ITALCULT - Servizio sperimentale non ufficiale
Notiziario online dedicato agli Istituti italiani di cultura all'estero
Dato il carattere sperimentale, questo servizio puo' essere interrotto senza preavviso

IL "CERCA IIC": cliccare qui

Oggi e' il

Data inserimento in rete: venerdì, gennaio 11, 2002
IIC Copenaghen - COPENAGHEN: COLLABORAZIONE TRA IST. IT. CULTURA E COMITES

Copenaghen, 11 gen. (Adnkronos) - L'Istituto Italiano di Cultura di Copenaghen, in collaborazione col COMITES, ha ospitato nel suo auditorium, lo spettacolo dell'attrice Iben Nagel Rasmussen "Bianco come un gelsomino", una rassegna di brani tratti da spettacoli ideati e diretti da Eugenio Barba, leader e fondatore dell'Odin Teatret, nel quale l'attrice milita da più di trent'anni. L'Odin Teatret, sotto la guida dell'autore-regista italiano che ha saputo fare di questo gruppo un fenomeno teatrale unico, è conosciuto in tutto il mondo per l'altissima qualità artistica e per la disciplina e l'estrema preparazione dei suoi attori.
"Con questo spettacolo Iben Nagel Rasmussen - afferma Sergio Scapin, Direttore Istituto Italiano di Cultura - ha voluto dimostrare che la voce ha un peso e un'importanza superiore alla sintassi e al significato delle singole parole. Nel "Teatro dell'Odin", infatti, che ha da sempre attirato attori dalla Svezia, Finlandia, Norvegia e dall'Italia, diveniva quasi impossibile mediare un messaggio attraverso la parola parlata. Ma l'attrice, figlia del grande poeta scandinavo Halfdan Rasmussen e della drammaturga Esther Nagel, è cresciuta in un'atmosfera famigliare dove la poesia e quindi le parole e la sintassi hanno sempre avuto un loro valore intrinseco.
L'attrice, a conclusione dello spettacolo, ha voluto dimostrarlo commovendo il numerosissimo pubblico affluito all' Istituto con la recitazione di una poesia composta da suo padre, scolpita nel monumento alle vittime della guerra antistante la chiesa del S.Spirito". L'Istituto e il COMITES, come ha sottolineato il direttore Dott.Sergio Scapin nella sua introduzione allo spettacolo, ha voluto così rendere omaggio a Eugenio Barba, ormai una delle pietre miliari del teatro moderno, che ha meritato, fra i tanti riconoscimenti, il premio Sonning che viene considerato come il "premio Nobel" danese per l'attività artistica. (Adnkronos)


Data inserimento in rete: lunedì, gennaio 07, 2002
IIC Strasburgo - LA PELLE ALL’IIC DI STRASBURGO

(News ITALIA PRESS, 7 gennaio 2002) Strasburgo - E’ in programma per domani sera presso l’Istituto di Cultura Italiano di Strasburgo, in Francia, un omaggio al cinema italiano. Presso la sede dell’Istituto verrà infatti proiettato il film “La pelle”, diretto nel 1981 da Liliana Cavani. Nato dalla coproduzione tra Italia e Francia il film vede protagonista un cast internazionale, con nomi come Marcello Mastroianni, Claudia Cardinale, Burt Lancaster, Carlo Giuffrè, Ken Marshall e Alexandra King.
Il film è ambientato nella Napoli del 1943-44: un mafioso locale tratta lo scambio di prigionieri tedeschi con il generale Clark, capo della Quinta armata. Tratto dall’omonimo romanzo di Curzio Malaparte del 1946, la pellicola presenta il volto tragico di una Napoli distrutta e corrotta al quale si aggiunge una violenta eruzione del Vesuvio.
L’appuntamento con il film di Liliana Cavani si inserisce nella rassegna dell’Istituto di Cultura “100 anni di cinema italiano”, inaugurata lo scorso 23 ottobre con la proiezione di “Che ora è” di Ettore Scola e che si concluderà il 28 maggio 2002 con “La messa è finita” di Nanni Moretti. News ITALIA PRESS


IIC Buenos Aires - FOTOGRAFIE ITALIANE A BUENOS AIRES

(News ITALIA PRESS, 7 gennaio 2002) Buenos Aires - L’Istituto Italiano di Cultura (IIC) di Buenos Aires ha inaugurato lo scorso 3 gennaio la mostra fotografica “En el fondo del ojo - Buenos Aires 1999-2001”. Aperta fino al al 3 febbraio, l’eposizione offre al visitatore una rassegna di foto realizzate dall’artista italiana Roberta Vassallo. La mostra, aperta presso il Museo de la Ciudad, è patrocinata dall’Ambasciata d’Italia in Argentina. “L’inaugurazione ha visto la partecipazione di un folto pubblico, nonostante il momento difficile che il Paese sta attraversando” ha dichiarato la Direttrice dell’Istituto Miriam Levi Liuzzi “E’ una mostra molto interessante, che propone attraverso gli scatti in bianco e nero dell’artista una visione molto particolare di Buenos Aires. L’esposizione offre infatti una panoramica della architetture in ferro della capitale argentina risalenti a 1000, 150 anni fa. Data la fase critica che l’Argentina sta attraversando credo che Roberta Vassallo, che era presente all’inaugurazione della mostra, possa ritenersi molto soddisfatta della partecipazione del pubblico”.
Roberta Vassallo, architetto e fotografa professionista, ha portato avanti nel corso del 2000 una ricerca sull’architettura del ferro a Buenos Aires eseguendone una documentazione fotografica, all’interno di un più ampio progetto editoriale sull’architettura del ferro nel mondo.
Sempre a Buenos Aires, ha anche realizzato un reportage fotografico artistico sulla città di che ha poi esposto lo scorso anno presso la Scuola Romana di Fotografia a Roma. News ITALIA PRESS


Data inserimento in rete: domenica, gennaio 06, 2002
IIC Melbourne - GLI INTERPRETI VENEZIANI A MELBOURNE

(News ITALIA PRESS, 4 gennaio 2002) Melbourne - L’istituto di cultura italiano a Melbourne, in collaborazione Organs of the Ballarat of Goldfields, ha organizzato per il 18 gennaio alla Assembly Hall della chiesa presbiteriana di Melbourne il concerto degli Interpreti Veneziani. Il gruppo è nato nel 1987 da un’ idea di Paolo Calagnato, e da subito si è fatto notare per il suo brio, peculiarità sottolineata anche critica internazionale e dettata in parte dalla giovane età dei componenti. Oltre che nelle città italiane, i musicisti veneziani si sono esibiti in importanti città di tradizione musicale, tra cui Vienna e Stoccolma, riscuotendo sempre successo. Il gruppo è formato da Giuliano Fontanella, Guglielmo De Stasio, Pietro Talamini, Andrea Zanchetta (violino), Alessandro Curri (viola), Nazzareno Balduin (violoncello), Gianni Amadio (contrabbasso), Paolo Cognolato (arpa) and Andrea Dainese (flauto).
Per il concerto australiano il complesso proporrà Le Quattro Stagioni di Vivaldi, Tarantella di Giovanni Bottesini, Allegro russo di Saverio Mercadente e la Sonata op.3 n.6 di Niccolò Paganini. News ITALIA PRESS


IIC Berlino - ALEMANNO A BERLINO
Lo accompagnerà Gian Luigi Ferretti, Consigliere del CGIE nello staff del Ministro per le Politiche Agricole e Forestali

(News ITALIA PRESS, 4 gennaio 2002) Roma - Gian Luigi Ferretti, Consigliere del CGIE nello staff del Ministro per le Politiche Agricole e Forestali, accompagnerà il Ministro Alemanno in Germania la settimana prossima per vari incontri istituzionali in occasione della "Grune Woche" a Berlino. Accolti dall'Ambasciatore Fagiolo, incontreranno il Ministro per la Protezione del Consumatore, il Presidente della Commissione Protezione del Consumatore e, alla "Grune Woche", il Ministro dell'Agricoltura svizzero.
A Monaco di Baviera saranno ospiti del Ministro per le questioni federali e comunitarie, e venerdi 11 gennaio presso l'Istituto Italiano di Cultura, avrà luogo un ricevimento con la partecipazione dei rappresentanti della collettività italiana. News ITALIA PRESS
____________
IIC Parigi - ITALIAN PASTA IN PARIS
The presentation of a book dedicated to the typical Italian dish

(News ITALIA PRESS, 3 gennaio 2002) Paris – The basic dish of the Italian diet, pasta, will be the protagonist of a conference organized by the Istituto Italiano di Cultura of Paris in collaboration with the Grinzane Cavour Cultural Park, which will publicly present a book entitled “La Pasta” on January 25. According to the authors, Françoise Sabban and Silvano Serventi, “La Pasta” had no history. It lives in its gastronomic glory according to legends, customs, and appetites. Today, thanks to this book, it has acquired its nobility through this history that goes well beyond the Italian border.
For the first time its parallel development to an art lauded by Chinese poets since the III century BC is described. It is an economic activity that, in Italy, is fully developed in medieval Sicily. The chapters of this story, which were unknown until now, are described in detail, from the most distant origins of pasta on the banks of the Yellow River and the Eastern Mediterranean of the Hebrews in Palestine, until the extraordinary development of the American pasta industry at the beginning of the 20th century and the 1958 Japanese invention of instant pasta that was an immediate success throughout Asia. News ITALIA PRESS