lunedì, giugno 27, 2005

Undying Love for Africa

by John Koigi, Nairobi

The Nation (Nairobi), June 25, 2005
Conservationist and author Kuki Gallmann in her international speaking engagements, is often accused of writing and talking of the lyrical Africa.

"I tell them to read about the wars, corruption and famines in the newspapers," is her standard reply.

Thirty three years after she dreamt of Africa and left the metropolitan comfort of Italy for the slopes of Laikipia, Kuki is creating the world's first African cultural academy.

Known as Great Rift Valley Academy of Art and Culture, it will be a melting and meeting point for arts and artists and will occasionally bring together people of different nationalities, skills, race and gender. The academy will be located at her 100,000-acre Laikipia Nature Conservancy in the Great Rift Valley. (She bought the land with her late husband in the 1970s from a ranching company).

"The idea (of the academy) was motivated by the desire that people have to find common denominators beyond diverse races, religions and cultures," says Kuki, the founder of the Gallman Memorial Foundation. The Foundation is a living memorial of her husband, Paolo, and son, Emmanuele, who died tragically within a period of three years.

Born in Italy in 1943, Gallmann moved with her husband to Kenya in 1972.

Paolo was killed in a road accident in 1980 on his way from Mombasa, where he had gone to collect a boat-shaped crib for their un-born baby that would be Sveva - now 24 and a partner in all Gallmann's projects. Emmanuele, Kuki's 17-year old son, loved and studied snakes. He died in his mother's arms from the bite of a puff adder.

The riveting experience is told in her best seller, I Dreamed of Africa, first published in 1991, and later translated into more than 18 languages. It was made into a film by the same name, starring Kim Basinger as Kuki Gallmann.

Of the deaths she says: "While we do not choose our tragedies, our losses or our defeats, it is up to us to make a choice to get over them."

She explains that it is her family's deep love for Africa and desire to protect it that was transformed into a burning resolve to save its wilderness, wildlife and culture.

Observers are quick to point similarities between Kuki's life and that of Danish aristocrat Karen Blixen. Tragically too, Blixen lost her father to suicide and her sister to kidney disease. Her captivating story as a tragedy-prone settler in colonial Kenya is immortalised in Out Of Africa, a movie by the same name starring Meryl Streep and Robert Redford.

The Gallman Foundation's logo features two African acacia trees - one larger than the other, as a portrait of those that Kuki planted on her husband's and son's graves at Ol Ari Nyiro conservancy.

She has also written four other books, including African Nights, Il colore del Vento (a collection of poetry in Italian) and Night of the Lions.

One of her latest works, Through the Eyes of the Gods, a book on Africa from the air - done in partnership with National Geographic, will be published in the US in September. She has received numerous awards for her social work and conservation efforts.

With assistance from Sarakasi Trust, The Italian Cultural Institute and the United Nations Environment Programme, Kuki and her daughter, Sveva, brought together leading artists from Kenya, Italy and France to stage Prelude 2005 in February.

The week-long musical event at the Laikipia Nature Conservancy was themed on earth, water, air and fire, which, explained Valerio Festi, the creative director of La Compagnia, the outdoor performance company participating, were based on Greek philosophy that they "compose everything".

Every activity was oriented around a pool. The "air" show opened with a spell-binding scene of two artists perched atop a tree stump like birds. The beauty was "trapped, frozen, possessed" through a tender saxophone tone.

Water, the second element, was described as "birth and origin of all things". The scene opened with boys playing inside a pool to the tunes of "Mtoto, Wacha Kulia (Don't cry,baby)." The scene of fire, the "symbol of fertility, protagonist of every myth - it illuminates and burns," featured acrobatic stunts that wowed the audience.

Earth was represented by a large, crystal, spherical balloon with a female artist suspended inside.

"Prelude is a name that we coined because it was the first step of what we trust will be a long creative journey," explains Sveva, adding that a gathering of creativity and music will become a regular event. It will be followed by the Great Rift Valley Festival next year.

"Our plan is to develop the idea, to create a structure to raise resources to be able to do this at a sustained level," says Kuki.

She says that the idea of an annual festival is "to show the positive, creative inspiring and healing Africa which is the other side of the coin; humankind is celebrating its common sense of being."

Every future production will be both "message" and "messenger" - promoting cross-cultural compatibility and inspiring an interest in the relationship between culture and nature.

Prelude was directed by Monica Maimone of Italy's Studio Festi, one of the world's top outdoor performance companies. Their previous works include performances in the Pope's Millennium Celebrations in Rome, a 'floating' performance over the Red Square in Moscow and the Emperor's celebrations in Japan.

Among the Kenyan participants were life-size scrap iron sculptor Kioko Mwitiki, potter Magdalene Odundo and artists from Sarakasi Trust.

Women from the neighbouring Pokot, Tugen, Kikuyu and Samburu communities, the Samburu Moran and children of Sveva's 4 Generations project were also instrumental in making The Prelude.

Elio Traina, the director of the Italian Institute of Culture, says the idea of an academy was born to tap into the rich talent that abounds in a land where people are poorly educated.

Maimone, the director of La Compagnia, expressed hope that the symbiosis between Western and African culture would continue, and that the project would take its work to the capitals of the world.

Kuki is also behind The Gallmann Memorial Foundation Environmental Award for the best environmental record in the schools in Laikipia's Ol Moran, Sipili and Kinamba in Laikipia. The foundation has established a yearly tree planting competition among local school children and regularly hosts volunteers from the Wildlife Clubs of Kenya.

A documentary on the Making of Prelude will be presented next Wednesday at the UNEP headquarters in Gigiri, between 6.00pm and 9.00pm. It is produced by Quitebright Films.

venerdì, giugno 24, 2005

Musica classica all’IIC di Sofia

Direzione di Salmieri, Prosseda al piano, un concerto con la Filarmonica di Sofia

News ITALIA PRESS, 23 giugno 2005
Sofia – Appuntamento con la musica classica europea all'Istituto Italiano di Cultura di Sofia: è in calendario per stasera 23 giugno, ricolto al pubblico dell'ente di promozione culturale italiana.
La serata prevede un concerto nella Sala Bulgaria, in cui protagonista sarà l'orchestra Filarmonica della capitale bulgara. Iniziativa su base locale, la partecipazione italiana inserita nell'evento sarà quella del direttore d'orchestra del concerto e del pianista.
Il celebre Eraldo Salmieri dirigerà infatti i musicisti bulgari dell'orchestra, ma al piano la parte solista sarà quella di Roberto Prosseda. Il programma del concerto prevede l'esecuzione del concerto n.1 di Frédéric Chopin, "Una notte sul Monte Calvo" di Modest Moussorgsky, la "Danza delle spade" di Aram Kachaturian, la "Danza dei sette veli" da "Salome" di Richard Strauss.

Letteratura Italiana on line

Il progetto sarà presentato presso la Sala Conferenze dell'Istituto Italiano di Cultura di Budapest

News ITALIA PRESS, 23 giugno 2005
Budapest - Si terrà lunedì 27 giugno, presso la Sala Conferenze dell'Istituto Italiano di Cultura di Budapest, la presentazione del progetto Letteratura Italiana e Letterature Europee on line (ELLEU), organizzata dal Consorzio IcoN in collaborazione con il Dipartimento d'Italianistica del'Università di Pècs e l'Istituto Italiano di Cultura di Budapest.
Il progetto si rivolge sia a docenti che a studenti: mira a diffondere fra i docenti una cultura dell'e-learning, mettendoli nella condizione di progettare e sviluppare, potendo fruire dell'esperienza della struttura IcoN, corsi e materiali didattici, e di gestire una didattica blended, in presenza e a distanza, in un quadro cooperativo di mobilità e virtuale internazionale.
Alla serata interverranno: Arnaldo Dante Marianacci (Istituto Italiano di Cultura di Budapest), Luigi Tassoni (Università di Pècs), Barbara Rotter (Centro Inormazioni Studentesco Farkas Kempelen), Mirko Tavoni (Università di Pisa), Joseph Eynaud (Università di Malta), Margherita Verderame (Università di Catania), Rino Caputo (Università di Roma Tor Vergata), Giulio Ferroni (Università di Roma La Sapienza), Stefania Scaglione (Università di Perugia), Pasquale Guaragnella (Università di Bari), Raffaele Pinto (Università di Barcellona), Gabriella Gavagnin (Università di Barcellona), Piotr Salwa (Università di Varsavia) . La presentazione si svolgerà in lingua italiana.

giovedì, giugno 23, 2005

Algeri: nasce il Comitato di Collaborazione Culturale

Tra i membri anche Franco Santellocco, in rappresentanza della comunità italiana residente in Algeria

News ITALIA PRESS, 22 giugno 2005
Algeri - Presieduta dall'Ambasciatore Giovan Battista Verderame e coordinata da Giorgio Guerrini, ha avuto luogo ieri la prima riunione - che ne ha sancito l'effettiva costituzione - del Comitato di Collaborazione Culturale di Algeri, che opererà presso l'Istituto Italiano di Cultura, il tutto in armonia con le direttive del Ministro degli Affari Esteri.
Lo scopo del Comitato è quello di favorire e promuovere la collaborazione con i rappresentanti dei diversi organismi culturali del Paese e l'Istituto Italiano di Cultura per meglio delineare gli strumenti necessari per una puntuale "azione complessiva" in rapporto alle esigenze culturali attuali dell'Algeria. I programmi avranno valenza annuale con revisione critica trimestrale; costante la collaborazione per l'attuazione dei singoli progetti particolari (gemellaggi fra Università, scambio giovani, Biennale di Firenze).
Sedici i componenti algerini chiamati a far parte del Comitato: Rettori dell'Università, Direttrice del Palazzo della Cultura, Scrittori e Direttore di Casa Editrice, Direttore della Biblioteca Nazionale d'Algeria, Direttore della Struttura "Arte e Cultura" di Algeri, Direttore dell'Orchestra Sinfonica Nazionale, Direttore della Scuola Superiore di Belle Arti, Direttrice del Museo delle Belle Arti, Direttore della Cooperazione e degli scambi inter-universitari, il Capo del Dipartimento di Italiano e altri ancora. A far parte del Comitato è stato chiamato anche Franco Santellocco, in rappresentanza della comunità italiana residente in Algeria.

mercoledì, giugno 22, 2005

Un pezzo di Ravenna vola a Copenaghen

Bertel Thorvaldsen (1770 - 1844)
Busto del Conte Cristino Rasponi

Una mostra promossa dalla Soprintendenza per il patrimonio storico-artistico di Bologna, dall'Istituto Italiano di Cultura e dal Museo Thorvaldsen di Copenaghen


News ITALIA PRESS, 21 giugno 2005
Ravenna - Allestita dall'ottobre scorso all'ingresso della Provincia di Ravenna, la donazione Ottenbacher Rasponi - due busti in marmo, opera di Bertel Thorvaldsen e Gaetano Matteo Monti - torna all'attenzione del mondo culturale. Promossa dalla Soprintendenza per il patrimonio storico-artistico di Bologna, dall'Istituto Italiano di Cultura e dal Museo Thorvaldsen di Copenaghen, il prossimo autunno verrà realizzata all'interno del museo danese una mostra dedicata alla donazione ravennate che documenta la storia della famiglia Rasponi, del neoclassicismo in Romagna e la presenza sul territorio di artisti di fama internazionale.

Oltre a Thorvaldsen, il museo danese possiede opere di Giambattista Bassi di Massalombarda, paesaggista molto caro al Fidia danese, e del faentino Tommaso Minardi, firmatario del Manifesto Purista. "E' nostra intenzione – precisa Franco Faranda, reggente della Soprintendenza di Bologna – realizzare dei pannelli fotografici con cui riprodurremo testi e fotografie del volume 'Arte e genius loci', curato dal nostro ispettore onorario Nadia Ceroni, che documenta la donazione e trasferire a Copenaghen il busto di Cristino Rasponi".

Cristino Rasponi (Ravenna, 1776 – 1845), capostipite della famiglia Rasponi, oggetto della donazione ravennate, giacobino, era un uomo colto e amante delle belle arti. Alle frequentazioni con i maggiori artisti a lui contemporanei doveva la proprietà di una collezione d'arte significativa. Uomo ricco di relazioni, frequentemente si trasferiva a Firenze, Roma e Milano, amico di Vincenzo Monti e Paolo Costa. Il figlio, Teseo, sposò la faentina Marina Milzetti, e in seconde e terze nozze le contesse milanesi Elisa Porro Lambertenghi - il cui padre Luigi fu tra i fondatori della rivista "Il Conciliatore" ed ebbe come precettore dei propri figli Silvio Pellico - e Marianna Durini , figlia di Antonio, podestà di Milano e cognato di Federico Confalonieri.

martedì, giugno 21, 2005

"LES ITALIENS": APRE A LIONE UN CENTRO DI CULTURA ITALIANA

LIONE\ aise\21 giugno 2005 - Nascerà per volontà dei cinque teatri di produzione del Sud Italia (Aprustum di Castrovillari, Centro Teatro Calabria di Cosenza, Spazioteatro di Reggio Calabria,Teatrop di Lamezia Terme e il Teatro dei Naviganti di Messina), riuniti in ARTIndipendenti - Associazione in Rete di Teatri Indipendenti, "Les Italiens: un centro di cultura italiana a Lione". L’ART ha infatti deciso di rilevare la gestione del Théâtre de l’Oseraie di Lione in Francia e intendono proporlo come un vero e proprio Centro di cultura italiana per la promozione del teatro e della musica indipendente, di nuove proposte, di gruppi emergenti.
Il Théâtre de l’Oseraie è situato sul pendìo della Croix-Rousse, in pieno centro storico di Lione, dichiarato nel 1998 Patrimonio dell’umanità da parte dell’Unesco. Un centro storico riconosciuto come una testimonianza eccezionale della continuità urbana da più di due millenni. Il Théâtre de l’Oseraie è uno spazio, che finora è stato consacrato soprattutto alle nuove tendenze del teatro e della musica. "Contemporain et convivial", come è stato definito da molti, un teatro che si è caratterizzato per l’ospitalità a compagnie giovani, a nuove proposte teatrali e musicali e dalla possibilità alla fine dello spettacolo di un incontro fra il pubblico e gli artisti "autour d'un verre".
Riprendendo un’idea di Maurizio Scaparro, è stato sviluppato il progetto "Les Italiens: un centro di cultura italiana a Lione", che prevede l’organizzazione e la programmazione di manifestazioni culturali con la finalità di far conoscere in Francia quanto di interessante, oggi, viene prodotto nel campo delle arti sceniche fuori dai circuiti ufficiali. Accanto a rappresentazioni teatrali, anche, programmazione di concerti, incontri, letture, esposizioni, con l’intento di aprire una finestra sull’Europa. Da qui, anche l’apertura di un confronto con la produzione culturale francese al fine di aprire collaborazioni, cooproduzioni, scambi attivi.
"Les Italiens" è un progetto, che partendo dal teatro, apre a nuovi orizzonti che toccano tutto il campo della produzione artistica e culturale meridionale. "Viviamo un momento particolarmente difficile in cui più che mai è importante cercare di costruire insieme una Europa della cultura, capace di valorizzare quel grande patrimonio storico, creativo e civile che costituisce la forza originale dell’Europa della diversità", dichiarano dall’ART. "Noi siamo portatori di esperienze di una "Italia plurale", un’Italia delle lingue e delle città, un’Italia delle regioni, attenti al proprio patrimonio culturale, così come siamo coscienti della ricchezza dei nuovi stimoli creativi che genera la vicinanza delle civiltà plurietniche del Mediterraneo. Noi abbiamo voglia di "raccontarci" in Europa, attraverso le differenti espressioni della creatività meridionale di ieri come di oggi; di approfondire i terreni di scambi e di affinità per intanto con la cultura francese, a seguire con quella di altri paesi europei, attraverso i diversi linguaggi artistici. Un impegno, dunque, per i nostri teatri – concludono – che si fanno scena internazionale: un passaggio ulteriore verso quella sensibilità che il Sud sviluppa, già da tempo, nei confronti dell'Europa".
La programmazione sarà svolta in collaborazione con i rappresentanti delle istituzioni italiane a Lione: l'Istituto italiano di cultura, la Società "Dante Alighieri", la Camera di Commercio italiana, nonché le associazioni degli italiani presenti sul territorio.
La Direzione del progetto è stata affidata a Nello Costabile, regista, drammaturgo e organizzatore culturale, già direttore di importanti istituzioni teatrali, quali il Teatro Comunale di Cosenza (teatro d'opera), il Teatro Stabile della Calabria, il Centro Rat (stabile d'innovazione). Attualmente dirige il CTC - Centro Teatro calabria per le nuove generazioni ed è coordinatore di ARTIndipendenti (rete di teatri indipendenti). (aise)

Mostre: un angolo di Italia nel cuore di Seoul

Nora Nicoletti - Fiori

Seoul, 21 giu. (Adnkronos Cultura) - Dipinti con "ortaggi", "frutta" e "fiori ", immersi in una luce che definisce lo spazio pittorico nei piani di colore. Questa la sintesi delle opere esposte a Seoul nella personale di Nora Nicoletti. Artista romana che nei suoi lavori evoca i "profumi" e i "sapori" di quell'arte antica e di quella "cultura del vivere" che caratterizza le varie regioni italiane. La mostra, dal titolo "Arte e sapori delle Regioni d'Italia", è organizzata dall'Istituto Italiano di Cultura di Seoul, presso la Startower Gallery dove sarà visitabile fino al 29 giugno. Le opere di Nora Nicoletti, oltre che a Roma, Milano e Torino, vengono esposte a Londra, Helsinki, Buenos Aires, Rio de la Plata, Mendoza, Cordoba, Montevideo, Tokyo. Un suo dipinto è presente nella collezione di Carlo d'Inghilterra e una sua opera fa parte della collezione privata di Bill Clinton.

Italiani in guerra: documentario

Di Nexta Media

21 giugno 2005
Il docu-film "A kind of holiday", diretto dal regista Franco Brogi Taviani è stato proiettato ieri sera nella sede dell’Istituto Italiano di Cultura a Londra. La proiezione è stata introdotta dall’autore, dallo scrittore Roger Absalom e dallo storico Terry Sharman dell’Imperial War Museum. La pellicola - che è stata presentata quest’anno al MipTv di Cannes - narra la vicende di tre ufficiali inglesi che, scappati nel ’43 da un campo di prigionia nell’Italia centrale, vengono accolti e aiutati dalla gente del posto

lunedì, giugno 20, 2005

GRAZIE ALL’IIC E ALL'OSSERVATORIO GIOVANI EDITORI DI FIRENZE IL QUOTIDIANO ENTRA IN CLASSE ANCHE A MARSIGLIA

MARSIGLIA\ aise\17 giugno 2005 - Ieri sera all'Istituto Italiano di Cultura di Marsiglia si è tenuta la riunione conclusiva del progetto "Il quotidiano in classe" proposto dall'Osservatorio Giovani Editori di Firenze in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri a sostegno della diffusione della stampa italiana.
Quest'iniziativa, che ha debuttato nel 2000 nelle scuole italiane con lo scopo di sensibilizzare i giovani alla lettura dei quotidiani, è stata sperimentata per la prima volta anche nei corsi di italiano per stranieri offerti dagli Istituti Italiani di Cultura all'estero.
L'Istituto di Marsiglia e quello di Amburgo sono stati i primi ad accogliere il progetto nelle classi dei corsi di livello avanzato supportati dall’Osservatorio che si è impegnato a fornire settimanalmente tre testate giornalistiche, Il Corriere della sera, Le Monde ed Il sole 24 ore, utilizzate durante i corsi per letture comparate e dibattiti.
L'idea alla base di questo progetto, ha spiegato Giuseppe Fontani, rappresentante dell'Osservatorio, "è di far crescere una generazione di giovani con uno spirito critico più legato ai valori europei".
Un punto di vista pienamente condiviso da Giovanni Serafini, corrispondente a Parigi del Quotidiano Nazionale, secondo il quale l'iniziativa dell'Osservatorio contribuisce brillantemente all'attività di "risanamento" della stampa italiana, in atto ormai da qualche anno.
"Nel caso specifico degli Istituti Italiani di Cultura – ha aggiunto Fulvia Veneziani, direttrice dell'IIC di Marsiglia - il quotidiano diventa non solo un mezzo per la costruzione di una coscienza civica europea più solida, ma anche uno strumento di penetrazione linguistica formidabile. Allora, - si chiede - perché non proporre lo stesso progetto nelle scuole francesi, magari attuando una formazione specifica per gli insegnanti di italiano?"
Una proposta forse un po’ costosa, ma ritenuta interessante per l'Osservatorio che intende tenerne conto per l’anno il 2006 in cui il quotidiano tornerà in classe a piacere e beneficio del pubblico italofilo che frequenta l'Istituto, da sempre ben disposto a discutere di ciò che accade nel Bel Paese. (aise)

giovedì, giugno 16, 2005

Figuras de la moda italiana en el Centro Cultural Borges

Moda y belleza

La Nacion Line - EDICIÓN IMPRESA, Jueves 16 de junio de 2005
Armani, Ferré y Versace se bajan de la pasarela y van al museo. Hasta el miércoles 26, el Centro Cultural Borges invita a la muestra Hombres frente al espejo, que recorre hitos de moda masculina, firmados por grandes diseñadores italianos.

Las prendas exhibidas repasan la evolución de la vestimenta y los accesorios del hombre fashion entre 1970 y 1990, y son patrimonio del Museo per la Moda (MuMo), de la Fondazione Sartirana Arte de Pavia, que llega al país invitado por el Instituto Italiano de Cultura.

Fatto in casa

Gianni Versace ocupa la mayor cantidad de los maniquíes. Visten sacos en gabardina, tweed, gamuza y lana, camisas de algodón y de lino, jeans y chalecos. De Ken Scott hay una docena de trajes, presidida por uno dorado, donde relucen en el estampado las iniciales de su autor.

Gianfranco Ferré ilustra 1986 con un saco en tweed espigado y un tapado en gabardina. Los años 90 se representan con un saco de cashmere marrón y otro príncipe de Gales, de Giorgio Armani.

También, trajes y chalecos de Valentino. El museo decidió conservar y exhibir seis modelos en lana tricot policroma, de Missoni, y bufandas y corbatas firmadas por Armani, Versace, Iceberg y Missoni, entre otros.

"El hombre de la segunda mitad del siglo XX inició un camino de renovación del propio repertorio de seducción y de autorrepresentación, abandonando el aburrimiento del english style impuesto por las rígidas normas de un protocolo insólito, para afirmar elecciones personales", comenta desde Italia el director de la fundación, Giorgio Forni.

Y agrega: "Exponer el trabajo de nuestros mosqueteros servirá seguramente para rendir homenaje a las empresas que contribuyeron a hacer grande y deseado el made in Italy en el mundo".

"La moda italiana siempre ha representado no sólo una manera de ver las cosas, sino también una manera de vivirlas", le hace eco el encargado de presentar esta colección para el recuerdo, Iván de Pineda. Se puede visitar de lunes a viernes, de 14 a 22 (entrada libre y gratuita).

María Paula Zacharías

Hombres frente al espejo

TENDENCIAS
Muestra de moda masculina

Clarin.com - Martes, 14.06.2005
Con la presencia del top model argentino Ivan de Pineda como cara del evento, se inauguró en el Centro Cultural Borges la muestra "Hombres frente al espejo, la moda masculina de los grandes diseñadores italianos". Se trata de una reseña sobre la evolución de la vestimenta masculina en la segunda mitad del siglo XX que permite observar cómo entre los años 70 y 90 comienza a imponerse una moda propiamente masculina que marcó el alejamiento del gris traje burgués, símbolo de la manera de vestir que había caracterizado el atuendo masculino durante casi ciento cincuenta años.

En exhibición hay trajes, sacones, sobretodos, camisas, ropa casual y accesorios diseñados por algunos de los nombres mas famosos de la moda italiana como Gianni Versace, Valentino, Giorgio Armani, Missoni y Gianfranco Ferre, entre otros.

Todas estas prendas y accesorios que están puestas en maniquíes, pertenecen a la colección del Mumo de Pavia y muchas de ellas fueron donadas por los clientes de estas marcas para la difusión del Made in Italy en el mundo. La particularidad de las mismas radica en los materiales, estilos y colores que revelan el gusto en el vestir del hombre italiano.

"Hombres frente al espejo" fue organizada por el Instituto Italiano di la Cultura de la Embajada de Italia y cuenta con el auspicio del Museo por la Moda, la Fondazione Sartirana Arte, la Provincia de Pavia y el Centro Cultural Borges. Estará abierta de 9 a 21 hasta el 26 de junio. En San Martin y Viamonte.

TORNA “ESTUDOS ITALIANOS EM PORTUGAL”, LA STORICA RIVISTA DELL’ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA DI LISBONA

IL 23 GIUGNO IL LANCIO DEL NUMERO 0 DELLA NUOVA SERIE

(inform) 15 giugno 2005
LISBONA – Dopo 12 anni, torna ad essere pubblicata la rivista “Estudos Italianos em Portugal.
Il 23 giugno (ore 19) presso la Sala Teatro dell'Istituto Italiano di Cultura di Lisbona (Rua do Salitre 146) sarà lanciato il numero 0 della Nuova Serie della storica rivista, fondata nel 1939 dall’allora Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura in Portogallo Aldo Bizzarri. A presentarlo, il Direttore dell’IIC Giovanni Biagioni, la coordinatrice editoriale Rita Marnoto, e il membro del comitato scientifico José V. de Pina Martins.
La decisione di pubblicare nuovamente la rivista, è avvenuta in seguito, come tiene a sottolineare in un nota l’IIC di Lisbona, in seguito ai continui e numerosi solleciti pervenuti dal mondo culturale e accademico luso-italiano ed internazionale.
Nata originariamente come spazio editoriale in cui raccogliere e pubblicare i testi delle conferenze tenute dagli studiosi portoghesi nella sede dell’Istituto, la rivista ha subito nei decenni una radicale trasformazione, divenendo uno strumento fondamentale del dialogo interculturale e annoverando tra i propri collaboratori i nomi più prestigiosi della cultura, delle lettere e della ricerca, sia italiani che appartenenti al vasto mondo lusitano.
Proprio per ridare continuità ad un’iniziativa editoriale più che cinquantenne, l’Istituto Italiano di Cultura di Lisbona, grazie alla fattiva e determinante collaborazione dell’Instituto de Estudos Italianos dell’Università di Coimbra, presenterà il numero 0 della Nuova Serie. Che si avvale di un comitato scientifico costituito, oltre che da Pina Martins, anche da Aníbal Pinto de Castro e João Bigotte Chorão, e da un consiglio editoriale integrato da Ernesto Rodrigues, Gianluca Miraglia, Isabel Almeida, Manuel Simões e Maria João Almeida. Di fatto, nella nuova edizione della rivista trovano posto saggi sull’arte, sul cinema, sulla letteratura e sull’architettura, nati dalla penna di illustri collaboratori, una sezione di testi letterari, recensioni, schede sui libri italiani tradotti in portoghese, informazioni sull’attualità culturale, ecc…Alla fine degli interventi il pubblico si sposterà presso la contigua e recentemente inaugurata Libreria Italiana, dove potranno essere acquistate le prime copie della rivista. (Inform)

mercoledì, giugno 15, 2005

Il portale della Farnesina è il sito più credibile

INTERNET/ PUBBLICATA RICERCA SULLA CREDIBILITA' DEL WEB ITALIANO

Roma, 15 giu. (Apcom) - Il sito più affidabile in Italia è il portale del ministero degli Affari Esteri. E' quanto emerge dalla prima ricerca sulla credibilità del Web effettuata da Spazio Rp, servizi di editoria e comunicazione. Nella ricerca sono stati oltre 10.000 siti navigati e 1.000 i giornalisti e addetti stampa intervistati.
Tra i 1.800 siti considerati più credibili, quello della Farnesina rispetterebbe al meglio i criteri di qualità, autorevolezza, competenza e professionalità uniti a una molteplicità di tematiche trattate e al ruolo centrale del ministero.
L'analisi, condotta solo sui siti d'interesse nazionale, assegna il punteggio maggiore a quelli di derivazione istituzionale e politica. Gli sforzi concentrati sul target degli uffici stampa ha identificato 13 categorie.
I new media stentano a affermare la loro autorevolezza. A seguire i blog confermano la funzione di scambio di informazioni tra amici. I siti aziendali, invece spiccano per il carattere innovativo. Primi fra tutti i siti motociclistici e alcuni automobilistici. I risultati della ricerca sono disponibili in un cd-rom.

Italian Institute Offers Scholarship Contest

By Yoon Won-sup
Staff Reporter

The Korea Times, June 14, 2005
If there is anyone who wants to study fashion or opera in Italy, he or she must stop by the Italian Cultural Institute in Seoul before heading for the European country, said Luigino Zecchin, director of the institute.
``We provide Italian language courses to anyone interested because the language is a prerequisite for studying in Italy,’’ Zecchin told The Korea Times last week.

The institute organizes the all-level language courses in cooperation with Sogang University. But the language classes are held at the university because of a space limit in the institute.

``Young people visit the Italian Cultural Institute to get information for studying in Italy as they want to specialize in Italian music, opera singing, design and fashion,’’ he said. ``This seems to be a recognition of the excellence and international esteem that Italy has won in these fields with its long tradition.’’

However, studying in Italy can be frustrating without a knowledge of Italian language, he stressed.

For example, he picked a South Korean opera singer who sings very well in Italian by memorization but does not understand the meaning of the song.

Against this backdrop, the institute will launch a yearly scholarship contest for Korean students who plan to study in Italy.

``The scholarship, `titled Premio Italia’ will be granted to applicants who will prove most skillful at mastering the language as well as singing,’’ Zecchin said.

The institute was first established in Seoul in 1987, but it has been at its current premises near the Italian Embassy in Hannam-dong, Seoul since March 2003.

``The main task of the institute is to increase the knowledge of Italian culture in Korea through various events including language courses, cultural events, translation of Italian literature, and so on,’’ he said.

The institute has not only a library with books mainly on Italian literature and history, but also magazines, slides, VHS cassettes and DVDs of famous Italian movies that are lent free of charge to anybody interested.

Initially, the institute intended to use the whole five-story building so that it could put various facilities together such as an Italian restaurant and classrooms. But the institute came to use only the fourth floor.

``We are now trying to enlarge the institute and qualify even more our presence in this country that so well understands and so much appreciates Italian culture so as to keep up to the expectation of Korean people and meet their interest,’’ he said.

``Our project is to make this building a reference point for anyone who is interested in Italy with the creation of a restaurant, a cafe and meeting hall for cultural activities like lectures and movie showing.’’

Asked why Italy is so famous as a country of fashion, Zecchin said it is mainly thanks to the synthesis of Italian ``creativity.’’

``Italian fashion, together with design, nowadays seems to represent the synthesis of Italian creativity,’’ he said. ``Our products in jewelry, shoes and accessories creatively reflect the enormous patrimony of different styles that we drive from past civilizations and from which we draw endless source of inspiration as much as possible.’’

However, the director of the institute noted that Korean perception on Italy is not balanced as they usually associate the country with luxury brands such as Gucci.

``Korean people know well about Gucci and Armani, but do not know much about Galileo Galilei when they think of Italy,’’ he said, stressing that this is not the whole picture of Italian culture, but just cultural product.

Further information on the institute is available on its Web site at www.italcult.or.kr.

TRADOTTO IN LINGUA NORVEGESE IL ROMANZO "VITA" DI MELANIA MAZZUCCO: DOMANI LA PRESENTAZIONE ALL’ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA DI OSLO

OSLO\ aise\14 giugno 2005 - Domani, mercoledì 15 giugno, uscirà nelle librerie norvegesi il romanzo di grande successo "Vita" di Melania Mazzucco, Premio Strega 2003, già tradotto in 12 lingue. La traduzione è pubblicata dalla Cappelen, una delle più antiche e prestigiose case editrici del Paese.
In occasione dell’uscita del suo volume, l'autrice sarà ad Oslo per il lancio del libro e parteciperà ad un incontro organizzato dall'Istituto Italiano di Cultura di Oslo, in collaborazione con la casa editrice Cappelen.
Presso la sede dell’Istituto sarà infatti ospitato sempre domani, alle ore 18.30, un incontro con Melania Mazzucco e Kristin Gjerpe, che ha curato la traduzione di "Vita". Nella serata letteraria la scrittrice e la traduttrice leggeranno alcune pagine del romanzo in lingua italiana e norvegese.
Scrittrice fra le più originali e poliedriche del panorama letterario italiano, Melania Mazzucco ha esordito nel 1996 con il romanzo "Il bacio della medusa", finalista al Premio Strega e al Premio Viareggio, a cui sono seguiti "La camera di Baltus", ancora finalista allo Strega, e "Lei così amata", vincitore fra gli altri del Premio Napoli e del Premio Vittorini 2000. (aise)

domenica, giugno 12, 2005

43esimo Premio Campiello

di Sergio Frigo

Il Gazzettino, 12 giugno 2005
Gianni Celati ("Fata Morgana", Feltrinelli) e Antonio Scurati ("Il sopravvissuto", Bompiani), Ennio Cavalli ("Quattro errori di Dio", Aragno), Raffaele Nigro ("Malvarosa", Rizzoli) e Pino Roveredo ("Mandami a dire", Bompiani), sono i finalisti - con quest'ordine di piazzamento - del 43esimo Premio Campiello. Li ha selezionati ieri mattina nell'Aula Magna dell'Università, a Padova, la giuria dei letterati, presieduta dall'oncologo Umberto Veronesi e composta dal linguista Gian Luigi Beccaria, da Paola Bianchi De Vecchi, rettore dell'Università per stranieri di Perugia, dal sociologo Domenico De Masi, dall'inviato del Corriere Paolo Di Stefano, dall'ebraista Elena Loewenthal, dal critico Lorenzo Mondo, dal documentarista Folco Quilici e dal neo presidente dell'Istituto per il Commercio Estero, l'ambasciatore Umberto Vattani.

É stata una votazione filata via liscia, gestita impeccabilmente da un Veronesi che ha sottolineato il suo apprezzamento per le scrittrici e il suo impegno in favore delle donne («anche contro qualche legge che limita la loro possibilità di scelta»,con trasparente allusione alla consultazione odierna), con la novità del "totalizzatore" luminoso sullo sfondo, che ha evitato i patemi dello scorso anno, ad Arabba. L'unica emozione - accanto all'ammirazione per la bellezza della storica sala del Bo - è venuta dall'esito del testa a testa finale per il quinto posto: un confronto in cui l'ha spuntata a sorpresa - sui più noti Pascale e Cacopardo - l'"outsider" triestino Pino Roveredo, unico rappresentante del Nordest dopo che Gian Antonio Stella col suo "Il maestro magro" si era fermato alla seconda votazione.

Doppia soddisfazione, dunque, per Elisabetta Sgarbi, che ha piazzato due finalisti nella cinquina e che credeva molto nel suo autore triestino, reduce cinquantunenne di molte sconfitte, diventato scrittore e militante di gruppi umanitari dopo essere stato operaio in fabbrica e operatore di strada, ed essere passato anche per il carcere e l'ospedale psichiatrico. I suoi personaggi, scrive Claudio Magris nella bellissima introduzione, «vivono spesso ai margini della vita o nell'ombra; egli ne racconta con partecipe affetto e rispetto le violenze anche brutali e le umiliazioni subite, gli sbandamenti o le canagliate ma anche il generoso e spavaldo coraggio». Considerazioni condivise da giurati come Elena Loewenthal e Lorenzo Mondo («un intenso amore per i suoi personaggi emerginati»; «una straordinaria capacità di scrittura») e dallo stesso Veronesi, che hanno sostenuto Roveredo dall'inizio alla fine.

Promossi invece fin dalla prima votazione, con sei voti, Gianni Celati e Antonio Scurati, e con cinque Ennio Cavalli. In "Fata Morgana" Celati, che è anche traduttore e autore di film (compreso uno sceneggiato su Fausto Coppi) ritorna all'amata letteratura di viaggio, già sperimentata in "Avventure in Africa", per «rimescolare realtà e fantasia, avventura e realtà, giorno e notte» (Beccaria), «inventandosi un paese che tutti vorremmo visitare» (Quilici). Il napoletano cresciuto a Venezia Antonio Scurati - che ne "Il sopravvissuto" mette in scena il dramma di un esaminatore scampato alla mattanza perpetrata da un suo studente - ha entusiasmato invece uno straripante Domenico De Masi, che ha auspicato che «molti ragazzi imitino il pluri-omicida (risparmiando magari il sottoscritto) per porre fine allo scempio della cultura messo in atto con intento criminale da una scuola trascinato allo stato terminale dal trio Zecchino-Berlinguer-Codato» (applausi convinti dalla platea).

I "Quattro errori di Dio", del giornalista radiofonico Ennio Cavalli - definito da Beccaria «un thriller alla ricerca di Dio», e da Quilici «un piccolo romanzo che solleva grandi interrogativi» - racconta in tono scanzonato (c'è anche un... diluvio involontario) il bisogno di spiritualità in un'epoca di fondamentalismi. Mentre Raffaele Nigro (vincitore del Campiello nel 1987 con "I fuochi del Basento", ieri scelto alla seconda votazione) in "Malvarosa" mette in scena il confronto fra l'anima cristiana e quella islamica attraverso i vivaci racconti di due prigionieri tenuti nel buio di una cella da un gruppo di guerriglieri algerini.

Ma se la selezione è stata tutto sommato agevole, il lavorio preliminare a detta di tutti i giurati è risultato piuttosto faticoso per la buona qualità di molte opere in concorso, anche se il Comitato tecnico formato da Giorgio Pullini, Nella Giannetto e Gilberto Pizzamiglio aveva già provveduto a sfrondare a 36 gli 88 volumi pervenuti: fra gli altri hanno ricevuto voti Simonetta Agnello Hornby, Antonella Boralevi, i pordenonesi Mauro Covacich e Alberto Garlini, Maurizio Maggiani, Antonio Pascale, Bianca Pitzorno; del tutto ignorati invece nomi come Alberto Bevilacqua (polemico finalista nel 2004), Sandra Petrignani, Elisabetta Rasy e Domenico Starnone.

Ma al di là degli aspetti letterari (come l'annuncio da parte del presidente Walter Fortuna della settimana di incontri con i finalisti, al Future Centre di Venezia l'ultima settimana di giugno, o dell'intervento al Festival di Ravello, il 20 luglio), il Campiello quest'anno ha riservato anche la coincidenza di due "prime" interessanti, in questi tempi critici, per le loro suggestioni a cavallo fra cultura ed economia: il debutto del nuovo presidente regionale degli industriali Andrea Riello, che del Premio è esattamente coetaneo, e il primo giorno di Umberto Vattani, già Segretario generale della Farnesina, alla presidenza dell'Istituto per il Commercio Estero. Tema, ovviamente, come la cultura possa dare il suo contributo a migliorare la qualità della vita e anche incrementare il Pil nazionale. «É la nostra arte, la nostra letteratura - ha detto il diplomatico riprendendo anche i saluti introduttivi del presidente degli industriali padovani Luca Bonàiti e dell'assessore Marco Carrai - a fare di un oggetto italiano un oggetto unico e non duplicabile. Per questo mi fa piacere la vostra decisione di esportare il premio in Germania e poi anche a Bruxelles, dove si pensa che la lingua italiana non serva più. E anzi vorrei fare un appello agli scrittori a trovare uno slogan che ci aiuti a portare l'arte italiana più lontano, più efficacemente».

sabato, giugno 11, 2005

Istituti di Cultura: facciamo sistema, non “regime”

Profondo Nord
di Luigi G. de Anna

Secolo d’Italia, 11 giugno 2005
A Roma c'è una signora gentilissima. Silvia Masetti del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo mi tiene informato mandandomi gli articoli del "Secolo d'Italia" che riguardano noi italiani all'estero. La settimana scorsa mi ha spedito copia dell'articolo del ministro degli Esteri Gianfranco Fini "La creatività italiana nel mondo globale", pubblicato in occasione della terza Conferenza dei direttori degli Istituti di Cultura all'estero. Poiché io stesso ho collaborato per vent'anni con l'Istituto di Cultura di Helsinki, ho trovato questo articolo particolarmente interessante. Innanzitutto vorrei sottolineare l'importanza dell'iniziativa, nata sotto l'attuale governo, il quale ha dimostrato una particolare sensibilità nei confronti della diffusione della cultura e della lingua italiana all'estero. Naturalmente gli Istituti di Cultura esistono da molti anni, infatti vennero creati già prima della seconda guerra mondiale. Nell'ambito del ministero degli Esteri, dalla cui Direzione generale per le relazioni culturali dipendono, hanno però in passato rivestito il ruolo della Cenerentola. Il personale era prestato (e in parte, per quanto riguarda i lettori lo è ancora) dalla Pubblica Istruzione e veniva a trovarsi in posizione di inferiorità, anche economica, rispetto ai diplomatici. Soprattutto, al ministero degli Esteri gestito dai governi di centrosinistra, mancava una percezione della politica culturale. Gli Istituti molto spesso non solo non venivano dotati di mezzi finanziari necessari per poter operare, ma non venivano neppure tracciate le linee generali della politica culturale da perseguire. Negli ultimi anni invece, pur nella difficile congiuntura economica che il Paese attraversa, e pur nella drammaticità dei tagli ai bilanci dei ministeri, la cultura e la lingua italiane hanno ripreso ad essere considerate come un veicolo importantissimo di diffusione non soltanto della civiltà italiana, ma anche dei suoi prodotti e della sua dinamica sociale. È del resto evidente che l'immagine dell'Italia ha una sua ricaduta proprio di carattere extraculturale. Chi ama il nostro Paese non solo studia la lingua, ma se ne fa ambasciatore entusiasta nel proprio ambito di lavoro e di attività, ne acquisterà i prodotti e ne arricchirà il turismo. Insomma, investire nella cultura italiana è un'ottima forma di promozione anche economica.
L’attenzione del ministero degli Esteri nei confronti della diffusione della nostra lingua e cultura è evidente. Citerò non solo il rafforzarsi di iniziative di diffusione mondiale come la Settimana della lingua italiana che si celebra in ottobre, ma anche la collaborazione sempre più stretta con la Dante Alighieri diretta da Bruno Bottai e la recente lotta sostenuta a favore della permanenza dell'italiano tra le lingue di lavoro dell'Unione europea. Come ha ricordato il ministro Fini ai direttori degli Istituti di Cultura riuniti a Roma, il governo (ma a dire il vero dovremmo dire An, visto che, per fortuna, non esistono ancora Istituti di Cultura Padana) si è opposto ai tentativi di declassare l'italiano in ambito comunitario. La ragione della ferma reazione italiana non sta in un vacuo nazionalismo o nel desiderio di difendere un prestigio, ma nel principio, fondamentale per l'attuale Unione Europea, che ogni sua componente è pari alle altre e che quindi ogni lingua, anche la meno parlata, ha uguale dignità. Si tratta, come ha detto Fini, dello specchio dell'Europa unita nella diversità. Naturalmente per ragioni pratiche non tutte le lingue possono essere interpretate o tradotte in ogni circostanza, ma il ridurne il numero escludendo l'italiano rappresentava non solo uno sgarbo alla nostra nazione fondatrice della Comunità Europea, ma anche una inversione di tendenza che presagisce il desidero di andare sempre di più verso il predominio delle lingue cosiddette (linguisticamente è un assurdo) "maggiori". In pratica si tratta del tentativo di ridurre la molteplicità culturale dell'Europa ad un modello unico, che tende a privilegiare la lingua inglese, anzi sarebbe più corretto dire l'americano, che oramai ha invaso non solo le nostre riunioni e le nostre assemblee, ma anche le nostre lingue con l'alluvione di anglicismi che nulla hanno più a che fare con gli "europeismi" di leopardiana memoria.
Bene, dunque, benissimo ha fatto il ministro degli Esteri a intervenire in questo senso, ricordando, sempre ai direttori degli Istituti di Cultura, questo dovere nei confronti della nostra lingua. Meno bene ha fatto il presidente del Senato Marcello Pera a tirare le orecchie ai direttori. La sua critica dell'attività svolta dagli Istituti di Cultura sembra essere alquanto superficiale e basata su luoghi comuni. Mi permetto di dubitare che ci siano direttori che non si sentono fieri di rappresentare l'Italia, anche se possono non essere fieri di rappresentare il governo italiano in carica. Per vent'anni ho lavorato in un Istituto, e devo dire che il mio peggior nemico è stata proprio la faziosità degli intellettuali di sinistra, né io ero affatto fiero di rappresentare l'allora governo in carica. Non possiamo ora a nostra volta imporre una cultura di regime a nessuno. Neppure ai nostri detrattori.

Pucci di Benisichi segretario generale alla Farnesina

Giornale di Sicilia, 11 giugno 2005
ROMA. Paolo Pucci di Benisichi è il nuovo segretario generale della Farnesina al posto dell'ambasciatore Umberto Vattani, che dal 17 luglio andrà a presiedere l'Istituto per il commercio con l'estero (Ice). A nominarlo è stato ieri il Consiglio dei ministri. Nato a Palermo nel 1941, Paolo Pucci di Benisichi è entrato in carriera diplomatica nel 1964 ed è stato nominato ambasciatore di grado nel 2004. Autore di numerose opere di politica internazionale, Pucci ha ricoperto nella sua lunga carriera molti incarichi diplomatici soprattutto nell'ambito delle grandi organizzzazioni internazionali, dalla Nato, alla Csce fino al Consiglio d'Europa. Ma anche in Spagna e Austria. Come suo primo incarico nel 1964, per quattro anni, viene assegnato alla Direzione Generale Affari Politici al Servizio Nato. Nel 1968 è all'ambasciata italiana a Buenos Aires fino al 1971, quando è destinato come Console d'Italia a Smirne. Nel 1980 è destinato a Bruxelles come Primo Consigliere alla Rappresentanza Permanente d'Italia presso la Nato. Dal 1989 al 1993 è Capo della Delegazione Italiana alla Conferenza di Vienna per il Negoziato sulle Forze Armate Convenzionali in Europa e, successivamente, anche alla Conferenza di Vienna per la Trattativa sui Cieli Aperti ed ai negoziati Csce sul controllo degli armamenti e per il rafforzamento della sicurezza. Dal 1994 al 1988 Pucci è rappresentante Permanente d'Italia presso il Consiglio d'Europa a Strasburgo. Dal 1998 al 2002 è Ambasciatore d'Italia in Spagna. Dal 2002 ricopre invece l'incarico di Direttore Generale per i Paesi dell'Europa. Pucci è stato nominato, anche per il profilo istituzionale che lo caratterizza come il più auterevole e il più adatto a superare ogni possibile divisione interna alla carriera. La sua nomina, voluta dal ministro Fini e gradita al Quirinale, è stata infatti accolta positivamente oltre che dalla maggioranza e opposizione, anche dagli stessi numerosi concorrenti all'incarico.

venerdì, giugno 10, 2005

DEDICATO ALLA III CONFERENZA DEI DIRETTORI DEGLI ISTITUTI ITALIANI DI CULTURA L’EDITORIALE DEL DIRETTORE DI “TRIBUNA ITALIANA” MARCO BASTI

POLITICA CULTURALE

Inform, 9 giugno 2005
BUENOS AIRES - Dieci giorni fa si è conclusa a Roma la III Conferenza dei Direttori degli Istituti Italiani di Cultura, gli enti incaricati di diffondere all’estero la cultura italiana. A pagina 8 pubblichiamo un servizio su questa conferenza. Dagli interventi vengono fuori numerose, interessanti definizioni e ci sono molte proposte, anche se alcune di esse si contraddicono tra di loro.
Non ci stanchiamo di ripetere che il nostro è un periodico di collettività ed è in quanto tale che analizziamo le notizie che ci sono giunte sull’assise dei Direttori degli Istituti Italiani di Cultura, presenti in 60 Paesi in tutto il mondo, tra i quali l’Argentina dove ci sono uno a Buenos Aires e un altro a Cordoba. Ma non possiamo fare a meno di chiederci con quali fondi si farà la politica di promozione culturale italiana all’estero, quando essa dipende in buona parte dal bilancio del ministero degli Affari Esteri che da anni lamenta una fetta nel bilancio dello Stato che è troppo esigua (e per questo è costretto a rinunciare ai contrattisti che dovevano aggiornare l’anagrafe e agevolare le pratiche di cittadinanza), appena lo 0.28% delle spese dello Stato. Da quell’esigua percentuale viene presa buona parte dei fondi da spendere nella promozione culturale. Come possono bastare?Ci domandiamo inoltre come viene decisa la politica di diffusione culturale italiana in ogni singolo Paese. E’ presa in considerazione la presenzao meno di una comunità italiana? O è uguale per tutti i Paesi?
Alcuni anni fa, abbiamo chiesto a un Direttore dell’IIC di Buenos Aires perché l’Istituto non faceva una politica che tenesse in considerazione il fatto che in Argentina c’era una tra le più numerose comunità italiane residenti all’estero. Ci rispose che l’IIC non aveva come obiettivo gli italiani residenti in Argentina, ma le élites culturali e in genere il pubblico argentino. Da allora molta acqua è passata sotto ai ponti. I nostri lettori sanno qual è la proposta dell’IIC di Buenos Aires perché viene pubblicata regolarmente nella nostra agenda di eventi culturali. Non è certamente una folla quella che partecipa a tali eventi, anche se è giusto riconoscere che alcune manifestazioni sono rivolte a un pubblico più ristretto ed altre sono aperte al grande pubblico.
C’è comunque da chiedersi con quali criteri decidono i loro programmi gli IIC. Chi viene consultato. Ad esempio, non ci risulta – almeno le informazioni trasmesse dalle agenzie stampa non ne hanno fatto cenno - che il CGIE sia stato invitato a presenziare o a partecipare alla seduta.
Nel cosiddetto “decalogo” elencato dall’ambasciatore Umberto Vattani, segretario generale della Farnesina sulle linee guida dell’azione degli IIC, c’è anche una che propone “l’attenzione alle esigenze delle comunità italiane all’estero”.
Non è sicuramente il punto decisivo che deve guidare l’azione dei due IIC dell’Argentina, ma sarebbe utile che i responsabili di essi li prendessero in considerazione. E’ evidente che manca un rapporto organico tra l’IIC e i rappresentanti della nostra collettività. Invece la politica di diffusione culturale italiana rivolta agli italiani residenti in Argentina sembra riservata ai Consolati, che hanno come interlocutori i Comites e le associazioni italiane presenti in ogni circoscrizione. Ciò significa che la politica culturale italiana per l’Argentina, affidata agli IIC, prescinde dalla nostra presenza, e sembra la stessa che l’Italia mette in atto in altri Paesi dove non ci sono comunità italiane numerose, come può essere il caso della Russia o del Giappone.
Non c’è da meravigliarsi se poi, quando c’è una manifestazione organizzata dall’Italia alla Fiera del Libro, le sale sono insufficienti per ricevere tutti gli interessati. Succede poi che quando si va in cerca di libri italiani non se ne trovano (una volta c’erano a Buenos Aires 5 librerie esclusivamente italiane, oggi c’è solo quella della Dante e la Joyce e Proust che vende anche libri italiani) o se ne trovano a prezzi irraggiungibili (ad esempio l’ultimo romanzo della Maraini costa $120) per la stragrande maggioranza della gente. Succede anche che se si va nelle grandi librerie, quasi non ci sono libri tradotti di autori italiani, al di fuori di Eco, Tabucchi o qualche opera della stessa Maraini o la Fallaci.
E’ ragionevole che in un Paese dove la metà della popolazione ha un avo italiano e dove è registrata la seconda maggiore comunità nelle anagrafi consolari, si possano registrare queste mancanze?
"La cultura è la prima immagine che offriamo all'estero del nostro Paese" ha affermato il ministro Rocco Buttiglione nel suo intervento alla citata Conferenza. Purtroppo è un’immagine che non è all’altezza della cultura italiana. (Marco Basti-Tribuna Italiana/Inform)

giovedì, giugno 09, 2005

Vilnius 'colorata' di silenzio

L'iniziativa è fra gli eventi dell'ASCE (Association of Significant Cemeteries in Europe)

News ITALIA PRESS, 9 giugno 2005
Vilnius - Domani, nella Sala Espositiva dell'Istituto Italiano di Cultura di Vilnius, si apre la mostra di fotografie di Vittorio Valentini 'I colori del silenzio'. La mostra, organizzata in collaborazione con il Dipartimento per i Beni Culturali del Ministero della Cultura lituana, presenta oltre trenta fotografie a colori di Vittorio Valentini della Certosa di Bologna.

L'iniziativa è fra gli eventi dell'ASCE (Association of Significant Cemeteries in Europe) che si tengono in diverse capitali europee in questi giorni ed è resa possibile anche grazie al sostegno dell'Ambasciata di Lituania a Roma e il Comune di Bologna. Il Comune di Bologna ha infatti organizzato la mostra a ottobre del 2004 e pubblicato il catalogo, in italiano e inglese, curato dal fotografo Nino Migliori con un saggio di Arturo Carlo Quintavalle.

Vittorio Valentini, per questa ricerca, ha scelto l'utilizzo del colore, un colore però insolito pressoché monocromatico in grado di creare sensazioni di straniamento, un lavoro che Nino Migliori definisce "di straordinaria interpretazione cromatica ed evocativa". Lo stesso Arturo Carlo Quintavalle nell'analizzare questa scelta del colore afferma che "Valentini ha voluto modificare prima di tutto la pelle delle sculture e ha voluto eliminare proprio quell'atmosfera di abbandono, di incombente e opprimente presenza di forme immobili". La mostra resterà aperta fino all'8 luglio.

Venezia: dopo Parigi, New York

Presso l'Istituto Italiano di Cultura di New York, verranno proiettati i documentari realizzati da Francesco Pasinetti sulla città di Venezia

News ITALIA PRESS, 9 giugno 2005
New York - Dopo la tappa al Museo del Louvre di Parigi, il 15 giugno saranno presentati anche a New York, presso l'Istituto di Cultura Italiana della Grande Mela, i documentari realizzati da Francesco Pasinetti sulla città di Venezia, recentemente restaurati dall'Archivio Storico dell'Istituto Luce. Il recupero dell'opera di Pasinetti, fotografo, documentarista, studioso e direttore del Centro Sperimentale di Cinematografia, scomparso prematuramente all'età di 38 anni nel 1949, riguarda cinque film dell'autore dedicati all'arte: "Piazza San Marco"; "Venezia minore"; "Gondola" e "Palazzo dei Dogi"; "I piccioni di Venezia".

Francesco Pasinetti era nato a Venezia il 1 giugno del 1911, non aveva ancora compiuto trentotto anni. In quei giorni stava ultimando un documentario prodotto dall'Istituto Luce, Scuola di infermiere che rimase incompiuto. E, oltre ad insegnarvi praticamente dalla sua fondazione, aveva da poco assunto la Direzione del Centro Sperimentale di Cinematografia. Pasinetti, infatti, tra gli allora docenti di quella che oggi è diventata la Scuola Nazionale di Cinema, è colui che più si è interessato, anche fisicamente, alla pellicola, lavorando come sceneggiatore e come regista, ma anche collezionando vecchi film, e creando così le basi dell'allora nascente Cineteca Nazionale.

Cineamatore dalla più tenera età, aveva esordito nel 1934 con quello che rimane il suo unico lungometraggio, Il Canale degli Angeli, ambientato a Venezia, città alla quale dedicherà una buona parte dei cortometraggi realizzati successivamente, con quel suo stile rigoroso e attento, ricco di valori formali ma capace, al contempo, di cogliere e fissare con realismo la quotidianità della vita.

Italia-Cina: Bettamio inaugura mostra 'Matteo Ricci' a Istit. cultura Berlino

Ritratto di Matteo Ricci di Emanuele Yu Wen-Hui, detto Pereira, in deposito presso la Chiesa del Gesù, Roma

Roma, 9 giu. - (Adnkronos)- ''Padre Matteo Ricci non e' solo un precursore della vocazione italiana al dialogo interculturale ma anche uno tra i primi e piu' eminenti artefici della diffusione del genio italiano nel mondo''. Lo afferma il sottosegretario agli Esteri Giampaolo Bettamio, che ha inaugurato ieri a Berlino la mostra ''Matteo Ricci. Un italiano alla corte dei Ming''.

La partecipazione di Bettamio alla giornata di apertura della mostra berlinese testimonia l'importanza che la Farnesina attribuisce all'evento, uno dei piu' significativi nella programmazione dell'Istituto Italiano di Cultura a Berlino per il 2005, reso possibile dal co-finanziamento del ministero degli Esteri e di importanti sponsor privati. Bettamio ha collocato la mostra nel quadro del crescente slancio, nei rapporti economici e culturali, del Governo italiano verso la Cina.

''Tale slancio - ha detto Bettamio - rappresenta certamente il prodotto di una riflessione attualissima sul peso, in prospettiva sempre maggiore, del gigante economico e politico cinese ma muove altresi' dalla volonta' di valorizzare un'antica e fiorente tradizione fatta di scambi fecondi e di benefiche contaminazioni culturali.''

''La mostra - ha proseguito Bettamio - ci consente di ripercorrere a ritroso gli itinerari dell'amicizia italo-cinese, inquadrando tale relazione nella piu' vasta cornice della vocazione della nostra civilta' al dialogo interreligioso, di cui Padre Ricci rappresenta un fulgido esempio, e di un rapporto sino-europeo di cui, oggi piu' che mai, e' essenziale evidenziare i molti benefici. Il recupero alla memoria pubblica del significato dell'opera di Matteo Ricci non puo' e non deve infatti esaurirsi in un tributo alla sua, pur esemplare, 'italianita''.''

In sintonia con tale richiamo, le personalita' intervenute alla mostra - oltre a Bettamio erano presenti il vice presidente del Parlamento del Land di Berlino, il nunzio apostolico e l'addetto culturale dell'ambasciata della Repubblica Popolare Cinese in Germania - hanno concordemente evidenziato il valore inestimabile del contributo del Padre gesuita italiano ad un armonico sviluppo delle relazioni tra le civilta' europea e cinese.

Concluso in Portogallo il mese della cultura italiana

9 Colonne, 9 giugno 2005
LISBONA - È stato un mese ricco di eventi quello scorso per l'Istituto Italiano di Cultura in Portogallo. Arte, musica, letteratura, teatro: dalla presentazione delle due opere in edizione bilingue di António Osório e del neo premiato Casimiro de Brito (ha ricevuto il prestigioso Premio di Poesia Aleramo-Mario Luzi per la migliore opera straniera pubblicata in Italia nel 2004), all'ultima rappresentazione del giovane attore-autore palermitano Davide Enia, Maggio '43, la cultura italiana ha destato l'interesse del pubblico portoghese che segue sempre numerosissimo le iniziative che la riguardano.
Se la piece messa in scena al Teatro Taborda di Lisbona per tre serate consecutive ha ottenuto un grande successo, attirando l'attenzione dei media e soprattutto degli amanti del teatro sperimentale, si può ben affermare, per la soddisfazione dell'Istituto Italiano, che la presentazione delle opere Bestiario e Libro delle Cadute, avvenuta nell'Auditorium di Rua do Salitre, non è stata da meno, richiamando l'attenzione di molti intellettuali e giornalisti, come la stessa rappresentazione del Flauto Magico di Mozart, diretta dal maestro italiano Nicola Giusti ed inscenata dalla già conosciuta Mietta Corli presso il Coliseum di Porto. All'interno di questo panorama culturale italiano, che ha scandito il calendario degli eventi del mese di Maggio, bisogna fare una menzione speciale al concorso internazionale di disegno World Press Cartoon. L'evento, di fatto, avendo dato la possibilità a molti disegnatori italiani di far conoscere il proprio estro creativo e a maggior ragione attribuendo un terzo premio al noto artista italiano Giovanni Sorcinelli, ha sottolineato come la cultura italiana sia riuscita ad affermarsi a livello internazionale in ambiti sempre più differenti. Lo scorso 21 maggio 2005 il Centro Cultural Olga Cadaval di Sintra ha ospitato la serata di premiazione del concorso organizzato da Rui Paulo da Cruz, serata che è stata registrata dalla rete televisiva nazionale RTP e che andrà in onda oggi su RTP1. Tra 146 disegni pubblicati nel 2004 sulle riviste di 50 paesi differenti, un'attenta giuria composta da 5 artisti internazionali ha decretato solo 10 vincitori. L'oro, l'argento e il bronzo sono andati rispettivamente a 3 finalisti di 3 categorie differenti (Editorial Cartoon - Caricature - Gag Cartoon), oltre ad essere stato assegnato un premio speciale. Tra i finalisti premiati spicca l'italiano Giovanni Sorcinelli, in arte Giox, che, con il disegno Democrazia Americana, pubblicato sulla rivista Global FP, è riuscito ad ottenere il 3º premio nella categoria Editorial Cartoon. Già conosciuto in Italia per aver collaborato con il Corriere dello Sport, Fegato e il Guerin Sportivo, Giox ha esposto in rassegne umoristiche nazionali ed internazionali ricevendo numerosi premi e alla stesso tempo facendone parte come giurato. Ha realizzato molti bozzetti per i carri allegorici del carnevale di Fano e dal 1996 ha ideato insieme a Mauro Chiappa e Maurizio Minoggio Fanofunny, inizialmente nato come un'esposizione di disegni e successivamente divenuto, trasferendosi in internet, un punto di riferimento per il mondo del cartoonist internazionale. In conclusione, il concorso internazionale World Press Cartoon, con la premiazione del giovane talento italiano, non fa altro che aggiungersi alle serie di eventi promossi nel mese di Maggio dall'Istituto Italiano di Cultura in Portogallo, rafforzando il successo che la nostra cultura riscontra a livello internazionale e, nello specifico, tra il pubblico portoghese sempre numeroso ed attento.

Italiano amore mio... in Norvegia

Ottimi risultati dalla collaborazione, a Oslo, tra il Comitato della Società Dante Alighieri e la "Giovane Italia"

News ITALIA PRESS, 8 giugno 2005
Oslo - Continua a produrre ottimi risultati la stretta collaborazione a Oslo tra il Comitato della Società Dante Alighieri e la "Giovane Italia", associazione di genitori italiani residenti in Norvegia, enti promotori dei corsi di lingua italiana destinati ai bambini di età compresa tra 4 e 12 anni.
L'intesa tra le due istituzioni, rafforzata dal contributo dell'Istituto Italiano di Cultura e dell'Ambasciata locali, ha portato all'organizzazione di ben 12 corsi che hanno permesso ai piccoli alunni norvegesi di accostarsi all'idioma dello Stivale.
Responsabile didattica delle lezioni è Elisabetta Cassina Wolff. La Dante di Oslo è attiva dal 1949 e, oltre ai corsi di lingua, promuove principalmente cicli di conferenze in italiano dedicate a diversi temi legati alla cultura del Bel Paese.

mercoledì, giugno 08, 2005

“LA STORIA DEI GELATAI ITALIANI IN GERMANIA” IN MOSTRA ALL’ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA DI MONACO DI BAVIERA

Inform, 7 luglio 2005
MONACO DI BAVIERA – “La storia dei gelatai italiani in Germania”. E’ il titolo della mostra che sarà inaugurata il 21 giugno (ore 19) presso l’Istituto Italiano di Cultura di Monaco di Baviera. In occasione della inaugurazione, con la dr.ssa Anna Lisa Carnio, nel giardino dell'Istituto Italiano di Cultura sarà offerta a tutti i presenti una degustazione di gelati artigianali offerta dall'Associazione dei Gelatai italiani in Germania Uniteis e.V. che, insieme all’Istituto Italiano di Cultura, ha promosso la mostra. (Inform)

martedì, giugno 07, 2005

QUIRINALE: IN ORDINE ALFABETICO, I TRECENTO INSIGNITI

LE STELLE DELLA SOLIDARIETÀ ITALIANA CONFERITE DAL PRESIDENTE CIAMPI

Inform, 6 giugno 2005
ROMA – Numerosi gli italiani all’estero che in occasione della Festa della Repubblica sono stati insigniti dal Capo dello Stato delle onorificenze dell'Ordine della Stella della Solidarietà Italiana.
Buon ultimo, solo in ordine alfabetico, il padre scalabriniano Giandomenico Ziliotto, direttore de “La Voce degli Italiani” di Londra. Ma i nomi noti, nelle comunità italiane all’estero, sono tanti. Tra essi ne indichiamo qualcuno, scusandoci per le omissioni: il Consigliere CGIE del Brasile Antonio Laspro, il Consigliere CGIE residente in Grecia Massimo Romagnoli, Claudio Cumani e Rosella Benati, rispettivamente Presidenti dei Comites di Monaco di Baviera e di Colonia - che hanno ricevuto un messaggio di congratulazioni dalla Segreteria dei Ds in Germania -, Nicola Stefano Lobello Presidente del Comites di Francoforte, sempre dalla Germania il giornalista Remo Boccia e Oreste Motta del Ctim, Fernando Marzo Presidente del Comites di Genk in Belgio (insignito del grado di Grande Ufficiale), Angelo Saracini Presidente del Comites di Atene, il giornalista Cristiano De Florentiis di Toronto, Fabio Porta coordinatore Ds a San Paolo del Brasile.
Pubblichiamo di seguito, e in ordine alfabetico, i nomi delle trecento persone, italiani e non, cui il Presidente Ciampi ha conferito, su proposta del Ministro degli Esteri Gianfranco Fini le onorificenze di Grande Ufficiale, Commendatore e Cavaliere dell'Ordine della Stella della Solidarietà Italiana.

GRANDE UFFICIALE

Teodor Baconschi, Diplomatico Bucarest, Romania;
Padre Vincenzo Borselli, Religioso, Dar es Salaam, Tanzania;
Michele Calamela - Grande Ufficiale - Funzionario, Colfontaine, Belgio;
Marian Mihnea Constantinescu, Diplomatico, Bucarest, Romania;
Corina Cretu, Economista, Bucarest, Romania;
S.E. Rev.ma Mons. Bernardo Giovanni Gremoli, Arcivescovo, Vicario Apostolico d'Arabia, Abu Dhabi, Emirati Arabi Uniti;
Subhan Jasmon, Segretario Generale del Ministero della Difesa, Kuala Lumpur, Malaysia;
Juan Jimenez de Aguilar, Avvocato, Malaga, Spagna;
Lu Tongliu, Docente, italianista, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Cristiuan Mandeal, Musicista, Direttore d'orchestra, Bucarest, Romania;
Mustafa Mansur , Imprenditore, Sungai Buloh, Malaysia;
Fernando Marzo, Presidente Comites, Genk, Belgio;
Victor Mircea, Diplomatico, Bucarest, Romania;
Mons. Manuel Monteiro De Castro Nunzio Apostolico, Madrid, Spagna;
Luciano Arturo Esteban Maximiliano Ontaneda, Diplomatico, Quito, Ecuador;
Andrei Gabriel Plesu, Professore universitario, Bucarest, Romania;
Michael Roessner, Docente Universitario, Monaco di Baviera, Germania;

COMMENDATORE

Nivo Angelone, Imprenditore, Toronto, Canada;
Mario Araldi, Imprenditore, Belo Horizonte; Brasile;
Alfredo Bandoni, Missionario Laico, Belo Horizonte; Brasile;
Padre Tommaso Bellesi, Religioso, Addis Abeba, Etiopia;
Padre Marcello Bertinato, Religioso, Marsiglia, Francia;
Kasif Lemi Bilgin, Direttore dei Teatri di Stato, Ankara, Turchia;
Maria Maddalena Bortolotti Algisi, Missionaria laica, Belo Horizonte; Brasile;
Remzi Buharali, Direttore dell'Opera, Ankara, Turchia;
Michele Buscemi, Commercialista, Caracas, Venezuela;
Gianluca Cantoni, Dirigente d'Azienda, Curitiba, Brasile;
Paolo Carile, Docente, Bologna, Italia;
Cesar Catani Papini, Ingegnere, San Salvador, El Salvador;
Baoshun Chen, Diplomatico, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Jun Chen Xie, Direttore del Museo di Shangai, Shangai, Repubblica Popolare Cinese;
Suor Aurelia Dalle Nogare, Religiosa, Marsiglia, Francia;
Luigi Giuliano De Anna, Docente universitario, Turku, Finlandia;
Vasile Donea, Economista, Bucarest, Romania;
Ilinca Dumitrescu, Pianista, Bucarest, Romania;
Ahmed Frigido Faiza Farid, Vice Console Onorario d'Italia, Giza, Egitto;
Madre Lina Fior, Religiosa, Damasco, Siria;
Suor Maria Rosaria Gargiulo, Religiosa, Dar Es Salaam, Tanzania;
Graziano Gasparini, Architetto e docente universitario, Caracas, Venezuela;
Girolama Gentile Hjort, Imprenditrice, Stoccolma, Svezia;
Gu Honglin, Italianista, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Mario Georges Haddad, Imprenditore, Beirut, Libano;
Huang Feng, Giurista e traduttore, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Huang Yongyu, Pittore, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Jiang Ping, Docente universitario, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Jin Hong Kui, Ricercatore e archeologo, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Aleksandra Jovicevic, Docente universitario, Belgrado, Serbia e Montenegro;
Vesna Kilibarda, Ministro, Podgorica, Serbia;
Klongtruadroke Kiat, Libero professionista, BangKok, Thailandia;
Pierre Laroche, Docente, Fontanay sous Bois, Francia;
Veronica Lazar, Attrice, Roma, Italia;
Gabriel Liiceanu, Docente universitario, Bucarest, Romania;
Sandro Lombardi , Dirigente industriale, Salarino, Svizzera;
Luo Hungbo, Docente, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Viorel Marginean, Pittore, Bucarest, Romania;
Henry Mavrodin, Pittore, Bucarest, Romania;
Madre Anna Menegon, Religiosa, Damasco, Siria;
Pierre Methivier, Docente, Parigi, Francia;
Luigi Morosi, Già Funzionario ONU, Bruxelles Belgio;
Vittore Nason, Insegnante, Godevio, Svizzera;
Andrei Oisteanu, Docente universitario, Bucarest, Romania;
Nazan Ölçer, Direttrice Museo Sabanci , Istanbul, Turchia;
Önen Mesut, Docente Universitario, Istanbul, Turchia;
Mihai Oroveanu, Storico d'arte, Bucarest, Romania;
Pan Zhenzhou, Direttore del Museo Nazionale, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Antonio Peconi, Scrittore, Chimalistac, Messico;
Claudio Joao Pieroni, Imprenditore, San Paolo, Brasile;
Elisabetta Properzi Nelsen, Docente universitario, San Francisco, USA;
Antonio Pupillo, Geometra, Caracas,Venezuela;
Giuseppe Restivo Pantalone, Amministratore, Toronto, Canada;
Francisco Martinez Sanchez, Cattedratico, Tenerife, Spagna;
Yvonne Lady Cochrane Sursock, Operatrice sociale, Beirut, Libano;
Pier Luigi Tolaini, Imprenditore, Winnipeg, Canada;
Maria Luisa Tondi Morosi, - già Funzionario del Ministero degli Affari Esteri, Bruxelles, Belgio;
Radu Varia, Critico d'arte, Bucarest, Romania;
Emilio Venditti,Artigiano, Toronto, Canada;
Jolanda Versio Costanzo, Pensionata, Barcellona , Spagna;
Xia Fanglin, Vice Presidente dell'Associazione studenti cinesi, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Yu San Le, Docente, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Luigi Zanolli, Pensionato, Bellinzona, Svizzera;
Zhang Mi, Docente, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Zheng Quan, Professore del Conservatorio centrale, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Zheng Shiling, Docente e architetto, Shanghai, Repubblica Popolare Cinese;

CAVALIERE

Padre Miguel Maria Andueza Artanga, Sacerdote, Saragozza, Spagna;
Giuseppina, Silvana Anfuso, Insegnante, Hoensbroek, Paesi Bassi;
Motoyuki Arai, Ristoratore, Kawasaki City, Giappone;
Suat Arikan, Cantante lirico, Istanbul, Turchia;
Carlo Astini, Medico, Balbala, Gibuti;
Giuseppe Auletta, Infermiere, Epsom, Regno Unito;
Ruxandra Balaci, Critico d'arte, Bucarest, Romania;
Mihail Constantin Banciu, Diplomatico, Bucarest, Romania;
Don Alessandro Barelli, Sacerdote, Vilnius, Lituania;
Padre Krikor Behesnilian, Religioso, Venezia, Italia;
Rosella Benati, Insegnante, Colonia, Germania;
Itamar Benedet, Amministratore d'impresa, Criciuma, Brasile;
Anna Bertelli, Docente, Bogotà, Colombia;
Sanzio Biagiotti, Artigiano, Tolosa, Francia;
Rita Blasioli Costa, Coordinatrice di patronato, San Paolo, Brasile;
Remo Boccia,Giornalista, Stoccarda, Germania;
Giuseppina Botteri Munaretto, Impiegata, Nigel, Sud Africa;
Gianfranco Andrea Brunetta, Commerciante, Rexdale, Canada;
Frank Bueti, Avvocato, Winnipeg, Canada;
Lucia Bugitti, Responsabile di patronato, Londra, Regno Unito;
Aldo Burzatta, Manager del turismo, Santo Domingo, Repubblica Dominicana;
Gaetano Cacciatore, Medico, Charleroi, Belgio;
Paul Anthony Caffrey, Ispettore scolastico, Dublino, Irlanda;
Emilia Santina Cairo Mello, Impiegata, San Paolo, Brasile;
Padre Santo Canova, Sacerdote, Maputo, Mozambico;
Padre Giuseppe Carollo, Sacerdote, Quito, Ecuador;
Giovanni Castelli, Pensionato, Helsinki, Finlandia;
Raffaele Cavallo, Architetto, Dublino, Irlanda;
Angelo Cazzetta, Pensionato, Charleroi, Belgio;
Cosimo Cirocco, Operaio specializzato, Stoccarda, Germania;
Daniele Angelo Colla, Insegnante di musica, Toronto, Canada;
Bruno Collina, Agente di commercio, Much, Germania;
Padre Guido Cornale, Sacerdote, Metz, Francia;
Vincenzo Crolle, Assistente sociale, Amsterdam, paesi Bassi;
Padre Mario Cuccarollo, Sacerdote, Milano, Italia;
Claudio Cumani, Ricercatore, Monaco di Baviera, Germania;
Romano Dallamora, Imprenditore, Città di Guatemala, Guatemala;
Francesco D'Andria, Docente, Ankara, Turchia;
Alexandru Darie, Regista, Bucarest, Romania;
Roberto De Falco, Avvocato, Amsterdam, Paesi Bassi;
Cristiano De Florentis, Giornalista, Toronto, Canada;
Carmine Nicola De Ninis, Pensionato, Rosario, Argentina;
Neide De Pelegrin, Insegnante, Cocal du Sul, Brasile;
Gilbert De Türckheim, Agronomo, Barr, Francia;
Aniello Di Iorio, Commercialista, Buenos Aires, Argentina;
Francesco Di Maio, Operaio, Deventer, Paesi Bassi;
Francesco Di Paolo, Insegnante, Caracas, Venezuela;
Giuseppe Di Spirito,Imprenditore, Dordrecht, Paesi Bassi;
Gabriele Diana, Scultore e pittore, Borgo Corsica, Francia;
Dawei Ding, Professore, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Mei Ding , Docente, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Giorgio Elia, Vice Presidente Pirelli Egitto, Il Cairo, Egitto;
Fabrizia Cristiana Facchetti,Avvocato, Poortogal, Paesi Bassi;
Anlin Fei, Docente, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Duilio Ferlat, Avvocato, Tucuman, Argentina;
Tullio Fernetich, Imprenditore, Verteneglio, Croazia;
Giuseppe Filauro, Dirigente d'Impresa, Bettembourg, Lussemburgo;
Francesco Fiorello, Imprenditore, Maturin, Venezuela;
Francesco Fiorentino, Consulente, Winnipeg, Canada;
Chris Fischer, Docente, Frederiksberg, Danimarca;
Orlando Forioso, Regista teatrale, Calvi, Francia;
Padre Salvatore Forner, Sacerdote, Maputo, Mozambico;
Edgardo Foschi, Medico, Charleroi, Belgio;
Edoardo Francati, Funzionario Enit, Amstelveen, Paesi Bassi;
Marcella Frangipane, Docente, Ankara, Turchia;
Franco Fuchs, Corrispondente consolare, Bremerhafen, Germania;
Giacomo Galli, Ingegnere, Rosario, Argentina;
Luigi Gambin, Imprenditore, Woodbridge, Canada;
Marcello Gandolfo, Imprenditore, Città di Guatemala, Guatemala;
Ovidio Garcia, Imprenditore, Buenos Aires, Argentina;
Gaetano Germani, Ingegnere, Ankara, Turchia;
Alexandru Ghildus, Designer, Bucarest, Romania;
Nunzio Giacobbo, Commerciante, Copenhagen, Danimarca;
Anna Giacomelli Maselli, Insegnante, Sandton, Sud Africa;
Wilma Giordano Laryn , Docente e giornalista, Christchurch, Nuova Zelanda;
Umberto Giovannetti, Ingegnere, Il Cairo, Egitto;
Matthew Walter Giuricich, Imprenditore, Johannesburg, Sud Africa;
Robert Giuricich, Imprenditore, Sandton, Sud Africa;
Giovanni Greco, Costruttore, Caracas, Venezuela;
Adria Gubinelli, Pensionata, Maracaibo, Venezuela;
Giuseppe Guida, Imprenditore, Neulingen, Germania;
Giuseppe Gumina, Architetto, Canberra, Australia;
Elisabeth Heck, Insegnante, Rorschach, Svizzera;
Klaus Henriksen, Direttore Generale Alitalia, Copenhagen, Danimarca;
Bent Holm, Docente e drammaturgo, Vanlose, Danimarca;
Gerardo Iandolo, Insegnante di italiano, Marsiglia, Francia;
Milva Iliescu, Addetto stampa, Bucarest, Romania;
Marie Insalaco Manta,Agente consolare onorario a Tolone, La Seyne sur Mer, Francia;
Padre Giuliano Inzis, Religioso, Curitiba, Brasile;
Jiang Chunbao, Docente, Nanchino, Repubblica Popolare Cinese;
Knud Arne Jurgensen, Professore, Copenhagen, Danimarca;
Josè Luis Juri, Musicista, Buenos Aires, Argentina;
Toshiro Kamiuchi,Docente, Tokio, Giappone;
Deniz Kilicer, Funzionario Diplomatico, Ankara, Turchia;
Ib Larsen , Professore, Brabrand, Danimarca;
Antonio Laspro, Avvocato, San Paolo, Brasile;
Li Wentian, Docente, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Nicolae Licaret,Musicista, Bucarest, Romania;
Liu Ruting, Giornalista, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Nicola Stefano Lobello, Pensionato, Dreiech, Germania;
Antonio Logioia, Manager, Spring City, USA;
Michele Loporcaro, Docente, Zurigo, Svizzera;
Linda Lovati, Imprenditrice, Gibuti;
Lu Zhou, Docente, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Feng Luan,Cantante d'Opera, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Antonella Lugli Wemple, Insegnante d'italiano, Redwood City, USA;
Ma Mo, Diplomatico, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Giuseppe Macina, Musicista, Toronto, Canada;
Isabella Magioncalda, Insegnante, Utrecht, Paesi Bassi;
Josephine Maietta, Maestra, West Hampstead, USA;
Joao Carlos Mantese, Medico, San Paolo, Brasile;
Luisa Mantovani, Medico, Lipsia, Germania;
Tarsilla Manzoni, Pensionata, Fontanil Cornillon, Francia;
Fiore Marchionne, Imprenditore, Manchester, Regno Unito;
Mons. Guillermo Marcò, Sacerdote, Buenos Aires, Argentina;
Suor Luigia Marengo, Religiosa, Metz, Francia;
Angelo Marenzi, Professore universitario, Roma, Italia;
Paolo Antonio Mariano, Imprenditore, Johannesburg, Sud Africa;
Giulio Marini, Attore teatrale, Fiume, Croazia;
Nazzareno Mariotti, Pensionato, Leverkusen, Germania;
Mario Martinelli, Imprenditore, Maracaibo, Venezuela;
Mons. Gianfranco Masserdotti, Vescovo, Balsas, Brasile;
Achille Melis, Ristoratore, Copenaghen, Danimarca;
Laura Mircea, Diplomatico, Bucarest, Romania;
Roya Mirtululei, Operatore Sociale, Roma, Italia;
Vincenzo Monteverde, Consulente, Berlino, Germania;
Padre Antonio Moreno Lopez , Sacerdote, Madrid, Spagna;
Massimiliano Morsiani, Imprenditore, Pondicheerry, India;
Oreste Motta, Operaio, Schwieberdingen, Germania;
Pietro Nardi, Contrattista MAE, Toronto, Canada;
Yin Ning, Regista cinematografico, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Giancarlo Noris, Giornalista, Recco, Italia;
Giovanni Occhipinti, Pensionato, Berlino, Germania;
Tsutomu Ochiai, Chef e ristoratore, Tokio, Giappone;
Vincenzo Odorico, Imprenditore, Copenaghen, Danimarca;
Noel O'Gorman, Avvocato, Cavan, Irlanda;
Sezen Cumhur Önal, Compositore e critico musicale, Istanbul, Turchia;
Sakari Orava, Professore universitario e chirurgo, Naantali, Finlandia;
Ilber Ortayli, Docente universitario, Ankara, Turchia;
Giuliano Orvieto, Industriale, Gerusalemme, Israele;
Cemal Öztas, Direttore Palazzi Imperiali , Istanbul, Turchia;
Alfonso Panico, Imprenditore e Vice Console, North Haven, USA;
Vincenzo Papandrea, Responsabile patronato, Parahill, Australia;
Ion Patrascu, Professore, Craiova, Romania;
Marco Patruno, Giornalista, Martigny, Svizzera;
Kyriacos Pattichis, Architetto, Nicosia, Cipro;
Branislav Pekic, Funzionario Diplomatico, Belgrado, Repubblica di Jugoslavia;
Danilo Petrucci, Imprenditore, Rosario, Argentina;
Giovanni Piga, Operaio, Obbicht, Paesi Bassi;
Fabio Porta, Funzionario, San Paolo, Brasile;
Riccardo Raguzzoni, Assistente sanitario, Il Cairo, Egitto;
Lina Ramella,Console onorario, Guadalajara, Messico;
Saverio Lapo Rastrelli, Artigiano, Tolosa, Francia;
Giuseppe Carmelo Recchia, Commerciante, Santa Fè, Argentina;
Ren Yanli, Docente, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Paolo Rocca, Industriale, Buenos Aires, Argentina;
Claudio Rolle Cruz, Docente universitario, Santiago, Cile;
Massimo Romagnoli, Imprenditore, Atene, Grecia;
Maria Teresa Romani Crane, Impiegata, Londra, Regno Unito;
Lucia Rota, Interprete, Lybgby, Danimarca;
Vittorio Russi, Imprenditore, Città di Guatemala, Guatemala;
Bruna Saccardo Spinelli, Industriale, San Paolo, Brasile;
Enrico Saffiotti, Medico, Amsterdam, Paesi Bassi;
Markku Salo, Ricercatore, Kerava, Finlandia;
Padre Giuseppe Salvadè, Sacerdote, Wil, Svizzera;
Livia Sansone, Giornalista, Frederiksberg, Danimarca;
Franco Santi, Albergatore, Lourdes, Francia;
Angelo Saracini, Pensionato, Atene, Grecia;
Antonietta Scagliarini Ciucci, Contrattista MAE, Izmir, Turchia;
Sebastiano Scandereberg,Giornalista, Roselies, Belgio;
Giovanni Scognamiglio, Critico cinematografico, Istanbul, Turchia;
Liliana Scotti, Impiegata, Windsor, Canada;
Mauro Sgarzini, Amministratore di azienda, Santiago de los Caballeros, Repubblica Dominicana;
Shi Kedong , Giornalista, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Ichiro Shiomi , Consulente aziendale, Hiroshima, Giappone;
Sanda Simic, Consulente ministeriale, Belgrado, Repubblica di Jugoslavia;
Mario Simonovich, Giornalista, Fiume, Croazia;
Ladislav Otakar Skakal, Dirigente e Console onorario a Luxor, Il Cairo, Egitto;
Fausto Soru, Pensionato, Metz, Francia;
Eugenio Sozzi, Libero professionista, Berlino, Germania;
Lauro Spaggiari, Professore, San Paolo, Brasile;
Americo Sperduti Canestraro, Commerciante, Maturin, Venezuela;
Giovanni Spina,Medico, Zizers, Svizzera;
Giuseppe Staurenghi, Pensionato, Balma, Francia;
Jian Qiao Sun, Direttore dell'Italian Business Park di Tianjin, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Salvatore Tabone ,Direttore della Camera di Commercio Italiana di Lorena, Metz, Francia;
Hiroide Takeyama, Docente, Kioto, Giappone;
Jiangming Tang, Docente, Shanghai, Repubblica Popolare Cinese;
Cosimo Tavera, Imprenditore, Buenos Aires, Argentina;
Inmaculada Terry Merello, Imprenditore, Cadice, Spagna;
Mariano Toffoletto, Direttore d'albergo, Velsrbroek, Paesi Bassi;
Marino Toppan, Pensionato, Brampton, Canada;
Gianfranco Trevisan, Imprenditore, Mississauga, Canada;
Pompeo Tripaldelli, Spedizioniere, Hertogebosch, Paesi Bassi;
Settimio Vaglio,Ristoratore, Adligenswil, Svizzera;
Alberto Venturelli, Pensionato, San Gallo, Svizzera;
Padre Ernestino Venturi, Sacerdote, Maputo, Mozambico;
Maria Pia Vergassola, Impiegata presso il Centro NATO, La Spezia, Italia;
Italo Verità, Imprenditore, Eindhoven, Paesi Bassi;
Benthe Volpi, Ristoratore, Aalborg, Danimarca;
Tullio Vorano, Docente, Albona, Croazia;
Julijana Vuco, Docente universitario, Belgrado, Repubblica di Jugoslavia;
Huanbao Wang, Docente, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Michel Waringo, Amministratore Delegato di banca, Walferdange, Lussemburgo;
Stephan Murrel Willis, Magistrato, Cipro;
Serra Ylmaz ,Attrice, Istanbul, Turchia;
Sari Aulikki Ylipulli, Coordinatore Progetto "Equal del nord", Rovaniemi, Finlandia;
Hua Yue , Interprete e giornalista, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Andreas Zenonos, Medico, Limassol, Cipro;
Changfa Zhan, Esperto in conservazione dei beni culturali, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Huijun Zhang Regista cinematografico, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Jie Zhang, Scrittrice - Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Xiuying Zhao, Docente, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Zhen Zhao, Professore, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Lili Zhou, Docente, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Tian You Zhou,Archeologo, Pechino, Repubblica Popolare Cinese;
Padre Giandomenico Ziliotto, Religioso, Londra, Regno Unito.

Montevideo ripercorre le opere di Virzì

Il regista livornese omaggiato con una retrospettiva all'IIC

News ITALIA PRESS, 6 giugno 1005
Montevideo – Il cinema italiano, versione contemporanea, per il pubblico uruguayano: è questa la proposta che l'Istituto Italiano di Cultura di Montevideo, in collaborazione con la Cinemateca Uruguaya" avanza per la fine di giugno.
Dal 20 al 25 del mese, infatti, le due strutture di promozione culturale hanno organizzato una retrospettiva cinematografica, con l'opera omnia del regista Paolo Virzì. Sono sei i film in programmazione, presso le sale della Cinemateca della capitale uruguayana: si comincia con "La bella vita", film del 1994, per arrivare a "Caterina va in città", successo di Virzì del 2003. Tra questi, in ordine di tempo, il primo e l'ultimo dei lavori del regista livornese, si collocano ancora "Ferie d'agosto" (1996), "Ovosodo" (1997), "Baci e abbracci" (1998) e "My name is Tanino" (2001).
La retrospettiva presenta Virzì come uno degli attuali interpreti maggiori dell'eredità della commedia all'italiana, prendendo spunti tragicomici dalla realtà quotidiana. Formatosi al Centro Sperimentale di Cinematografia, il regista oggi quarantunenne ha collaborato a sceneggiature di numerosi altri film di registi autorevoli. Con "Ferie d'agosto" ha all'attivo un David di Donatello per il miglior film, mentre "Ovosodo" gli vale il Gran Premio Speciale della Giuria alla Mostra del Cinema di Venezia.

lunedì, giugno 06, 2005

MOSTRE: MATTEO RICCI EVANGELIZZATORE DELLA CINA A BERLINO

PER LA PRIMA VOLTA TRADOTTO IN TEDESCO 'L' AMICIZIA'

Ritratto di Matteo Ricci di Emanuele Yu Wen-Hui, detto Pereira, in deposito presso la Chiesa del Gesù, Roma

(ANSA) - MACERATA, 3 GIU - La grande mostra italiana su padre
Matteo Ricci, il gesuita maceratese evangelizzatore della Cina,
arriva in Germania. L' 8 giugno 'Matteo Ricci: Europa am Hofe
der Ming' verra' inaugurata nel Museo statale per le Arti dell'
estremo Oriente di Berlino, dove restera' allestita fino al 27
agosto. Per l' occasione inoltre e' stato per la prima volta
tradotto in tedesco il piu' famoso libro del missionario, ''
Dell' Amicizia' ('Über die Freundschaft', Quodlibet, Macerata
2005).
L' esposizione e' promossa dall' Istituto Matteo Ricci di
Macerata in collaborazione con l' Istituto italiano di Cultura
di Berlino
e il Museum für Ostasiatische Kunst. La mostra
ripropone l' impianto generale delle precedenti mostre di
Macerata e di Roma, con qualche variazione. La sezione di
Macerata ad esempio e' arricchita da un dipinto settecentesco
della citta' marchigiana attribuito a Francesco Foschi e da
disegni originali di vedute di Macerata al tempo di Ricci di
Carlo Iacomucci. Quadri, porcellane, bronzi, lacche e i tessuti
cinesi del Museum für Ostasiatische Kunst completano la
rassegna.
Il catalogo della mostra, curato dal prof. Filippo Mignini
dell' Universita' maceratese per le Edizioni Gabriele Mazzotta,
e' stato ampliato con nuovi testi e immagini e tradotto in
tedesco. All' inaugurazione saranno presenti esponenti del
governo italiano, l' ambasciatore d' Italia in Germania e il
nunzio apostolico. (ANSA).

domenica, giugno 05, 2005

Italian film buffs seeing double

By DIANNE RINEHART

The Globe and Mail, Toronto, Saturday, June 4, 2005
Toronto has two Italian neighbourhoods, Little Italy and Corso Italia, so why not two Italian film fests? Organizers of the rival events say it confuses moviegoers, that's why. But their efforts to clear things up by each claiming to be the original festival is just making the picture more unclear.

For seven years, there was only one event: the Toronto Italian Film Festival, run by development consultant Fred Lamberti, with filmmaker Frank Caruso, Italian Cultural Institute director Carlo Coen and legal adviser Nancy Parke-Taylor.

This year, Mr. Caruso went on his own, taking Mr. Coen and Ms. Parke-Taylor with him to launch the Toronto Festival of Italian Cinema, telling everyone that this is the original event.

"They're trying to act as if it's the same old, same old festival," Mr. Lamberti says. "They're trying to confuse the issue."

"I don't consider this a new festival," Mr. Caruso counters. "Basically in 1999 I got involved with the Toronto Italian Film Festival as co-founder and co-programmer and I stuck with it for years."

The split came over creative differences. Mr. Caruso wanted to promote the festival to the general public and not just to Italian Canadians, he says, but felt he couldn't do that in partnership with Mr. Lamberti.

His old partner kept the original festival name and kept it at its long-time home, the Bloor Cinema, where it opens on Wednesday.

Mr. Caruso, however, got the jump by launching his event last week with screenings at the Carlton Cinemas until tonight.

venerdì, giugno 03, 2005

Italy Contributes to Korea's Prosperity

The Korea Times, June 2, 2005
On its National Day, June 2, Italy celebrates the anniversary of the foundation of the republic, following the national referendum that took place on June 2, 1946. On that day, the Italian people, after the end of the Second World War, freely decided to end the monarchy and to establish a republic.
Two years later, in 1948, the present Italian constitution was adopted.

This constitution stresses the principles of equality, democracy and separation of powers, and lays the foundations of a parliamentary democracy based on the common acceptance of republican values by all the different parties of the political spectrum. This constitution has been the basis of the recent history of our country.

According to the institutional system laid down in the constitution, the president of the republic represents national unity and is elected for a period of seven years by the parliament at a majority of two thirds of its chambers: the low chamber (Chamber of Deputies) and the high chamber (Senate of the republic).

In May 1999, the parliament elected Carlo Azeglio Ciampi as the ninth president of the Italian Republic.

The government is led by the president of the Council of Ministers, who is nominated by the president of the republic after consultations with the political leaders of the parties. The president of the Council of Ministers is the expression of the coalition of parties that has the majority in the parliament.

The government must obtain the approval of both chambers of the parliament before receiving full powers. In the last general elections held in May 2001, a center-right coalition gained an overall majority, and therefore its leader, Silvio Berlusconi, was appointed as president of the Council of Ministers.

In the recent years, Italy has achieved a greater political stability than in the past, and thanks to this stability governments last longer.

The two main pillars of Italy¡¯s foreign policy are the membership in North Atlantic Treaty Organization (NATO) alliance, of which Italy is a founding member, and the integration in the European Union (EU) that has always been a priority for Italy.

Italy is one of the original founding states of the European Community that was established by the Treaty of Rome in 1957 and evolved later into the EU and gave major contributions in devising and approving the Treaties of Maastricht, Amsterdam and Nice.

The European Community was founded by Italy and other member states in the late 1950s in the belief that the process of European integration could foster peace, political stability, economic development, the principles of democracy and human rights. And so it was.

Ever since, Italy has been at the forefront of each and every step toward deeper integration in Europe. In 1999, it gave the birth, among other 12 EU Countries, to the European currency: the euro. The Euro is now one of the most stable and reliable currencies in the world.

The EU underwent two big changes in the recent years: the enlargement to 10 new members of Central and Eastern Europe and the signature of the new Constitutional Treaty, that Italy has already ratified.

This treaty is intended to increase the effectiveness of the EU and to strengthen its role in the world scenario through new sets of rules and decision-making procedures.

S. Korea-Italy Relations

Italy has traditionally been linked to the Republic of Korea by close relations of friendship and positive cooperation in the political, economic and cultural sectors.

In 2004, we celebrate the 120th year of diplomatic relations. Official state-to-state relations between our two countries started as early as 1884 and were resumed after the liberation of Korea in 1945.

Italy has been one of the first European countries to establish diplomatic relations with Korea which was known at the time as the ``Hermit Kingdom.¡¯¡¯ The first envoy nominated by the king of Italy as minister plenipotentiary to Korea, Ferdinando De Luca, took his functions in Seoul on April 5,1885.

Italy participated in the Korean War, albeit it was itself emerging out of the debris of the Second World War, with a field hospital which treated 17,000 patients during that war.

More recently, the excellent bilateral relations have been further deepened by the state visit paid by former President Kim Dae-jung to Italy in March 2000, the first time for a Korean head of state to come to our country.

During that occasion and in the following months, several agreements were signed in order to promote economic and industrial cooperation, tourism and social security for expatriate workers.

Italy is also very supportive of the engagement policy pursued by the Korean government towards Pyongyang and is following closely the developments in North Korea, its process of gradual opening and of dialogue with the Republic of Korea and the outside world.

In the framework of a close coordination with Seoul and European and Western partners, Italy launched a diplomatic initiative toward North Korea which led to the establishment of diplomatic relations in January 2000 and to the visit in March of that year of the Italian Foreign Minister Lamberto Dini to Pyongyang. This was the first ever visit to North Korea by a G7 government¡¯s representative.

Following recent developments, we now hope that the six-party talks will soon resume and lead to a peaceful settlement of all open issues in the Korean Peninsula, so as to contribute to the stability of the entire Far East region.

Turning now to economic and commercial relations, the financial crisis in 1997-98 was a watershed. Italy contributed to the international efforts in support of Korea with the so-called ``line of second defense,¡¯¡¯ a fund put aside by several countries in the frame of the International Monetary Fund (IMF) policy to stabilize the Korean economy.

After the crisis and the rapid recovering of the Korean economy, bilateral trade flourished and passed from a low of $2.7 billion in 1998 to almost $6 billion in 2004.

Trade relations between Italy and Korea are going through a period of swift expansion and growth rates of imports and exports are often double-digit. Investments from one to the other country, which suffered from some years of stagnation, are now gradually improving.

Delegations of businessmen and public officials carry out an increasing number of visits to search for business opportunities, to participate to fairs and exhibitions and to establish links.

Although it is totally subjective, South Koreans often rank Italy in the first place as the most familiar country among all the European countries, since they notice a resemblance between their character and the Italian one.

Be it a geographic consequence (both countries are peninsulas), be it merely a coincidence, it is widely acknowledged that many South Koreans identify themselves with Italians.

This affinity also reflects in the economic side of our relations. In terms of bilateral trade, South Korea and Italy have been sharing a long history in such a wide and diversified way that its trade comprises more sectors than one might assume.

Fashion, food, wine, jewelry and interior design are usually the most ``Made in Italy¡¯¡¯ worldwide representative products, but among the most imported Italian products in South Korea in the year 2004, the machinery sector surprisingly was number one in ranking.

Economic Ties

The two economies (Italian and Korean) are more mutually supplementary than competitive in terms of both type of products and target markets. This aspect would imply a spontaneous tendency to try creating ways of cooperation not only at the manufacturing level but also at the distribution one, in order to share competitive advantages for the different markets that Italian and Korean companies target.

In 2004, the Italian and Korean trade exchange has increased in both ways. While Italian exports have increased of almost 5 percent with a value of $2.5 billion, Korean exports towards Italy registered an increase of 33 percent with a value of $3.4 billion over that of the previous year.

These figures show that Italy is more willing to open its market to South Korea in order to implement further this mutual exchange.

Among the different products imported from Italy, the food and wine sector presented a remarkable progress due to the Korean tendency to appreciate the Mediterranean diet and in particular the Italian cuisine.

Imports of wine increased by 12.4 percent in the 2004 and during the first quarter of the year 2005 wine imports increased by 42 percent. Imports of olive oil (described as ``healthy food¡¯¡¯ along with red wine, kimchi, green tea and garlic during the KBS program titled ``Secrets for longevity¡¯¡¯) registered an increase by above 80 percent in the 2004.

Similar increases were registered by balsamic vinegar (+16.5 percent), tomato sauce (+6.4 percent) and Italian coffee (+12 percent).

Finally, the Korean consumer has been learning in recent time to appreciate Italian cheese, such as Gorgonzola, Buffalo mozzarella, Parmesan and so on: consequently, its imports have increased in 2004 by 44.2 percent.

The cultural and scientific cooperation between Italy and Korea is very rich in activities and events and encompasses a wide range of sectors _ music and opera, art exhibitions, scientific seminars, exchanges of students and researches.

The Italian Cultural Institute of Culture in Seoul is in charge of cultural and educational initiatives between the two country, while the Embassy of Italy in Seoul is the contact point and the engine for all scientific and technological cooperation initiatives among Universities and research Centers of Italy and Korea.

Two bilateral agreements, the first on cultural cooperation and the second one on scientific and technological cooperation, represent the framework for all the activities carried out in these two sectors.

The friendship and close links between Italy and Korea are getting always more tight and rich: our two countries are working together in this direction and thus contribute to a more peaceful and prosperous world to come.

Libri: Monaco, presentato "Lettere di carcerati italiani in Germania"

Monaco di Baviera, 3 giu. (Adnkronos) - "Che qualcuno passi a sentire come stiamo - Lettere di carcerati italiani in Germania" è il titolo del libro di Mauro ed Elke Montanari, edito da UDEP, che è stato presentato nei giorni scorsi a Monaco di Baviera.
Hanno partecipato all’evento organizzato dall’Istituto italiano di cultura e dal Comites di Monaco di Baviera, Claudio Cumani, presidente del Comites, che ha introdotto la serata, l’autore Mauro Montanari che ha letto alcune delle lettere raccolte nel libro, Francesco Scarlata, console generale, Francesco Jurlaro, direttore dell’Istituto italiano di cultura, Carmine Macaluso, neo-presidente delle ACLI Germania, numerosi consiglieri del Comites ed operatori sociali italiani e tedeschi.

This page is powered by Blogger. Isn't yours?