venerdì, luglio 28, 2006

Shangai: Un ponte in musica classica tra Italia e Cina

Shangai, 28 lug. (Adnkronos) - Formazione musicale, concerti in Cina e in Emilia Romagna. Sono le iniziative presentate all'Istituto italiano di cultura di Shanghai dal direttore dello stesso Paolo Sabbatini, dal console Silvia Costantini, dal direttore del Conservatorio di Shanghai Yan Liqing, dal presidente dello 'Shanghai opera center', dal maestro Paolo Olmi e, in rappresentanza della Regione Emilia Romagna, dall'assessore alle Attivita' produttive, Duccio Campagnoli.
L'iniziativa si colloca nell'ambito degli eventi promossi per 'L'anno dell'Italia in Cina' e, in collaborazione con il Conservatorio di Shanghai, portera' ad agosto in Emilia Romagna e in tutta Italia, la prima tourne'e della 'Shanghai youth orchestra', l'orchestra del conservatorio di Shanghai, il piu' importate della Cina. Il progetto, che vede sviluppare una collaborazione anche nel campo della formazione musicale tra il Conservatorio di Shanghai e le istituzioni di formazione musicale dell'Emilia Romagna, e' stata illustrata dal maestro Olmi, ravennate, nel 1988 primo direttore d'orchestra italiano invitato in Cina. La collaborazione del Governo Cinese e della citta' di Shanghai con l'Italia e, in particolare, con la realta' musicale della regione permettera' di sviluppare la formazione professionale dei giovani musicisti cinesi di musica classica. Il progetto presentato a Shanghai e' iniziato con un master class di formazione musicale tenuto da Paolo Olmi al Conservatorio di Shanghai e continuera' oggi con un concerto nella citta' cinese. Subito dopo i giovani musicisti cinesi terranno una serie di concerti in tutta Italia. Giovedi' la 'Shanghai youth
orchestra' si esibira' a Bologna in piazza Maggiore diretta dal maestro Muhai Tang, l'8 agosto a Ravenna e il 9 Cesenatico. Altre tappe della tourne'e saranno mercoledi' la citta' di Grado e venerdi' Reggio Calabria.
''La Regione Emilia Romagna, impegnata a contribuire allo sviluppo delle relazioni anche culturali oltre che economiche dell'Italia con la Cina - dice Campagnoli - ha promosso con l'Universita' di Bologna anche il Collegio di Cina, presentato anch'esso in questi giorni a Shanghai, che accoglie studenti cinesi a Bologna e promuove iniziative formative con la Cina''. ''Sara' importante – ha concluso l'assessore - poter sviluppare sempre piu' una collaborazione e un legame speciale delle istituzioni culturali tra Bologna e Shanghai anche nel meraviglioso campo della musica''.

sabato, luglio 22, 2006

Meglio l' Etruria del Guatemala

CULTURA
Le idee del sabato

di Belardelli Giovanni

Corriere della Sera, 22 luglio 2006
«Tesori etruschi allo sfascio»: l'edizione romana del Corriere della Sera ha riassunto così l'allarme, lanciato dalla sovrintendenza per l'Alto Lazio, relativo alle condizioni di abbandono in cui versano alcuni siti archeologici. Ma sono denunce che finiscono col suonare quasi di routine: se oggi sono le testimonianze etrusche a rischiare una «distruzione irreversibile», ieri era la volta dei mosaici di Piazza Armerina, delle biblioteche nazionali o di Pompei che, come scrisse un quotidiano, «muore un'altra volta». Può darsi che l'allarmismo, in questi casi, non giovi e (visto che Pompei sta sempre lì e le nostre biblioteche continuano bene
o male a distribuire libri) finisca con l'indurre l'impressione (errata) che i nostri beni culturali non siano poi tanto malmessi. Soprattutto, a rendere quasi sempre inutili certe denunce sta la difficoltà di partire da un dato banale ma decisivo. Se le risorse sono drammaticamente carenti quale che sia il governo in carica, è anzitutto perché esse sono limitate e, viste le condizioni del nostro debito pubblico, non facilmente suscettibili di aumentare. Ma allora, se le cose stanno così, alle denunce si dovrebbe accompagnare anche qualche indicazione su dove tagliare per reperire risorse. Proponendo, che so, di ridurre i finanziamenti a pioggia a tante, forse troppe, fondazioni culturali o avanzando qualche dubbio sulla necessità di avere un Istituto italiano di cultura in ogni dove, anche in Corea del Sud e in Guatemala. Se non si fa in questo modo, mettendo concretamente in discussione come lo Stato spende nel campo della cultura, è probabile che certi allarmi (pur giustificatissimi) continuino a cadere regolarmente nel nulla.

martedì, luglio 11, 2006

Italians celebrate World Cup win at the Cultural Institute

by Oana Ghita

The Italian Ambassador in Romania, Daniele Mancini (left) and his wife, are cheering at the end of the World Cup final


Bucharest Daily News, Tuesday, July 11, 2006
The Italian Cultural Institute in Bucharest was the host of the imported Italian tension and joy during the FIFA World Cup final that took place Sunday night.
The public that came to see the Italy-France match were Italians living in Romania and Romanians who had strong feelings for the azzurri. One of the distinguished hosts of the event was Italian Ambassador to Romania Daniele Mancini, who did not hold back from reacting like a real "tifoso" especially at critical moments of the match. "Sports means culture, tradition and show, this is why we invited people to the Cultural Institute to see the match," said Mancini. People dressed in the blue outfits of their beloved Squadra Azzurra were anything but quiet, as they seemed to be a sample of an Italian stadium during a Serie A high-stakes match. Biting ones nails and keeping composure is not an option for a real Italian, especially when it comes to "il calcio" (soccer in Italian). And when il calcio meets the World Cup, expect a summer evening of screams of joy and jeers from everyone. Every move of the Italian team triggered prompt reactions, often put into words and applause. Even the Romanians present in the room, as they were surrounded by comments in Italian, screamed at the players in their best Italian. "Andiamo ragazzi, faciamo un gol!" (Let's go guys, let's make a goal!) was the motto of the evening, regardless of the nationality of the spectator. And the tension was high, from the opening whistle, as the competition came off like a moment of crisis for the people present at the Italian Cultural Institute in Bucharest. All eyes were on the screen and the uplifting sounds of the Italian national anthem combined with the apparent determination of each azzurro in the lineup shown on TV at the start of the competition lingered in the air. The rush of adrenaline was settling in the enclosure and the fans were adjusting to the idea that the decisive 90 minutes had come when a collective sigh broke out as if the entire crowd was one person. It was the fifth minute of the match and France's Malouda fell in the penalty area after a clash with Italy's Materazzi. The referee called a penalty on Italy. The room was not large enough for the jeers of the supporters, who deemed there was no such cause for a penalty. All hands went up and all hearts beat at the same pace. Zidane was face to face with their keeper Gianluigi Buffon. "There is still hope, there are miracles," this is the way a supporter thinks. Zidane kicked the ball and it seemed that the goal might not be validated by the referee. The entire crowd stood, as they could not stand the pressure. But the goal was validated. The show had to go on. The acclaims for Italy continued, interrupted by some fleeting disapprovals of the referee's decisions. There was still time though. After a quarter of an hour of clenched fists and phrases that are at the top of the "fan's guide through the World Cup final," arms were raised high in the air, but this time in an explosion of joy. Materazzi, scored. The Italian Ambassador was jumping up and down and the room was not capacious enough to contain all the rejuvenated spirits of the Italian fans. Ambassador Daniele Mancini, with a smile on his face, started off the supporters leading the "Italia, Italia!" chants that lasted for a few minutes, accompanied by hands waving red, white and green flags. "The first half was a proof of great character of the Italian players," said Daniele Mancini, who believed the penalty was unfairly given to the French team.

"The Italians want the cup more than the French"

At the end of the first half, as the Azzurri leveled the score, the battle seemed to have just begun after 45 nerve-wrecking minutes. "The team that saves energy for the second half will win," said Mancini, who was high-spirited as he regarded the competition as having been "excellent" until the midway point. "The Italians want the cup more than the French." The ambassador did not think for a second that his team might lose the title. Recounts of the previous defeat of the Azzurri reappeared as they would in the mind of any Italian. "In the European Championship, Italy scored very early and then they were defeated by the French in the last two minutes," said Mancini. "One should never give up before the referee whistles the end," concluded the ambassador, who then went into the room to see how the competition would conclude. There was great Romanian support for Italy at the Italian Cultural Institute. The ambassador said that in his recent visits throughout the country, officials have had nothing but high hopes for the team.
And the fans had a lot to say during the remainder of the countdown to the prized world trophy. Two moments of joy triggered by TV angles that gave false impressions of goals for the Italians and many more times when France had their own occasions on goal, the public was afire. When Alessandro del Piero entered the field, the crowd chanted "Alex, Alex!" The match went into extra time and the perspective of a shootout prompted many fans to shake their heads in disbelief. "We are not good at that, we are not lucky when it comes to penalties," said a fan in the crowd. And then came Zinedine Zidane's attack on Materazzi which led to the leader of Les Bleus being sent off the field. Everybody booed and someone screamed in Italian: "Zidane, give back all the money you earned in Italy!"
Fearful and pale, the fans watched as the match went into a shootout. Nobody said a word, while the Italians prepared for the execution, as if one whisper would have disturbed the ones who in heart were thousands of miles away in Berlin. And fate shined down on Italy. France's Trezeguet's miss was cheered as if he were their national hero. And date loved Squadra Azurra that summer evening. At the end of the match there were people dancing, crying and waving flags in the room and on the big screen. The ambassador hugged the nearest people to him and rejoiced Italy's fourth world title. "We are going to drive through Bucharest tonight with flags," said the ambassador. The room became a slice of Italy in Bucharest at that moment, as the world belonged to their team.

domenica, luglio 09, 2006

Italian cultural institute to show World Cup final

The Yomiuri Shimbun, July 8, 2006

Tokyo - At the request of Italians living in the Kanto region and Japanese supporters of the Azzurri, the Italian Culture Institute of Tokyo has decided to show the 2006 World Cup final between Italy and France early Monday morning.

The game will be shown live from 3 a.m. at the Umberto Agnelli Hall on the second basement floor of the institute, about a 10-minute walk from Kudanshita Station on the Hanzomon, Tozai and Toei Shinjuku subway lines. The address is 2-1-30 Kudan-Minami, Chiyoda Ward. No parking is available at the venue.

Doors open at 11 p.m. Sunday. Live music and movies will entertain supporters until the kickoff.

Admission is free and no reservations are required. The seating capacity of the hall is 370. Latecomers may be asked to stand. The venue has a bar and drinks will be available. Supporters are allowed to bring their own food and drinks into the institute building but are asked not to bring them into the hall.

sabato, luglio 08, 2006

LA LINGUA ITALIANA RIPRENDE FIATO: IL VICE PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE FRATTINI A COLLOQUIO CON L’AISE SULL’ATTUALITÀ INTERNAZIONALE

ROMA\ aise\7 luglio 2006 - "La lingua italiana sta riprendendo fiato dopo qualche momento complicato. Avevano cominciato limitarne l’uso anche nelle interpretazioni alla Commissione Europea. Ho dovuto iniziare a parlare solo italiano altrimenti non me la lasciavano. Comunque adesso la lingua italiana si sta riaffermando". Lo ha dichiarato il Vice Presidente della Commissione Europea e Commissario responsabile per il portafoglio Giustizia, Libertà e Sicurezza, Franco Frattini, che ieri, a margine della Conferenza Internazionale "Migrazioni e sviluppo: sfide ed opportunità per la cooperazione euro-africana", ha spiegato all’Aise come l’italiano si stia riaffermando nella conversazione all’interno dell’Unione Europea.
"C’è il lavoro dell’Istituto italiano di Cultura a Bruxelles che è un lavoro eccezionale, è un volano di iniziative", ha detto Frattini, che si è poi soffermato a parlare della Conferenza Euro Africana sulle migrazioni, che si terrà in Marocco l’11 e 12 luglio e vedrà molti Paesi confrontarsi su temi fondamentali quali appunto l’immigrazione e da cui dovranno scaturire degli indirizzi ben precisi.
"La conferenza di Rabat è il primo appuntamento", ha evidenziato il Vice Presidente della Commissione Europea. "La strategia Euromediterranea ha degli obiettivi chiari non solo per l’immigrazione, ma anche di collaborazione per lo scambio delle culture, per incontri tra religioni e civiltà che è un grosso impegno che noi stiamo sviluppando. Inoltre – ha proseguito Frattini – abbiamo in mente di promuovere dei negoziati con i Paesi chiave del Mediterraneo e spero entro l’anno di chiudere con il Marocco l’accordo di riammissione. Sono stato in Libia poche settimane fa e con il leader Gheddafi abbiamo parlato anche dell’ipotesi di un negoziato tra Europa e Libia, che sto molto caldeggiando. Poi arriverà il turno dell’Algeria. L’idea è di avere un partenariato bilaterale, non tra singoli Paesi e Paesi terzi, ma dell’Europa con gli altri Paesi".
Però in vista di questa conferenza internazionale in Marocco, ci sono già le prime novità: l’Algeria rinuncia a partecipare.
"L’Algeria ha rinunciato a partecipare alla Conferenza di Rabat –dice Frattini - perché non c’è simpatia con il Marocco, come tutti sanno. Ma al prossimo incontro che faremo, da qualche altra parte, ci sarà".
In questi giorni non si fa altro che parlare del sequestro dell'ex Imam egiziano di Milano, Abu Omar, e del coinvolgimento dei servizi segreti italiani, sono già stati arrestati due dirigenti del Sismi, il servizio segreto militare italiano, indagati per concorso in sequestro di persona con l'accusa di aver partecipato al rapimento. Ecco a tal proposito cosa ci risponde il Vice Presidente.
"Sul caso del sequestro di Abu Omar e del coinvolgimento del Sismi verificheranno i magistrati come sono andate le cose. Il Presidente Prodi ieri ha fatto una dichiarazione che chiude ogni discussione. Fino alla sentenza io non anticipo giudizi: è chiaro che ci sono regole che i servizi segreti devo rispettate e questo non vuol dire abbassare la guardia dinanzi al terrorismo".
Altro argomento scottante la proliferazione nucleare, quindi l'arricchimento dell'uranio e il negoziato in corso tra l’Unione Europea e l’Iran. Ieri sera il negoziatore iraniano Ali Larijani ha incontrato l'Alto rappresentante della politica estera dell’Ue, Javier Solana.
A questo problema si aggiungono anche i test missilistici della Corea del Nord. Almeno sei missili sono stati lanciati dalla sua costa orientale nelle prime ore di mercoledì, provocando sdegno e condanna da parte della comunità internazionale. A distanza di 12 ore, secondo funzionari sudcoreani e giapponesi, Pyongyang ha lanciato un settimo missile.
Argomenti anche questi che vedono molto impegnata ed interessata l’Unione Europea.
"L’idea dell’Ue - conclude Frattini - è di continuare a chiedere che le regole di non proliferazione nucleare siano rispettate dall’Iran. La minaccia che è arrivata dalla Corea del Nord è l’ulteriore dimostrazione che il Consiglio di Sicurezza dell’Onu deve assumere delle decisioni determinati anche per la sua credibilità. È chiaro che se si dà il cattivo esempio, il Consiglio non assume decisioni, i dittatori, è di questo che si tratta, fanno partire missili. L’Unione Europea guarda con preoccupazione a tutto questo". (cla.sal.\aise)

giovedì, luglio 06, 2006

GLOCALISMO E LINGUA ITALIANA SFIDE E PROSPETTIVE": DOMANI SEMINARIO ALL’IULM DI MILANO

MILANO\ aise\5 luglio 2006 - Globus et Locus e la Fondazione Università IULM organizzano, domani giovedì 6 luglio, a Milano un seminario per discutere sulle sfide e sulle opportunità che si aprono alla lingua italiana nel contesto della glocalizzazione.
La tavola rotonda, introdotta da Alberto Abruzzese (Pro-Rettore Università IULM), Piero Bassetti (Presidente Globus et Locus) e Stefano Rolando (Segretario generale Fondazione Università IULM), sarà incentrata su temi quali: i rapporti tra lingua, statualità e civilizzazioni nell’epoca della globalizzazione; il plurilinguismo; il problema della comunicazione nel mondo glocale ed il ruolo dei media nelle dinamiche linguistiche contemporanee.
Se l’impatto della globalizzazione sembra mettere in crisi il ruolo degli Stati nazionali, anche le lingue tendono oggi ad assumere nuove funzioni: sempre più trasversali e ricche di contaminazioni, le lingue si distinguono come fenomeni locali e insieme globali.
"Con questo incontro - sottolinea Piero Bassetti - vorremmo approfondire la riflessione non sull’italiano degli "italiani", vale a dire la lingua praticata dai cittadini italiani in Italia, ma sull’italiano degli "italici", ovvero la lingua praticata dagli italiani fuori d’Italia, dai loro discendenti, dagli italofili, dalle diaspore estere immigrate in Italia". Alla discussione parteciperanno, tra gli altri, il Presidente della Società Dante Alighieri, Ambasciatore Bruno Bottai, il Rettore dell’Università per Stranieri di Siena, Massimo Vedovelli, e il Direttore scientifico del Centro Altreitalie, Maddalena Tirabassi.
"Il tema italico che proponiamo a una prima discussione, - spiega il prof. Alberto Abruzzese, Pro-Rettore dell’Università IULM e docente di Sociologia della Comunicazione - può costituire un indirizzo di ricerca scientifica e politico-culturale molto fruttuosa. L’intento è di stimolare una prima riflessione sulle forme espressive dell'italicità, che possono avere una importante ricaduta sul piano delle relazioni internazionali, dei progetti multinazionali e del marketing".
L’incontro-dibattito costituisce un primo momento di un percorso progettuale comune a Globus et Locus e alla Fondazione IULM, sulle prospettive della lingua italiana nell’arcipelago linguistico globale del XXI secolo.
"Alle problematiche linguistiche della diaspora italiana su cui si discute, troppo poco, da decenni - osserva il prof. Stefano Rolando, Segretario generale della Fondazione Università IULM - si sono aggiunti due nuovi temi sull’italiano storpiato ma vitale: quello della multietnia formatosi in Italia, e quello della multimedialità formatosi senza confini in un intreccio di cultura e praticità, ovvero tra nuovi bisogni e nuovi metodi di apprendimento".
"Un perimetro quindi da esplorare – conclude Rolando - in modo multi disciplinare su cui Fondazione Università IULM ha accolto con grande favore la proposta di un percorso di discussione e di ricerca da parte di Globus et Locus. Il seminario all’Università IULM è l’avvio di questo percorso". (aise)

mercoledì, luglio 05, 2006

L’Italia all’estero è tutta da rifare

ISTITUTI ITALIANI DI CULTURA. Sprechi, clientelismi, irrazionalità: la gestione in questi cinque anni è stata questo. Una conferenza oggi a Perugia riunisce 40 direttori. Ecco una panoramica della situazione per il nuovo governo.
di Maria Serena Palieri


---------------------------------------
La denuncia

UN APPELLO al neoministro D’Alema viene da una rivista che si stampa a Parigi, Focus Magazine: in un articolo, la rivista denuncia lo "sconsolato e sconcertante" operato del Consolato generale nella capitale francese, nei confronti delle associazioni locali. Sul tappeto alcuni fatti. Primo: esiste, organizzato dalla rivista, un «Forum delle Associazioni italiane» che ha sede nel XIII arrondissement e che riunisce 37 associazioni no profit. Colpa del Consolato, in questo caso, aver organizzato una trasmissione televisiva, L'Italie en directe, spacciando l'organizzazione come se fosse cosa propria. Secondo, esiste un Progetto di lingua italiana, un'associazione che è riuscita negli anni a creare nella stessa circoscrizione parigina, un interesse per la nostra cultura tale da far sì che l'italiano si insegni, dal 2002, in otto scuole, e che venga promossa ogni anno una «Settimana della cultura italiana». Anche in questo caso, il Consolato - dopo aver osteggiato l'associazione - al momento giusto ne avrebbe «assorbito» marchio e iniziative. Episodi su scala locale, ma che, è la denuncia, spiegano come abbia proceduto in questi anni, a livello «micro» anziché macro, il «berlusconismo».
----------------------------------------------
- I finanziamenti di contrazione in contrazione sono arrivati a 17 milioni e mezzo di euro
- E invece il passato governo, ha nominato direttori esterni che costano il doppio di quelli ministeriali
------------------------------------------------

L’Unità, 29 giugno 2006
L’italiano è richiesto, e per motivi non sempre ovvii. La richiesta di corsi di italiano cresce, in Europa centro-orientale, per motivi economici: le nostre industrie si «delocalizzano» in quelle aree da un lato mentre, dall'altro, aumentano quanti da lì emigrano verso il nostro Paese. Ma capita anche che in Estremo oriente la richiesta sia di corsi di un italiano assai specifico, ottocentesco e melodioso, per cantanti lirici che si cimentano con Donizetti e Rossini. Lingua sulla carta periferica, la nostra, sta riconquistando delle posizioni. Alla scommessa è dedicata la due giorni di conferenza sull'«italiano nella globalizzazione» che apre i battenti oggi a Perugia. E’ l'Università per stranieri che la promuove, coinvolgendo i direttori di quaranta dei nostri novanta Istituti italiani di cultura all'estero. La selezione degli Istituti è mirata: si tratta di quelli collocati in aree considerate «di interesse strategico», in Asia orientale, Medio Oriente, Mediterraneo, Europa orientale, America Latina C'è un paradosso: in queste aree i nostri Istituti non sono né in maggioranza né i più importanti. Perché questa rete di avamposti della nostra cultura - nata nel 1925 - è disegnata su una mappa di geografia politica ed economica novecentesca. Cioè ormai vecchia. Il grosso è in Europa: sette solo in Germania, sei in Francia,.terre della nostra antica emigrazione; pochissimi, per converso, in «Cindia», in India a New Delhi, in Cina a Pechino. Nell'ultimo quinquennio gli IIC, come sono ribattezzati nel gergo della Farnesina, hanno subito logiche schizofreniche: ridotti alla canna del gas quanto a finanziamenti, però incaricati di successive missioni grandiose, come promuovere un «muovo Rinascimento», e in qualche caso affidati a gestioni avventuriste o scandalose. Oggi, a Perugia, di essi si torna a parlare in modo più consono. Ma, appunto, ora che al Ministero degli Affari Esteri è avvenuto il cambio della guardia, quale quadro si presenta?
La rete degli IIC fu ridisegnata dalla legge 401 del '90, la cosiddetta legge De Michelis. Nella legislatura appena chiusa la questione di una riforma si è trasformata in un vero tormentone: il centrosinistra ha ripresentato la proposta di legge di cui, nella legislatura precedente, era primo firmatario Furio Colombo, il centrodestra un proprio ddl, e da una riunione di commissione all'altra non se ne è fatto niente. I finanziamenti, di contrazione in contrazione, sono arrivati ai 17 milioni e mezzo di euro della Finanziaria 2006. In cambio, è stato singolare, talora grottesco, l'utilizzo che il centro destra ha fatto dello strumento predisposto dalla legge De Michelis, i cosiddetti «chiara fama»: i direttori, cioè, non provenienti dall'organico ministeriale, ma scelti per titoli culturali e mandati in alcune sedi (massimo dieci a tornata). E'stata una storia di epurazioni (rimosso perché sgradito, da Berlino, Ugo Perone e auto-epuratosi da Parigi Guido Davico Bonino), di sostituzioni a sorpresa, con strascichi giudiziari (a Bruxelles Pialuisa Bianco messa sulla poltrona di Sira Miori), di nomine inspiegabili di Carneadi. Per la prima volta, un governo può vantare che due «chiara fama» siano ritornati a casa in anticipo: a Madrid sembra che si sia arreso all’evidenza di non essere adatto al ruolo Patrizio Scimia, tecnico della Telecom, amico però del sottosegretario Mario Baccini; da Mosca è stata richiamata Angelica Carpifave, la cui vicenda - tra malori del personale e interventi di agenti dell'ex Kgb - aveva preso i toni di un tragico fumetto. Dieci è il tetto, dieci ne sono stati nominati. Oggi i «chiara fama» sono: Renato Cristin a Berlino, Giorgio Ferrara a Parigi, Maria Weber a Pechino, Claudio Angelini a New York, Pialuisa Bianco a Bruxelles, Giuseppe Di Lella a Madrid, Pierluigi Barrotta a Londra, Simonetta della Seta a Tel Aviv, Umberto Donati a Tokyo. Mentre è in corso di nomina, scelto dalla vecchia gestione, Alberto Castaldini a Bucarest. Se qualcuno di questi nomi non vi dice nulla, non avete tutti i torti. Di Lella è accreditato come un manager di lungo curriculum. Da un’ultima intervista in Rete, nei panni di presidente dell'associazione laziale della Giunta Storace per lo sviluppo dell'agricoltura, scoprirete come si intenda di coltura dello zafferano. Sembra, però, purtroppo, che non sappia chi è Jannis Kounellis. Se qualcun altro vi dice troppo, idem: Ferrara chi? Sì, è il fratello di Giuliano. Regista teatrale, sotto la sua gestione negli ultimi due anni e mezzo l'Istituto di rue de Varenne ha perso la metà degli allievi dei corsi d'italiano, in cambio ha acquistato un teatrino, costruito nella già bella sala delle colonne. Adatto per monologhi, perché il palcoscenico è largo meno di due metri. Non a norma di sicurezza, tant’è che per impedire l'ispezione della Prefettura è stata invocata l'extraterritorialità. Ma pur sempre un teatro, dove il direttore-regista, com'è diventata consuetudine, allestisce i propri spettacoli (un'ultima richiesta di finanziamento «extra» per una nuova pièce sembra s'aggiri sui centomila euro). Insomma, l'uso dei «chiara fama» sarà una delle gatte da pelare. Il loro impegno è per un biennio, rinnovabile una sola volta. I primi a scadere senza possibilità d’essere rinnovati saranno nel 2007 Cristin, Ferrara, Angelini, Bianco. Ma, nel frattempo si potrà ragionare sul metodo. Il centrodestra ha adottato un intreccio tra spoil system e logiche clientelari. Parallelo al ricorso all'«outsourcing» per dribblare le gare d'appalto, così come all'utilizzo di «esperti» (a 11.000 euro al mese) al posto degli addetti di fonte ministeriale (costo sui 6.000 euro al mese). Ma il metodo giusto qual è? E’ naturale che dentro i Ministero aleggi qualche spirito corporativo e non si guardi con favore agli «esterni». Colpevoli – è la critica - anche quando di fama oggettiva e chiarissima, di infischiarsene della gestione quotidiana.. E, si aggiunge, di non portare in genere un soldo col loro nome, in termini di sponsor, come si auspicherebbe. Ma da qui, nelle stanze della Farnesina, si passa a un’osservazione condivisibile: il problema è l’utilizzo di queste personalità. Che dovrebbero avere, tra i titoli, anche esperienze manageriali o di organizzatori: poniamo un direttore di teatro o un assessore alla cultura. O, dice più d'uno, essere utilizzate diversamente, su progetto: il day by day a chi sa farlo, l'exploit al creativo di nome.
Eccoci a due nodi. Primo: a cosa servono gli Istituti? Dovrebbero creare attrazione per il nostro Paese e fidelizzare legami. Creare interesse per l'Italia significa promuovere iniziative che, sul piano culturale appunto, la rendano appetibile: quelle classiche sono le rassegne di cinema; ma il buon senso dice che oggi, con le nuove tecnologie, si potrebbero realizzare – con pochi soldi – mostre virtuali che pubblicizzino il patrimonio artistico del Bel Paese. Più «redditizio», a lungo termine, questo che la vulgata impostasi negli ultimi anni: periodicamente si è dato compito agli Istituti di pubblicizzare Ferrari e burrate, Chianti e stilisti.
Per fidelizzare, nulla di meglio che consegnare la lingua: il coreano che impara l'italiano diventerà un amante a lungo termine della nostra cultura. D'altronde dove le cose marciano, i corsi di lingua sona il vero cespite degli Istituti: a Madrid e Tokyo, in anni di buona gestione, erano arrivati a incassare due miliardi di lire l'anno. Ma qui bisognerà decidere chi, per il nostro Paese, ha questo compito: perché le competenze degli IIC si sovrappongono con quelle della Società Dante Alighieri, con sprechi di soldi e confusione di immagine.
I soldi, inutile dirlo, sono l'altro nodo. Se sono pochi, è l'interrogativo che corre, perché non rivedere la rete degli Istituti? Dai sette tedeschi tirarne fuori uno. Verificare quelli «in sonno»: a Baghdad ce n’è uno, chiuso, le cui spese però corrono lo stesso.
Pianificazione, razionalizzazione, controllo degli sprechi. Dopo cinque anni di un intreccio vizioso tra torpore e follie, è «buon senso», sembra, la prima richiesta che viene dagli Istituti.

CONFERENZA DIRETTORI IIC/ PIÙ AULE PER L’IIC DI BUENOS AIRES: L’AISE INCONTRA IL DIRETTORE ENNIO BISPURI

PERUGIA\ aise\4 luglio 2006 - La carenza di aule non consente all’Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires di poter avviare in modo proficuo dei corsi di lingua italiana. L’Aise ha incontrato il Direttore dell’Istituto argentino Ennio Bispuri, a Perugia nel corso della Conferenza che ha visto confluire all’Università Stranieri i direttori degli IIC.
L'Istituto di Buenos Aires fu fondato nel 1940 con il nome di Centro Studi Italiani. Durante la Seconda Guerra Mondiale rimase chiuso e fu riaperto nuovamente, nella sede attuale, nel 1952.
L'area geografica di competenza dell'IIC comprende tutto il territorio argentino tranne le provincie appartenenti alla zona di competenza dell'IIC di Cordoba (Córdoba, Catamarca, Jujuy, La Rioja, Salta, Santiago del Estero Tucumán, Mendoza, San Juan, San Luis).
Per le manifestazioni concertistiche, per alcune mostre d'arte e per gli eventi di maggior respiro, l'Istituto si avvale della collaborazione di istituzioni artistiche e museali locali, di teatri e in generale di numerose Istituzioni dipendenti dal Ministero della Cultura argentino e dal Comune di Buenos Aires.
Facilita i contatti fra le personalità e le istituzioni culturali e scientifiche dei due paesi e favorisce la collaborazione fra le istituzioni scolastiche ed accademiche argentine ed italiane.
L'Istituto è sito al terzo piano di un grande edificio demaniale su progetto di Gio Ponti che ospita anche il Consolato Generale d'Italia, il Teatro Coliseo e la Camera di Commercio italiana. Possiede una fornita Biblioteca ed una sala polifunzionale (Benedetto Croce) che ha avuto l'onore di ricevere, in qualità di relatori, figure di spicco della cultura italiana e argentina. Nel 2001 è stata ultimata una ristrutturazione che ha razionalizzato gli spazi, tenendo conto delle esigenze di lavoro.
D. Dottor Bispuri, chi si rivolge al suo Istituto per studiare la lingua italiana?
R. Premetto che Buenos Aires è una città di indubbio dinamismo culturale, ricca e in fase di netta ripresa economica. L’Istituto di cultura è un punto di riferimento fondamentale perché le radici italiane sono profonde. Purtroppo i discendenti italiani, che sono più della metà, hanno passaporto italiano ma non parlano la nostra lingua. Molti vogliono imparare l’italiano perché hanno desiderio di venire in Italia. I discendenti quindi vogliono recuperare la lingua, mentre gli argentini si avvicinano all’italiano perché hanno grande curiosità, inoltre il loro vocabolario è ricco di idiomi italiani o comunque con una matrice italiana.
D. Quali iniziative linguistiche portate avanti?
R. Le iniziative linguistiche sono problematiche da organizzare perché abbiamo dei concorrenti, quali la Dante Alighieri o le Università, poi noi non abbiamo aule quindi dal punto di vista della lingua ci sono difficoltà. Noi puntiamo di più sulla cultura perché sono convinto che lo studio di una lingua è la conseguenza dell’interesse che uno ha per un Paese. Se si è interessati alla nostra cultura poi si è spinti a studiarne la lingua, non credo avvenga il contrario e questo va tenuto in considerazione.
Organizziamo però iniziative culturali che quasi tutti gli istituti fanno, tendiamo a fare attività nel settore della gastronomia, della moda, del design. Aspetti più popolari che attraggano il mondo italo argentino. Non mancano attività musicali, che abbracciano sia la lirica, che il jazz, fino alla musica leggera. Lo sforzo è enorme perché i mezzi non sono sempre adeguati, con un moderato ottimismo posso dire che comunque riusciamo a farcela.
D. Quali sono le vostre richieste?
R. Sarebbe opportuno che il Ministero Affari Esteri puntasse sulla lingua, riguardo le manifestazioni culturali noi siamo in grado di farle. L’assenza di aule ci costringe a pagare affitti togliendoli dal fondo di dotazione e la cosa può diventare problematica. Quindi se il Mae sviluppasse all’interno del comparto culturale uno specifico settore "linguistico" darebbe maggiore serenità agli Istituti di Cultura, che oltre alle loro manifestazioni culturali devono alle volte arrangiarsi. Prima di venire in Argentina sono stato 5 anni a Barcellona e lì avevo corsi con 1000 iscritti anche con introiti notevoli, ma l’assillo erano le aule, andavamo ad elemosinare alla scuola italiana o pagavamo gli affitti. Chiedo una maggiore attenzione centrale, anche se capisco che il Mae ha i suoi problemi, e anche se forse lo sforzo andrebbe fatto da entrambe le parti, sia centro che periferia.
D. Quali eventi avete in programma per l’anno in corso?
R. È prevista una mostra su Sofia Loren, con la presenza dell’attrice. Questo evento rientra nell’ambito di un gemellaggio tra la provincia di Roma e quella di Buenos Aires. A mio avviso queste occasioni così popolari sono importanti in termini di pubblicità positiva e nobile per un Istituto di Cultura. Io sono uno studioso di cinema quindi considero il settore del cinema un veicolo linguistico. È prevista anche la visita di Mario Monicelli, stiamo organizzando anche un omaggio a Vittorio Gasman, che era di casa a Buenos Aires. Infine dico che c’è tanta richiesta di imparare la lingua italiana, quindi dobbiamo sempre più attrezzarci per soddisfare questa e anche stimolarla. (clara salpietro\aise)

martedì, luglio 04, 2006

CONFERENZA DIRETTORI IIC/ MOROSI DELL’IIC DI LIMA ALL’AISE: PIÙ CORSI DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI DI ITALIANO E UN INCREMENTO DI RISORSE

PERUGIA\ aise\3 luglio 2006 - Molte le esigenze, per via della particolarità del territorio, a cui deve far fronte l’Istituto Italiano di Cultura di Lima, in Perù.
"Il Perù è un paese molto povero che ha bisogno di trovare risorse nuove per poter sopravvivere, quando sono venuto qui, 14 marzo 2002, pensavo che i peruviani volessero imparare l’italiano per un fine pratico, invece da un’indagine scoprì che l’italiano veniva scelto per amore della nostra lingua e cultura". A sostenerlo all’Aise è il Direttore dell’IIC, Nadir Morosi, che abbiamo incontrato alla Conferenza degli IIC tenutasi a Perugia.
L’Istituto di Lima, fondato nel 1950, è un’istituzione ufficiale dello Stato Italiano, riconosciuta dall’Accordo Culturale firmato tra il Perù e l’Italia l’8 aprile del 1961 ed i successivi programmi esecutivi.
Per le manifestazioni concertistiche, per alcune mostre d'arte e per gli eventi di maggior rilievo, l'Istituto si avvale della collaborazione di Istituzioni artistiche e museali locali quali il Museo Pedro De Osma, la Galleria German Gruber Espantoso dell’Instituto Cultural Peruano Norte Americano, del Museo de Arte Italiano, della Asociación Prolirica del Perú, della Filmoteca della Pontificia Università Catolica del Perù, della Sociedad Filarmonica. Inoltre di teatri quali il Teatro Antonio Raimondi, e l’Auditorio del Collegio Santa Ursula.
Tra i principali Festival cui l'Istituto è solito partecipare attivamente e regolarmente figurano il Festival del Cinema Europeo, il Festival del Cinema Latinoamericano, il Concorso e Festival di Canto Lirico di Trujillo.
Il locale nel quale si trovano gli uffici dell’Istituto Italiano di Cultura fu costruito nel 1930 ed è situato nelle vicinanze del centro storico della città.
Fu donato dalla collettività italiana del Perù, al Governo Italiano il 21 marzo del 1972 e il 10 giugno 2000 l’edificio è stato dichiarato, dall’Istituto Nazionale di Cultura del Perù, "Monumento facente parte del Patrimonio Culturale della Nazione".
Occupato in minima parte dall’IIC, il resto della struttura è vuota a causa del trasferimento della Scuola Antonio Raimondi in una nuova sede.
Dispone, oltre che di una ampia e variata biblioteca, di 12 aule per l’insegnamento dei corsi d’italiano, di una sala conferenza, che può essere riadatta a Sala mostre e dove vengono realizzate proiezioni cinematografiche con una capienza di 100 posti.
Il chiostro centrale, oltre ad offrire una viva mostra di fine architettura limegna del principio del secolo XX, è allo stesso tempo un punto d’incontro per il pubblico in generale e gli studenti che frequentano i corsi di lingua e cultura italiana, i quali si riuniscono intorno al Caffè Italia dove si possono degustare cibi e bevande tipicamente italiane.
D. Dottor Morosi che tipo di corsi organizzate?
R. Da un paio di anni organizziamo corsi di italiano per infermieri che vogliono venire in Italia per specializzarsi. In Perù c’è una carenza di infiermieri e tecnici in infermieristica. Il peruviano come persona è molto predisposta per questo tipo di lavoro, ha un carattere mite, disponibile ed è intelligente. Ai corsi di italiano abbiamo circa 1200 iscritti, 22 insegnanti e un coordinatore.
Poi ci sono corsi per l’apprendimento del latino. L’Istituto inoltre assegna borse di studio a peruviani indigenti o bisognosi, facciamo pagare la metà del costo intero oppure molte volte niente.
Nel 2002 il numero degli iscritti era di 800, poi c’è stato un incremento consistente e fattivo ed oggi sono quasi 1200.
D. Avete degli sponsor che vi sostengono dal punto di vista economico nell’organizzazione delle manifestazioni?
R. Negli ultimi due anni nonostante la limitazione dei mezzi finanziari, ci diamo da fare ugualmente. Fino all’anno scorso come sponsor avevamo la Tim e il Banco Sud Americas, che poi è stato venduto ad uan Banca canadese. L’anno scorso questa Banca ha aiutato l’Istituto in occasione della Mostra che si è tenuta a Lima, presso il Museo Pedro De Osma, "Argenti italiani del '900" e di "Ilaria: 15 anni di argenteria peruviana". Nella prima sono esposti 69 pezzi realizzati da vari artigiani italiani come Carlo Scarpa, Paolo Portoghesi, Giotto Stopino e Mario Botta. Nella seconda gioielli e articoli in argento sono realizzati invece da Ilaria Ciabatti, artista fiorentina che fin dal suo arrivo in Perù ha avuto una grande ammirazione per l'oreficeria locale e per l'arte "virreynal". Abbiamo organizzato una mostra su Morandi, De Chirico, Carrà, De Pisis, una mostra su Rossellini, mentre ne stiamo preparando una su Visconti. Si sono tenuti due concerti che hanno riscosso enorme successo, uno ha avuto come protagonista Fatima Scialdone, l’altro Anna Maria Castelli. Il 5 luglio invece si terrà "Arcobaleno Italiano", una rassegna cinematografica dedicata ad autori contemporanei. Il Banco di Credito, nostro nuovo sponsor, ha promesso che ci darà un amano d’aiuto per il prossimo anno in occasione del bicentenario di Garibaldi e dell’organizzazione di una mostra sulla Roma Antica.
D. Quali sono le vostre principali richieste?
R. Chiediamo che venga aumentato il budget disponibile fino ad ora, inoltre che molte attività previste per gli IIC, arrivano fino a Buenos Aires e invece spero che possano essere portate anche qua. È bene che ci sia un collegamento più fluido tra colleghi dell’area. Chiediamo corsi di aggiornamento di lingua italiana, perchè le insegnanti sono rimaste ad un italiano grammaticale che si usava anni fa. Molte volte sono io che curo dei seminari dedicati all’aggiornamento.
Quando ero direttore dell’Istituto dell’Uruguay oppure quando sono stato in Cile, il buadget che avevo a disposizone era di 5 mila dollari, che mi consentivano di organizzare qualcosa. In cile ad esempio avevamo come sponsor l’EntelCile e quando venne l’Orchestra Sinfonica della Rai di Torino diede all’Istituto 80 mila dollari.
D. Qual è il bilancio di questi anni di lavoro a Lima?
R. Il bilancio è positivo, siamo molto apprezzati dai media locali, dalla collettività italiana residente in Perù, gli iscritti sono 30 mila ma di sicuro sono molti di più e poi c’è il riconoscimento del MAE. Tutto questo grazie anche a tutti i miei collaboratori e al loro spirito di abnegazione e sacrificio, se sono state raggiunte delle mete è dovuto a loro. Da quest’anno c’è stato un incremento dell’attività grazie all’arrivo dell’Ambasciatore italiano a Lima, Fabio Claudio De Nardis. Nel 2000 è stato nominato Consigliere per gli Affari Internazionali del Ministro per i Beni e le Attività Culturali. Nel 2002 è nominato Ministro Plenipotenziario, inoltre negli ultimi mesi prima dell’incarico di Ambasciatore ha prestato servizio alla Direzione generale per la promozione e cooperazione culturale. (clara salpietro\ aise)

CONFERENZA DIRETTORI IIC/ IL DIRETTORE DELL’ISTITUTO DI SANTIAGO ALL’AISE: CREARE IL "SISTEMA PAESE" È LA SOLUZIONE PER AVERE PIÙ RISORSE

PERUGIA\aise\3 luglio 2006 - "La prima grande riforma da effettuare negli Istituti Italiani di Cultura è passare da un concetto di "Istituto sede" in "Istituto area". Adeguare le risorse umane al significato di cultura nel senso più ampio". È la proposta di riforma che Enzo Coniglio, il Direttore dell’IIC di Santiago, in Cile, illustra all’Aise. Lo abbiamo intervistato approfittando della sua presenza alla Conferenza, organizzata dall’Università Stranieri di Perugia, rivolta ai Direttori degli istituti italiani sparsi nel mondo.
L'area di competenza dell'Istituto, che si trova in via Triana quartiere Providencia, è tutto il territorio del Cile con le seguenti 13 regioni: Tarapacá; Antofagasta; Atacama; Coquimbo; Valparaíso; O'Higgins; El Maule; El Bío Bío; La Araucanía; Los Lagos; Aisén; Magallanes y Antártica Chilena; Región Metropolitana de Santiago.
"Il primo problema per tutti gli IIC – evidenzia - è chiedersi se le risorse umane, direttori o addetti, sono adeguati a questa funzione. Non credo che possano esserci persone con una cultura così ampia, perché nessuno può essere Pico della Mirandola. Allora si pone il problema di creare gruppi di lavoro, dove nella stessa aree possano esserci esperti di cinema o di musica per tutta l’area".
"Quando ero a San Francisco – ricorda Coniglio - mi occupavo di cultura e del significato scientifico e tecnologico, perché in quegli anni, parlo dell’85 fino al ‘91, si stava sviluppando la Silicon Valley, la prima azienda di elettronica civile. Quindi io dovevo farmi portavoce dell’interesse italiano per la scienza e tecnologia.
Operavo in una zona dove esisteva l’università di Berkeley che aveva 11 premi Nobel o di Stanford che ne aveva 9, la nostra era quindi una politica di eccellenza rivolta ad una classe eccellente. È chiaro che un Istituto di cultura deve radicarsi sul territorio e deve rispondere a precise istanze che da questo arrivano e dimostrare che l’Italia è capace di inserirsi in un contesto internazionale a pari livello. Mentre ero a San Francisco mi ha fatto piacere scoprire che il coinventore del microprocessore, che sta alla base del computer moderno, è un italiano, il padovano Federico Faggini. Lui ha anche realizzato il mouse che si trova in tutti i notebook".
"In seguito sono stato a Los Angeles, zona del multimediale dove ci siamo specializzati, - prosegue - nella sede dell’Istituto di cultura abbiamo creato una sala di proiezione cinematografica. Poi sono stato in Sud Africa dove ho fondato un Istituto, perché lì non esisteva, dandogli un impronta di cultura gestionale, perché quello di cui ha bisogno quella zona è lo sviluppo del paese attraverso la piccola e media impresa e di cui l’Italia è un protagonista mondiale.
Adesso sono in Cile e devo tenere conto di questa realtà, il cui sviluppo cresce al ritmo del 6% l’anno, ha una totale stabilità politica ed economica e quindi è chiaro che l’Italia è vista dai cileni come partner privilegiata per la creazione di società miste.
Questi temi dimostrano come un direttore dell’IIC deve essere una persona capace di svolgere un’analisi coerente ed avere una preparazione molto vasta, perché deve affrontare temi di cultura scientifica, gestionale ed imprenditoriale. Io sono stato favorito perché dopo aver fatto filosofia, ho frequentato la Bocconi ho fatto corsi di direzione aziendale, mi sono specializzato in strategia d’impresa".
D. Cosa mi dice a proposito delle risorse a disposizione degli Istituti di Cultura?
R. Quando si lavora in una zona come San Francisco con miliardi di dollari, con la presenza di prestigiose Università, noi non possiamo fare il concertino o il filmetto, dobbiamo come Direttori riuscire a galvanizzare l’interesse di grandi Università italiane, portare degli specialisti e poi soprattutto formare i giovani ricercatori italiani, incoraggiarli e trovare per loro opportunità. Poi ci sono le risorse finanziarie, che sono i soldi necessari per svolgere attività o acquistare beni, e questi sono limitati. Non possiamo pensare che il MAE riservi più soldi, perché non ce ne sono. Penso che la soluzione sia di creare il "Sistema Paese", cioè creare alleanze strategiche e strutturali continue con l’Ice, Camere di Commercio, con imprese che operano in zona, con fondazioni italiane ad esempio con la Cassamarca o la Fondazione Agnelli, e con le istituzioni che sono leader del nostro paese. Solo attraverso questo concetto le nostre poche risorse potrebbero essere ottimizzate in un "progetto Paese".
Poi c’è il tema delle risorse economiche, in pratica i beni che l’Istituto possiede. In questo caso è sempre meglio avere un edificio demaniale. Io ho fatto comprare l’edificio di Los Angeles che oggi è uno degli edifici più belli in Nord America e non paghiamo imposta, così come in Cile. Attraverso l’edificio si può trasmettere l’immagine Italia, paese del design, della moda.
Per questo penso che a livello di risorse economiche bisogna stabilire il concetto che all’Istituto di cultura deve essere proibito di comprare il mobile da strapazzo o economico, l’istituto fisicamente deve essere la vetrina del design italiano. Poi deve possedere le più moderne strutture informatiche e di telecomunicazione.
D. Quindi cosa bisogna fare?
R. Bisogna introdurre il concetto di rapporto tra costo e obiettivi raggiunti, ma per fare questo servono le infrastrutture e le persone che li sappiano usare. Fare il direttore è un mestiere complesso che richiede esperienze e competenze multiple.
D. Quali iniziative avete in programma per l’anno in corso?
R. Abbiamo iniziative di natura strutturale ed altre di natura funzionale. Riguardo le prime abbiamo creato un auditorium per 171 persone, una galleria d’arte di 100 metri quadrati e ad ottobre, in occasione della settimana della lingua italiana dedicata alla cucina, inauguriamo un caffè letterario, "Caffè Italia", perché io penso che la cucina e la moda sono parte essenziale.
Riguardo le iniziative strategiche lavoriamo molto nel settore della cultura gestionale, dello sviluppo della piccola e media impresa e riguardo le società miste. Essendo il Cile un paese di grande espansione economica questa è una cosa importante.
La terza iniziativa strategica è la creazione della prima scuola di restauro per l’America Latina. Restaurare il patrimonio è il principio per rafforzare l’identità del Paese.
D. Quali eventi sono già stati realizzati?
R. Abbiamo già realizzato della mostre, come quella di "Morandi e la natura morta" al Museo d’Arte contemporanea, perché vogliamo dimostrare che l’Italia è famosa non solo per il Rinascimento ma anche per l’Arte contemporanea. Poi abbiamo invitato l’Orchestra giovanile di Milano diretta dal maestro Claudio Abbado, presso il Teatro Municipale di Santiago.
Adesso insieme a Francia, Germania, Inghilterra e Spagna stiamo organizzando la seconda edizione della "Fiera Postgrado", invitiamo tutte le Università italiane a venire in Cile e ad offrire i corsi di Master e dottorato. Il Cile è un paese che non si può sviluppare se non ha i quadri specializzati, quindi con questi Paesi europei abbiamo deciso di organizzare la Fiera.
Un altro evento è la presentazione del "Festival di Drammaturgia Europea". Sempre in collaborazione con i quattro paesi europei, presentiamo opere di autori contemporanei, questo è l’anno dell’Italia, ed invitiami registi ed attori cileni ad interpretarli. L’Istituto di Cultura sceglie l’opera, la traduce e poi insieme ai cileni la mette in scena, con il vantaggio che l’opera entra nel tessuto sociale e strutturale.
Abbiamo firmato un trattato di coproduzione cinematografica, siamo i maggiori sostenitori della nuova Cineteca del Cile. Tra le varie manifestazioni c’è "Arcobaleno italiano", abbiamo presentato la maggior parte dei film realizzati da Rossellini per la Rai, come omaggio in occasione del centenario della nascita. Ripeto che tutte queste iniziative vanno bene ma non qualificano l’Istituto Italiano di Cultura, se questo ultimo non risponde ai bisogni del territorio. (clara salpietro\ aise)

CONFERENZA DIRETTORI IIC/ "L’IIC DI VARSAVIA HA TUTTE LE POTENZIALITÀ PER CRESCERE": L’AISE A COLLOQUIO CON L’ADDETTO REGGENTE ANGELO PIERO CAPPELLO

PERUGIA\aise\3 luglio 2006 - "L’Istituto Italiano di Cultura a Varsavia ha tutte le potenzialità per crescere in maniera esponenziale rispetto a quello che è stato fatto fino ad ora. Abbiamo ricevuto da poco un incremento di bilancio e stiamo lavorando proprio nella direzione di un potenziamento delle attività sia in termini di quantità che di qualità". Angelo Piero Cappello, da tre anni a Varsavia, i primi due come addetto, da quasi un anno come addetto reggente, spiega all’Aise, durante una pausa dei lavori della Conferenza per i direttori dell’IIC tenutasi a Perugia, l’organizzazione e l’attività dell’Istituto presente in Polonia.
Operante in territorio polacco dal 1934, ubicato nel cuore della capitale, in via Marszałkowska, all'interno della "Kamienica Matias Taubenhaus", l'Istituto si propone di essere finestra culturale italiana, di un'Italia aperta, fulcro della nuova Europa unita. Questo ruolo viene espletato tramite attività che coniugano la cultura italiana con quella polacca. La vicinanza culturale della Polonia all'Italia affonda infatti le sue origini nel periodo umanistico-rinascimentale.
Organismo ufficiale dello Stato italiano, l’IIC ha come obiettivo di promuovere e diffondere la lingua e la cultura italiana in Polonia, attraverso l'organizzazione di eventi culturali per favorire la circolazione delle idee, delle arti e delle scienze.
Offre corsi di lingua e civiltà italiana tenuti da docenti qualificati di madrelingua; due sessioni annuali di esami per ottenere il diploma di conoscenza della lingua italiana come lingua straniera; una Biblioteca italiana a disposizione degli alunni e degli iscritti per la consultazione e il prestito di libri, cd, dvd, riviste e giornali italiani; servizio di informazione e documentazione sull’Italia nel campo culturale.
Per le manifestazioni concertistiche, per alcune mostre d'arte e per gli eventi di maggior respiro, l'Istituto si avvale della collaborazione: di istituzioni artistiche e museali locali quali il Castello Reale, la Filarmonica Nazionale, il Teatro Grande dell'Opera Nazionale, il Palazzo della Cultura e delle Scienze. e in generale di numerose Istituzioni dipendenti dal Ministero della Cultura Polacca e dal Comune di Varsavia.
D. Dottor Cappello, come siete organizzati riguardo alla promozione della lingua italiana?
R. Per promuovere la lingua italiana – ci dice - siamo organizzati in maniera standard rispetto a tutti gli istituti, con un ufficio competente per le borse di studio, un altro per i corsi di lingua, un ufficio per le certificazioni e gli esami di lingua, poi ovviamente tutta l’attività promozionale e culturale in generale che fa leva sulla lingua".
D. Quali sono i principali problemi che riscontra nel suo lavoro?
R. Sono soprattutto legati alla burocrazia e ai tempi con cui si riesce a coordinare il lavoro della periferia, cioè il nostro ufficio, con gli uffici centrali del ministero affari esteri, mi riferisco soprattutto all’erogazione delle borse di studio. Inoltre il personale è insufficiente per la mole di lavoro che l’istituto deve affrontare.
D. Di cosa ha bisogno il suo Istituto per migliorare?
R. Se ci fosse la possibilità di un ulteriore incremento di bilancio, credo che l’Istituto verrebbe portato ai livelli degli istituti europei. Lo meriterebbe in quanto è un grande, con molte attività. Oggi serve un bacino di utenza che è la Polonia, paese di 52 milioni di abitanti, quindi una maggiore attenzione all’istituto di Varsavia, che è centrale rispetto all’Europa orientale, andrebbe riservata.
Le risorse sono sempre insufficienti, ma compensiamo molto con le iscrizioni ai corsi di lingua, noi abbiamo 700 iscritti per semestre ai corsi di lingua e sono un introito di cui l’istituto non potrebbe fare a meno.
D. Gli iscritti ai corsi di lingua si rivolgono ad un settore particolare?
R. Le loro richieste riguardano l’apprendimento della lingua in generale, poi ci sono corsi specialistici, lingua per l’economia, per il commercio, per il diritto, la letteratura, il cinema.
D. Quali iniziative avete in programma per l’anno in corso?
R. L’autunno sarà pieno di iniziative, cominciamo a fine settembre con una mostra di Salvatore Fiume, il 5 ottobre inauguriamo una mostra di disegni di Fellini, sono previsti anche i film, poi abbiamo un concerto alla Filarmonica Nazionale di Varsavia con l’Accademia Bizantina di Ravenna e poi a Natale un concerto della Scala di Milano. Più una serie di manifestazioni a corollario e completamento della settimana della lingua italiana.
D. Avete partner che vi supportano nell’organizzazione delle iniziative?
R. Abbiamo da poco stretto un accordo con Alitalia, invece in occasione della celebrazione del primo anno dalla morte di Giovanni Paolo II c’è stato un concerto della Toscanini di Parma ed è stata finanziata da una serie di aziende italiane.
D. Come sono i vostri rapporti con l’Ambasciata Italiana?
R. I rapporti sono ottimi, c’è un ambasciatore che è l’ex direttore generale della promozione culturale, e di questo siamo felici,. L’Ambasciatore ha portato con sé un bagaglio di competenze e conoscenze. Sono molto soddisfatto dei risultati che abbiamo raggiunto. (clara salpietro\ aise)

CONFERENZA DIRETTORI IIC/ IL DIRETTORE DEL MAE LA FRANCESCA ALL’AISE: NELLA PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA ALL’ESTERO POSSIAMO FARE MEGLIO E DI PIÙ

PERUGIA\aise\3 luglio 2006 - "Promuovere la lingua italiana all’estero significa inserirsi in un trend positivo. L’italiano oggi è al 15° posto come lingua più parlata e al 4° come lingua più studiata, questo vuol dire che le cose non sono negative". È il commento che il Direttore generale per la Promozione e Cooperazione culturale del Ministero Affari Esteri, Gherardo La Francesca, fa all’Aise alla fine della Conferenza che ha visto confluire a Perugia, all’Università per Stranieri, i Direttori degli Istituti Italiani di Cultura.
"Anche se le cose non sono negative, non basta quello che è stato fatto, possiamo fare di meglio e di più. - ha subito aggiunto - Abbiamo capitale enorme da mettere a frutto e poi dobbiamo stare attenti alla concorrenza di altre lingue che sono emergenti. Dai tre giorni di dibattito sono emerse indicazioni molto precise e concrete relative ad una serie di settori, ad esempio formazione e reclutamento dei docenti che insegnano all’estero, il materiale didattico, la certificazione, la promozione dei corsi d’italiano, un collegamento più stretto tra lingua e cultura, cosa che già di fatto avviene. Gli input che sono venuti fuori sono tantissimi".
L’esortazione rivolta ad avvio dei lavori, che hanno impegnato le giornate dal 30 giugno al 2 luglio, è stata quella della concretezza.
"Tre giorni di lavori intensi - ha detto il Direttore Generale – e l’invito alla concretezza mi sembra sia stato fortunatamente accolto. Non sono mancate discussioni animate e questo mi sembra positivo, perché bisogna uscire dalla piccola corazza della cortesia e del formalismo quando si è chiamati a discutere sulla operatività. Di cose da fare ce ne sono tante, questo è un dato positivo perché significa che immagini per migliorare ulteriormente in un settore di una grossa importanza, quello della promozione dell’italiano all’estero, sono ampie".
Novità invece arrivano dal versante dei corsi di lingua italiana, come spiega all’Aise Maria Romana Bisol, Capo Ufficio I della DGPCC del MAE.
"Stiamo cercando di dare indicazioni – ha evidenziato - più uniformi ed una valorizzazione di questi corsi, perché possano essere veramente il biglietto da visita degli istituti di cultura e costituire il primo gradino tramite il quale uno straniero si avvicina alla cultura italiana. Ci interessano sia i contenuti, sia le modalità di certificazione, non ultimo l’aspetto di sana gestione economica e auspichiamo anche la redditività di questi corsi".
"La tendenza dal punto di vista quantitativo è crescente – ha precisato la Bisol - e stiamo cercando di rispondere anche ad una domanda sempre più in aumento. È chiaro che gli istituti di cultura non possono rispondere a tutta la domanda che arriva dal territorio, perché c’è il livello universitario e quello scolastico quindi vanno integrati questi strumenti. Però con un maggiore sostegno e una maggiore sistematicità nell’approccio dell’organizzazione dei corsi questi possano dare un contributo alla diffusione dell’italiano".
"Gli istituti di cultura, in tutto 90, sono uno strumento importante – ha poi affermato - hanno bisogno di un maggiore sostegno finanziario, purtroppo limitato dai fondi disponibili e di personale. Tuttavia nonostante queste ristrettezze gli istituti svolgono un’azione importante di promozione sia della cultura che della lingua italiana e, come è stato discusso a Perugia, vi è un raccordo con le imprese italiane operanti all’estero".
"Tramite l’italiano viene veicolata non solo la lingua ma anche i contenuti culturali, - ha concluso contenuti di immagine dell’Italia che sono in genere la carta vincente, più attrattiva, anche dal punto di vista del turismo o comunque interesse verso la produzione italiana nel campo del design, della moda, nonché in quello editoriale che effettivamente andrebbe maggiormente promosso". (c.s.\aise)

lunedì, luglio 03, 2006

CONFERENZA DIRETTORI IIC/ NUOVE STRATEGIE PER IL RILANCIO DI LINGUA E CULTURA ITALIANA: APPROVATO IL DOCUMENTO FINALE DEL CONVEGNO

PERUGIA\aise\3 luglio 2006 - "Il reclutamento dei docenti che insegnano lingua italiana all’estero deve avvenire sulla base di criteri uniformi, gli istituti italiani di cultura nel mondo devono accogliere stagisti e tirocinanti specializzati in discipline relative la promozione e l’insegnamento linguistico-culturale, è necessario rimuovere ostacoli normativi ed amministrativi che impediscono il rilascio di visti per l’Italia a studenti dei Corsi di lingua e cultura italiana".
Sono alcune delle proposte operative finalizzate al sostegno della promozione e diffusione della lingua e cultura italiana, previste nel "Documento di Perugia per gli Istituti Italiani di Cultura", approvato a conclusione della Conferenza per i Direttori degli Istituti Italiani di Cultura, tenutasi a Perugia presso l’Università per Stranieri ed avente come tema "L’italiano nella globalizzazione: prospettive, progetti, risorse".
Ai lavori, coordinati dal giornalista del Corriere della Sera Giorgio De Rienzo, sono intervenuti il Rettore dell’ateneo Stefania Giannini, il Direttore Generale per la Promozione e la Cooperazione Culturale del Ministero degli Affari Esteri Gherardo La Francesca, il Presidente dell’Accademia della Crusca Francesco Sabatini, il Presidente del Consorzio Icon Marco Santagata ed il Presidente della "Dante", Ambasciatore Bottai.
Il tema imposto dalle grandi sfide dell’internazionalizzazione ha trovato l’attenzione dei Direttori degli Istituti, che però più volte nel corso dell’incontro hanno reclamato un maggiore coinvolgimento ai lavori attraverso un dibattito, che avrebbe potuto consentirgli di illustrare lo stato di salute di ogni Istituto, elencare problemi e possibili soluzioni da intraprendere.
"Quello che chiediamo – è stato sottolineato da Direttore di Sofia, Umberto Rinaldi – è una strategia realistica e concreta. Non abbiamo libri, spesso non abbiamo i locali dove fare i corsi, non riusciamo a dare borse di studio agli studenti soprattutto delle aree più svantaggiate, i quali si ritrovano a venire in Italia per frequentare le Università per Stranieri con pochi euro in tasca".
"Inviateci insegnanti qualificati e lettori preparati. – è stata la richiesta del Direttore di Jakarta, Ostelio Remi - Rivolgete più attenzione agli Istituti di Cultura, sentiamo solo buone intenzioni ma non c’è mai una continuità".
"Sarebbe necessario istituire al MAE il dipartimento per la promozione della lingua italiana, – è stata invece la proposta del Direttore dell’IIC di Santiago Enzo Coniglio – con questa istituzione sono sicuro che il rapporto tra costo e risultato migliorerebbe. Spesso c’è un dispendio di soldi, che invece potrebbero essere usati diversamente. Il problema è il concetto della cultura gestionale, perché il direttore di un istituto prima deve fare un’analisi del territorio e poi stabilire le risorse necessarie per le varie attività. Non sciupiamo i soldi. Le risorse non mancano, bisogna razionalizzarli".
"È importante che agli IIC venga data una maggiore tranquillità così da poter operare bene – ha sollecitato il Direttore di Tripoli, Angelo Carriere – Inoltre sarebbe importante istituire la settimana della scienza e tecnica nella lingua italiana".
I tre giorni di interventi e dibattiti sono stati comunque utili per analizzare sotto vari aspetti il lavoro che gli IIC svolgono nel promuovere l’italiano, mettendo pertanto in evidenza luci, ombre ma anche contraddizioni.
Tanti i problemi a cui i Direttori devono far fronte ogni giorno, dalle scarse risorse a disposizione, al reclutamento di qualificati docenti, ad un inesistente collegamento e coordinamento con Enti ed istituzioni italiane presenti sul territorio, ad uno scarso rapporto tra cultura ed impresa italiana.
Fondamentale invece una maggiore incisività a cui si aggiunge un’importante attività di promozione di eventi ed iniziative possibili attraverso la stampa, soprattutto locale, così da fare "sistema" evitando che possa scomparire il senso di appartenenza alla nostra cultura.
Analisi e proposte relative alla diversa situazione presente nelle aree geografiche in cui operano gli Istituti sono state racchiuse nelle sintesi dei gruppi di lavoro divisi per area geo-politica, Asia Orientale, Mediterraneo e Medio Oriente, Europa Centro Orientale ed America Latina, durante la seconda giornata di lavori.
Le strategie per rilanciare l’attività di promozione della lingua e cultura italiana e per un suo nuovo ruolo nel mondo globalizzato, sono indicate invece nel documento finale che pone come priorità una maggiore formazione dei docenti, che devono avere più specifiche competenze professionali ed adeguati titoli scientifici, come la laurea o la specializzazione in insegnamento dell’italiano.
A questo si aggiunge l’aggiornamento dei docenti nel quadro di un rapporto di collaborazione sempre più stretto tra Ministero Affari Esteri, direzione generale per la promozione e cooperazione culturale e le università per Stranieri.
Necessario ripensare anche a strategie di finanziamento degli IIC, aprendosi a forme innovative di collaborazione sinergica, rilanciare una politica di borse di studio a sostegno dei corsi di lingua e cultura italiana, soprattutto a favore dei paesi in maggiore difficoltà finanziaria, istituire un fondo di solidarietà tra IIC, ed inoltre che gli operatori degli istituti tengano in considerazione un aggiornamento a livello manageriale e comunicativo. Previsto nel documento anche la necessità di ridistribuire la rete degli istituti di cultura creandone di nuovi in quelle aree geografiche considerati avamposti strategici, rivedere la legge n. 401 del ’90, istitutiva della Commissione nazionale per la Promozione della Cultura italiana all’estero, in modo tale che possa divenire strumento utile alla soluzione dei problemi del settore.
La diffusione in modo più capillare dell’italiano, viene indicato nel Documento che dovrebbe fungere da vademecum, passa anche attraverso la revisione e il potenziamento delle modalità di utilizzo di agenzie e mezzi di comunicazione (Rai International, tv locali, radio ed internet), coinvolgendo gli IIC e le università per Stranieri nella produzione di materiale didattico e divulgativo. Un migliore quindi informazione in Italia sul ruolo, iniziative ed attività degli istituti.
Infine i partecipanti alla Conferenza auspicano che tra IIC e mondo dell’impresa si creino tavoli di dialogo permanente, al fine di favorire più incisive forme di collaborazione sinergica e realizzare azioni concrete di reciproca utilità, nella prospettiva della costituzione di un sistema integrato di partenariato.
Proprio di "sinergia" hanno parlato i relatori dell’ultima giornata di lavori, una sinergia che abbia come protagonisti gli istituti di cultura, il Ministero Affari Esteri, il mondo universitario ed altri enti ed istituzioni italiane presenti sul territorio estero.
"C’è da migliorare l’intesa – ha affermato Sabatini – farla sentire più istituzionale. Inoltre i soggetti interessati a svolgere questa attività possono essere più impegnati e responsabilizzati".
"Bisogna salvaguardare l’autonomia degli IIC – ha detto Santagata dell’Icon, un consorzio di università che consente di acquisire tramite internet la laurea a distanza in lingua italiana – ma è necessario rafforzare le forme di coordinamento tra centro e periferia, magari attraverso un’agenzia culturale di servizio. Se l’Italia vuole entrare nello scenario internazionale deve fare leva sulla cultura, che è il nostro punto di forza. Aprirsi a panorami di collaborazione internazionale, imperniate su progettazione e contenuti culturali, garantisce pluralità in Europa e alternative a Paesi che ne hanno bisogno".
Piuttosto attiva nel settore della promozione della lingua italiana è anche la Dante Alighieri, che organizza eventi ed appuntamenti culturali in ogni parte del mondo tramite le sue numerose sedi. "La Dante Alighieri – ha evidenziato il suo presidente l’Ambasciatore Bruno Bottai – partecipa concretamente all’opera di diffusione della lingua italiana nel mondo, pur tenendo presente la complessità degli scenari e i propri modesti mezzi. Nonostante questo in pochi anni è riuscita ad organizzare molti eventi, tra i quali la mostra della lingua italiana a Firenze che, dopo le tappe estere di Zurigo e Berlino, sarà disponibile per i vari Istituti sparsi nel mondo e ad offrire a tutti i propri Comitati un adeguato livello di insegnamento e di certificazione dell’italiano". In particolare l’Ambasciatore ha espresso l’auspicio che l’iniziativa perugina non rimanga fine a se stessa ma che, grazie al dinamismo del Rettore Giannini, possa proseguire anche negli anni futuri.
Importante nel corso della mattinata di chiusura della Conferenza, la testimonianza della direttrice dell’Istituto di Cultura di Tel Aviv, Simonetta della Seta, che ha fornito spunti per migliorare il coordinamento tra istituti e MAE ed sollecitando una maggiore informazione e coinvolgimento degli IIC nei premi letterari che si svolgono in Italia, di cui la maggior parte delle volte gli istituti riescono a reperire solo il bando. Tra le varie attività ed iniziativa che la direttrice Della Seta sta cercando di portare avanti nel complicato territorio di Israele, è la realizzazione di un dizionario italiano – ebraico.
Soddisfazione per la buona riuscita dell’incontro, dopo 20 anni di interruzione, è stata espressa a conclusione dal Rettore Giannini e dal Direttore Generale del Mae La Francesca, che hanno ribadito il loro impegno a proseguire sulla strada della collaborazione e per una migliore strategia in direzione della promozione linguistica e culturale dell’italiano.
"Evitiamo la moltiplicazione di tavoli di lavoro che disperdono energie, miriamo invece ad obiettivi precisi e concreti", è stato l’invito che il Direttore La Francesca ha rivolto ai direttori degli IIC. (clara salpietro\ aise)

PER ITALIA-GERMANIA L’IIC DI BRUXELLES RADDOPPIA I MAXISCHERMI

BRUXELLES\ aise\ 3 luglio 2006 - Saranno due i maxischermi istallati dall’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles in occasione di Italia-Germania, prima semifinale dei Mondiali di calcio in programma domani sera alle 21.
In Rue de Livourne 38 sarà possibile tifare per gli azzurri sia all’aperto che nel teatro dell’IIC. L’entrata, come sempre, sarà libera. Dall’Istituto, infine, precisano che "per motivi di sicurezza, il personale regolerà l'afflusso dei tifosi alla sala interna". (aise)

Lingua Italiana: Perugia, la ‘Dante’ nell'epoca della globalizzazione

Perugia, 3 lug. (Adnkronos Cultura) - L’ambasciatore Bruno Bottai, presidente della società “Dante Alighieri”, ha preso parte alla tavola rotonda conclusiva della Conferenza per i direttori degli istituti italiani di cultura che si è svolta a Perugia, organizzata dall’Università per Stranieri, sul tema “L’italiano nella globalizzazione: prospettive, progetti, risorse”. “La ‘Dante’ – ha affermato Bottai – partecipa concretamente all’opera di diffusione della lingua italiana nel mondo, pur tenendo presente la complessità degli scenari e i propri modesti mezzi. Nonostante ciò, in pochi anni è riuscita a organizzare molti eventi, tra i quali la mostra della lingua italiana a Firenze che, dopo le tappe estere di Zurigo e Berlino, sarà disponibile per i vari istituti sparsi nel mondo, per offrire a tutti i propri comitati un adeguato livello di insegnamento e di certificazione dell’italiano”.

Bottai ha espresso l’auspicio che l’iniziativa perugina non rimanga fine a se stessa ma che, grazie al dinamismo del rettore Stefania Giannini, possa proseguire anche negli anni futuri. Note positive in merito al rapporto con la società “Dante Alighieri” sono giunte anche da Marco Santagata, presidente del consorzio Icon, Francesco Sabatini, presidente dell’Accademia della Crusca, per la collaborazione alla “Settimana della lingua italiana nel mondo”, e da Gherardo La Francesca, direttore generale per la Promozione e la Cooperazione Culturale del ministero degli Affari Esteri.

Al termine dell’incontro, il rettore Giannini ha aperto la discussione con i direttori degli istituti italiani di cultura toccando punti come il reclutamento dei docenti; la qualità dell’insegnamento e dell’aggiornamento dei docenti; l’impiego di stagisti e tirocinanti; la tipologia dell’offerta formativa; il rapporto con il mondo delle imprese; il rilascio dei visti, punto fondamentale per focalizzare l’attenzione sugli ostacoli normativi e amministrativi che impediscono di fatto l’ingresso in Italia degli studenti stranieri. Sono state nominate anche le certificazioni, compresa la Plida, della società “Dante Alighieri” indicando il diverso contesto d’uso che se ne farà.

sabato, luglio 01, 2006

CONFERENZA DIRETTORI IIC / CULTURA E IMPRESA PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE TEMA CONDUTTORE DELLA II GIORNATA

PERUGIA\ aise \ 30 giugno 2006 - Nella scelta delle tematiche entro cui articolare i momenti di dibattito e approfondimento della Conferenza che l’Università per Stranieri di Perugia ha organizzato, dal 29 giugno al 2 luglio prossimi, per i Direttori degli Istituti Italiani di Cultura , si è inteso dedicare attenzione al ruolo che imprese ed istituzioni culturali sono oggi nella possibilità di svolgere per la promozione del Sistema Paese.
Ciò in ragione della consapevolezza che l’alleanza tra mondo produttivo ed enti culturali sia sempre più necessaria in un contesto in cui lo sviluppo aziendale è determinato in massima parte dalla capacità di acquisire sul mercato una posizione distintiva e di conquistare l’apprezzamento dei consumatori.
La rete degli Istituti Italiani di Cultura, così come le Università per Stranieri presenti sul territorio nazionale, rappresentano dunque un’opportunità di sostegno alla promozione del nostro sistema industriale, in quanto ambiti di diffusione dell’identità italiana. Il made in Italy infatti fonda molto del suo esito sulla capacità di veicolare contenuti culturali oltre che di immagine. Quel particolare gusto del vivere che l’Italia incarna è, in altre parole, ciò che i prodotti italiani rappresentano per i loro compratori.
Inoltre, la promozione della lingua e della cultura italiana, nel rafforzare la percezione dell’identità inazionale all’estero, ne amplifica il richiamo anche in qualità di domanda turistica e di fruizione di prodotti tipici del territorio.
Dunque progetti di promozione culturale congiunta tra mondo produttivo italiano e rete degli IIC, con il supporto delle Università per Stranieri nel loro ruolo di ambasciatrici dell’identità italiana ‘sul territorio’, possono dunque rappresentare un’opportunità importante per il Sistema Paese.
Di questi progetti e delle sfide di cui lo scenario tracciato è veicolo si discuterà nella seconda giornata della Conferenza per i Direttori degli IIC, nel corso della quale sono previsti gli interventi di Maurizio Beretta, Direttore Generale di Confindustria, di Massimo D’Aiuto, Direttore Generale di SIMEST Italia, di Silvia Giuffrida, Responsabile Formazione ICE e di Rosa Errico, per la casa editrice Guerra Rux.
A Giorgio Zanchini, giornalista del GR1 RAI, sarà affidata la relazione itroduttiva, mentre il coordinamento dei lavori verrà curato da Maria Romana Destro Bisiol, Capo Ufficio I DGPCC - M.A.E,. e a Massimo Vedovelli, Rettore dell’Università per Stranieri di Siena.(aise)

This page is powered by Blogger. Isn't yours?