martedì, febbraio 28, 2006

Italians say no to grotesque statement

Fabio Scarpello, Jakarta

The Jakarta Post, February 28, 2006
An Italian minister has recently been wearing a T-shirt with the stenciled designs of the infamous caricatures of the Prophet Muhammad. His justification, "to oppose the psychological blackmail of the Islamic world" is -- to say the least -- nonsensical. His action has spawned more violence and heightened the tensions in an already incendiary situation.

To most Italians -- and especially those who live abroad -- it has also brought shame, apprehension and anger.

As news trickled in, the first reaction for many of us in the Italian community was to keep a low profile, but then pride kicked in and the desire to shout that "we are not like that" took over.

A frantic round of calls and e-mails between fellow Italians in Indonesia and other Muslim countries confirmed that shame, apprehension and anger -- as well as pride -- were shared feelings. We also shared the wish to take a stand and make a statement.

Apologies to our Muslim friends are in order. Roberto Calderoli -- the Italian minister for institutional reforms, guilty of the senseless act -- was after all elected in a democratic election and we, as a people, have to take responsibility for our leaders when they do not take responsibility for their actions.

Fortunately, his opinion and that of his party, the rather xenophobic Northern League, are representative of a tiny minority of Italians. It is a sad fact that bigots and political opportunists are to be found in every country; and within every ideology or religion. We have ours.

However, it is also a fact that Italians are largely tolerant, friendly and peaceful people. This point was reinforced by the deluge of condemnations voiced by virtually every single Italian politician, academic and columnist in most of the country's media.

Prime Minister Silvio Berlusconi has for once united the country in calling for Calderoli's resignation, which followed soon after (Saturday evening).

Berlusconi also stated that "the Italian government has a clear understanding that one's freedom can extend as far as it does not impinge upon others' freedom". He added that acts, such as the one by Calderoli, had clearly crossed the line.

His message was reinforced by the President of the Republic of Italy, Carlo Azeglio Ciampi, who said that "Italy has a well-defined political line that mirrors the dominant feeling of the Italian people and which is based on respect for every religious creed."

Furthermore, last Saturday Gianfranco Fini, the Italian foreign minister, during a visit to a mosque in Rome -- where the ambassadors of most Muslim countries gathered -- with a clear reference to Calderoli's act, said that "those who do not know the others and feel superior are wrong".

Neither Berlusconi's, Ciampi's nor Fini's sincere words can ease the pain of the relatives of the 11 people who died during Friday's protest outside the Italian consulate in Benghazi, Libya.

Yet, they are representatives of Italy, its multi-faceted culture, its tolerant traditions and its present political position in an era too often defined by a "clash of civilizations".

Freedom of religion is unequivocally guaranteed by the Italian Constitution. Article 8 says that "every religion is equal before the law". Furthermore, summarizing article 19, in Italy "everybody has the right to profess his/her own religion freely, individually or collectively". Proselytizing -- prohibited in Indonesia -- is allowed for all religions in Italy.

Problems between the Catholic majority and the Muslim minority exist, and it would be disingenuous to deny it. Yet issues are contained and debated within the public sphere. In Italy, religiously motivated attacks are almost unheard of.

There are over one million Muslims currently living in Italy, which is just under 2 percent of the total population. Although most of them are immigrants from Morocco, Albania, Tunisia, Senegal and Egypt, there are also around 30,000 Italian-born converts.

Due to the continuous influx of immigrants and the combination of a declining birth rate among native Italians and a high birth rate among Muslims, some projections have concluded that there will be five million Muslims living in Italy by 2010.

At the moment there are fewer than 300 Islamic places of worship in Italy. The first mosque was officially opened in Catania (Sicily) in 1980. Italy also has west Europe's largest mosque, which was opened in Monte Antenne, in Rome in 1995.

The current influx of Muslims is not without historical precedent in Italy. Much of the southern mainland of Italy and the islands of Sicily and Sardinia were part of the Ottoman Empire off and on until the 11th century. A stroll through some of Palermo, Sicily's markets will quickly reveal the enduring Arab influence from centuries past.

The Italian government has always paid particular attention to Islamic nations on the Mediterranean. Good relations with them, as well as with every country in the Middle East, has long been a cornerstone of Italian foreign policy. Italy has also maintained a balanced approach in regard to the Palestine issue throughout the years.

Following the 2004 tsunami, relations between Indonesia and Italy have also grown stronger. Religious differences have not hampered a good working relationship between Italian experts and the Acehnese. Representatives from the two governments have just agreed on a string of projects worth US$5 million. The projects are part of a larger $30 million debt swap facility granted by Rome to further help in the reconstruction of the battered province.

Drawings of the tsunami by Acehnese children are now on exhibit in Rome. As stated by Indonesian Ambassador to Italy Susanto Sutoyo, the exhibit was organized to show the children's appreciation for Italy's help in the aftermath of the disaster.

The Italian Institute of Culture in Jakarta has also nurtured cultural ties between the two countries. In the last few years, hundreds of Indonesian students have been sent to Italy on grants provided by the Italian government. Their experience, as documented by The Jakarta Post recently, has largely been an unforgettable one. Not a single student reported any act of intolerance.

The one thousand of us, who now call Indonesia home, appreciate the country and people's tolerance: the same tolerance displayed in the moderate protests in recent weeks as a response to the publication of the caricatures of the Prophet.

The writer is an Italian national residing in Indonesia. He can be contacted at fabio25770@hotmail.com.

domenica, febbraio 26, 2006

Learning Language Enhances (Or Motivates) Trip Abroad

February 26, 2006
By SUSAN SPANO, Los Angeles Times

The ability to understand and speak a foreign language exponentially improves the travel experience, so linguistic preparation is as important as planning and packing.

Learning a language can be relatively painless, even fun, for people with an aptitude, especially if they studied the language when they were young.

"Prior knowledge does seem to help activate the brain," said Renee Jourdenais, an assistant professor in the Graduate School of Language & Educational Linguistics at the Monterey Institute of International Studies.

Of course, some languages are more difficult than others for native English-speakers to learn, because their writing and sounds differ so widely, Jourdenais said.

At the Defense Language Institute Foreign Language Center in Monterey, Calif., which is dedicated to getting U.S. diplomatic personnel up to speed before a foreign posting, basic French and Spanish courses designed to give students a modest level of proficiency last 25 weeks. Czech and Russian programs run for 47 weeks; beginner Mandarin Chinese and Arabic courses take 63 weeks.

Classroom study tends to be expensive. For relatively brief trips, travelers' needs often can be adequately addressed by the survival dictionaries in most guidebooks that can teach how to say "Hello" and "Goodbye," "Where is?" and "How much?" in the time it takes to fly from Los Angeles to Berlin.

Travelers who have more elaborate goals should seek methods suited to their motivations, said Joan Rubin, co-author of "How To Be a More Successful Language Learner."

"Learning to work in a language is a very demanding task," Rubin said. "For an English-speaker, it will take 700 hours to learn to work in Spanish and double that in Korean, Japanese, Chinese or Arabic."

In other words, the way you prepare for a trip depends on what you want to get out of it.

"If you have the time and money, a week or two of total immersion is the ideal solution," said John Bennett of Berlitz International (www.berlitz.us). The Princeton, N.J., company pioneered the total-immersion method of foreign-language study, which means that only the language being studied is spoken in class. A week of intensive private study costs $2,500, but after such a program, travelers should be able to ask for directions, talk on the phone and follow basic conversations, Bennett said.

For the traveler who plans to visit a foreign country for business or pleasure several times, 10-week programs of semi-private study, twice a week, should be sufficient to navigate without a dictionary, Bennett said. The price starts at $700.

Do-it-yourself approaches, such as tapes, CDs and online learning require more discipline. Berlitz and others offer these self-teaching options.

The others include Paris-based Assimil (www.assimil.com), which has tapes and CDs in 69 languages and dialects, from Breton to Vietnamese. It is one of Europe's more highly regarded foreign-language study programs.

Assimil taps the intuitive language-acquiring ability of children to get people thinking in a foreign language. Prices for beginner-level packages, including a book and several CDs, are about $50 to $100.

Computers have given travelers other learning options, among them CD-ROM and online subscription programs such as those offered by Rosetta Stone (www.rosettastone.com), in Minneapolis. This company devised a program that teaches students to link computer images and sounds to words and phrases, forgoing grammar drills and memorization. The level-one French CD-ROM costs $195; access to it on the Internet costs $49.95 a month.

Rick Steves, who travels widely to research his "Europe Through the Back Door" guidebook series, favors hiring a translator/guide through local tourist bureaus, especially on short visits to places where English isn't spoken. Guides can take you wandering, give meaning to your sightseeing and help you get as much out of a trip as possible, Steves said.

For people with a deeper interest in a place and its language, studying abroad may be the most attractive option, sometimes even the whole reason for a trip. Jan Capper, director of the International Association of Language Centers in Cambridge, England, which monitors and represents 90 schools in 21 countries, says that studying abroad may include faster language acquisition and exposure to a host country's culture.

The IALC website, www.ialc.org, links prospective students to the schools' websites, which describe programs, prices and lodging options.

Those who want more help finding a program can use booking agencies, such as www.languagecourse.net, based in Barcelona, Spain. The agencies keep their own lists of schools and handle applications, accommodations and payments.

Experts say English-speakers most commonly want to study French, Spanish or Italian abroad. Popular schools for these languages include:


E.L.F.E., 23 Rue Ballu, 75009 Paris, (www.elfe-paris.com), is in a 19th-century mansion near the Place de Clichy. It offers French-language instruction at all levels, including beginner courses starting the first Monday of every month, and it costs about $850 for 30 hours of instruction per week.


Universidad Internacional, San Jeronimo 304, Colonia San Jeronimo, Cuernavaca, Morales, Mexico 62179 (800-574-1583, www.bilingual-center.com) is a respected university in central Mexico. It has a program for foreign students that includes up to 38 hours a week of Spanish language and cultural study for $235.


The University for Foreigners, 4 Piazza Fortebraccio, 06123 Perugia, Italy, (www.unistrapg.it), is among the best places to study Italian, says Francesca Valente, director of the Italian Government Culture Office in Los Angeles. The institution in Umbria offers three- and six-month courses as well as intensive one-month programs in July, August and September for about $400.

sabato, febbraio 25, 2006

Life & Art: Italian Cultural Institute Hosts Performances

By Netsanet Yilma D.

The Reporter (Addis Ababa),NEWS, February 25, 2006
The Italian Cultural Institute hosts different cultural events in its premises. One of the events was a piano recital by an Italian author, composer and pianist, Marco Sollini, last February 16. Addressing the opening ceremony was Dr. Emilano Longhi, director of institute of Italian Cultural Institute with various, foreign and Ethiopian guests, and students from Yared Music School attending the event.

Speaking on the objectives of the concert, the director, Dr. Longhi, said, "This concert is aimed at implementing cultural agreements between Ethiopia and Italy. It is a continuation of a series of cultural events that include films, music, book launch and an exhibition."

The pianist, Mr. Sollini, on his part, said that he was very much pleased to be here in Ethiopia and to present a piano concert to the Ethiopian audience.

Regarding the second importance of the recital, Dr. Longhi added that the concert was aimed at creating a night that people from both cultures come to attend a different kind of music.

Girma Yifrashewa, a famous Ethiopian pianist, said after the concert that "it is really a great inspiration for our music students and for us. It is also very good because we can learn and give more attention to music, and advance it."

Asked about what this means to the Ethiopian audience in the Ethiopian piano context, Girma added, "This type may be a little heavy for Ethiopian audience, but it narrows the gap between the western and Ethiopian type of piano music. Ethiopians are piano lovers, so we have to bring something which is very close to our audience. With the classical type of European music, we have to put on motives in Ethiopian folk tunes."

To see Sollini's fingers playing on the piano keys very fast tells how experienced he is. "Most of the compositions need a big quality to play like the pieces displayed on stage. They are speed demanding, fast and demand self-control," said Sollini.

On his plans to come back to Ethiopia and preset another piano concert, "Why not! With pleasure," he said

The next day, February 17 was a book launch. A new book entitled, "Our Addis Ababa is presented for inauguration at the ICI," authored by Professor Maria Christina Pasquali. The book narrates the historical links of Italians with the city of Addis Ababa. "Of course, the word "our" does not mean that Addis Ababa is the city of Italian people, but Italian people have historical links with the city," Pasquali said.

According to professor Pasquali, the originality of the book is not only the fact that it speaks about the Italians, but it also speaks about other foreign community contributions to the city.

As presented by the author, the book contains the list of buildings and other works done by the Italians.

"It is a sort of collection of several articles, so it might not have a logical order," said Pasquali.

"I want the people to understand me that my intention is not talking about imperialism or colonialism. I only focused on the links and the lives of the people. Our past was not all good, but the past teaches something," she added.

On the other hand, following film festivals, a piano concert and a book launch, an art exhibition was opened at the ICI on Monday February 20, 2006. The exhibition embraced wood engravings by the famous Ethiopian artist, Abebe Zelelew. The exhibition remains open at office hours until next Tuesday.

IL PRESIDENTE CIAMPI RICEVE IL NUOVO AMBASCIATORE D'ITALIA A VARSAVIA BLEFARI MELAZZI

ROMA\ aise\23 febbraio 2006 - Il Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, ha ricevuto nel pomeriggio di ieri, 22 febbraio, al Quirinale, il nuovo Ambasciatore d'Italia a Varsavia, Anna Blefari Melazzi.
L’Ambasciatore, sino a ieri a Capo della Direzione Generale per la Promozione e la Cooperazione Culturale del Ministero degli Affari Esteri, è stato recentemente promosso al massimo grado della diplomazia italiana dal Consiglio dei Ministri
, su proposta del Ministro Fini, ed è ora in attesa del gradimento del governo polacco, per poter ufficialmente prendere sede a Varsavia.
Anna Blefari è nata a Cosenza il 24 novembre 1941. Ha conseguito la laurea in Scienze Politiche all'Università di Roma "La Sapienza" nel 1965. Ha seguito corsi di specializzazione in "Relazioni Internazionali e Storia" presso l'Università di Dublino.
Una delle prime donne italiane ad entrare nella carriera diplomatica, supera il concorso di ammissione nel 1969 e viene assegnata alla Direzione Generale del Personale del Ministero degli Affari Esteri nel settore dei trasferimenti del personale diplomatico e dello status giuridico del personale.
Nel 1972 viene distaccata a prestare servizio presso l'Ufficio per la Stampa e l'Informazione della Presidenza della Repubblica. Dal 1975 al 1979 viene destinata all'Ambasciata d'Italia a Ottawa dove svolge le funzioni di Primo Segretario per gli Affari Commerciali. Dal 1979 al 1983 presta servizio alla Rappresentanza Permanente d'Italia presso le Comunità Economiche Europee in Bruxelles, dove ricopre prima le funzioni di Consigliere, Capo della Delegazione italiana presso i gruppi del Consiglio competenti nei settori del carbone e dell'acciaio e dell'energia, e in seguito (1981-83) di Consigliere, Capo della delegazione italiana nei gruppi del Consiglio competenti nel settore della politica di Cooperazione economica e finanziaria delle CEE verso i paesi del Bacino del Mediterraneo (Egitto, Tunisia, Algeria, Marocco, Siria, Israele, Libano, Malta, Cipro, Iugoslavia e Turchia).
Rientra al Ministero degli Affari Esteri nel 1983 ed è assegnata alla Direzione Generale del Personale e dell'Amministrazione con le funzioni di Capo dell'Ufficio III con competenza sulla rete diplomatico-consolare, sugli uffici consolari onorari all'estero e sulle questioni finanziarie relative al trattamento del personale all'estero. Durante tale periodo è Segretario della Commissione Permanente di Finanziamento. Il 1° luglio 1984 è promossa al grado di Consigliere d'Ambasciata. Nel 1986 viene trasferita presso l'Ambasciata d'Italia a Washington dove svolge prima le funzioni di Primo Consigliere nel settore della Stampa e dell'Informazione e in seguito, dal 1987 al 1993, quelle di Ministro responsabile delle relazioni economiche-commerciali fra l'Italia e gli Stati Uniti.
Il 16 gennaio 1992 viene nominata Inviato Straordinario e Ministro Plenipotenziario. Nell'autunno del 1993 rientra al Ministero degli Affari Esteri e nominata Capo dell'Ufficio VII della Direzione Generale degli Affari Economici, con competenza sulle questioni relative a "Energia , cooperazione nucleare, spazio, ricerca applicata ed innovazione tecnologica, telecomunicazioni". In tale sue funzioni dirige la delegazione italiana al "Gruppo Alti Funzionari per la Sicurezza Nucleare" del G7, è Presidente del Gruppo Scienza e Tecnologia dell'Iniziativa Centro-Europea (INCE), nonché delegata del Governo italiano presso l'Associazione INTAS per la cooperazione con gli scienziati civili dell'ex URSS.
Il 1º agosto 1995 viene nominata "Coordinatore per l'energia, l'ambiente e la cooperazione tecnologica internazionale" e ricopre, fra gli altri, i seguenti incarichi: "Coordinatore italiano per la Conferenza sulla Societa' dell'Informazione "; Vice Presidente eletto del Consiglio Direttivo dell'Agenzia Internazionale dell'Energia; Membro del Consiglio di Amministrazione dell'Agenzia Spaziale Italiana; Membro della Commissione interministeriale per le attività spaziali; Rappresentante del Presidente del Consiglio alla Conferenza ISAD in Sud Africa. Dal 30 aprile 1998 al 29 aprile 2003 ricopre l'incarico di Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica italiana a Bucarest. Dal 18 gennaio 2002 al 29 aprile 2003 viene accreditata anche come Ambasciatore non residente italiano presso la Repubblica Moldova.
Dal 30 aprile 2003 al 31 gennaio 2004 svolge l'incarico di Ambasciatore, Capo della Rappresentanza Permanente d'Italia presso le Organizzazioni delle Nazioni Unite in Roma operanti nel settore agro-alimentare (FAO, IFAD, PAM).
Dal 16 febbraio 2004 rientra al Ministero con l'incarico di Direttore Generale per la Promozione e la Cooperazione Culturale. In tale sua veste è membro del Consiglio d'Amministrazione del Ministero degli Esteri e dei Consigli direttivi di numerose istituzioni, tra cui la Commissione Nazionale per la Promozione della Cultura italiana all'estero, la Commissione Nazionale dell’Unesco la Commissione Fulbright Italia-Usa, la Società Dante Alighieri, l’Associazione italo-tedesca e la Fondazione RomaEuropa. Il 19 gennaio scorso è stata promossa al grado di Ambasciatore. (aise)

giovedì, febbraio 23, 2006

“LINGUE, CULTURE ED EDUCAZIONE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE”: SI TERRÀ A FIRENZE IL 91° CONGRESSO MONDIALE DI ESPERANTO

“LINGUE, CULTURE ED EDUCAZIONE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE”: SI TERRÀ A FIRENZE IL 91° CONGRESSO MONDIALE DI ESPERANTO
FIRENZE\ aise\ 23 febbraio 2006 - Proseguono i lavori per l’organizzazione di “Lingue, culture ed educazione per uno sviluppo sostenibile”, 91° Congresso Mondiale di Esperanto, che, dal 27 luglio al 5 agosto prossimi, raccoglierà a Firenze oltre duemila esperantisti provenienti da una sessantina di nazioni di tutto il mondo, e che già raccoglie il plauso di personalità della cultura e della politica italiana.
L’esperanto, lingua internazionale, nata nel 1887 dalla fantasia e dalla costanza di un giovane studioso polacco, Ludovico Lazzaro Zamenhof, a distanza di 120 anni è conosciuta e parlata da alcuni milioni di persone in tutto il mondo.
Come è emerso anche dall’ultima conferenza generale dell’Unesco, la diversità culturale rappresenta una ricchezza dell’umanità, è l’humus da cui possono sbocciare nuove idee e nuove soluzioni per i problemi che ci affliggono, e quindi questa diversità va preservata come un mezzo per difendere e esportare la propria lingua e la propria cultura. La lingua internazionale esperanto si pone in questo quadro come la lingua che ha vantaggi tecnici e di ideale: tecnici perché è notevolmente meno costosa di altre da insegnare, e quindi libera risorse che possono essere destinate ad altri apprendimenti; di ideale, perché protegge le varie lingue e le varie culture non avendo un proprio retroterra nazionale, e quindi non tende a limitare il valore delle lingue locali. Non per caso l’oratore che farà il discorso ufficiale di apertura è François Grin, dell’Università di Ginevra, autore di un rapporto al Ministero della Educazione francese in cui mette a nudo i notevolissimi costi della generalizzazione dello studio del solo inglese nella scuola pubblica ed i vantaggi che il sistema Europa avrebbe dall’introduzione dell’esperanto combinato con un multilinguismo effettivo (stime di un risparmio di circa 25 miliardi di euro).
Parallelamente al congresso, l’Accademia della Crusca e l’Accademia di Esperanto organizzano un convegno scientifico internazionale presso l’Università di Firenze per ricordare l’opera di Bruno Migliorini, che fu grande italianista e presidente della Accademia e contemporaneamente grande studioso di esperanto ed autore di testi letterari e linguistici in esperanto di varia natura, e per fare il punto sugli studi di esperantologia oggi.
Le iscrizioni al congresso sono in rapida crescita e lasciano supporre che quello sull’Arno potrebbe annoverarsi tra i congressi più numerosi degli ultimi anni.
“L’ho studiato anch’io, da giovane”, ha confermato agli organizzatori Luciano Pavarotti aderendo con entusiasmo al Comitato d’onore di cui fanno parte anche il cantante Andrea Bocelli, il Presidente Emerito della Repubblica sen. Francesco Cossiga, il Presidente della Società della Filosofia del Linguaggio Tullio De Mauro, il Rettore dell’Università degli Studi di Firenze Augusto Marinelli, lo scrittore Moni Ovadia, l’Ambasciatore Giulio Prigioni, plenipotenziario d’Italia in Lituania, il presidente dell’Accademia della Crusca, Francesco Sabatini, che recentemente ha sostenuto l’idea di usare l’esperanto come lingua ufficiale per internet, e lo scultore Valeriano Trubbiani. (aise)

mercoledì, febbraio 22, 2006

"Red Clay for a Magic Smile" at the Italian Cultural Institute

by Otilia Haraga

Bucharest Daily News, Wednesday, February 22, 2006
A pottery exhibition with objects from the Piedmont town Castellamonte, a city named after the castle built around the year 1,000 on a mountain in the region, was opened on Friday at the Italian Cultural Institute in the presence of Italian Ambassador Daniele Mancini and members of the Italian community living in Romania. Red clay stoves, statuettes and other artifacts belonging to the Castellamonte Museum made by sixteen Italian artists, including Sandra Baruzzi, Davide Quagliolo, Anna Torriero, Elio Torriero, Giovanni Carbone, Giovanni Matano, Rosa Maria Teresa, Brenno Pesci and Castellano Roberto, will be displayed until February 28.
Pottery has been a part of the Castellamonte town heritage since antiquity as the red clay prominent in the region provided them with the means of expressing themselves artistically.
"Red Clay...for a Magic Smile" was an initiative of the Operazione Sorriso Italian humanitarian association, which became involved in Romania in the social sector helping abandoned children and people affected by the floods of July 2005.

Italian Cultural Institute
Address: 41 Alexandru Alley
Phone: 021/231.08.80

venerdì, febbraio 17, 2006

"LA RESISTENZA DELLA SCRITTURA": GRANDE SUCCESSO PER L’INCONTRO CON STEFANO BENNI ALL’ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA DI MELBOURNE

MELBOURNE\ aise\ 16 febbraio 2006- Lunedì scorso, 13 febbraio, l’Istituto Italiano di Cultura di Melbourne ha ospitato la conferenza "La Resistenza della Scrittura", tenuta dal poliedrico autore italiano Stefano Benni. L’evento, organizzato insieme con il Consolato Generale d’Italia a Melbourne, ha visto la partecipazione del Console Generale, Francesco De Conno, e consorte, del consultore della Regione Emilia Romagna, Zeno Dardi, nonchè dei rappresentanti della comunità italiana a Melbourne e dei numerosissimi soci ed amici dell’Istituto.
Stefano Benni, nato come attore, poi giornalista, autore di romanzi, di testi teatrali e cinematografici, di poesia e fumetti, e ultimamente tornato sui palcoscenici italiani in spettacoli in cui recitazione, musica e danza si fondono in un inestricabile intreccio, ha catturato l’attenzione del vasto pubblico vestendo i panni di conferenziere esperto e coinvolgente.
Il libro, da sempre veicolo privilegiato di trasmissione di cultura, ha costituito il filo conduttore della serata, durante la quale è stata messa in evidenza la sua capacità di resistere, in un primo momento, e di allearsi, poi, a quelle recenti manifestazioni mediatiche che sembravano rappresentare una grande minaccia per la sua egemonia culturale: la televisione ed internet.
Benni ha poi tentato di sondare uno degli aspetti più reconditi, ma allo stesso tempo più affascinanti, del libro, quel legame segreto ed intimo che si instaura tra l’immaginazione dello scrittore e quella del lettore. "Il lettore va incontro con la sua immaginazione a quella dello scrittore e trasforma il libro", che diventa diverso nell’immaginazione di ognuno.
La lettura di un estratto dalla raccolta di poesie "Ballate" è stata un bel regalo che l’autore/attore ha offerto ai presenti.
L’ironia e lo humor che colorano le pagine delle opere di Benni hanno suscitato l’entusiasmo dei presenti, che si sono rivelati partecipi ed interessati attraverso le numerose ed svariate domande rivolte al versatile autore, il quale si è a sua volta dimostrato disponibile a soddisfare ogni curiosità e a firmare autografi.
La serata si è rivelata un successo straordinario e ha rappresentato un ottimo inizio della stagione di eventi dell’Istituto Italiano di Cultura. (aise)

giovedì, febbraio 16, 2006

I TAGLI ALLA FARNESINA

Il sindacato attacca Fini:
ambasciatori senza fondi


Il Sole 24 Ore, 16 febbraio 2006
ROMA - In Nigeria il tetto dell'ambasciata è crollato e non ci sono i soldi per ripararlo. Molti ambasciatori si sono rassegnati a mettere mano al loro assegno personale per far fronte ad affitti e utenze delle cancellerie (telefono, luce, riscaldamento). Ma c'e di peggio: mentre le rappresentanze europee in Medio Oriente sono attaccate per le vignette blasfeme, dal 1° gennaio le rappresentanze italiane hanno disdettato i servizi di sorveglianza e l'ambasciatore a Damasco non ha neppure i fondi per acquistare un metal detector.
Sono gli effetti più visibili dei "tagli" per 200 milioni di euro al bilancio del ministero degli Affari esteri contenuto nella Finanziaria 2006. Con la dotazione attuale la rete diplomatica consolare potrà funzionare al massimo fino a giugno ma la preoccupazione è che i tagli abbiano ripercussioni su molti servizi che le rappresentanze forniscono, dai visti all'assistenza alle imprese. Tra i capitoli più martoriati, come rileva Enrico Granara, presidente del sindacato Sndame (rappresenta i due terzi dei diplomatici italiani), quello che riguarda le spese per funzionamento e la sicurezza delle sedi con tagli che arrivano all'80% o la misura sulle missioni per i dipendenti pubblici che limita il rimborso dei viaggi alla sola classe economica anche per voli superiori alle tre ore. Vi sono poi vere incongruenze come quella che riguarda la ventilata chiusura della delegazione diplomatica speciale a Taipei il cui costo annuale è di circa 800mila euro a fronte di oltre un milione di euro per visti incamerati. Ma, spiega sempre Granara, si tratta di soldi che non possono essere utilizzati per la gestione ma devono confluire in un conto valuta presso la Farnesina. Di qui la richiesta del Sndame di attribuire alle sedi all'estero un’autonomia gestionale consentendo l'utilizzo delle percezioni consolari come avviene già oggi per gli Istituti di cultura.
Per il Sndmae la situazione è complicata dall'atteggiamento assai poco "combattivo" del ministro Fini che, fin dal primo incontro alla Farnesina, avrebbe fatto capire subito come la sua doppia responsabilità di vicepremier e ministro degli Esteri gli impedisca di battere i pugni in Consiglio dei ministri per dare voce alle richieste del suo dicastero contrastando la linea Tremonti. Con il risultato che ad opporsi ai "tagli" è rimasta soltanto l’amministrazione che sta negoziando la concessione di un'integrazione urgente di 20 milioni di euro per spese impreviste. Una piccola toccata d'ossigeno per evitare che la rete diplomatica cada a pezzi proprio a ridosso delle elezioni politiche e che il nuovo ministro degli Esteri si ritrovi una Farnesina di fatto paralizzata.
GE.P.

martedì, febbraio 14, 2006

A COLLOQUIO CON LA DIRETTRICE DELL’IIC DI BRUXELLES PIA LUISA BIANCO

SCUOLA EUROPEA: UN "INTERVENTO PAESE" CONTRO LO SPOSTAMENTO DELLA SEZIONE ITALIANA

BRUXELLES\ aise\ 14 febbraio 2006 - La Sezione Italiana della Scuola Europea di Bruxelles rischia di essere trasferita, per questioni di sviluppo urbanistico, a Laeken, un quartiere assai remoto rispetto a quello in cui si trova dal lontano 1974. "Un problema ormai noto per gli italiani in Belgio", spiega all’Aise la direttrice dell'Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles, Pia Luisa Bianco, per la quale "traslocare la sezione italiana dopo 30 anni significherebbe" non solo "sradicare l’intera nostra comunità", ma anche "deprimere la presenza culturale italiana, proprio qui, nel cuore dell’Europa, dove esiste una comunità italiana assai estesa e dove si conduce una vera e propria battaglia per la pari dignità di tutte le lingue".
Ecco perché la direttrice dell’Istituto, rappresentante ufficiale della cultura italiana in Europa, si è fatta promotrice di "una grande e congiunta iniziativa italiana", che coinvolgerà il vicepresidente della Commissione Ue, Franco Frattini, il Ministro degli Affari Esteri ed i vari Ministri del governo italiano interessati alla questione, tutte le nostre rappresentanze diplomatiche, dall’Ambasciatore presso l’Ue Cangelosi all’Ambasciatore bilaterale Macchia, la stessa direttrice Bianco e tutte le altre rappresentanze competenti, ivi compreso l’ispettore scolastico. "Stiamo dando vita ad una convention pubblica, durante la quale proporremo alla stampa, ma anche alle famiglie degli italiani interessati tutti gli interventi messi in atto per evitare lo spostamento della sezione italiana", ha detto Pia Luisa Bianco. L’appuntamento si terrà nella sede dell’Istituto entro la fine di marzo, perché, ha aggiunto la direttrice, "i tempi sono maturi".
"Non vogliamo pestare i piedi a nessuno", ha poi chiarito la direttrice Bianco, "ma bisogna aver chiaro che, poiché l’Italia è uno dei Paesi di più antica primogenitura europea e quindi è insediata nel quartiere da lungo tempo, tutte le famiglie degli italiani e dei funzionari, in particolare, interessati alla scuola sono venuti ad abitare o hanno comprato casa in zone limitrofe alla Scuola europea. Spostare ora la sezione italiana significherebbe rovinare la quotidianità degli italiani che sono insediati lì". Il rischio, ha proseguito, è che alla fine "gli stessi italiani scelgano di far frequentare ai propri figli altre sezioni della Scuola Europea a discapito di quella italiana". Con un benservito alla volontà di tutti, "almeno a parole", di difendere la cultura e la lingua italiana.
Ma il disagio che causerebbe lo spostamento della sezione italiana dal quartiere centrale di Woluwe, dove si trova ora, a quello periferico di Laeken va al di là del pericolo di "deprimere la presenza culturale italiana". Come ci ha spiegato Pia Luisa Bianco, infatti, nel corso dei decenni la comunità italiana è andata sviluppando i suoi interessi lavorativi, commerciali e imprenditoriali proprio intorno alla sede della scuola. E dunque "dobbiamo tutelare la diffusione della cultura italiana con tutti i mezzi, ma c’è di più. Si tratta della tutela degli interessi acquisiti delle famiglie italiane che vivono qui e della comunità italiana tutta". Una questione, quest’ultima, di cui si sono occupati anche l’Ambasciatore bilaterale e il Console dItalia a Bruxelles, ma che evidentemente oggi si aggrava ulteriormente.
Eppure, una soluzione alternativa esiste. Ed è quella che verrà portata avanti dall’Istituto Italiano di Cultura insieme alla "intera e sfaccetta rappresentanza" italiana a Bruxelles. L’ipotesi, portata in questi giorni all’attenzione della Commissione europea dal vicepresidente Frattini e illustrata all’Aise dalla direttrice dellIstituto, è che nel nuovo quartiere di Laeken si insedino "altre sezioni senza arrecherare danni ad alcuno", ad esempio le sezioni dei nuovi 10 Paesi aderenti allUnione, ossia quelle comunità più giovani, di più recente immigrazione, "che solo ora si stanno insediando a Bruxelles" e "che non avranno problemi a svilupparsi direttamente intorno alla nuova sede della Scuola". Un’altra ipotesi potrebbe riguardare la possibilità che una Sezione italiana II venga realizzata nell’area di Laeken, senza però eliminare quella gi esistente a Woluwe.
In un caso o nell’altro, Pia Luisa Bianco è stata chiara e porterà avanti un "intervento di Paese" per ottenere che la sezione italiana resti dov’è. Ecco il perché della convention convocata con i massimi livelli della rappresentanza italiana in Belgio, decisi a tutelare la comunità italiana e la sua cultura.
D’altronde, ha sottolineato la direttrice dell’Istituto, "tutti i Paesi provvedono giustamente a tutelare i propri interessi nell’arena europea". Perché, dunque, l’Italia non dovrebbe fare altrettanto? Certo, la situazione è "complessa e sfaccettata", poiché gli interessi in gioco sono vari, di carattere economico, politico-istituzionale e culturale, ma "in questo caso il primo gradino è l’interesse alla tutela della vita quotidiana delle famiglie italiane". Quanto al suo compito istituzionale specifico, la direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura ha precisato che, "in ogni situazione, anche di fronte a partite di carattere logistico-amministrativo come questa, se c’è il rischio di un contro-effetto che deprima la facilità di diffusione della nostra cultura, io, come rappresentante della cultura italiana in Europa, farò la mia parte fino in fondo". (r.aronica\aise)

venerdì, febbraio 10, 2006

UE: al via nuova pagina web su lingua italiana

Bruxelles, 10 feb. (Adnkronos/Aki) - Al via una nuova pagina nel sito Internet della Rappresentanza italiana presso l'Ue dedicata alla lingua italiana, ''nel quadro dell'azione a difesa dell'idioma nei Venticinque e del suo uso presso le istituzioni comunitarie''. Lo rende noto una nota diffusa a Bruxelles dal portavoce della stessa Rappresentanza. Giunti sulla home-page, basta un click sull'immagine del sommo poeta Dante Aligheri o sul logo 'L'italiano nell'Ue' per accedere al testo.

''Conformemente alle istruzioni del Governo italiano, la Rappresentanza Permanente d'Italia presso l'Unione europea a Bruxelles - recita la pagina web - e' incaricata di vigilare sul rispetto di questo principio di uguaglianza e di promuovere l'uso della lingua italiana nelle Istituzioni europee, contrastando qualsiasi tentativo di istituire dei regimi linguistici ridotti, discriminatori nei confronti della lingua italiana''.

Nel testo si ricorda il diritto di tutti i cittadini europei a ricevere informazioni e documentazioni nella propria lingua, nonche' il principio di pari dignita' degli idiomi. Si spiega inoltre che ''i cittadini italiani che dovessero incontrare difficolta' ad ottenere informazioni o documentazione nella propria lingua, potranno rivolgersi ai competenti servizi delle istituzioni comunitarie''.

giovedì, febbraio 09, 2006

LA NUOVA DIRETTRICE DELL'ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA DI SAN PAOLO FIORELLA ARROBBIO PIRAS SI INSEDIA ALL'HIGIENÓPOLIS

SAN PAOLO\ aise\ 8 febbraio 2006 - Fiorella Arrobbio Piras, la nuova direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura di San Paolo, si è laureata presso l'Università Commerciale Luigi Bocconi e, in seconda battuta, presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Si è perfezionata in scienze giuridico-economiche e in organizzazione aziendale. E per ora ancora occupa gli uffici della Rua Frei Caneca dove ci ha concesso una intervista.
D. Lei ha assunto in questi giorni la direzione dell'Istituto. Vorremmo sapere qualcosa sul suo percorso professionale.
R. Vengo da Buenos Aires, ma ho svolto la mia attività in Germania, in Austria, nell'ex-Jogoslavia, in Svizzera, in Turchia e nella Corea del Sud. Ovviamente le sedi che ho citato sono state inframezzate da periodi obbligatori di rientro al Ministero.
D. In Argentina come si è trovata? Le problematiche politico-economiche hanno avuto un'influenza negativa quanto a partecipazione?
R. Mi sono trovata molto bene. Ho lavorato molto ed è stata una esperienza veramente positiva. La nostra comunità è molto grande ed esigente. Abbiamo organizzato stagioni di musica classica, mostre d’arte antica e contemporanea, rassegne cinematografiche, ma non abbiamo dimenticato la musica impropriamente detta popolare, recente e meno recente. Ricordo ancora con molto piacere il successo ottenuto da Eros Ramazzotti, da Laura Pausini e da Tiziano Ferro. Un successo altrettanto grande però lo hanno avuto anche Miranda Martino, Iva Zanicchi ed Edoardo Vianello, glorie indimenticabili degli anni Sessanta che tutti ricordano con grande affetto.
D. Per San Paolo, quando prevede che si trasferirà nella nuova sede?
R. Sulla carta il trasferimento è previsto per il 31 marzo, ma dipende dall’andamento dei lavori. Non stiamo facendo un’opera di restauro; stiamo semplicemente razionalizzando gli spazi, mettendo a norma gli impianti e, ovviamente, imbiancando. La bellissima facciata non sarà toccata. L’edificio ospiterà gli uffici dell’Istituto e la biblioteca, che dovrà essere sottoposta a lavori di revisione e di ristrutturazione. I corsi di lingua italiana per stranieri rimarranno invece tradizionalmente in questa sede, dove i nostri studenti potranno disporre di spazi maggiori. I corsi di italiano sono uno dei capisaldi della politica estera del nostro Paese. Essi vanno curati attentamente, perché la diffusione della nostra lingua è un fatto fondamentale e irrinunciabile.
D. Quali le competenze specifiche dell'Istituto?
R. La legge che riguarda gli Istituti di Cultura è la n.401/90. Vi è anche un regolamento applicativo (DL 392/95). Compito degli Istituti è la diffusione della lingua e cultura italiane, di quella cultura cioè che distingue e rende unico il nostro Paese. Per quanto riguarda i nostri connazionali, vi è una competenza specifica dei Consolati. È ovvio naturalmente che si attuano progetti comuni, che coinvolgono entrambe le istituzioni.
D. Una delle rivendicazioni della comunità sarebbe l'implementazione di una biblioteca circolante...
R. È un’idea che non è affatto impossibile da realizzare. Anzi. Auspico però che l’accesso alla biblioteca dell’Istituto venga valorizzato. La biblioteca dell’Istituto è veramente ricca, ci sono molti libri a disposizione. Noi pratichiamo il prestito a domicilio, ma non per tutti i volumi. La biblioteca possiede infatti libri di particolare valore storico, per i quali si permette solo la consultazione, ma si tratta di un numero sparuto di testi. La biblioteca conta circa 20mila libri. Tuttavia, per la struttura dell’edificio, essi sono sparsi in tante stanze e quindi l’accesso non è facilissimo. Personalmente sono favorevole alle biblioteche aperte. Chiaramente quelle chiuse hanno un senso, perché consentono di controllare meglio il patrimonio dello Stato. Ma vuol mettere che soddisfazione poter prendere un libro in mano e sfogliarlo? La biblioteca della nuova sede sarà molto più razionale: avrà due belle sale di lettura; a disposizione direttamente del pubblico saranno tutte le opere di consultazione e quelle di teatro e narrativa.
D. Quali saranno le promozioni culturali a breve termine?
R. Ci sarà una grande mostra di importanti pittori italiani e non dal titolo "Luce e ombra tra Rinascimento e Barocco", che aprirà il 13 marzo presso la Pinacoteca di Stato; una retrospettiva completissima di Fulvio Pennacchi, un grande pittore italiano vissuto in Brasile fino alla sua morte; un’altra dedicata a Giorgio Morandi e al paesaggio italiano. Stiamo inoltre lavorando alla realizzazione di mostre di design. In particolare sarebbe interessante presentare un evento di fashion design, cioè di abiti storici da gran sera dagli anni Cinquanta agli anni Ottanta, indossati da grandi dive, ma rigorosamente creati da stilisti italiani: Valentino, Krizia, Armani, Versace, Ferré ed altri. Per me, è di fondamentale importanza non trascurare il design italiano, che è uno dei nostri più importanti biglietti da visita, conosciuto com’è in tutto il mondo. Il design testimonia la creatività italiana, ma anche l’abilità e la manualità dei nostri Maestri, la capacità cioè di saper non solo immaginare, ma anche realizzare concretamente oggetti belli ed utili.
D. Quanto al cinema italiano?
R. Abbiamo aperto questa settimana un ciclo dedicato alle grandi dive. L’incredibile successo di pubblico ci ha incoraggiati a dedicare un giorno alla settimana al cinema ("Cinema Italiano all’Istituto", n.d.r.). L’interesse e l’amore per il nostro cinema in questa città sono veramente straordinari. Così abbiamo invitato per marzo Lina Wertmueller che aprirà un ciclo di film sulla sua produzione. La Signora inoltre sarà protagonista di un divertente spettacolo dal titolo "Peccati d’allegria", in cui leggerà dei testi suoi, mentre l’attrice–cantante Ottavia Fusco interpreterà canzoni famosissime, che hanno accompagnato negli anni Lina Wertmueller. Questo spettacolo, il 17 marzo prossimo, con ingresso gratuito, si terrà all’interno di un evento speciale, la partecipazione italiana alla Biennale del Libro. La musica classica non verrà certo trascurata. Apriremo la stagione con l’Orchestra Giovanile Italiana diretta da Roberto Abbado. Proseguiremo con altre importanti orchestre e solisti di primissimo piano, quali, per esempio, il flautista Andrea Griminelli. I concerti ci vengono proposti dal CIDIM (Comitato Italiano Musica), che sta curando anche la venuta dell’Orchestra Regionale Toscana diretta da Gabriele Ferro, del Quartetto di Cremona e di altri importanti complessi. Verrà dedicato molto spazio anche all’opera italiana. Ma non verrà dimenticata la musica popolare. In proposito stiamo lavorando alla realizzazione di uno spettacolo di canzoni popolari di grande qualità. Cercheremo di invitare inoltre qualche grande gloria del passato della musica leggera. Vorrei citare anche la danza. Abbiamo infatti in programma la venuta del Balletto del Teatro di Torino, uno dei migliori tra quanti si esibiscono in Italia, con la sua famosa etoile Loredana Furno che è madrina dei Giochi Olimpici. Non abbiamo dimenticato la musica contemporanea; a tal fine abbiamo assicurato la presenza a San Paolo di importanti Maestri. Come ho già detto, poi, parteciperemo alla Biennale Internazionale del Libro con lo "Stand Italia", dove esporremo libri recenti e recentissimi che i visitatori potranno consultare direttamente. Ricordo ancora che il 17 marzo si terrà una tavola rotonda cui parteciperà anche la signora Wertmueller. Il titolo dell’incontro è "Dal testo all’ipertesto". Un altro grande evento del 2006 sarà la "Settimana della Lingua Italiana", per la quale ci siamo già assicurati la presenza della grande scrittrice Dacia Maraini. Organizzeremo anche uno spettacolo sulla poesia italiana contemporanea in musica, evento questo molto particolare che piacerà al largo pubblico.
Una buona programmazione e senz'altro il pubblico sia brasiliano che italiano saprà certamente apprezzarla. (v.soligo\aise)

lunedì, febbraio 06, 2006

Cultura: Grenoble, conferenza dedicata al genio di L.B. Alberti

Grenoble (Francia), 6 feb. (Adnkronos Cultura) - In occasione della pubblicazione dell’edizione trilingue (francese, italiano e latino) del “De Pictura” di L.B. Alberti, l’Istituto Italiano di Cultura di Grenoble dedicherà il 22 marzo, alle ore 18.30, una conferenza al trattato risalente al 1435. Bertrand Prévost, professore all’Università di Provence, analizzerà le innovazioni tecniche, artistiche e sociali proposte nel “De Pictura”, dove Alberti pose al centro del pensiero umanista la pittura stessa. Nella sua opera, Alberti intese promuovere la pittura come prodotto della ragione, attribuendo valore scientifico all’opera d'arte, e mettendo questa disciplina artistica sullo stesso piano della letteratura e della filosofia. Anche il pittore, operAlbert, è un intellettuale.

Oltre ad essere un famoso architetto, (firma il progetto del Tempio Malatestiano a Rimini, del Palazzo Rucellai a Firenze, del campanile del duomo di Ferrara, della chiesa di S. Andrea a Mantovanacque), Leon Battista Alberti è famoso soprattutto per i suoi trattati, trai quali spiccano, oltre al De Pictura”, il monumentale “De re aedificatoria”, opera monumentale in dieci volumi.

sabato, febbraio 04, 2006

ISLAM: ITALY AT ODDS WITH IRAN OVER SATIRE TWENTY YEARS AGO

(AGI) - Rome, Italy, Feb 2 - Italy may well have forgotten but comedians Anna Marchesini, Tullio Solenghi and Massimo Lopez some twenty years ago were in the eye of the storm after satirising on Islam. Khomeini himself lost his temper when the trio turned up on TV clad in Iranian revolutionary cloaks: Khomeini was played by Solenghi, Marchesini played his mum and Lopez was his cousin. It was funny here, but not as far Iranians were concerned. Minister Mussavi on Khomeini's orders spoke of an "outrage" and four days later ambassador Ghdamali Khajepour took a flight and turned his back on Rome. The other side of the divide Tehran shut down the Italian cultural institute. There was a frantic diplomatic to and from with Italians trying to explain that satire was free to express itself as it chose. As soon as that was said three Italian diplomats in Tehran were put on a plane to Rome. It took Giulio Andreotti 6 weeks to secure the ambassadors return on amicable terms. The Mullahs even looked into the prospect of legal action, but fortunately stopped short of a fatwa.(AGI) - 022044 FEB 06

mercoledì, febbraio 01, 2006

A Berlino, per commemorare il dramma delle foibe

Una giornata di riflessione è organizzata dal locale Istituto Italiano di Cultura per ricordare una tragedia che, secondo le ultime stime, ha causato 17mila vittime

Italpanet.it, 30 gennaio 2006 - Da Berlino, in memoria del dramma delle foibe. Il prossimo 8 febbraio, l'Istituto Italiano di Cultura della capitale tedesca ospiterà una serata di discussione per commemorare, in concomitanza con la Giornata del Ricordo (10 Febbraio 2006), la tragedia che ha colpito gli Italiani d'Istria, Fiume e Dalmazia.

La serata prenderà il via con la presentazione, da parte del critico d'arte Gabriele Simongini, delle opere di Giuseppe Mannino dedicate a questo drammatico evento. A seguire, una discussione sul tema "La tragedia delle Foibe tra storia e ricordo" con la partecipazione di Lucio Toth, Presidente dell'Associazione Nazionale Venezia-Giulia Dalmazia, di Gianni Oliva, Assessore alla Cultura della Regione Piemonte, di Dario Locchi, Presidente dell'Associazione Giuliani nel Mondo di Trieste, e di Maurizio Gasparri, ex Ministro per la Comunicazione.

Furono migliaia, negli anni drammatici a cavallo del 1945, le persone torturate e uccise a Trieste e nell'Istria controllata dai partigiani comunisti jugoslavi di Tito. E, in gran parte, vennero gettate (molte ancora vive) dentro le voragini naturali disseminate sull'altipiano del Carso, le cosiddette "foibe". A ormai sessant'anni di distanza, si vuole quindi far conoscere, attraverso questa giornata di commemorazione, questa tragedia italiana che raramente troviamo sui nostri libri di storia, "al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli Italiani e di tutte le vittime delle foibe, l'esodo dalle loro terre degli Istriani, Fiumani e Dalmati nel secondo dopoguerra e la più complessa vicenda del confine orientale".
In verità, nessuno conosce con precisione il numero delle vittime delle foibe perché nessuno allora tenne quella tragica contabilità, ma anche perché in molti comuni i vennero distrutte le anagrafi per occultare il numero dei morti. Tuttavia, secondo una pubblicazione citata nella relazione alla proposta di legge, gli 'infoibati' sarebbero stati circa 17mila.

La Giornata del Ricordo è stata istituita con legge dal Parlamento italiano il 16 marzo 2004; la data scelta (10 Febbraio) è quella del Trattato di pace di Parigi del '47, che sancì il passaggio dell'Istria alla Jugoslavia.

This page is powered by Blogger. Isn't yours?