e l’immagine dell’Italia i destinatari, le modalità d’azione nell’area sudamericana, comunicare l’Italia di oggi, il rapporto con le comunità, i nuovi soggetti - le Regioni -, la lingua, scuole, università, libri, biblioteche), una visita al Club Esperia fondato da italiani agli inizi del '900, un Concerto Verdiano al Teatro Municipale, un incontro con dirigenti e con il ministro Andrea Matarazzo futuro ambasciatore brasiliano a Roma, incontro con il Segretario della Cultura del Comune di S. Paolo, Marco Aurelio A. Garcia e apertura della Mostra della guerra sul Piave (1915-1918) di Aristide Sartorio. L’onorevole Baccini ha riunito poi i giornalisti in una conferenza stampa con la presenza dell’Ambasciatore Francesco Aloisi di Larderel direttore generale per la Promozione e la Cooperazione Culturale del Ministero degli Affari Esteri, l’ambasciatore d’Italia Vincenzo Petrone, il console Gianluca Cortese, il direttore dell’Istituto Italiano di Cultura Guido Clemente e il presidente del Comites di San Paolo Andrea Ruggeri. Il sottosegretario è stato poi intervistato dall’Associazione stampa italiana in Brasile:
D. Ci parli dell’azione degli Istituti di Cultura.
Baccini - La politica dei nostri Istituti di Cultura è un elemento importante di politica estera e noi pensiamo che la cultura sia un veicolo non solo della civiltà italiana ma anche uno strumento all’avamposto della grande vocazione che l’Italia ha nel mondo e questa è una posizione che vogliamo portare avanti.
D. Cosa ci dice sul voto degli italiani all’estero.
Baccini - È intenzione del governo Berlusconi incentivare tutte le iniziative, anche legislative, per favorire e promuovere in tempi strettissimi il voto degli italiani all’estero. Alcuni provvedimenti sono stati presi dal Parlamento, tra i primi l’anagrafe degli italiani all’estero, il potenziamento dei consolati che consentiranno a chi di diritto di poter procedere e partecipare alla crescita politica dell’Italia.(…) (aise)


Data inserimento in rete: lunedì, ottobre 08, 2001
IIC Copenaghen - DANIMARCA: A COPENAGHEN UNA MOSTRA DEDICATA A BELLINI

Copenaghen, 8 ott. (Adnkronos) - Una mostra dedicata Vincenzo Bellini sarà inaugurata il 13 ottobre prossimo a Copenaghen per celebrare il bicentenario della nascita del compositore catanese. L'esposizione, che si aprirà in occasione dell'esecuzione della "Norma" con l'orchestra e coro della Radiotelevisione Danese e la partecipazione della soprano Inga Nielsen e del tenore Francisco Araiza, è stata allestita dall'Istituto Italiano di Cultura della capitale danese nei locali adiacenti l'Auditorium della Radio Danese.
La mostra, nata dalla collaborazione con la Biblioteca di Santa Cecilia e del Teatro dell'Opera di Roma, esibirà la partitura autografa della "Norma", lettere e composizioni autografe, numerosi libretti delle prime in tutto il mondo (da Rio de Janeiro a Calcutta), i ritratti originali dei primi interpreti, i bozzetti originali di Sanquirico, la prima edizione dello spartito di Ricordi e i costumi indossati da Maria Callas e da Franco Corelli nella storica messa in scena del 1951. La mostra sarà in seguito trasferita nella galleria dell'Istituto di Cultura. Il 17 ottobre il prof. Olimpio Musso, nell'Auditorium dell'Istituto, terrà una conferenza durante la quale verranno svelate notizie inedite sulla "Norma". Dopo la conferenza la Società Danese Belcanto eseguirà arie dalle più note opere di Vincenzo Bellini.

____________________________________________
News ITALIA PRESS - N° 192, Anno VIII, del 8/10/01
--------------------------------------------------------------------------------
IIC Copenaghen - BELLINI TORNA AD AMMALIARE IL POPOLO DANESE

Il 13 e il 17 ottobre, alla presenza dell’Ambasciatore italiano Antonio Catalano di Melilli e delle massime autorità politiche e culturali locali, torna la “Norma”

(News ITALIA PRESS, 8 ottobre 2001) Per celebrare il bicentenario della nascita di Vincenzo Bellini, l’Istituto Italiano di Cultura di Copenaghen ha promosso una serie di manifestazioni. Il 13 ottobre, in occasione dell’esecuzione della “Norma” con l’orchestra e coro della Radiotelevisione Danese e la partecipazione della soprano Inga Nielsen e del tenore Francisco Araiza, l’Istituto di Cultura allestirà, nei locali adiacenti l’Auditorium della Radio Danese, una mostra imperniata sulla celebre opera del compositore catanese. La mostra, nata dalla collaborazione con la Biblioteca di Santa Cecilia e del Teatro dell’Opera di Roma, esibirà la partitura autografa della “Norma”, lettere e composizioni autografe, numerosi libretti delle prime in tutto il mondo (da Rio de Janeiro a Calcutta), i ritratti originali dei primi interpreti, i bozzetti originali di Sanquirico, la prima edizione dello spartito di Ricordi e i costumi indossati da Maria Callas e da Franco Corelli nella storica messa in scena del 1951. La mostra sarà in seguito trasferita nella galleria dell’Istituto di Cultura.
Il 17 ottobre il Prof. Olimpio Musso, nell’Auditorium dell’Istituto, terrà una conferenza durante la quale verranno svelate notizie inedite sulla “Norma”. Dopo la conferenza la Società Danese Belcanto eseguirà arie dalle più note opere di Vincenzo Bellini.
Una celebrazione più che opportuna in Danimarca, un paese dove ancora sembrano farsi sentire le conseguenze della massiccia, organizzata opposizione del mondo musicale danese all’opera italiana nei primi decenni secolo XIX. Al contrario del re Cristiano VIII, che aveva scritturato una compagnia operistica italiana per 10 anni (dal 1842 al 53) al Teatro di Corte di Christiansborg, gruppi di esponenti della vita musicale danese organizzati dal compositore di origine tedesca Weyse, boicottavano regolarmente a suon di fischi e gazzarre le opere italiane, sopratutto quelle di Bellini, che, mentre il compositore italiano veniva applaudito e celebrato nelle più grandi capitali europee, finirono per scomparire definitivamente dal cartellone del Teatro Reale danese. L’ultima rappresentazione della ”Norma” in Danimarca risale infatti al 1906.
Il 13 e il 17 ottobre, alla presenza dell’Ambasciatore italiano Antonio Catalano di Melilli e delle massime autorità politiche e culturali locali, Vincenzo Bellini tornerà ad ammaliare il pubblico musicale danese, caratterizzato ormai da un sicuro buon gusto europeo. /News ITALIA PRESS
______________________

Pressemeddelelse fra Radiopresse
Sendt: 3. oktober 2001

Nyt fra Radiosymfoniorkestret - Udstilling af Bellinis originale partitur

Radiosymfoniorkestret:
Bellinis håndskrevne partitur og Maria Callas’ kostume fra Teatro dell’Opera di Roma udstilles i Radiohuset
I anledning af Radiosymfoniorksterets og Radiokorets opførelse af Bellinis Norma præsenterer DR ensembler og Det Italienske Kulturinstitut en enestående udstilling i Radiohusets Koncertsal.
Udstillingen består af Bellinis originale håndskrevne partitur af Norma, samt flere originale libretti fra 1800-tallet, blandt andet librettoen fra premieren på Teatro alla Scala di Milano. Desuden er det lykkedes at få lov til at udstille Maria Callas’ og Franco Corellis helt unikke kostumer fra Teatro dell’Opera di Roma. Udstillingen består derudover af sceneskitser, førsteudgivelser og portrætter, blandt andet en samtidig gravering af Bellini.
Udstillingen er kommet i stand i et samarbejde mellem det italienske kulturinstitut, Biblioteca di Santa Cecilia i Rom, Teatro dell'Opera di Roma og DR. Udstillingen vises i Radiohuset i forbindelse med Opera-koncerten lørdag 13. oktober fra kl. 18.00. Efter koncerten flyttes udstillingen til Det Italienske Kulturinstitut, Gjørlingsvej 11, 2900 Hellerup
Læs hele pressemeddelelsen og download evt. pressefoto her
http://www.dr.dk/radiopresse/skabelon/presse.asp?appflag=test&ID=608



IIC Lubiana - LA SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA IN SLOVENIA

(News ITALIA PRESS, 8 ottobre 2001) Anche in Slovenia sono in preparazione le manifestazioni per celebrare la settimana della lingua italiana nel mondo. Il prossimo 15 ottobre, presso la sede dell’Istituto Italiano di Cultura di Lubiana, sarà Franco Manzoni ad aprire la Settimana, voluta dal Ministero degli Affari Esteri in collaborazione con l’Accademia della Crusca, con una conferenza sul tema “La poesia contemporanea italiana”. Franco Manzoni, classe 1957, laureato in Lettere Classiche, è insegnate e giornalista, collabora con il Corriere della Sera. Ha già pubblicato diverse raccolte poetiche, tra cui “Totò” del 1989, “Padania” del 1990, “Lettere dal fronte” del 1993 e “Angelo di “sangue del 1999.
All’incontro farà seguito una lettura di poesie dello stesso Manzoni e del poeta sloveno Tomaz Salamun, in concomitanza con l’apertura della mostra della pittrice Laura Pitscheider.
News ITALIA PRESS
_______________
IIC New York - LE FANTASMAGORIE DI FELLINI RISCHIARANO NY COLPITA AL CUORE

Riprende l’attività dell’Istituto Italiano di Cultura di New York, sospesa dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre

(News ITALIA PRESS, 8 ottobre 2001) È ripresa fin dai primi giorni di ottobre l’attività culturale promossa dall’Istituto Italiano di Cultura di New York. Infatti, dopo l’11 settembre, sono stati sospesi tutti gli eventi precedentemente fissati, in segno di lutto verso le vittime dell’attacco terroristico al centro di gravità economico-politico-militare degli USA. Un’iniziativa dell’Istituto è oggi volta a onorare la memoria dell’avvenimento che sta drasticamente cambiando il corso della storia. Si tratta della mostra Twin Towers Drawing Workshop, prevista per domani 9 ottobre.
L’Italia, partecipe insieme alla collettività internazionale al dolore che ha colpito gli Stati Uniti, è rappresentata presso l’Istituto Italiano di Cultura di New York dalla radiosa figura di Federico Fellini. Infatti è proposta per domani sera la proiezione di Otto e mezzo. L’affermazione a livello internazionale del cineasta italiano è confermata proprio da Otto e mezzo (1962). Il film, sintetizzando una vocazione per il fantastico e una suggestiva concretezza di espressione dell’immagine, dà la misura del talento del Regista. Attratta dal mondo dell’ignoto, l’intera produzione artistica felliniana imposta un problema morale: l’esigenza di stabilire rapporti umani attraverso la ricerca di calore e di comprensione, dominanti nei personaggi immersi in una desolata solitudine interiore. Attraverso uno studio accurato di caratteri reali e ambienti realistici, attraverso la costruzione di raffinate atmosfere surreali, Fellini è stato in grado di raggiungere l’equilibrio tra simbolismo e realismo. Inoltre, avvalendosi di un’irrinunciabile chiave autobiografica, Federico Fellini ha lasciato nella storia del cinema un’impronta profonda per la novità dello stile “barocco”, traboccante di fantasmagorie visive e sonore ma cosciente della finzione dello spettacolo. News ITALIA PRESS