mercoledì, novembre 22, 2006

Budapest: Record di presenze all'Istituto Italiano di Cultura

Budapest, 21 nov. 2006 (Adknronos) – Un record di presenze, con oltre 700 persone, ha suggellato il grande successo del concerto di ieri sera all’Istituto Italiano di Cultura di Budapest, in occasione del cinquantenario della Rivoluzione del ’56, in un evento in cui l’Italia è stata rappresentata da Paolo Guido Spinelli, ambasciatore d’Italia, e da Arnaldo Dante Marianacci, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura, mentre in rappresentanza della nazione ospitante ha tenuto un breve discorso Jòzsef Pàlinkàs, deputato al Parlamento.
Per l’occasione, i 120 elementi dell’Orchestra Sinfonica e del Coro della Radio Ungherese, diretti da Kàlmàn Strausz e Philippe De Chalendar, avvantaggiandosi della partecipazione della cantante lirica Andrea Melàth e dell’attore Gàbor Koncz, hanno eseguito il “Requiem” ungherese di Pèter Nògràdi, nella prima esecuzione assoluta dell’opera premiata del concorso indetto per le commemorazioni del ’56. Ha fatto seguito Làszlò Dubrovay con “Il 1956”, immagini sinfoniche per orchestra e narratore, con poesie di Tibor Gyurkovics, opera anch’essa alla prima esecuzione in una sala concerti.
Il concerto è stato organizzato dalla fondazione Làszlò Nèmeth, dalla Radio Ungherese e dall’Istituto Italiano di Cultura con la collaborazione di Magyar Telekom Nyrt., Mol Nyrt., OTP Bank Nyrt.

Etichette:


Comments: Posta un commento

<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?