ITALCULT - Servizio sperimentale non ufficiale
Notiziario online dedicato agli Istituti italiani di cultura all'estero
Dato il carattere sperimentale, questo servizio puo' essere interrotto senza preavviso

IL "CERCA IIC": cliccare qui

Oggi e' il

Data inserimento in rete: sabato, agosto 31, 2002
IIC Toronto - Agenzia del 30/08/02

Is. it. cultura: 2 italiani al festival della letteratura di Toronto

Toronto, 30 ago. (Adnkronos) - "Toronto International Festival of Authors". E' questo il titolo della XXI edizione del festival internazionale di letteratura che si terrà presso il Harbourfront Centre a Toronto in Canada dal prossimo 23 ottobre al 2 novembre.
Al Festival realizzato dall'Istituto italiano di cultura di Toronto, parteciperanno per quest'anno due scrittori italiani: Umberto Eco e Carlo Feltrinelli.
Il 24 ottobre infatti, presso il Premier Dance Theatre il critico, giornalista, scrittore e semiologo Umberto Eco conosciuto sia dal pubblico di lingua italiana che da quello di lingua inglese, verrà intervistato dal premio Nobel John Polany.
Il 26 ottobre invece, presso lo York Key Centre, Carlo Feltrinelli responsabile della casa editrice fondata dal padre, presenterà, intervistato da Elen Seligman, la traduzione inglese del suo primo libro che narra, non come una biografia nostalgica ma piuttosto come la storia più straordinaria che abbia mai incontrato, la vita avventurosa di Giangiacomo Feltrinelli, morto tragicamente nel marzo 1972.


Data inserimento in rete: venerdì, agosto 30, 2002
IIC Bruxelles - Agenzia del 30/08/02

IIC BRUXELLES/ A BRUGES PRESENTATA ‘GENOVA: CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2004’

BRUGES\ aise\ - Il Comune di Genova e l’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles rendono noto che a Brugge/Bruges Capitale Europea della Cultura 2002, nell'ambito della conferenza stampa di presentazione del Festival Brugge Poésie 2002, diretto dallo scrittore genovese Claudio Pozzani, dall’Assessore alla Promozione della Città di Genova Anna Castellano e dal Direttore dell'Istituto Italiano di Cultura in Bruxelles Sira Miori, vi sarà la presentazione di ‘Città di Genova Capitale Europea della Cultura 2004’. L’incontro avrà luogo venerdì 6 settembre alle ore 10.30 presso il Provinciaal Hof (Palazzo Provinciale), Markt 3, 8000 Brugge. (aise)


Data inserimento in rete: giovedì, agosto 29, 2002
Tra un mese Berlusconi lascerà la Farnesina
Ma Palazzo Chigi smentisce la nomina di Frattini a fine settembre e di Catricalà alla Funzione pubblica
Il premier sabato in Danimarca per il vertice europeo dei ministri degli Esteri, ancora in dubbio la presenza a Johannesburg
di GIANNI DI CAPUA

Il Tempo, giovedì 29 agosto 2002
IL presidente del Consiglio e ministro degli Esteri ad interim, Silvio Berlusconi, andrà in Danimarca, ad Elsinore, dove è in programma il primo incontro informale dei ministri degli Esteri dell'Ue il 30 e 31 agosto. Il premier, impegnato con il Consiglio dei ministri ed il vertice di maggioranza, arriverà in Danimarca domani sera per partecipare alla seconda giornata del consiglio, il 31 agosto. Una partecipazione che mal si concilia con l’annunciata presenza al summit Onu di Johannesburg: il Sudafrica dista dieci ore di volo e Berlusconi dovrebbe partire il 1° settembre per intervenire il giorno successivo. Una conferma ufficiale non c’è ancora.
Quello di Elsinore potrebbe essere uno degli ultimi appuntamenti come responsabile degli Esteri: Silvio Berlusconi potrebbe infatti passare il testimone della Farnesina a Franco Frattini alla fine di settembre, anche se Palazzo Chigi smentisce. Ad imprimere una accelerazione sul passaggio di consegne con l'attuale ministro della Funzione Pubblica ha certamente pesato l'accavallarsi di appuntamenti internazionali, con quelli interni, che avrebbero creato qualche «affanno» al premier il quale si sarebbe convinto della necessità di procedere al cambio della guardia in tempi brevi.
Ma la staffetta dovrebbe avvenire non prima della fine del mese e, con l'occasione, si farebbe un «pacchetto unico» con la questione dei sottosegretari da rimpiazzare. Chi ha parlato con il premier in questi giorni esclude quindi che la nomina alla Farnesina possa avvenire prima della fine del mese perché in ballo ci sono diverse questioni politiche delicate da risolvere e deve quindi essere preparato il terreno. In questo quadro, il vertice della maggioranza di domani sarà in qualche modo la cartina di tornasole del clima che aleggia nel centrodestra. In quella sede il premier intenderebbe proprio saggiare il grado di compattezza della maggioranza, verificare il clima di serenità e di unità tra e con i suoi alleati. Si parlerà di Finanziaria e di nodi economici e, certamente, il premier punterà a raggiungere un equilibrio che faccia incontrare domanda ed offerta nella dialettica con i suoi alleati. Un primo «passaggio-chiave», quello del vertice di domani, anche in vista di un altro snodo, quello relativo alla cosiddetta legge Cirami sul legittimo sospetto che sta molto a cuore al Cavaliere.
Forzare i tempi della nomina alla Farnesina sarebbe dunque poco strategico politicamente e rischierebbe di creare pericolose fibrillazioni anzitempo. L'ipotesi che circola è che con Frattini alla Farnesina, alla Funzione pubblica vada Catricalà, attuale segretario generale di Palazzo Chigi. Catricalà è stimato da Silvio Berlusconi e molto gradito a Franco Frattini. Paolo Bonaiuti, portavoce del premier, smentisce su tutta la linea e si augura che si tratti «dell’ultimo fuoco di una campagna eswtiva di polveroni e di chiacchiericci».
Bisognerà vedere la reazione di Gianfranco Fini che aveva stoppato nelle scorse settimane la «promozione» di Frattini per gestire meglio il rimpasto con la nomina a responsabile della Funzione pubblica dell’attuale sottosegretario Learco Saporito (An). Berlusconi, comunque, tratterrebbe per sé la delega ai servizi segreti. Catricalà poi sarebbe sostituito da Mauro Masi, attualmente direttore del Dipartimento dell'Editoria di Palazzo Chigi.


IIC Istituti italiani di cultura - Agenzia del 29/08/02

Servizio Civile Volontario Femminile negli Istituti Italiani di Cultura all'estero
Mail del 29 agosto 2002 ricevuta dalla Redazione di Italcult

In base alla legge 64 del 2001 che ha costituito il "Il Servizio Civile Volontario Femminile" finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, possono prestare 12 mesi di servizio civile, su base volontaria, le cittadine italiane di età compresa tra i 18 e i 26 anni (25 e 11 mesi). Per l'anno 2003 le ACLI hanno pensato di coinvolgere anche gli Istituti di cultura italiana all'estero. Prima di scrivere e far approvare il bando è necessario verificare la vostra disponibilità ad accogliere una, due o più ragazze all'interno della vostra struttura, le ragazze riceveranno, dall'Italia, uno stipendio mensile più vitto e alloggio.
Certi della collaborazione, vi rimandiamo al sito www.Acli.it
Moira Zuliani Ufficio formazione GA tel. 06.5840490 348 5445891



AGENDA / Il governo smentisce le voci sull’imminente arrivo di Frattini alla Farnesina: basta chiacchiericci estivi
Vertice dei ministri in Danimarca, Berlusconi prepara il viaggio

Corriere della Sera, 29 agosto 2002
ROMA - Prima in Danimarca, poi in Sudafrica, quindi le nozze della figlia di Aznar a Madrid. In qualità, nell’ordine, di ministro degli Esteri, premier e testimone di nozze. E’ un calendario fitto di appuntamenti quello che il presidente del Consiglio dovrebbe affrontare nei prossimi giorni. E’ quasi sciolta la riserva sul vertice europeo di Elsinore, in Danimarca, dove Berlusconi dovrebbe incontrare domani e dopodomani i ministri degli Esteri della Ue. Obiettivo della riunione informale fare il punto della situazione sui principali problemi aperti sulla scena internazionale: dalla crisi in Medio Oriente all’allargamento della Ue.
Sarà la prima uscita europea di Berlusconi dopo l’estate, e il primo di una serie di viaggi: il 2 settembre dovrebbe essere in Sudafrica al vertice sul clima, pochi giorni dopo; il 5, a Madrid per le nozze fra la figlia di Aznar, Ana, e l’ex leader del Ppe Agag. La seconda settimana di settembre a New York, all’assemblea generale dell’Onu.
E’ forse anche per un calendario così intenso, che prevede anche due consigli dei ministri (il primo domani, oltre a un un vertice di maggioranza) e un intervento alla Fiera di Bari il 7 settembre, che ieri sono tornate a circolare voci su imminente cambio alla guida della Farnesina. Voci non nuove, che danno in pole position il ministro della Funzione Pubblica Franco Frattini, che potrebbe sostituire Berlusconi alla guida del ministero degli Esteri già nelle prossime settimane. Il suo posto, secondo alcune agenzie di stampa, potrebbe essere preso dall’attuale segretario generale di Palazzo Chigi, Antonio Caticralà.
L’ipotesi è stata smentita ieri dai principali partiti della maggioranza. E infine anche dal governo: «Assistiamo perplessi a una nuova rincorsa tra le agenzie di stampa per arrivare primi nella nomina del nuovo ministro degli esteri. Stavolta, oltre alla Farnesina, vediamo coinvolti nel poco simpatico gioco anche un altro ministero e l'organigramma di Palazzo Chigi. Speriamo solo che sia l'ultimo fuoco di una campagna estiva di polveroni e di chiacchiericci che non vale la pena commentare», ha dichiarato il portavoce di Berlusconi, Paolo Bonaiuti.


Data inserimento in rete: mercoledì, agosto 28, 2002
Farnesina: in vista 'staffetta' forse a fine settembre

(ANSA) - SASSARI, 28 agosto 2002, ore 19:50:00 - Berlusconi potrebbe passare il testimone della Farnesina a Frattini, l'attuale ministro della Funzione Pubblica, alla fine di settembre. Ad imprimere un'accelerazione sul passaggio di consegne ha pesato l'accavallarsi di appuntamenti internazionali con quelli interni. L'ipotesi che circola e' che con Frattini alla Farnesina, alla Funzione Pubblica vada Catricala', attuale segretario generale di Palazzo Chigi. Catricala' e' stimato da Berlusconi e molto gradito a Frattini.


IIC Helsinki - Agenzia del 28/08/02

”La commedia all’italiana” presentata alla Cineteca Finlandese
Una serie di film del passato cinematografico italiano per riscoprirne lo splendore

Helsinki – L'Istituto Italiano di Cultura in Finlandia, presenta presso la Cineteca Finlandese "La Commedia all'italiana" dal 17 settembre 2002 fino all'11 gennaio del 2003, al Cinema Orion di Helsinki.
Durante questo lungo periodo la Cineteca Finlandese riporterà sul grande schermo le pellicole del periodo neorealista del cinema italiano, che lo portarono alla ribalta, ed i suoi registi.
Nel programma redatto dall'Istituto Italiano di Cultura a Helsinki , è prevista la partecipazione del critico cinematografico Pietro Spila , il quale illustrerà la commedia italiana e la sua storia. Verranno quindi proiettati film che hanno scritto la storia del cinema italiano, realizzati dai cineasti del periodo neorealista, che influenzeranno e detteranno i caratteri della nascita della Nouvelle Vague . Saranno riportati al loro vecchio splendore pellicole di Zavattini e De Sica, senza dimenticare Antonioni, con film di forte carattere neorealista come "Il sorpasso", con Gasman, "Guardie e ladri", "Dov'è la libertà", "I soliti ignoti", "La grande guerra" ed i "I vitelloni". News ITALIA PRESS


- Agenzia del 28/08/02

UE: BERLUSCONI NON RINUNCIA A VERTICE DI ELSINORE

(ASCA) - Roma, 28 ago - Silvio Berlusconi partecipera' a fine settimana al vertice dei ministri degli Esteri Ue a Elsinore. Secondo quanto si apprende, infatti, il Premier dovrebbe volare in Danimarca venerdi' sera, subito dopo il vertice di maggioranza con i leader della Casa delle liberta'. Berlusconi, quindi, prenderebbe parte solo alla sessione di lavoro di sabato mattina.
Gli impegni internazionali del Cavaliere poi proseguiranno domenica sera con la partenza per Johannesburg: l'intervento di Berlusconi alla Conferenza Onu sull'ambiente e' infatti previsato per la giornata di lunedi'. red-tit/mcc/arg


Silvio, niente vertice Ue

Il Resto del Carlino, 28 agosto 2002
ROMA — Silvio Berlusconi, a quanto apprende l'agenzia di stampa Adnkronos, non andrà al vertice dei ministri degli Esteri dell'Unione europea in programma dal 30 al 31 agosto in Danimarca. Al posto del premier, dovrebbe recarsi al summit di Elsinore il sottosegretario agli Affari esteri, Roberto Antonione, che è già stato messo in 'preallarme' nei giorni scorsi. Il presidente del Consiglio non potrà essere in Danimarca, perché impegnato al summit di Johannesburg sullo sviluppo sostenibile.
La notizia, se confermata, potrebbe riaprire interrogativi, specie nelle fila dell'opposizione. Sono freschissime le polemiche, una sorta di 'tormentone' di fine estate, sulla partecipazione del presidente del Consiglio al vertice sudafricano. Un 'tira e molla' continuo che ha offerto il destro al centrosinistra per riportare a galla la questione del 'doppio incarico', che vede Berlusconi nella veste di Capo del governo e di ministro degli Esteri a seguito dell'uscita dalla compagine ministeriale di Ruggiero.
Lo stesso premier, più volte, aveva annunciato la nomina del nuovo responsabile della Farnesina. Ma tutti le date di massima possibili (ultima, quella di fine luglio-inizi agosto) si sono poi rivelate impraticabili.


IIC Copenaghen - Agenzia del 28/08/02

28 agosto 2002: presentazione del Bagno Alessi all'Istituto Italiano di Cultura di Copenaghen

Da sinistra: Alberto Alessi, il Direttore dell'ICE a Copenaghen, Margherita Lo Greco, l'Ambasciataore d'Italia in Danimarca, Antonio Catalano di Melilli e il Responsabile dell'Istituto Italiano di Cultura. (Italcult)


Data inserimento in rete: martedì, agosto 27, 2002
IIC Francoforte - Agenzia del 27/08/02

Il "Piacere della scrittura", un concorso in Germania
L'iniziativa lanciata dell'Istituto Italiano di Cultura di Francoforte in occasione della Settimana della lingua italiana

Francoforte – Gli Istituti Italiani di Cultura della Germania sono al lavoro per ultimare il calendario della Settimana della lingua italiana. L'iniziativa, promossa per il secondo anno consecutivo del Ministero degli Esteri, si svolgerà dal 14 al 19 ottobre i n concomitanza con la Fiera del Libro di Francoforte.
"Per la prima volta saremo presenti e collaboreremo attivamente alla fiera tedesca ", spiega il direttore dell'Istituto Italiano di Cultura di Francoforte, Luigi Volta. " Il tema scelto, naturalmente, sarà la Giovane Narrativa Italiana. Parteciperemo con molte attività culturali fra le quali la presentazione di cinque autori italiani: Giuseppe Culicchia, Silvia Bellestra, Diego De Silva, Massimo Parlotto, Maurizio Maggiani. E in particolare quest'ultimo scrittore domenica 13 ottobre presenterà il suo nuovo libro E' stata una voragine, opera freschissima di stampa. Nel suo intervento Maggiani parlerà anche del piacere della scrittura, tema del concorso che lanceremo in occasione della Settimana della lingua italiana. Maggiani ci parlerà del suo metodo di lavoro, dei suoi segreti di composizione, dei suoi sogni, insomma, del perché scrive ".
Il concorso bandito dall'Istituto di Francoforte si rivolge ai cittadini italiani e tedeschi residenti in Germania, studenti e non, senza alcun limite di età. "Tutti possono partecipare", aggiunge Volta. "Si tratta di un concorso e allo stesso tempo di un nuovo impegno culturale che parte dalla constatazione della grande quantità di scrittori che passano, e sempre più passeranno, per Francoforte sia per la Fiera del Libro che assume sempre maggiore importanza nel panorama internazionale, sia per i programmi dell'Istituto che hanno effetto dei Lander dell'Assia e della Renania-Palatinato. Il concorso è a premi: tre per l'esattezza, di cui due per cittadini tedeschi studiosi dell'italiano consistenti in soggiorni-studio nelle Università per Stranieri di Perugia e Siena che hanno offerto il soggiorno e gli editori Guerra di Perugia e Bonacci di Roma che sponsorizzano i viaggi. E' previsto, inoltre, un premio per gli italiani residenti in Germania che amano scrivere nella propria lingua: consisterà nelle ultime novità letterarie dei maggiori editori italiani ".
I candidati che intendono partecipare al concorso dovranno completare racconti incompleti degli scrittori italiani Raffaele Nigro e lo stesso Maurizio Maggiani. "Il 14 ottore", incalza il direttore dell'Istituto Italiano di Cultura di Francoforte "lo scrittore leggerà anche il suo brano incompleto e suggerirà possibili continuazioni e sviluppi. Il concorso durerà tre mesi e i giudici saranno gli stessi due scrittori insieme al lettori del Ministero presidenti nell'area di Francofte, Mainz-Germersheim, Kassel e Treviri. Tutto questo, però non è altro che un pretesto: ciò che ci interessa è portare gli interessati a quello che chiamiamo il Piacere della scrittura e soprattutto al piacere di scrivere in italiano ".
Fitto anche il calendario di Colonia con la presentazione della terza puntata di "Histoire(s) du cinéma" del regista svizzero J. Luc Godard, dedicata al cinema italiano ed in particolare alla lingua italiana nel cinema. Il documentario si chiuderà con la canzone "Lingua italiana " di Riccardo Cocciante, il cui testo, che verrà assunto ad emblema di questa edizione della Settimana, verrà distribuito ai presenti. Nel corso della settimana di intensa attività Piero Alberti presenterà il suo libro "I porcellini d'India e il Pastorello". News ITALIA PRESS


IIC Toronto - Agenzia del 27/08/02

Is. It. cultura: "La poetica di Pirandello e la parola" a Toronto


Toronto, 27 ago. (Adnkronos) - "La parola nel teatro italiano". E' questo il titolo della tavola rotonda e della conferenza-spettacolo che si svolgerà il prossimo 14 ottobre presso la sede dell'Istituto italiano di cultura di Toronto in Canada.
All'evento realizzato dall'istituto italiano di cultura di Toronto nell'ambito della 'Seconda settimana della lingua italiana nel mondo' che si concluderà il prossimo 19 ottobre, parteciperanno numerosi studiosi italo-canadesi che discuteranno di "La poetica di Pirandello e la parola" e leggeranno alcuni passi dell'opera pirandelliana.
In un articolo del 1899, dal titolo 'L'azione parlata', Pirandello infatti, scrive: "Ogni sostegno descrittivo o narrativo dovrebbe essere abolito sulla scena (…) Si trovi la parola che sia l'azione stessa parlata, la parola viva che muova, l'espressione immediata, connaturata con l'azione (…)".


Data inserimento in rete: lunedì, agosto 26, 2002
«Berlusconi deve lasciare gli Esteri»
«Ha fatto molto bene, ma è giunto il momento che passi la mano»
Intervista - Secondo Gianni De Michelis il doppio incarico del premier non è più praticabile
di LANFRANCO PALAZZOLO


Il Tempo, lunedì 26 agosto 2002
Il segretario del Nuovo Psi Gianni De Michelis invita Berlusconi a lasciare la Farnesina e nello stesso tempo critica coloro che cercano di strumentalizzare per fini di politica interna la probabile assenza del Capo del Governo dal Vertice di Johannesburg sullo sviluppo sostenibile.
On. De Michelis, si torna a parlare della politica estera italiana dopo l'intervento di Berlusconi al meeting di Cl. Lei che ruolo ha svolto in questi mesi in cui Berlusconi ha guidato la Farnesina vista la sua grande esperienza nella politica internazionale e pensa che debba cambiare qualcosa in queste fase?
«Non esiste la figura di consulente di Governo. Berlusconi ha fatto molto bene il suo lavoro agli Esteri nel corso di questi mesi. Credo che sia giunto il momento che Berlusconi passi la mano. La considerazione non riguarda le capacità di Berlusconi, ma l'impraticabilità del doppio incarico».
Lei andò al vertice di Rio nel 1992 come rappresentante dell'Italia in qualità di ministro degli Esteri. Che consiglio darebbe a Berlusconi in merito alla sua partecipazione a Johannesburg?
«Berlusconi non ha bisogno di consigli. Io ci andai perché il vertice di Rio nel giugno del 1992 avveniva in un contesto politico molto diverso da quello di oggi. Tutti i leader dei paesi più sviluppati avevano voglia di dare un segno di disponibilità al nuovo ordine di pace dopo la fine della "guerra fredda". Quello fu un vertice di successo che fissò degli obiettivi che segnò l'accettazione a parole del concetto di sviluppo sostenibile attorno a cui si era sviluppata la cultura ambientalista negli anni precedenti. La discussione intorno alla partecipazione di Berlusconi è solo il segno del provincialismo e della superficialità dei paesi che hanno affrontato questi argomenti più per motivi di polemica domestica che per reale interesse».
Però nel 1992 vi trovavate in una fase molto delicata. Andreotti era impegnato nelle consultazioni. Si stava formando un nuovo governo. Eppure lei come ministro degli Esteri c'era.
«Quella volta andai io e Andreotti non ritenne necessaria la sua partecipazione. Questo è l'ulteriore segno che è necessario che Berlusconi designi un nuovo ministro degli Esteri».
Questi summit sono ancora utili?
«Io non credo che siano inutili. Il vertice di Rio è stato utile per il salto di qualità della conoscenza dei problemi. Temo che questo vertice inizi sotto una stella meno positiva. I 10 anni trascorsi da Rio sono gli anni della disinvoltura perché il "dividendo della pace" è stato sprecato. La responsabilità dell'amministrazione di George W. Bush è evidente, ma anche l'Europa ha sprecato molte parole. La discussione non può esaurirsi nella semplice applicazione dei protocolli di Kyoto».
Nel vertice di Rio lei chiese ai paesi europei di impiegare lo 0,7% del Pil ai PVS. Che cosa ne è stato di quella promessa?
«La promessa è della fine degli anni '70. All'inizio degli anni '90 questo proposito non era stato realizzato. Non lo è neanche oggi. Nel 1992, la 1° repubblica aveva fatto molto da questo punto di vista ed eravamo pari alla Germania. Dieci anni dopo, invece di essere andati avanti rispetto allo 0,35% oggi siamo piombati allo 0,14% nonostante le chiacchiere del centrosinistra e dei Verdi che hanno partecipato a questi governi. Questa è la realtà delle cose. Ho sentito Berlusconi ritornare su questo argomento e proporre un impegno per i PVS peri all'1% del Pil. Questo mi ha fatto molto piacere perché riecheggiava una mia proposta che intendeva superare il limite di impegno dello 0,7% del Pil».


- Agenzia del 26/08/02

Farnesina: Berlusconi, ambasciatori giudicati dai risultati

Rimini, 26 ago. - (Adnkronos) - ''I nostri ambasciatori saranno giudicati sulla base dei risultati che saranno capaci di ottenere sul campo''.
Lo ha detto Silvio Berlusconi nel suo intervento al Meeting di Rimini parlando della riforma della Farnesina avviata dal suo governo.