giovedì, maggio 27, 2004

North Beach screeching

Bitter fight erupts between festival organizers, locals.

J.K. Dineen
Staff Writer
The San Francisco Examiner-- www.examiner.com
Published on Thursday, May 27, 2004

Organizers of the North Beach Festival are not feeling so festive these days.
Under attack from police, restaurateurs and residents, the festival has been stripped of one of its beer gardens and is facing accusations that it has lost touch with the neighborhood and exaggerated its charitable contributions.

In total, 53 neighborhood businesses have signed on to a petition asking event organizers, led by the North Beach Chamber of Commerce, to cut back its alcohol sales, give 25 percent of festival proceeds to a local nonprofit and disclose detailed financial statements.

The petition suggests the festival, scheduled this year for June 19-20, has been marred by "over-intensity and saturation of alcohol" and that the eight-block celebration is no longer reflective of the small, quirky Italian-American neighborhood.

"I think a lot of people in the neighborhood would like to see it de-accelerate, and not be as much about corporate sponsors and beer gardens and drinking," said City Lights Books co-owner Nancy Peters.

North Beach Chamber of Commerce Director Marsha Garland blasted the festival's critics, saying "this has been very vicious and very harmful to me personally and to merchants."

She said the festival had been operated without complaints for decades, and that the new campaign is motivated by animosity still simmering from the dispute over the so-called triangle park at Columbus Avenue and Mason Street.

That fight, which focused on whether a small sliver of land would be made into a park or developed as housing, pitted the Chamber of Commerce, which favored the development, against area progressives led by Supervisor Aaron Peskin and the Telegraph Hill Dwellers Association.

"I am very bitter and I am very angry because I have given my heart and soul to North Beach for years," Garland said.

The petition was signed by restaurateurs Ed Moose and Lorenzo Petroni, owners of Moose's and North Beach Restaurant, respectively, as well as the owners of Caffe Trieste, Graffeo Coffee, City Lights Books, Cafe Sport, Pixie Clothing, Columbine Design, The House and AB Fits.

San Francisco police Capt. Stephen Tacchini, who heads up North Beach's Central Station, said the department requested that the festival scale back alcohol sales by eliminating one of three beer gardens.

"The more beer gardens you have, the more [police] staffing it requires, and we don't have the staffing available," he said. "We did have some fights in Washington Square at last year's festival and most of the problems are alcohol-related."

Meanwhile, Marc Bruno, vice president of the Telegraph Hill Dwellers Association, has questioned the festival's finances, and requested a list of charitable organizations that were to have received donations from festival proceeds.

Garland provided two lists of nonprofits to which festival proceeds were allegedly donated: 18 in 2003 and 23 in 2002. However, when contacted by The Examiner, several of the groups claimed not to have received anything. The director of the Salesians Boys and Girls Club, which is on the list, said, "I can't ever remember receiving anything from the festival."

The director of the Italian Cultural Institute said a donation from the Chamber of Commerce or the festival was news to her.

"We are an Italian government organization and we don't take part in the festival," said Anna Maria Lelli, director of the institute. "We don't take private donations unless they send us Italian books, which we put in our library."


Others on the list said they had received modest support. Judy Irvine, producer and director of a documentary film about wild parrots, said Garland had bought a $50 ticket to a wine-and-cheese fund-raiser for the film at Moose's. Nancy Peters of City Lights Books said Garland had bought a $280 signed poster of poet Gary Snyder at an auction for the company's nonprofit City Lights Foundation.

A representative of another organization listed, North Beach Citizens -- Francis Ford Coppola's neighborhood-based homeless outreach organization -- said that the festival had hired about 14 homeless people for street cleaning and donated a table at the event.

Garland said the festival costs $200,000 to produce, including $20,000 for insurance, $20,000 for entertainment, $12,000 for clean-up, $23,000 for equipment, $16,000 for police details, $23,000 for private security and $52,000 for outside services such as printing, supplies, advertising, postal and payroll.

Garland said she makes $17,000 in salary to run the event, which takes months of work to organize. Festival proceeds gave $20,000 to the Chamber of Commerce in 2003, she said. She refused to say how much the festival made in profits.

Garland said the festival has no choice but to host a "commercial" sponsor, in this case Precious Cheese, because of the costs involved with organizing the event. The co-producer of the festival, Pro Team Events, has been working on the event for 12 years and is owned by North Beach native Steve Bajor.

For his part, Bajor said Bruno and a handful of others were manufacturing the festival controversy.

"This is an active community that likes its drama, and a small vocal minority can certainly have its say," he said. "The main thing is that 100,000 people come and enjoy this event, which is perhaps the most exciting and dynamic festival in The City."

Garland also argued the festival has preserved its neighborhood flair and flavor with events like a celebrity pizza toss.

"We have 15 components that set it apart from any other festival in The City," she said. "We are the only two-day animal blessing and only festival that has continuous classical music and dedicates an entire block to an Italian street chalk art competition."

Bajor said the organizers are committed to addressing the concerns raised about the festival after this year's event, but that the festival might have trouble continuing.

"The expenses are going up, revenues are going down -- there is no mystery where this could end up," he said.

Tutti i giochi di Italo Calvino

A COPENAGHEN UN CONVEGNO INTERNAZIONALE SULLA LUCIDITA' VERBALE DELLO SCRITTORE
di Stefano Bartezzaghi

Si conclude domani a Copenaghen il convegno internazionale «Italo Calvino. Painting with Words, Writing with Pictures», organizzato dall'Università di Copenhagen, dal Danish Institute for Advanced Studies in the Humanities e dall’Istituto Italiano di Cultura di Copenhagen. Anticipiamo una sintesi dell'intervento di Stefano Bartezzaghi sul tema «Italo Calvino giocatore: il gioco di scrivere nello spazio"

la Repubblica, 27 maggio 2004
Ponendoci il problema dei rapporti fra Italo Calvino e il gioco, chiedendoci cioè che giocatore fosse Italo Calvino, non dobbiamo pensare a un eventuale Calvino scacchista, biscazziere o flipperista. A parte il fatto che non sono noti dettagli della sua biografia che possano autorizzare un simile punto di partenza, come invece capiterebbe con Tommaso Landolfi o Vladimir Nabokov, il punto non è pertinente, poiché stiamo parlando di quei giochi che intervengono nella scrittura. Vogliamo iscrivere il nome di Italo Calvino in una lista di «scrittori giocatori»: una categoria che non prevede alcun trattino, alcuna virgola, alcuna disgiunzione, alcuna congiunzione fra una parola e l'altra.
Un'illustrazione tanto nota da essere ormai ovvia è la versione dell'ouroboros data da Maurits Cornelis Escher. Non abbiamo più un serpente che si mangia la coda ma una mano che sta ultimando il disegno molto accurato del polsino da cui sbuca una seconda mano, che sta facendo lo stesso con il polsino della prima. Del resto la mossa di partire da una figura preliminare è tipica appunto di Calvino, nel cui gioco l'immaginazione visiva gioca un ruolo cospicuo.
Le due mani che sì disegnano l'un l'altra sono come due parole di cui non si capisce quale sia il sostantivo e quale l'aggettivo: scrittori giocatori, scrittori in quanto giocatori e giocatori in quanto scrittori. Il gioco può essere un argomento della letteratura, essere giocatore può essere una condizione romanzesca. Pensiamo al tema del gioco ossessivo, il gioco come spirale di azzardo economico (Dostoevski) o logico (Zweig). Ma il gioco può essere anche un modo di intendere la letteratura: ci sono scrittori che hanno un'idea giocosa di letteratura, a diversi gradi di giocosità.
Come ci ha insegnato Roger Caillois, fra il girotondo e gli scacchi c'è una progressione, un cursore che porta dal gioco fanciullesco, di spontaneità e di euforia a cui ci si lascia andare (che Caillois chiama paidia) al gioco come esercizio intellettuale, confronto con regole molto stringenti (che lui chiama ludus).
Nei suoi rapporti con il gioco, Calvino è stato sicuramente dalla parte del ludus.
Non era estraneo alla ludicità verbale, e al gioco della combinazione dei significanti. Nella Formica Argentina abbiamo l'invenzione dei nomi degli insetticidi: «Vuole il Profosfan? Vuole il Mirminèc? Oppure il Tiobroflit? l'Arsopàn in polvere o in miscela?» Il personaggio ossessionato con la moglie dalle formiche, fra l'altro, si chiama a sua volta Reginaudo: «In un punto avevano dato l'Arfanàx al due per mille... in un altro punto avevano isolato uno spigolo con la polvere di Crisotàn.... su uno scalino avevano provato il Pterocìd... in un angolo avevano dato il Formikill.., lo Zimofosf.... talmàc»: ognuno di questi rimedi ha effetti solo parziali, o quando uno non scongiura gli effetti dell'altro. Infine: »I nostri vicini usavano casa e giardino come un campo di battaglia, e la loro passione era tracciare linee oltre le quali le formiche non dovevano passare, e scoprire i nuovi giri che esse facevano, e provare nuovi intrugli e nuove polveri, ognuno collegato nel ricordo a episodi già capitati, a buffe combinazioni, cosicché bastava loro pronunciare un nome - Arsepìt! Mirxidbl! – per scoppiare a ridere, ammiccando e gettandosi frasi allusive».
Quello dei due coniugi alle prese con le formiche è un ludus, in cui il compito finale — come dice Caillois — diventa così difficile da diventare »perfettamente inutile». Ma il gioco di Calvino (lo scrittore giocatore della cui strategia fa parte l'invenzione di Reginaudo, della moglie Claudia e dei loro insetticidi), è dalla parte della paidia, dell'effusione verbale, del divertimento. La paidia verbale per Calvino si concentra soprattutto nella zona onomastica: la sua onomastica è una zona libera da preoccupazioni di senso: penso anche ai diversi nomi di Gurdulù, o agli impronunciabili protagonisti delle Cosmicomiche, o al gusto per il nome antropomorfo desueto ed esotico delle Città Invisibili.
Quando invece si esce dal divertissement nomastico e si arriva alle strutture testuali, Calvino si sposta dalla parte del ludus.
Si sono conservati appunti di Calvino per progetti di raccolte di racconti, su temi come gli oggetti di uso quotidiano, che sono organizzati come griglie, con in verticale elenchi di oggetti: «ghiaccio, la pompa, la teleselezione, il sonnifero, secchi spazzatura, borsetta, foto dei nudi, agenda, macchina da scrivere elettrica, tapis roulants, barbecue... «e in orizzontale, dimensioni simboliche: natura, apocalisse, sesso: crocette agli incroci indicano la pertinenza del riferimento.
Griglie, diagrammi, quadrati, castelli di cane...: l'immaginazione di Calvino partiva magari da una figura incongrua, da un’associazione di un oggetto e un concetto, una sovrapposizione che produce non una narrazione, ma una molteplicità di narrazioni, molteplicità che andrà a sua volta sistemata in un diagramma.
La questione del gioco, l'adesione di Calvino al gruppo francese dell'Oulipo, i rapporti che la sua scrittura intrattiene con la figura e con il diagramma sembrano tutti parti di una più generale considerazione sulla dimensione progettuale dell'opera. La conciliazione dell'anima di scrittore con quella di pensatore produce anche forme di gioco nevrotico e compulsivo, che estraggono la scrittura dalla figura e il diagramma dalla scrittura, con l'idea che non è possibile rinunciare alla ricerca di un ordine del mondo, anche se questo ordine non potrà che risultare convenzionale e insensato. Un diagramma convenzionale che rielabora una quantità di figure del mondo. Uno schema di gioco che risulta da un puntiglio, i cui motivi sono remoti nel tempo e sproporzionati alle sue stesse conseguenze. E' lo stesso puntiglio che manteneva il Barone Rampante sul proprio albero: distaccato dalla superficie del mondo, e a lei sempre distaccatamente fedele.

THE LEANING TOWER OF PISA/ SUCCESSO DELLA MOSTRA ALL’ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA DI VANCOUVER

VANCOUVER\ aise\ 27 maggio 2004 - Si e’ chiusa lo scorso 22 maggio, presso l’Istituto Italiano di Cultura di Vancouver, la mostra The Leaning Tower of Pisa: Ten years of Restoration, la cui realizzazione e’ stata curata dalla Provincia di Pisa, in collaborazione con l’Opera della Primaziale Pisana. Notevole l’affluenza di pubblico registrata, tale da produrre interesse da parte della stampa e delle emittenti radiotelevisive locali. Ad aprire la mostra, che prima di Vancouver e’ stata esposta a New York la scorsa estate e a Copenhagen nel marzo 2004, una serata inaugurale tenutasi il 29 aprile, sempre presso l’Istituto Italiano di Cultura, a cui hanno partecipato una delegazione ufficiale della Provincia di Pisa guidata dalla Presidente del Consiglio Provinciale, Cristina Filippini, e il curatore dell’esposizione, l’architetto Alessandro Sonetti. All’evento erano presenti il Console Generale, Giorgio Visetti, e il Direttore dell’Istituto Italiano, Antonio Cosenza.
La mostra, incentrata sulle tecniche di restauro e conservazione impiegate nel corso di 10 anni dalla Commissione Internazionale per la Salvaguardia della Torre, si avvale di un progetto multimediale, composto da un assemblaggio di schermi video su cui sono proiettati i contenuti scientifici dei pannelli, opportunamente digitalizzati e dotati di audio. La parte tematica e’ divisa in sei sezioni, tra cui quella di inquadramento storico con le diverse fasi, dalla costruzione della torre fino alla progressiva inclinazione e agli interventi intrapresi, all’area dedicata al cantiere degli scavi e ai materiali adoperati, come i famosi marmi di Carrara. Una terza sezione ritrae la torre nella sua connotazione di icona mondiale, attraverso un collage video composto dalle sequenze di celebri film in cui essa compare. Infine, nelle restanti sezioni vengono descritti gli esami e i rilevamenti eseguiti in preparazione dell’ultimo intervento di salvataggio intrapreso nel 1991 dalla Commissione Scientifica Internazionale guidata dal Professor Michele Jamiolkowski, i progetti di recupero finora realizzati e quelli in via di attuazione. A corredo dell’intero percorso illustrativo, foto rappresentative di alcuni eventi, stampe antiche e moderne, un modello tridimensionale con le sezioni stratigrafiche del terreno su cui e’ costruita la torre, un espositore con blocchi di marmi e pietre adoperate, un pannello con i risultati delle indagini radar ed endoscopiche effettuate. Numerosi gli altri Istituti Italiani di Cultura che hanno espresso interesse a ospitare la mostra, finalizzata anche a promuovere uno dei piu’ rinomati patrimoni artistici italiani. (aise)

mercoledì, maggio 26, 2004

Italo Calvino, a Copenaghen una mostra per immagini

Sarà inaugurata il 27 maggio prossimo

Articolo stampato dal portale rai.it
Si tratta di una mostra con un carattere particolarmente innovativo nel campo della ricerca letteraria perche' va oltre il tradizionale modo di descrivere i risultati della ricerca attraverso parole e testi.
Presso la Galleria della Biblioteca Reale "Diamante Nero" di Copenaghen, dal 27 maggio al 14 agosto, sarà allestita una mostra su Italo Calvino e le immagini attraverso una video-esposizione realizzata dal Danish Institute for Advanced Studies in collaborazione con l'Istituto italiano di cultura e con il dipartimento di Italianistica dell'universita' di Copenaghen.
L'allestimento prende le mosse dai motivi ispiratori del convegno internazionale: "Italo Calvino - Dipingere con le parole, scrivere con le immagini".
Si tratta di una mostra con un carattere particolarmente innovativo nel campo della ricerca letteraria perche' va oltre il tradizionale modo di descrivere i risultati della ricerca attraverso parole e testi. Infatti, nell'esposizione danese si utilizzeranno anche opere pittoriche, copertine di libri, tarocchi, fotografie riprodotte da alcune opere originali dell'artista italiano Giulio Paolini (dal quale Italo Calvino trasse ispirazione per il suo modo di rapportare l'opera d'arte allo spazio espositivo, agli strumenti artistici, al rapporto con lo spettatore e con lo stesso artista) e anche da alcuni video.
Attraverso le immagini dinamiche del video si potra' ascoltare un'intervista al grande scrittore italiano, assistere a riprese originali di episodi della sua infanzia a San Remo e della casa di Calvino a Roma. In questo modo si giungera' a mostrare in modo diretto la stretta correlazione esistente fra le parole utilizzate da Calvino nei suoi testi e tutta una serie di immagini che lo hanno ispirato e che hanno interagito con i suoi scritti.

The First Edition of the “Los Angeles Italian Week”

May 26, 2004
Come and discover Italy’s contribution to the world of Science, Design, Fashion, Music, Folklore, Culture, Movies, Entertainment and its presence in Los Angeles!
by Diego Brasioli, Consul General of Italy in LA
Los Angeles, May 26, 2004
Italy is very much alive in Los Angeles: through its fashion, design, food, its many scientists and researchers in the most prestigious Universities.

Italy is present in three of the great landmarks of Los Angeles: the visionary Watts Towers, built by the Italian artist Simone Rodia; the Getty Center, with its "travertine" marble from Tivoli and the stunning collection of Roman antiques and Renaissance masterpieces; and the Walt Disney Concert Hall, with its titanium-steel curvaceous shell, designed by Frank Gehry and entirely made in Italy, as well as the elegant, exhilarating interiors.

A few miles from L.A., the Nasa Jet Propulsion Laboratory in Pasadena connects every day to the two Rovers which are exploring the surface of Mars thanks to a sophisticated receiver-transmitter system made in Italy, and managed by young Italian researchers.

The History of Hollywood is strongly connected to our Country, with 11 Oscars (from Federico Fellini and Sofia Loren to Roberto Benigni) won by Italian artists, without counting all the Italian-American actors and movie-makers (Francis and Sophia Coppola, Scorsese, Al Pacino, De Niro, Di Caprio, etc.). And what shall we say about the famous singers Frank Sinatra, Madonna (Veronica Ciccone), Tony Bennett (Antonio Benetti), Dean Martin (Dino Crocetti)?

L.A. speaks, eats, sings, dresses Italian…

Yet, the cultural panorama of the City of Angels was missing a real "Italian Festival", a moment in its fast-paced schedule devoted to the celebration and enjoyment of the “Italian Way of Life”.

With the aim of filling this vacuum, the Consulate of Italy - in collaboration with the Italian Cultural Institute, the Italian Trade Commission of Los Angeles, the Italian Tourism Board, and Italy America Chamber of Commerce West, Cinecitta’ Holding, AIP Filmitalia, as well as American institutions such as the Academy of Motion Picture Arts and Sciences, the American Cinematheque, and others – decided to organize a series of events to promote the accomplishments of our Country in the cultural, scientific, commercial, and tourism sectors.

The first “Los Angeles Italian Week” is therefore held in conjunction with the celebration of our National Day (2nd of June).

In this context special contributions have been made by the region of Lazio, which is also cosponsoring the extraordinary performances of the world famous medieval flag throwers, Sbandieratori, from Cori, Italy.

You are cordially invited to browse our site www.laitalianweek.com, where you will find all the necessary information about all the events that will take place in this period (as you know, we Italians like to exaggerate, so the Week lasts actually from June the 1st to June the 13th!!!): a unique opportunity to join us to experience the magic of Italy!

Siti Unesco, un piano per il rilancio

E Bassolino conferma: «Paestum illuminata di notte come Pompei»
Oggi un meeting con il ministro Matteoli sui progetti di gestione

di Angela Sabetta

La città di Salerno, 26 maggio 2004
Capaccio. Valorizzazione e gestione. Sono i temi fondamentali della seconda conferenza dei siti Unesco che si concluderà oggi a Paestum, nell'ambito della settimana della cultura italiana, per approfondire la capacità attrattiva dei siti patrimonio mondiale dell'umanità e il loro valore socio-economico. «L'obiettivo - ha spiegato il sottosegretario di Stato Nicola Bono - è di definire una strategia per la redazione di un modello di piano di gestione, che ogni sito dovrà adattare alle proprie specificità, tra cui il sistema turistico locale». Un obiettivo ambizioso che punta a gettare le basi per l'avvio, per la prima volta in Italia, di una strategia di sviluppo fondata sulla corretta gestione dell'immenso patrimonio culturale e ambientale. «La Regione Campania ha investito nei beni culturali e gli attrattori più rilevanti, ben 300 milioni di euro», ha sottolineato il governatore Antonio Bassolino, confermando, a testimonianza di questo impegno, una notizia già anticipata in esclusiva dal nostro quotidiano, domenica scorsa: «L'area archeologica di Paestum sarà, nelle prossime settimane, illuminata anche di notte. Con i suoi cinque siti, la Campania è insieme con la Toscana, la regione italiana con il maggior numero di luoghi riconosciuti dall'Unesco - ha detto Bassolino - Sentiamo tutta la responsabilità di questo enorme e straordinario patrimonio. Abbiamo dedicato particolare attenzione alla creazione di nuovi servizi. Nasce così Artecard Campania - ha aggiunto Bassolino - Il biglietto integrato che permette di accedere al sistema museale e archeologico della Campania, viaggiando su tutta la rete dei trasporti pubblici regionali. Mettiamo così in rete il grande patrimonio archeologico, collegando i 5 siti Unesco e ulteriori 45 siti dell'intera Regione». «Non esistono altri Paesi nel mondo - rileva il ministro Altero Matteoli - che hanno così tante città, inserite nella lista del patrimonio mondiale Unesco. Paestum rappresenta in questo senso uno dei luoghi più significativi». Una maggiore visibilità dei siti Unesco è stato l'impegno assicurato dal ministro alle comunicazioni, Maurizio Gasparri. «Il mio impegno sarà quello di assicurare una maggiore presenza dei siti nei palinsesti delle programmazioni televisive per rafforzare il circuito di attrazione verso queste località a forte sviluppo turistico». Presenti alla sessione d'apertura della conferenza nazionale anche il presidente della Provincia Alfonso Andria, il presidente del Parco del Cilento Giuseppe Tarallo, il direttore generale promozione e cooperazione affari esteri, Anna Blefari Melazzi, il sindaco di Capaccio Pasquale Marino. «Il positivo avvio del rapporto periodico - dichiara Tarallo - sui siti Unesco previsto nella convenzione del patrimonio, è un ulteriore stimolo ad avviare politiche di sistema e confronto sulle diverse problematiche e la loro gestione». «A seguito di questa conferenza - afferma il sottosegretario Bono - saranno forniti degli indirizzi precisi per attuare i piani di gestione. Il turista culturale, che spende notoriamente il 30 per cento in più, deve essere attratto da proposte concrete che sarà possibile realizzare proprio attraverso la valorizzazione del patrimonio culturale e storico delle zone in questione». La valorizzazione, insomma, come strategia di crescita.

martedì, maggio 25, 2004

Mostre: a Copenaghen le favole morali di Eco e Carmi

Copenaghen, 25 mag. (Adnkronos Cultura) - Un celebre artista astratto, rigorosamente minimalista e un famoso professore di semiotica, scrittore di saggistica e di letteratura, uniti nell'amicizia e nel lavoro per illustrare e scrivere i testi di tre divertenti favole morali: sono Eugenio Carmi ed Umberto Eco. I tre racconti saranno esposti dal 3 giugno al 9 luglio presso l'Istituto italiano di cultura di Copenaghen.
La Bomba e il Generale, I Tre Cosmonauti e Gli Gnomi di Gnu, sono i titoli dei tre racconti scritti nel corso degli anni da Eco "per bambini, per grandi e per chi ha bisogno di fiabe", tradotti negli anni '90 in tutto il mondo e pubblicati di recente in un unico volume da Fabbri Editore. Il contributo di Eugenio Carmi e' stato quello di realizzare 51 illustrazioni nelle quali ha fatto uso di un linguaggio visivo astratto e un po' surreale che si e' rivelato accessibile ai bambini. Nella mostra di Copenaghen saranno esposte proprio le tavole originali di queste illustrazioni affiancate dai testi di Umberto Eco, e in questo modo sara' offerta l'occasione di un incontro con uno dei maestri dell'astrattismo contemporaneo, assaporando i temi di racconti che oggi sono piu' che mai attuali, perche' parlano di guerra, pace, diversita' etniche, ecologia.
Eugenio Carmi e' nato a Genova nel 1920, vive e lavora a Milano. La sua ricerca pittorica ha sempre avuto un'impostazione geometrica adoperata nella pittura, nella scultura in acciaio, nell'arte elettronica e nel disegno, cui si e' aggiunto anche un uso importante del colore. La sua amicizia con Eco risale agli anni '60, dove si creo' quel connubio che ha portato a collaborare due degli intellettuali italiani sempre attenti al confronto con la realta' politica e sociale del nostro tempo.

Festival Brings the Best of Italy to Bulgaria

Sofia Morning News, 2004-05-25

Sofia - Bulgaria is kicking off its first Italian Festival in the capital Sofia and the second biggest town of Plovdiv, exhibiting cuisine, culture, fashion and products to promote the "Made in Italy" brand.
Initiatives in the framework of the festival will take place from May 29 till June 20 under the patronage of Italy's Ambassador to Sofia Gian Battista Campagnola. The Italian Foreign Trade Institute and the Italian Cultural Institute are organizers of the events to mark Italy's National Holiday, June 2, and the 125th anniversary since the establishment of diplomatic relations between Bulgaria and Italy.
The initiative is a response to the increasing necessity the brand Made in Italy to be presented on the international markets through a large number of events in a certain period of the year, in order an opportunity to benefit from this moment of concentrated attention on the occasion of the National Holiday of the country to be given to System Italy, says Giovanni Sacchi, Director of the Bureau in Sofia of the Italian Institute for Foreign Trade.
The list of participants in the festival features chefs from the International Italian Cuisine Academy ALMA lead by Maestro Massimo Ferrari.
The Italian Foreign Trade Institute, in collaboration with Camera Nazionale della Moda Italiana, is arranging a fashion show featuring works of Italian designers.
Sofia and Plovdiv will also see projections of Italian films, organised by the Italian Cultural Institute.
The Bulgaria 2004 Project will seek to promote cooperation between the countries' production systems, insentivise Italian companies from the region as well as support various industrial developments.

ITALIANI E INGLESI: ESCE OGGI UN NUMERO SPECIALE DI “PANTA”

La rivista verrà presentata a Londra nel nostro Istituto di Cultura a testimonianza dell’attività degli ultimi quattro anni sotto la direzione di Mario Fortunato.

SCRITTORI A CONFRONTO
di Enrico Franceschini

la Repubblica, 25 maggio 2004 - Londra
Provate a dire cosa hanno in comune le seguenti coppie: Nick Hornby e Marco Lodoli, Alessandro Baricco e Hanif Kureishi, Malcom Bowie e Roberto Calasso, Dacia Maraini e P. D. James, Jonathan Coe e Carlo Lucarelli, Cristina Comencini e Alan Sillitoe, Nicholas Blincoe e Niccolò Ammaniti, Andrea de Carlo e Michele Roberts, Ken Loach e Susanna Tamaro, Daniele Del Giudice e Ian McEwan. La prima risposta è semplice: ognuna è composta da un autore inglese e da uno italiano. Per la seconda bisognerebbe risiedere in Gran Bretagna, o almeno venirci spesso: ciascuna delle suddette coppie ha partecipato a «Italia Fantastica», la serie di «dialoghi» organizzata a Londra da Mario Fortunato, direttore dell'Istituto Italiano di Cultura nella capitale britannica. Per la terza risposta serve invece il nuovo numero di Panta, la rivista letteraria della Bompiani fondata dieci anni fa da Pier Vittorio Tondelli, Elisabetta Sgarbi, Alain Elkann e Elisabetta Rasy, che sotto il titolo «Italia fantastica» ripropone gran parte di quelle conversazioni londinesi. Rileggendole, si scopre quanto hanno in comune gli scrittori dei due paesi: «La differenza tra le lingue e i territori non comporta più una vera distinzione di culture, romanzieri italiani e inglesi d'oggi hanno punti di riferimento simili, opinioni spesso coincidenti», nota nella prefazione Enrico Palandri lo scrittore che ha moderato i dialoghi e curato il volume.
Questa somiglianza sarà certamente un frutto, l'ennesimo della globalizzazione. Ma se il mondo letterario inglese si accorge che esiste un mondo letterario italiano con cui dialogare alla pari, il merito è anche del lavoro svolto da Fortunato in qualità di «ambasciatore» della nostra cultura nel Regno Unito. Ora dopo quattro anni, la sua esperienza si chiude. Il 27 maggio, con un happening letterario a cui interverranno fra gli altri Alessandro Baricco, Ian McEwan, Sandra Petrignani, Edna O'Brian, l'Istituto di Cultura lancerà il numero speciale di Panta, il direttore saluterà gli amici, e la mattina dopo rientrerà in Italia. A Londra non ha avuto modo di annoiarsi anche perché a metà strada il governo Berlusconi tentò di togliergli il posto, giudicandolo troppo di sinistra. «Poi però hanno fatto marcia indietro, finendo addirittura per scusarsi, dice il 45enne giornalista e scrittore, «dunque non potrei essere più soddisfatto, avendo lavorato comunque libero da condizionamenti».
«Quando arrivai, quattro anni fa, rimasi stupefatto che alcuni grandi autori italiani, come Moravia e la Morante, fossero poco noti in Inghilterra, pubblicati marginalmente o fuori commercio, per non parlare dei vivi», racconta. «Tolti Levi, Calvino ed Eco, era come se la nostra letteratura non esistesse. Mi sono chiesto come farla conoscere meglio. Il vecchio modello, la presentazione di autori italiani a Londra per un pubblico di soli italiani, chiaramente non funzionava. Sicché ho pensato che chiamando un noto scrittore inglese a discutere con uno scrittore italiano, l'evento avrebbe avuto maggiore richiamo. Così è stato. E dopo il dibattito, si andava tutti a cena insieme». Risultati?
«L'attenzione nei nostri confronti è cresciuta, come testimonia l'interesse dei media locali. Le traduzioni di romanzi italiani si sono moltiplicate: Ammaniti, Camilleri, Calasso, Baricco, Lucarelli, per citarne qualcuno. Naturalmente non dico che sia una diretta conseguenza di "Italia fantastica", ma un contributo l’avrà dato».
L'idea di chiamare così la manifestazione, «Italia fantastica», aveva due scopi, prosegue Fortunato. «Fantastico è un termine che si capisce anche in inglese. Suggerisce immediatamente che si tratta di opere di fantasia e, con un pizzico di ironia, che sono di alta qualità». Nel presentare agli inglesi la nostra cultura ho sempre cercato di usare un duplice messaggio: l’immagine tradizionale dell'Italia, accanto a un elemento sorprendente, a qualcosa che dice, attenzione, ci siamo anche noi e non siamo come credete». Armato della medesima filosofia, Fortunato ha sponsorizzato mostre sull'arte d'avanguardia italiana (Merz, per esempio), si è battuto per aumentare le pellicole italiane al London Film Festival, ha promosso la musica di Berio e Morricone, di Carmen Consoli e Paolo Conte, il design di Gio Ponti, la moda. «Se c'è un fattore che mi ha favorito», conclude divertito, «è stato la mia dichiarata omosessualità. In Italia qualcuno l'avrebbe ritenuta un handicap, per un ruolo istituzionale. Ma in una società aperta come quella inglese ha suscitato simpatia e mi ha aperto qualche porta in più».

lunedì, maggio 24, 2004

Cultura: potenziamento della societa' Dante Alighieri

Roma, 24 mag. (Adnkronos Cultura) – Prosegue il piano di rafforzamento della societa’ Dante Alighieri, ente morale per la diffusione della lingua e della cultura italiane. Si e’ infatti riunito lo scorso 22 maggio a Roma presso Palazzo Firenze, il consiglio centrale della societa’ Dante Alighieri, presieduto dal presidente Bruno Bottai. Hanno partecipato all’incontro il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, il vice presidente del consiglio centrale della Dante, Riccardo Campa, il consigliere centrale, Luca Serianni, il soprintendente ai Conti, Walter Mauro, il segretario generale, Alessandro Masi e gli altri consiglieri centrali della “Dante”.
Nel corso della riunione sono state discusse ed indicate le linee guida del Governo e del Parlamento in materia di diffusione della lingua e della cultura italiane nel mondo. Anna Blefari-Melazzi, direttore generale per la Promozione e la cooperazione culturale del ministero degli Affari Esteri, ha approfondito nel corso del suo intervento, “le strategie per un’efficace azione di diffusione linguistica in Cina e negli Stati Uniti“ e, come ha anche sottolineato la giornalista Barbara Palombelli, presente all’incontro, “per un maggiore coinvolgimento dei mezzi di comunicazione di massa”.

venerdì, maggio 21, 2004

RICEVUTO DA VATTANI ALLA FARNESINA IL DIRETTORE DI SLOW FOOD PETRINI

PROMOZIONE DELLA CULTURA ENOGASTRONOMICA ITALIANA NEL MONDO

Inform, 21 maggio 2004
ROMA - Nel quadro dell'azione del Governo, e in particolare dei ministri
degli Esteri Frattini e delle Politiche Agricole Alemanno, volta a
promuovere i prodotti italiani di qualità, il Segretario Generale della
Farnesina Umberto Vattani ha ricevuto il Direttore di Slow food Carlo
Petrini, associazione internazionale no-profit che promuove la cultura
enogastronomica, l'educazione del gusto, la biodiversità e un'agricoltura
rispettosa dell'ambiente.
L'Ambasciatore Vattani e il Dottor Petrini hanno esaminato in particolare
le prospettive di “Terra madre”, un'iniziativa organizzata in
collaborazione con il ministero delle Politiche Agricole, la regione
Piemonte e la città di Torino, che vedrà riuniti a Torino dal 20 al 23
ottobre produttori e operatori del settore agroalimentare mondiale,
rappresentativi di un nuovo modo di intendere la produzione di cibo.
Nel corso dell'incontro sono state anche approfondite la opportunità di
collaborazione tra i ministeri degli Esteri e delle Politiche Agricole - in
raccordo anche con Fao e Ifad - per la promozione della cultura
enograstronomica italiana nel mondo
e per alcuni programmi di formazione,
con la partecipazione della Farnesina, della rete diplomatico-consolare e
degli istituti di cultura e per una miglior diffusione dei prodotti
italiani presso gli ambienti diplomatici e le rappresentanze accreditate a
Roma. (Inform)

giovedì, maggio 20, 2004

Mostre: a Copenaghen video esposizione su Italo Calvino


Copenaghen, 20 mag. (Adnkronos Cultura) - La capacita' di mettere a fuoco visioni a occhi chiusi, di far scaturire colori e forme dalle parole scritte su una pagina bianca, il saper pensare per immagini: e' questa l'importanza della visibilita' che il grande scrittore italiano Italo Calvino ha fatto propria ed ha incluso fra i valori da salvare. E questa relazione fra parole e immagini nell'opera di Calvino sara' rispecchiata in una video-esposizione che verra' allestita presso la Galleria della Biblioteca Reale "Diamante Nero" di Copenaghen, dal 27 maggio al 14 agosto.
La mostra, realizzata dal Danish Institute for Advanced Studies in collaborazione con l'Istituto italiano di cultura e con il dipartimento di Italianistica dell'universita' di Copenaghen, sara' allestita in occasione del convegno internazionale di carattere interdisciplinare, che si terra' dal 26 al 28 maggio, "Italo Calvino - Dipingere con le parole, scrivere con le immagini", al quale parteciperanno prestigiosi ricercatori provenienti dagli Stati Uniti e dall'Europa, come Douglas Hofstadter, Marco Belpoliti, Lene Waage Petersen.
Si tratta di una mostra con un carattere particolarmente innovativo nel campo della ricerca letteraria perche' va oltre il tradizionale modo di descrivere i risultati della ricerca attraverso parole e testi. Infatti, nell'esposizione danese si utilizzeranno anche opere pittoriche, copertine di libri, tarocchi, fotografie riprodotte da alcune opere originali dell'artista italiano Giulio Paolini (dal quale Italo Calvino trasse ispirazione per il suo modo di rapportare l'opera d'arte allo spazio espositivo, agli strumenti artistici, al rapporto con lo spettatore e con lo stesso artista) e anche da alcuni video.
Attraverso le immagini dinamiche del video si potra' ascoltare un'intervista al grande scrittore italiano, assistere a riprese originali di episodi della sua infanzia a San Remo e della casa di Calvino a Roma. In questo modo si giungera' a mostrare in modo diretto la stretta correlazione esistente fra le parole utilizzate da Calvino nei suoi testi e tutta una serie di immagini che lo hanno ispirato e che hanno interagito con i suoi scritti.

Uno spicchio d’Italia di scena ad Algeri Danza e teatro per il Festival culturale

(9colonne) 20 maggio 2004
ALGERI - Si è svolta la quinta edizione del Festival culturale di Algeri, che quest’anno ha presentato due eventi dedicati della danza e della moda italiana. «E’ un Festival a cui partecipa la gran maggioranza dei Paesi membri dell’Unione Europea - ha spiegato Giorgio Guerrini, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Algeri che ospita la kermesse -Il nostro Istituto ha organizzato due eventi. Il 17 maggio si è tenuto lo spettacolo di balletto “Indiscipline” della compagnia italiana Kataklò, il 19 maggio si è aperta un’esposizione di moda intitolata "Vestire italiano". Il primo appuntamento è stato all’insegna di una miscellanea di musica e di sport. O meglio di danza atletica teatrale. Perché Kataklò, il gruppo protagonista, è composto da ginnasti di livello olimpionico: Giulia Staccioli, campionessa di ginnastica ritmica nazionale ed internazionale e Andrea Zorzi, stella della pallavolo, due volte campione del mondo tre volte campione europeo prima di tutti. «Sono riusciti a mettere in scena una nuova e originale interpretazione del balletto moderno. Lo spettacolo che hanno presentato è un insieme di danza e sport in omaggio a differenti discipline sportive. E’ una prestazione atletica ma anche poetica ». Il secondo appuntamento ha segnato il trionfo della moda del Bel Paese negli ultimi cinquanta anni: «Il giorno dell’inaugurazione c’è stata una sfilata al fine di dare un animazione a questi modelli che sono poi rimasti esposti su manichini per una decina digiorni –ha detto Guerrini. La mostra è stata un omaggio a questo settore di creatività e di eccellenza del Made in Italy. Il modello più antico esposto è di Moschini e risale al 1950, poi vi sono tre pezzi diGalizzin degli anni ’60. Tra gli altri celebri stilisti presentati vi sono Capucci, Ferrè, Versace, Armani, Valentino e Balestra». In tutto Settantaquattro i modelli esposti presso il Palazzo della Cultura di Algeri. La manifestazione è stata curata e coordinata dalla commissione dell’Unione Europea ad Algeri.

Italiano: con un link lingua antica e moderna senza piu' segreti

Roma, 20 mag. - (Adnkronos) - E' partito il collegamento in internet tra il Tlio, ''Tesoro della lingua italiana delle origini'' del Cnr, e DigitaWeb, il dizionario di italiano on line della Garzanti Linguistica. Un link tra le due opere permette di fare ricerche linguistiche passando dall'antico al moderno, scoprendo come e' cambiata la nostra lingua
Difficile immaginare che ''baratro'' nell'italiano antico, oltre a voler dire, come oggi, ''precipizio'', fosse usato anche nel significato di ''cesto di giunco''. E che probabilmente proprio da questa accezione del termine deriva la parola ''barattolo''. Scoprire quanto e come si e' trasformata nel tempo la lingua che usiamo tutti i giorni e' oggi piu' semplice, grazie all'attivazione in internet del collegamento tra il Tlio, Tesoro della lingua italiana delle origini (http://tlio.ovi.cnr.it/TLIO), che l'Istituto del Cnr Ovi, Opera del vocabolario italiano, sta redigendo on-line, e il DigitaWeb della Garzanti Linguistica (www.garzantilinguistica.it), il primo dizionario di italiano in rete.
''Attualmente il Vocabolario storico dell'italiano antico contiene 11.500 voci delle circa 45.000 che dovra' registrare una volta completato ed e' un lavoro in fieri, consultabile man mano che viene redatto'', spiega il professor Pietro Beltrami, direttore dell'Ovi-Cnr di Firenze. ''Per ogni voce - prosegue Beltrami - ciascuno dei due dizionari rimanda con un link all'altro, consentendo una ricerca linguistica comparata tra presente e passato''.
Cosi', passando da un'opera all'altra si viene a sapere che ''curioso'' e' per il DigitaWeb una persona desiderosa di sapere, mentre nel Tlio e' un individuo ''che pone cura'', per esempio alle cose di altri come fossero sue o anche uno ''che si veste con raffinatezza''. Oppure che ''aggiustare'', che si usa ora comunemente per dire ''rimettere qualcosa in buono stato'' in passato veniva utilizzato raramente e, di solito, con il significato di ''dare la forma, la direzione giusta, uniformare'' oppure nel senso di ''porre o porsi accanto, adeguarsi, aggiungere''.
Avviando questo collegamento, aggiunge il direttore dell'Ovi-Cnr Pietro Beltrami, ''si e' voluto innanzitutto stimolare lo studio del lessico antico nei non addetti ai lavori, per esempio nei ragazzi che studiano i classici, ma anche facilitare la lettura del vocabolario agli utenti stranieri e favorire il confronto
fra la lingua antica e quella moderna''.
L'iniziativa messa in atto con Garzanti Linguistica e' l'inizio di una politica di collaborazione tra l'Ovi e le case editrici di dizionari che puo' rivelarsi di grande aiuto per la diffusione dei risultati delle ricerche dell'Istituto del Cnr ad un pubblico piu' vasto, in particolare nella scuola.

mercoledì, maggio 19, 2004

La cultura catanese promossa nel mondo

Un plico di materiale informativo sulla città di Catania sta arrivando in tutti gli Istituti di Cultura del mondo

NewsITALIA PRESS, 19 maggio 2004
Catania - L'Assessorato al Turismo del Comune di Catania sta provvedendo in questi giorni a spedire agli 88 Istituti Italiani di Cultura sparsi nel mondo un plico contenente materiale promozionale della città. Un'iniziativa promossa principalmente da Nino Strato, Assessore al Turismo e allo Sport del capoluogo siciliano, e portata avanti da Gabriella Balsamo, istruttore amministrativo del Comune stesso. "Riteniamo - dice Gabriella Balsamo - che gli Istituti di Cultura possano sponsorizzare e mettere in rilievo l'importanza di una città come la nostra che offre molte opportunità dal punto di vista storico, culturale e anche ambientale. Il nostro obiettivo è quello di mettere in luce Catania sotto un aspetto che non sia solo quello della mafia".

"Il plico che stiamo inviando - continua Gabriella Balsamo - contiene del materiale pubblicitario. Si tratta di cd Rom in varie lingue che illustrano diversi aspetti della nostra città, dalla storia fino alla 'movida' catanese. Vi è inoltre compreso del materiale sulla subacquea, sull'arte barocca e un poster della città".

Catania, secondo sito più grande dell'isola, dopo Palermo, conta circa 350.00 abitanti. Nonostante le catastrofi del XVII secolo conserva resti archeologici, greci e romani, nonché numerosi edifici della rifondazione settecentesca.

Il progetto mira anche a evidenziare come la Val di Noto, di cui Catania fa parte, sia stata inserito dall'Unesco (l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura) nella World Heritage List, Lista del patrimonio dell'Umanità. Le altre città siciliane prescelte, per il proprio patrimonio culturale, sono Caltagirone, Militello in Val di Catania, Modica, Noto, Palazzolo Acreide, Ragusa e Scicli. NewsITALIA PRESS

ALL’IIC DI BUDAPEST “RACCONTI SENZA DOGANA” DEBUTTO CULTURALE DELL’UE A 25

BUDAPEST\aise\19 maggio 2004- Considerato il primo atto culturale dell’Unione Europea allargata, verrà presentata alla stampa domani 20 maggio 2004, alle ore 11, all’Istituto Italiano di Cultura di Budapest, l’edizione ungherese dell’antologia “Racconti senza dogana”, che raccoglie 25 racconti di altrettanti giovani scrittori europei.
Alla manifestazione, a cui presenzieranno l’Ambasciatore d’Italia, Paolo Guido Spinelli e il Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Budapest, Arnaldo Dante Marianacci, parteciperanno alcuni scrittori compresi nell’antologia, i curatori , i traduttori ed i rappresentanti delle istituzioni locali interessate tra le quali il Ministero per il Patrimonio Culturale Ungherese, il Pen Club Ungherese, l’Associazione dei Giovani Scrittori Ungheresi, l’Unione Ungherese degli Scrittori e i rappresentanti delle Ambasciate e degli Istituti culturali comunitari operanti a Budapest. (aise)

martedì, maggio 18, 2004

A BUENOS AIRES L'ARTE PITTORICA ITALIANA DEL NOVECENTO

BUENOS AIRES\aise\18 maggio 2004 - "Gli autori esposti sono Melotti, Scanavino, Vedova e Consagra, artisti italiani che illustrano diversi aspetti del panorama della pittura italiana dagli anni Cinquanta in poi". Alice Mannucci, responsabile della grafica dell’Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires ha presentato così la mostra sui grandi maestri del Novecento italiano ospitata dal 4 maggio presso il Centro Culturale Borges della capitale argentina. Si tratta di un allestimento che raccoglie i lavori di artisti importanti, apprezzati in tutto il mondo.
Fausto Melotti (1901-1986) è stato uno dei simboli dell’astrattismo italiano. Scultore e ceramista, ha eseguito disegni e pitture su carte e tele per cui ha ottenuto il Premio Rembrandt (1973), il Premio Biancamano (1977) e il Premio Feltrinelli per la scultura (1978). Emilio Vedova, veneziano, è considerato uno tra i massimi esponenti dell’Informale europeo, uno stile che crea immagini nuove, senza l’aiuto di quelle riconoscibili e precedentemente usate, preferendo un maggiore astrattismo alla più tradizionale geometria. Emilio Scanavino nativo di Genova è stato seguace dello Spazialismo e delle forme geometriche pure, in accordo con la cultura elettronica dell’epoca. Ha esposto in importanti gallerie pubbliche e private, ed ha partecipato alle più prestigiose rassegne d’arte contemporanea. Pietro Consagra è stato una delle firme nel marzo 1947 del Manifesto del gruppo astrattista Forma. Ha partecipato ad importanti mostre internazionali tra cui The Unknown Political Prisoner a Londra, Junge Italienische Kunst al Kunsthaus di Zurigo, II e V Biennale Middelheim di Anversa (1953 e 1959). Si è dedicato principalmente all’architettura urbana elaborando l’utopia di una città interamente creata da artisti. L’esposizione resterà aperta fino al prossimo 23 maggio. (aise)

venerdì, maggio 14, 2004

Sette giorni di cultura italiana nel mondo

Il calendario di appuntamenti degli Istituti Italiani di Cultura all'estero per la terza settimana di maggio, dal 17 al 23

NewsITALIAPRESS, 14 maggio 2004
Roma - Gli Istituti Italiani di Cultura nel mondo per la terza settimana di maggio, dal 17 al 23, offrono un fitto calendario di appuntamenti. Tra gli altri, nell'ambito del Kulturcafé, il 18 maggio, l'Istituto Italiano di Copenaghen ospita la proiezione del film "La leggenda del pianista sull'oceano" di Giuseppe Tornatore con Pruitt Taylor Vince, Melanie Thierry, Bill Nunn e Gabriele Lavia. Sabato 22 e domenica 23 maggio in occasione del 125 anniversario dell'Associazione Skuespillerforeningen il teatro Meridiano mette in scena lo spettacolo teatrale "Comoedia Humana, piccoli miracoli quotidiani" di Giacomo Ravicchio. La rappresentazione si svolgerà presso il Folketeatret di Copenaghen.

L'Istituto Italiano di Parigi per l'intera settimana presenta lo spettacolo "Le ciel et le sang", dialogo di René de Ceccaty, con Adriana Asti e Jaen Sorel. Musica e piano di Alessandro Nidi, direzione artistica di Giorgio Ferrara. Lunedì 17 maggio presso la sede dell'Istituto, Maria Longo, ricercatrice dell'Università di Firenze, terrà la conferenza "I Francini, scenografi fiorentini alla corte di Francia tra Cinque e Seicento" e fino al 27 maggio, negli spazi interni ed esterni all'Hotel de Galiffet, è allestita la mostra "Architetti e scenografi italiani alla corte di Francia" dell'architetto Maurizio Sabatini.

Martedì 18 maggio l'Istituto Italiano di Cultura di Colonia offre il film "Rose e pistole" di Carla Apuzzo con Anna Anunirati, Duccio Giordano, Luigi Petrucci e giovedì 20 maggio la Sicilia arriva sugli schermi con la proiezione del documentario "Joppolo, un paisi nicu nicu" (Joppolo, un paese piccolo piccolo) a cura di Angelica Micalizio e Enrico Montalbano.

L'Istituto Italiano di Cultura di Edimburgo presenta a partire dal 21 maggio la mostra fotografica "Giardini di Toscana" al City Arts Centre. L'esposizione, che terminerà il 26 giugno, sarà inaugurata dal vicesindaco di Edinburgh Steve Cardowne e costituirà l'inizio delle manifestazioni per il 40° anniversario del gemellaggio Firenze - Edimburgo che si prolungheranno fino ad ottobre. Sempre al City Centre, il 22 maggio si svolgerà il seminario "Historic Gardens". Tra i relatori Giorgio Galletti, dell'Università di Firenze, che affronterà il tema "I giardini dei Medici a Roma e Firenze: cura e conservazione" ed Enrica Boccioni della Regione Toscana che parlerà del "Giardino di Villa Gamberaia a Firenze".

A Bratislava, in Repubblica Slovacca, il 18 maggio presso il Cinema Mladost proiezione del film "Fuori dal mondo" di Giuseppe Piccioni con Margherita Buy, Silvio Orlando Carolina Freschi Maria Cristina Minerva e Marina Massironi.

Saranno messi in scena a partire 22 maggio ad Atene, presso il teatro Altera Pars, in collaborazione con l'Istituto Italiano di Cultura di Atene, gli atti unici di Natalia Ginzburg "Dialogo" e il "Cormorano" con Mina Chimona e Dimitri Verykios. Regia e traduzione di Pietro Nakos, scenografia di Angelo Saracini. Sempre dal 22 maggio presso il teatro Altera Pars Immagini di teatro "Nella vasca dei pesci che sognano", fotografie di Francesco Galli.

L'Istituto Italiano di Cultura di Città del Messico ha in programma per lunedì 17 maggio la presentazione del libro "Homo Sonorus", antologia internazionale di poesia sonora di Dmitry Bulatov con la partecipazione del poeta, artista audiovisivo ed editore Ezio Minarelli, nell'ambito della Quinta Biennale internazionale della Radio. La presentazione si svolgerà presso il presso il Teatro de las Artes del CENART.

Martedì 18 maggio presso l'Istituto Italiano di Cultura di San Francisco andrà in onda il film "Sud" di Gabriele Salvatores con Silvio Orlando, Francesca Neri and Claudio Bisio. Giovedì 20 maggio l'Istituto, in collaborazione con il Gabinetto Disegni e Stampe dell'Università di Pisa, la Provincia di Pisa e la Regione Toscana, organizza la mostra "Le città e la campagna della Toscana" a cura di Alessandro Tosi e Lucia Tongiorgi Tomasi

L'Istituto Italiano di Tunisi invita il 19 maggio all'inaugurazione della mostra sulla moda italiana "Vestire il sogno e la quotidianità" che si svolgerà presso l'Acropolium di Cartagine.

A Seul il 17 e il 18 maggio ultimi due appuntamenti al Chamsil Main Olympic Stadium con "La Carmen" di Georges Bizet. Regia di Giancarlo Del Monaco, maestro del Coro Fausto Regis. I cantanti italiani sono Mario Bellanova e Tullio Silvestri.

Per lunedì 17 maggio l'Istituto Italiano di Cultura di Tokio ha organizzato presso il Kioi Hall il concerto del TrionTrio "Virtuosismo e Classicismo nella musica italiana e viennese". Al violino Mauro Turato, al violoncello Toshiaki Hayashi, al pianoforte Giuseppe Mariotti. Musiche di Tartini, Brahms, Golinelli, Bazzini, Beethoven. NewsITALIAPRESS

Il programma di 'Umbria Jazz' 2004 arriva in America

Sarà presentato la prossima settimana all'Istituto Italiano di Cultura di New York

NewsITALIAPRESS, 14 maggio 2004
New York - Il programma del Festival "Umbria jazz" sarà presentato martedì 18 maggio all'Istituto Italiano di Cultura di New York.

La manifestazione, giunta alla sua 31.ma edizione, è nata come happening musicale nelle piazze e nei più suggestivi luoghi della Regione umbra. Interrotta per tre anni e ripresa nel 1982 ha subito nel corso del tempo una decisa trasformazione, attualmente rappresenta un fenomeno unico in Italia ed è sicuramente una tra le più importanti manifestazioni dedicate al jazz d'Europa .

Dopo le prime edizioni intineranti la manifestazione si svolge ora stabilmente a Perugia dove per una decina di giorni, la città, diventa un palcoscenico che ormai è arrivato ad ospitare diversi generi e universi musicali. Così "Umbria Jazz" porta i suoi artisti ovunque, dai teatri alle botteghe, dai ristoranti agli oratori e poi nelle piazze. Da quel lontano 1973, anno in cui si è inaugurata la prima edizione, decine e decine sono gli artisti che si sono esibiti. Per i primi anni ricordiamo Dizzy Gillespie, Sam Rivers, Herbie Hanckok, Enrico Rava, Miles Davis, Lionel Hampton. Per le nelle edizioni più recenti Dedee Bridgewater, Gilberto Gil , Milton Nascimento, Terence Blanchard, Paolo Conte, Vinicio Capossela, Nicola Arigliano, Miriam Makeba, Renzo Arbore e i suoi Swing Maniacs, Sergio Cammariere, The Coolbone Brass Band of New Orleans, Lyle Henderson & Emmanuel Gospel Singers.

"Umbria jazz" 2004 si svolgerà dal 9 al 18 luglio, mentre "Umbria Jazz Winter" giungerà ad Orvieto il prossimo 29 dicembre per protrarsi fino al 2 gennaio. NewsITALIAPRESS

mercoledì, maggio 12, 2004

STORIA E CURIOSITA' DEL "POLITICALLY CORRECT"

Scritto da Edoardo Crisafulli, edito da Vallecchi.
Anche in Italia, dopo l'ondata inglese del "politically correct", si parla di atteggiamenti e di linguaggi politicamente corretti.

di Mario Turetta

Culturalweb.it, 26/04/2004
A trattare approfonditamente il tema esce, edito da Vallecchi per la collana "Fuori luogo", il libro di Edoardo Crisafulli "Igiene verbale. Il politicamente corretto e la liberta' linguistica". L'autore, funzionario del ministero degli Affari Esteri e dal 2003 direttore dell'Istituto di cultura di Haifa in Israele, si interroga su come sia nata l'espressione, quanto influisca sugli aspetti della vita quotidiana e quanto possa mettere in discussione la liberta' di pensiero. Un argomento delicato e complesso che qui viene affrontato in maniera rigorosa. Il primo capitolo si sofferma sul contesto socio-culturale in cui e' esploso il fenomeno, quindi seguono sezioni dedicate ai cosiddetti "speech codes", cioe' ai codici linguistici imposti nelle universita', nelle istituzioni pubbliche e nel mondo del lavoro angloamericano, infine, particolare attenzione viene rivolta alla filosofia del "politicamente corretto". A sostegno del testo interviene un ricco glossario della terminologia piu' frequente e una bibliografia di riferimento. Mentre ad aprire il fiume di parole di Edoardo Crisafulli, e' la prefazione del giornalista parlamentare de "Il Foglio" Stefano di Michele che definisce il "politically correct" "una sorta di baraccopoli lessicale, una bidonville dove il senso comune si perde e il buon senso scappa per i vicoli. Volendo (e ridendo) e' forse il tentativo piu' temerario, dal tempo della Genesi, di (ri)creare il mondo, (ri)batezzare le cose, (ri)nominare i vizi e le virtu'. [...] Il politicamente corretto e' la sagra dell'ipocrisia. Non si cambiano ne' dolore ne' ingiustizie ne' stupidita': si da' loro solo un nuovo nome, e si rassetta un po' la coscienza. Il negro resta negro, ma da 'persona di colore'".

VANCOUVER: ESPOSIZIONE MULTIMEDIALE DELLA TORRE DI PISA

Inform, 12 maggio 2004
VANCOUVER - “Evviva la Torre di Pisa che pende, che pesa e che mai cadrà ”.
Queste le note di una vecchia e famosa canzone. Fino ad oggi quelle parole
hanno avuto ragione, infatti la torre è ancora al suo posto e auspichiamo
che lo sia per sempre. Ma in questo momento dobbiamo essere anche grati a
quindici esperti internazionali e all’Istituto Centrale Italiano che per
dieci anni hanno condotto i lavori di restauro per mantenere sempre bella
questa meraviglia italiana. A darne notizia è una delegazione italiana
proveniente dalla Toscana, composta da otto persone, che è venuta a fare
visita qui a Vancouver per inaugurare una esposizione multimediale
riguardante la Torre di Pisa ed i lavori di restauro ad essa apportati.
Gli organizzatori della mostra sono stati la Provincia di Pisa, il
Ministero ai Beni Culturali (Sopraintendenze di Pisa e Livorno), il
Ministero degli Affari Esteri, la Missione Permanente d’Italia all’ONU, il
Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Comune di Pisa, la
Regione Toscana, l’Opera Primaziale Pisana, la Scuola Normale Superiore di
Pisa, l’Università degli Studi di Pisa, la Fondazione Cassa di Risparmio di
Pisa, la Sat, la Fondazione Sipario Toscana ed infine presentato
dall’Istituto Italiano di Cultura di Vancouver presso i propri locali.
Alla manifestazione ha partecipato anche la Camera di Commercio della
British Columbia e dell’Alberta. Presente anche il creatore e l’ideatore
della mostra mobile della “Torre di Pisa” e della “Piazza dei Miracoli”, il
dr. Alessandro Sonetti. La città British Columbiana fa parte della terza
tappa mondiale, ed unica in Canada, dopo New York City nel 2003 e lo scorso
mese di marzo a Copenaghen. Presente all’evento anche la signora Cristina
Filippini, presidente del Consiglio Provinciale di Pisa, la quale si è
compiaciuta con il presidente della Camera di Commercio, Lucio Sacchetti,
per la bella accoglienza riservata da parte degli italo canadesi e da parte
delle autorità locali complimentandosi inoltre con il pubblico presente, e
residente in loco, per la bellezza della città di Vancouver e l’armonia con
cui questo popolo multietnico convive insieme.
Ritornando alla mostra Lucio Sacchetti ebbe a dire, riferendosi alla Torre,
che non tutti mali vengono per nuocere, in quanto, ha dichiarato lo stesso
presidente della Camera di Commercio, se ottocento anni fa gli architetti
avessero azzeccato tutti i calcoli, oggi non avremmo la torre pendente con
le conseguenze che benissimo si possono immaginare. La Torre di Pisa è un
patrimonio italiano di inestimabile valore e grande meta turistica, ecco
perché è così importante celebrare oggi il suo importante restauro.
E’ naturale che non bisogna dimenticare ma bensì ringraziare tutte quelle
persone esperte e tecnici del settore che ancora oggi ci garantiscono sulla
stabilità della Torre e che ci ricordano che mai cadrà, a Dio piacendo! In
conclusione direi proprio che è una mostra da non perdere. La medesima
rimarrà aperta al pubblico, presso l’Istituto di Cultura di Vancouver, fino
al 22 maggio prossimo.
(Nick Vultaggio-Il Marco Polo/Inform)

VANCOUVER: ESPOSIZIONE MULTIMEDIALE DELLA TORRE DI PISA

Inform, 12 maggio 2004
VANCOUVER - “Evviva la Torre di Pisa che pende, che pesa e che mai cadrà ”.
Queste le note di una vecchia e famosa canzone. Fino ad oggi quelle parole
hanno avuto ragione, infatti la torre è ancora al suo posto e auspichiamo
che lo sia per sempre. Ma in questo momento dobbiamo essere anche grati a
quindici esperti internazionali e all’Istituto Centrale Italiano che per
dieci anni hanno condotto i lavori di restauro per mantenere sempre bella
questa meraviglia italiana. A darne notizia è una delegazione italiana
proveniente dalla Toscana, composta da otto persone, che è venuta a fare
visita qui a Vancouver per inaugurare una esposizione multimediale
riguardante la Torre di Pisa ed i lavori di restauro ad essa apportati.
Gli organizzatori della mostra sono stati la Provincia di Pisa, il
Ministero ai Beni Culturali (Sopraintendenze di Pisa e Livorno), il
Ministero degli Affari Esteri, la Missione Permanente d’Italia all’ONU, il
Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Comune di Pisa, la
Regione Toscana, l’Opera Primaziale Pisana, la Scuola Normale Superiore di
Pisa, l’Università degli Studi di Pisa, la Fondazione Cassa di Risparmio di
Pisa, la Sat, la Fondazione Sipario Toscana ed infine presentato
dall’Istituto Italiano di Cultura di Vancouver presso i propri locali.
Alla manifestazione ha partecipato anche la Camera di Commercio della
British Columbia e dell’Alberta. Presente anche il creatore e l’ideatore
della mostra mobile della “Torre di Pisa” e della “Piazza dei Miracoli”, il
dr. Alessandro Sonetti. La città British Columbiana fa parte della terza
tappa mondiale, ed unica in Canada, dopo New York City nel 2003 e lo scorso
mese di marzo a Copenaghen. Presente all’evento anche la signora Cristina
Filippini, presidente del Consiglio Provinciale di Pisa, la quale si è
compiaciuta con il presidente della Camera di Commercio, Lucio Sacchetti,
per la bella accoglienza riservata da parte degli italo canadesi e da parte
delle autorità locali complimentandosi inoltre con il pubblico presente, e
residente in loco, per la bellezza della città di Vancouver e l’armonia con
cui questo popolo multietnico convive insieme.
Ritornando alla mostra Lucio Sacchetti ebbe a dire, riferendosi alla Torre,
che non tutti mali vengono per nuocere, in quanto, ha dichiarato lo stesso
presidente della Camera di Commercio, se ottocento anni fa gli architetti
avessero azzeccato tutti i calcoli, oggi non avremmo la torre pendente con
le conseguenze che benissimo si possono immaginare. La Torre di Pisa è un
patrimonio italiano di inestimabile valore e grande meta turistica, ecco
perché è così importante celebrare oggi il suo importante restauro.
E’ naturale che non bisogna dimenticare ma bensì ringraziare tutte quelle
persone esperte e tecnici del settore che ancora oggi ci garantiscono sulla
stabilità della Torre e che ci ricordano che mai cadrà, a Dio piacendo! In
conclusione direi proprio che è una mostra da non perdere. La medesima
rimarrà aperta al pubblico, presso l’Istituto di Cultura di Vancouver, fino
al 22 maggio prossimo.
(Nick Vultaggio-Il Marco Polo/Inform)

LA MISSIONE DELLA FARNESINA: PROMUOVERE LA CULTURA E LA LINGUA ITALIANE NEL MONDO

IL MINISTERO DEGLI ESTERI AL FORUM DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
TAVOLA ROTONDA CON IL DIRETTORE GENERALE ANNA BLEFARI MELAZZI


Inform, 12 maggio 2004
ROMA - Uno dei pilastri della politica estera del nostro Paese è la
promozione della cultura e della lingua italiane nel mondo. Una tra le
“missioni” più rilevanti del Ministero degli Esteri, che evidenzia il ruolo
primario della cultura nel suo Piano di Comunicazione. A sottolinearlo, il
Direttore Generale per la Promozione e la Cooperazione Culturale Anna
Blefari Melazzi intervenuta ad una Tavola rotonda promossa dalla Farnesina
- e alla quale hanno preso parte rappresentanti del Mae e del Ministero per
i Beni e le Attività Culturali - nell’ambito della XV edizione del Forum
della Pubblica Amministrazione in svolgimento alla Fiera di Roma. Tema
guida, il ruolo che le Amministrazioni possono e devono avere per il
recupero della competitività del Paese nel quadro europeo. Un’edizione che,
su impulso del Ministro Frattini, vede una forte partecipazione della
Farnesina, che ha anche allestito un proprio stand.
Al centro della Tavola rotonda dell’11 maggio, moderata dal consigliere del
Ministro Urbani Alain Elkann, le finalità e gli strumenti della promozione
culturale all’estero nei suoi vari aspetti: dalle attività di promozione
linguistica alle manifestazioni artistiche, passando per settori
specialistici come il restauro e la promozione del libro. Sottolineando la
forte collaborazione tra Mae e Ministero Beni Culturali in attività e
progetti di promozione e diffusione della cultura italiana, Blefari Melazzi
ha evidenziato come il nostro Paese abbia il “dovere” di fare conoscere
all’estero la sua cultura nelle multiformi sfaccettature, promovendola
anche come strumento di dialogo con le altre culture. Rivestono un ruolo
preponderante nella proiezione della nostra cultura nel mondo, oltre ad
Ambasciate e Consolati, gli Istituti di Cultura (89 in 60 paesi). Veri e
propri “centri interculturali” aperti a tutti ma soprattutto ai giovani sui
quali, ha osservato Blefari Melazzi, occorre puntare per far sì che
l’Italia abbia sempre maggiore impatto all’estero.
Un veicolo importante
di promozione della cultura è senz’altro la lingua.
La domanda di italiano è in crescita e oggi occupa una posizione di tutto
riguardo nella classifica delle lingue più studiate al mondo: il 5° posto
(taluni dicono 4°). Una richiesta che proviene da stranieri e discendenti
di connazionali, che vogliono ritrovare le loro radici. Una “sete” di
italiano che, secondo un’indagine del 2001 condotta dall’Università di Roma
La Sapienza, accanto a ragioni culturali è motivata oggi anche da ragioni
di lavoro. Blefari Melazzi ha richiamato l’attenzione su una serie di dati
indicativi: 6.164 corsi negli Istituti di Cultura con 75.544 iscrizioni;
161 scuole italiane all’estero, 121 scuole e sezioni bilingue, 276
lettorati presso università straniere. Senza dimenticare l’importante
apporto della Società Dante Alighieri. Maria Alice Prescia, Dirigente
scolastico della DGPCC, ha spiegato a sua volta come, a partire dalla fine
degli anni ’80, siano stati sviluppati modelli scolastici non secondo uno
standard fisso ma sulla base delle esigenze dei diversi Paesi attraverso
accordi bilaterali e come, in Germania, “su forte richiesta della comunità
italiana”, vi sia stato lo sviluppo di scuole bilingue (nove) a partire dal
livello elementare.
Il Ministro Plenipotenziario Vittorio Tedeschi, della Direzione Generale
per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie, ha osservato come
costanti obiettivi siano la valorizzazione e l’inserimento dell’italiano
nelle scuole all’estero attraverso forme di cooperazione, convenzioni a
livello locale e così via. Il Mae punta a favorire il progresso
linguistico-culturale dei figli degli italiani all’estero, ha spiegato
Tedeschi ricordando anche come il Ministero abbia promosso la stesura di
Piani Paese, con la collaborazione degli organismi rappresentativi delle
nostre collettività. Piani che prevedono, tra l’altro, la valutazione della
domanda di lingua e cultura italiane ai vari livelli e la definizione di
obiettivi e strategie specifiche per le singole realtà. Complessivamente
sono 28.194 i corsi organizzati dal Mae; gli alunni dei corsi lingua
italiana sono 481.607.
Il Consigliere Daniele Perico, Capo dell’Ufficio II della DGIEPM, ha
evidenziato come negli Usa, grazie alla comunità italiana, vi sia un
terreno favorevole alla promozione della nostra lingua e la stipula di
convenzioni a livello locale. E come un ulteriore passo avanti sia stato
fatto con l’Advanced Placement Program che consentirà agli studenti di 500
scuole superiori negli Usa di seguire un corso qualificato di lingua
italiana, che si concluderà con un esame, ai fini dell’ottenimento di
crediti presso le Università americane. L’APP, ha spiegato Perico, è nato
per iniziativa del Consolato di New York, che ha effettuato anche sondaggi
fra le istituzioni locali per verificare la disponibilità all’attuazione
del progetto, poi presentato e approvato dal College Board. Iniziativa di
grande rilievo alla quale, ha tenuto a sottolineare Perico, hanno lavorato
fattivamente, oltre alla rappresentanza diplomatico consolare, associazioni
della comunità (come Niaf e Osia) che hanno svolto “azione di lobbing e di
pressione”, e personalità come Matilda Cuomo e il Ministro Tremaglia. Il
Mae ha stanziato per il programma 300 mila dollari. I primi corsi
partiranno nel settembre 2005.
Sulla Settimana della Lingua italiana nel mondo, altra rilevante iniziativa
promossa dal Mae, si è soffermato Francesco Sabatini, Presidente
dell’Accademia della Crusca.
Sabatini ha evidenziato il crescente interesse
verso questo evento, sottolineando il successo delle tre passate edizioni e
annunciando i temi portanti della prossima, che si svolgerà dal 18 al 23
ottobre: poesia italiana, italiano nella musica, la lingua in teatro.
Angela Padellaro, dirigente del Servizio Promozione libro della Direzione
generale Beni librari e Istituti Culturali del Ministero dei Beni
Culturali, ha rilevato l’importanza della collaborazione con il Mae per
dare impulso, all’estero, alla conoscenza e alla diffusione delle opere
italiane e ha spiegato che tra gli obiettivi della sua Direzione vi è il
sostegno alla promozione della traduzione per favorire lo studio della
lingua italiana. Massimo Vedovelli, Direttore dell’Osservatorio sulla
lingua italiana dell’Università per Stranieri di Siena, ha evidenziato come
l’italiano, all’interno del “mercato mondiale della lingua”, non sia
affatto perdente.
Alessandro Masi ha ricordato come la “Dante Alighieri”, della quale è
Segretario generale, rappresenti la più vasta ed organica rete attraverso
cui il nostro idioma si irradia nei vari continenti. Più di 400 i Comitati,
sorretti da 250 mila volontari di cui 8 mila italianisti provenienti da
scuole e università estere; 150 mila gli studenti frequentanti più di 4000
corsi. Mario Serio, Direttore generale Patrimonio Storico, Artistico e
Demoetnoantropologico del Ministero Beni Culturali, ha ribadito il
“rapporto essenziale” con il Mae, richiamando l’attenzione sul primato
italiano nel settore del restauro grazie all’Istituto Centrale che, tra
l’altro, ha recentemente allestito un laboratorio presso il museo di Baghdad.
A tirare le somme della Tavola rotonda, Alain Elkann. Il quale da una parte
ha osservato come sia necessario uno sforzo per cercare di essere “più
presenti, più conosciuti e più tradotti nei paesi di lingua anglosassone”,
dall’altra ha evidenziato l’importanza di coinvolgere nei seminari e negli
incontri esperti della televisione, in quanto essa è un forte veicolo di
diffusione dell’italiano nel mondo. (Simonetta Pitari-Inform)

This page is powered by Blogger. Isn't yours?