martedì, novembre 28, 2006

Lingua italiana: la società Dante Alighieri alla ricerca della parola preferita

Roma, 28 nov. 2006 (Adnkronos) – Qual è la parola italiana più amata? Lo vuole scoprire la società Dante Alighieri che lancia un nuovo sondaggio al quale partecipare sul sito www.ladante.it. Italiani e stranieri sono chiamati, dunque, a esprimere la propria preferenza indicando quale parola amano di più, vuoi per il concetto che essa esprime, vuoi per la musicalità.
Nel precedente sondaggio proposto dal portale della “Dante” i visitatori sono stati chiamati a scegliere una regione italiana dove trascorrere un periodo di vacanza. Al primo posto si è piazzata la Toscana con il 20% delle preferenze, seguita da Sicilia (15,5%), Sardegna (11%) e Trentino Alto Adige (7%). Chiude la classifica il Molise con solo l’1% di contatti. Da oggi, inoltre, il sito della “Dante” consente agli utenti di consultare i risultati di tutti i sondaggi realizzati finora.

Etichette: ,


Institute to Host Bilateral, Multidisciplinary Symposium

The Ethiopian Herald (Addis Ababa)
NEWS
November 28, 2006

By ENA
Addis Ababa

A three-day bilateral and multidisciplinary symposium on Ethio-Italian research will be held at the Italian Cultural Institute in beginning November 27, 2006.

The Institute told ENA yesterday that the symposium will see two plenary sessions on history, archeology, linguistics, philology, earth sciences and environmental sciences, followed by a workshop and a business session at the end.

Offering presentations will be 15 Italian scholars from the universities of Florence, Naples, Rome, Ferrara and Cagliary as well as Ethiopian counterparts representing the Addis Ababa University and the Institute of Biodiversity Conservation (IBC).

The symposium is believed to enable both sides to share up-to-date experiences in the stated fields and help them forward proposals for future initiatives, the Institute said.

Ministers, ambassadors and professionals in the field will attend the symposium.

Etichette:


mercoledì, novembre 22, 2006

Budapest: Record di presenze all'Istituto Italiano di Cultura

Budapest, 21 nov. 2006 (Adknronos) – Un record di presenze, con oltre 700 persone, ha suggellato il grande successo del concerto di ieri sera all’Istituto Italiano di Cultura di Budapest, in occasione del cinquantenario della Rivoluzione del ’56, in un evento in cui l’Italia è stata rappresentata da Paolo Guido Spinelli, ambasciatore d’Italia, e da Arnaldo Dante Marianacci, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura, mentre in rappresentanza della nazione ospitante ha tenuto un breve discorso Jòzsef Pàlinkàs, deputato al Parlamento.
Per l’occasione, i 120 elementi dell’Orchestra Sinfonica e del Coro della Radio Ungherese, diretti da Kàlmàn Strausz e Philippe De Chalendar, avvantaggiandosi della partecipazione della cantante lirica Andrea Melàth e dell’attore Gàbor Koncz, hanno eseguito il “Requiem” ungherese di Pèter Nògràdi, nella prima esecuzione assoluta dell’opera premiata del concorso indetto per le commemorazioni del ’56. Ha fatto seguito Làszlò Dubrovay con “Il 1956”, immagini sinfoniche per orchestra e narratore, con poesie di Tibor Gyurkovics, opera anch’essa alla prima esecuzione in una sala concerti.
Il concerto è stato organizzato dalla fondazione Làszlò Nèmeth, dalla Radio Ungherese e dall’Istituto Italiano di Cultura con la collaborazione di Magyar Telekom Nyrt., Mol Nyrt., OTP Bank Nyrt.

Etichette:


CONTINUANO GLI ATTENTATI ALLA LINGUA ITALIANA: LE POSTE TRA LE PIÙ CREATIVE DI ITALENGLISH

ROMA\ aise\ 22 novembre 2006 - Molti, negli ultimi anni, gli appelli al rispetto della lingua della Dante Alighieri e di altre associazioni come Allarme Lingua che instancabilmente denunciano l’uso di troppi inglesismi nel nostro vocabolario. Ma tante sono le associazioni e gli enti pubblici e privati che vanificano il loro impegno. Tra questi l’Ente Poste Italiane il cui "comportamento linguistico" è analizzato e ampiamente criticato da Giorgio Bronzetti su "Disvastigo", agenzia di stampa sui problemi della comunicazione.
"Se le Poste devono eseguire dei lavori – scrive Bronzetti - affiggono il cartello "Realizzazione nuovi layout", usando un termine non comune, sconosciuto ai più, che significa "distribuzione delle superfici, modello" e che ormai a sentire i postali sta per "nuovo ufficio", imbastardendo in tal modo non solo l’italiano ma anche l’inglese".
Ma basta entrare in qualsiasi ufficio postale per imbattersi nei "posteshop", per acquisti secondo un ricco catalogo in cui troviamo con "Was it das" invece di vasistas (lo sportello a ribalta di certe finestre e cassette per le lettere) un altro incredibile attentato linguistico, "postedays" che indica, come si è appreso, un periodo in cui gli impiegati cercano di fare marketing spingendo i clienti allo shopping postale. Senza dimenticare i servizi "business" e le carte di credito "postepay".
Ma non finisce qua, scrive ancora Bronzetti, l’espropriazione della lingua italiana da parte degli illuminati attuali dirigenti postali. "Con l’ordine di servizio n.34/06 Prot 51/2006 con oggetto "Struttura organizzativa" infatti Poste Italiane ha provveduto, al fine "di favorire la diffusione di una cultura organizzativa orientata all’adozione di terminologie universalmente condivise nei contesti di business …e garantire una piena intelligibilità del modello organizzativo a tutti gli stakeholders di riferimento", a "ridefinire la denominazione delle funzioni organizzative aziendali e ad attribuire i seguenti job title (sembra una barzelletta!) e le connesse responsabilità". Segue l’elenco delle funzioni con a fianco i vari job title: Vice President, Executive Vice President e Senior Vice President, Strategic Planning, Chief Financial Office & Operational Planning, Human Resources Organization, Chief Information Office, Internal Auditing, Legal Affairs, Corporate Affairs, Communication & Advertising, Security & Safety, Purchasing, Business Unit BancoPosta. Business Unit Mail, Business Unit Express and Parcels, Business Unit Philately, Chief Network and Sales Office, Chief Operating Office".
"L’inglese – conclude Bronzetti - è una bella lingua ma perché usarla fuori luogo e per inquinare l’italiano?". (aise)

Etichette:


domenica, novembre 19, 2006

Platforms: Height Of Impracticality

Walking Art
By Linda Hales
Washington Post Staff Writer
Saturday, November 18, 2006

Platform shoes could be the eighth architectural wonder. They are remarkable examples of design but, like most of the seven fabled monuments of the ancient world, surely these extravagant pillars of footwear cannot last.

However exhilarating the shoe's concept, those wearers who equate inches with power must finally acknowledge the obvious:

Platform defies function.

At the recent Paris fashion shows, towering soles topped out at seven inches, with designers such as Christian Lacroix and John Galliano showing all manner of sparkles, tassels and lacings up top. At such heights, the platform shoe ranks as the skyscraper of footwear, but runway models were toppling over them.

"It's like walking on stilts," says Washington podiatrist Arnold Ravick, or "falling off a hill. You're up so high that the center of gravity and balance is off. It's much harder to walk."

Historically, shoes were made for walking, of course, as the Italian Cultural Institute's "Walking Art" exhibition makes clear. Roman soldiers marched to Hadrian's Wall on sturdy thin-soled sandals (which looked a lot like Birkenstocks), so it's fair to surmise that the Roman Empire would have been a lot smaller had those soldiers tried that trek on platform shoes.

Common sense would consign such footwear to historical oblivion. But the wobblies, in fact, have endured a long time. "Walking Art" traces the first elevated shoe to 16th-century Venice.

A pair of 12-inch burgundy velvet platform shoes stands out in the display. The exaggerated soles of these chopines are sculpted like inverted ocean liners, with small, ordinary lace-up booties on top. They were not mere fashion statements. Chopines were designed to elevate Venetian women -- literally above the floodwaters and garbage, and metaphorically above the lowly stature previously attached to their sex.

There has also long been the suggestion that courtesans wore them to stand above the crowd, so potential customers could see them. The Costume Institute of the Metropolitan Museum of Art argues that the height of the shoe rose in tandem with the nobility of the wearer, rather than her downfall. The curators of "Walking Art," Luciano Calosso of the Colosseum Associazione Culturale of Rome and theatrical designer Enrica Barbano, take no position.

There is no argument that these early platform shoes were only relatively stable for standing and almost useless for walking. Unlike modern fashion victims, the Renaissance women of Venice did not try to go it alone. Instead, they relied on walking sticks and a gentleman, who could balance the lady on his left arm while leaving his right free to draw a sword.

Fast-forward to the 1970s, when such acts as David Bowie and Elton John and Kiss rocked onstage in platform boots, and fashion designers picked up on the style. The fad faded, only to be revived in 1993, when Naomi Campbell walked the runway alone in Vivienne Westwood platforms and fell.

More women wear high heels than platforms. The high heel was invented in 1533 to give Caterina de Medici the stature of a platform shoe but with more stability at her wedding to the Duke of Orleans. The kings of France adopted high heels, as did the aristocracy, which explains why poor people who couldn't afford them were said to be "down at their heels." After the French Revolution, flat shoes -- the populist flip-flops of that day -- came back in style.

But high heels made a roaring comeback in the 20th century. After World War II, shoemakers acquired steel that made the stiletto possible. Spike heels have mostly supplanted platforms ever since. Their appeal is made obvious by a Donna Karan design that resembles a corset of black velvet and brass, with a zipper snaking up the back.

The form is great, but function gives spike heels their appeal, according to Ravick.

"The appeal is the way high heels make a woman walk," he says. Not so appealing is that "it's easier to fall off and break your leg."

He considers two-inch platforms potentially safer than six-inch stilettos.

Glass cases at the embassy offer examples of both, along with white leather thigh-high boots crafted for Sophia Loren in the 1966 movie "Arabesque," and soccer star Francesco Totti's shimmering silver-and-blue World Cup boot. Among the historic shoes, there are two examples of poulaines: slippers with long, pointed toes, which fashion-conscious men were willing to trip over for a few hundred years during the Middle Ages.

The collection of shoes was lent by the legendary Italian shoemaker Rossimoda, which supplies the world's fashion houses, and Arditi, a maker of theatrical costumes.

Why haven't platforms gone the way of poulaines, which men abandoned some six centuries ago? Perhaps because fashion has always exerted a more powerful pull on women, enticing them to apply a separate standard. In the design of shoes, fantasy matters more than function.

Walking Art runs to Dec. 1 at the Italian Embassy, 3000 Whitehaven St. NW. Reservation required through iicwashington@esteri.it or 202-518-0998, Ext. 1. Free.

Etichette:


History, Art and Fashion of Italian Footwear

"Arte Che Cammina" exhibition or Walking Art

The Seoul Times, Sunday, November 19, 2006
The Embassy of Italy and the Italian Cultural Institute will host "Arte Che Cammina" exhibition or "Walking Art: History, Art and Fashion of Italian Footwear" at Seoul Olympic Museum in Bangi-dong, eastern part of Seoul on Nov. 23-17, 2006. Curators for the "Walking Art" exhibition are Luciano Calosso and Enrica Barbano.

There will be an opening reception at 6 p.m. on Nov. 23 (Thursday), 2006 in the Lobby Lounge on the first floor of the Seoul Olympic Museum.

This exhibition, which was presented in Seoul in the previous months, has added in its new version hosted at the Seoul Olympic Museum some very special footwear: a pair of shoes belonging to internationally famous football player Francesco Totti, hero of all soccer fans worldwide.

Moreover in this special edition of the exhibition "Walking Art" two pairs of women's shoes by ROSSIMODA will be offered as prizes in a lucky draw.

The exhibition offers a five-century tour in the history, design and creativity of Italian footwear. Aiming at appreciating and preserving the handicraft history of Our Country it presents the historical and sociological development of the Italian footwear industry.

The exhibition – in its three sections: History, Italian Handicraft and Haute Couture - offers an overall unprecedented and interesting journey into the history of costume and tell of the development of footwear as objects of design and fashion as well as showing how inventions and projects have modified the way of considering them more and more as necessary accessories. They also present film and advertisement posters that by showing the customs and lifestyles of an era have become part of our cultural heritage.

Our ancestors started wearing some sort of "shoes" to protect their naked feet when moving from place to place. However it is impossible to determine precisely when man started to produce them.

Italian footwear is the result of high level handicraft as to manufacturing technique, creativity and research of new materials, which shows that artists have always been in tune with the atmosphere of the times. The Italian style is based on the awareness that our ancient civilization relies on art, culture, region, handicraft and manufacturing ability.

Italian man and woman's haute couture footwear charmingly represents the Italian style at its best, highly appreciated everywhere for its refined details, choice of materials and ability to adapt an ever-changing technological research to handicraft manufactures .

The exhibition avails itself of the contribution of the Italian firms : ROSSIMODA SpA and ARDITI.

ROSSIMODA

From a small workshop on the shores of the river Brenta to the temple of French luxury. Luigino Rossi, owner of ROSSIMODA, has built up history around his shoes creating innovative as well as practical models. ROSSIMODA currently creates, produces and distributes luxurious footwear worldwide for: Christian Lacroix, Givenchy, Emilio Pucci, Loewe, Marc by Marc Jacobs, Kenzo, Donna Karan Collection, Celine.

ARDITI

Since 1950 Ulderico Arditi has supplied with his shoes the major Italian theatres that use models created by the greatest Italian and foreign costume artists and has manufactured footwear of all kind for costumes in films and dramas. His shoes stand out in the show-business as "works of art" thus showing the Italian genius, inspiration and intuition at their best.

For further information, articles on the exhibition or interviews, please contact:

Seoul Olympic Museum
Tel: 02-410-1051~5

Italian Cultural Institute
Tel : 02-796-0634

Etichette:


The Italian serenade

The month-long Festa Italiana promises to go beyond wine and pizzas...to books, music, business and fashion
by Suman Tarafdar

The Financial Express
Bombay, India - Sunday, November 19, 2006
Mountains to the north, sea on three sides, multilingual, multicultural potpourri of flavours, sounds, music and energies. The capital city that is more political with rival economic power centres, a society glued to sport and the big screen, screaming, loving, chaotic families. Green, white and orange as the flag—yes, you know all this is about India. But it could just as well be Italy.

Yes, the commonalities and links are deeper than is obvious at first glance. And taking off from various points in the two histories, the lines seem to want to converge even more. “Italy has chosen India as its focus country for 2007,” informs Giancarlo Lamio, the Italian trade commissioner in India.

So, from the scheduled arrival of the Italian prime minister Romano Prodi in February next year to the celebration of Italy in a month-long festival in India (that has just started), spread across five leading Indian cities, there’s a lot of Italy on offer at the moment.

For Indians, Italy has been synonymous with high art, fashion, lifestyle, and of course, food. The Sonia Gandhi connection may have been accidental, but that today she is seen as an Indian with Italian ascendancy has just added to the equation.

But the festival, which has been jointly organised by the Indo-Italian Chamber of Commerce and Industry (IICCI), Italian Trade Commission, Italian Cultural Institute and the Italian State Tourist Board will seek to present the peninsular nation (Italy, not India) as much more—a hub for various industries and technology-driven sectors. “We are putting together various aspects of Italy—from education to design, tourism, ICT, culture, lifestyle and others,” says Sergio Sgambato, secretary general, the Indo-Italian Chamber of Commerce and Industry.

India is already a significant destination of Italian FDI, with about $500-600 million flowing in annually. And the Italians express confidence that this figure will only rise in the near future. “We are trying to grab all the opportunities India has to offer,” says Lamio smilingly. “We are already good partners and want to be even better friends.” The Italian cultural centre has already sent about 50 students to study in various courses in Italy. “Language is not a problem, as while the students have learnt a bit of Italian, the courses are in English too,” elaborates Patrizia Raveggi, cultural counsellor and co-ordinator, Italian Embassy Cultural Institute. “This time our week-long cultural programmes centre round the theme of food. So we have historical menus, competitions and discussions - all centred around food. We thought food is a good way of getting to know a different culture.”

Going by the popular perception of the people, the key of the festival, (which started as a weekly, and graduated to a fortnightly till the last edition), has been the cultural aspects. The festival got off to a spectacular start with the concert performance by Teatro Regio di Parma, in both Delhi and Mumbai. “Grazie Mille” was the reaction of those who got to see and hear the opera in Delhi and Mumbai.

India may be wooed by the world at the moment, but few nations have managed to put together a festival of this expanse. This Italian connection can only be expected to see the wine glasses raised for many a toast.

Etichette:


sabato, novembre 18, 2006

Realizzato dall' Istituto di cultura: Venezia città della gondola, Milano ha le modelle

Manuale per cinesi in Italia «Ho comprato il limoncello»
di Caprara Maurizio

Corriere della Sera, 15 novembre 2006
DAL NOSTRO INVIATO SHANGHAI - Qual è la frase che può aver bisogno di dire in italiano un cinese in viaggio da Fiumicino e intrappolato nel traffico in un taxi di Roma? Ma è chiaro: «Ho comprato una bottiglia di limoncello». Che cosa può chiedere se vuole capire quanto manca al suo albergo e il suo aereo è sceso invece a Malpensa? Ovvio: «Ho comprato una maglietta di Armani». Proviamone un'altra. Mettiamo che il cinese abbia la necessità di cambiare i suoi yuan in euro. Che cosa desidererebbe essere in grado di garantire a un impiegato di banca? Scontato: «Ho fotografato il Colosseo». Sì, sono proprio queste tre delle 17 «frasi utili», fatte stampare su un volantino pieghevole destinato al pubblico della Repubblica popolare per presentare l'«Anno dell' Italia in Cina», una serie di manifestazioni organizzate per far conoscere il nostro Paese, attrarre attenzione e, in prospettiva, investimenti. Se quella del volantino è la risposta alla «sfida cinese» evocata da ogni dirigente politico in visita nel Paese la cui economia cresce del 9% annuo, siamo messi bene. Ritiriamoci con divertimento. Siamo noi a investire: in un' auto-satira lievemente masochista. Per illustrare le città d'Italia sono state scelte alcune foto formato francobollo. Roma ha il Colosseo, Venezia le gondole, e fin qui, tutto normale. Napoli? Una pizza. E passi pure questa. Pisa? Una torre, certo. Ma raddrizzata da un grafico premuroso. E Milano? Milano batte perfino le quattro arance scelte per Palermo. È rappresentata con una signorina dalla spalla scoperta, con abito nero vagamente sado-maso. Nelle intenzioni doveva essere una modella, per dire che ci si riferisce alla città della moda. La professione della signorina, a prima vista, potrebbe essere fraintesa con una più antica. L'ideale, per il manager cinese che telefona alla consorte: «Sono a Milano per lavoro». Prima di arrivare al logo dell'Istituto italiano di cultura di Pechino in fondo al pieghevole, e meno male che non è dedito ad altro, non ci si può non soffermare su quelle «frasi utili» con versione italiana e testo cinese. Nel blocco «Visitare la città» si pone una domanda che ricorda la barzelletta «Di che colore era il cavallo bianco di Napoleone?». Testualmente, c' è scritto: «Dov' è il Duomo di Milano?». Niente, rispetto alla risposta: «Il teatro La Fenice è a Venezia». Rassicurante. Come l'introduzione «Conoscersi»: «Ciao, come ti chiami? Mi chiamo Italia!». Già. Come altro dovrebbe presentarsi, in un contesto surreale, un cinese normale?

Etichette:


venerdì, novembre 17, 2006

"IL VENTO FA IL SUO GIRO" APRE QUESTA SERA A MARSIGLIA LA QUARTA EDIZIONE DE "LE MEILLEUR D’ANNECY CINÉMA ITALIEN À MARSEILLE"

MARSIGLIA\ aise\ 17 novembre 2006 - Si apre oggi e proseguirà sino a martedì, 21 novembre, la quarta edizione de "Le meilleur d’Annecy Cinéma Italien à Marseille", l’evento organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura di Marsiglia che presenterà, presso la sala Amerigo Vespucci, il Cinema Prado e il Cinema César, la proiezione di una selezione di film vincitori al festival Annecy Cinéma Italien 2006, tenutosi dal 26 settembre al 3 ottobre scorsi nella deliziosa cittadina francese (vedi aise del 3 ottobre 2006 h.19.56).
Tutti gli anni il Festival d’Annecy realizza un’importante operazione di sostegno della distribuzione del cinema italiano in Francia. La delocalizzazione in Provenza di una parte del festival intende proseguire nell’intento di promuovere il cinema italiano contemporaneo nel sud della Francia, ottimizzando così gli investimenti che le istituzioni italiane, quali Filmitalia e Cinecittà Holding, sostengono a favore della produzione e della sottotitolatura delle pellicole.
Il successo ottenuto durante le tre prime edizioni de "Le meilleur d’Annecy Cinéma Italien à Marseille" è indice del grande interesse verso il cinema italiano, ancora uno dei più grandi e prolifici al mondo. L’opportunità inoltre di disporre di copie sottotitolate in francese crea le condizioni di un felice incontro tra un’arte brillante e un pubblico desideroso di conoscerla.
L’Istituto Italiano di Cultura, da sempre impegnato nella promozione della cultura italiana, invita dunque il pubblico marsigliese a scoprire il nuovo cinema italiano, i giovani registi e le nuove proposte.
La manifestazione, diventata un irrinunciabile appuntamento nella vita culturale della città, propone cinque film premiati: commedie ma anche cronache sociali della gioventù e della società italiane attuali.
La rassegna si aprirà questa sera, alle ore 20, con il film "Il vento fa il suo giro" di Giorgio Diritti, Gran Premio Annecy Cinéma Italien e Premio della Giuria CICAE.
In contemporanea si terrà l’inaugurazione della mostra del fotografo di scena Lorenzo Donin, per gentile concessione del Centro Cinema Città di Cesena. Donin, nato nel 1982 a Roma, dove risiede, dopo il diploma di liceo classico e l’iscrizione alla facoltà di architettura, ha coltivato l’interesse per la fotografia seguendo corsi a Roma e a New York. Ha lavorato come assistente fotografo per Aliocha Merker e per importanti campagne pubblicitarie. Come fotografo di scena, oltre che al festival di teatro "Edge Festival", ha documentato i cortometraggi "Il viale" di Laura Bisturi, "Cortile" di Alessandro Ramadori e il lungo metraggio di Giacomo Campiotti "Mai più come prima".
Quest’ultimo, vincitore ad Annecy del Premio Sergio Leone, sarà proiettato in anteprima per la Francia anche a Marsiglia per la sezione "Film evento", insieme a "Nuovomondo" di Emanuele Crialese, Leone d’Argento per la migliore rivelazione alla recente Mostra di Venezia.
Questi gli altri film in programma: "4-4-2 il gioco più bello del mondo" di Michel Carillo, premio per l’interpretazione maschile a Gigio Alberti; "Non prendere impegni stasera" di Gianluca Maria Tavarelli, premio speciale della Giuria; "Ma che ci faccio qui" di Francesco Amato, premio per l’interpretazione femminile per Chiara Nicola; e "Agente Matrimoniale" di Christian Bisceglia, premio dei lettori del Dauphiné, giornale partner del festival di Annecy.
Numerosi registi e interpreti hanno accettato con entusiasmo di partecipare alla proiezione del loro film. (aise)

Etichette:


1st Int'l Seminar on Dyslexia on Nov. 25

Director Luigino Zecchin of the Italian Cultural Institute in Seoul


The Seoul Times, Friday, November 17, 2006
With this event the Italian Cultural Institute enters a field which is not part of ts own activities, mainly related to the promotion of music, art, design and cuisine. The seminars organized up to now have been scientifically and technologically oriented.

This event however has a different character and the attention towards such an important social and educational issue deserves to be appreciated and supported. Korea and Italy are together to deal with the problem of dyslexia. According to some surveys about 4% of the global population is affected by dyslexic isturbances with a higher percentage in those countries where the writing system is more complex or irregular. The same surveys also state that in Italy the rate in schooling age is around 5%. In the USA the percentage is up to 8-10%.

It is clear that this phenomenon affects us all in some way or other, therefore first of all it has to be recognised, then analysed and dealt with in the right way so as to help those who suffer from these neurological symptoms. The diagnosis of these disturbances is more delicate as the most frequent signs of dyslexia are revealed during the first school years. If they are misinterpreted they produce misjudgements of disability in learning which in turn generate generic labelling of "difficult learning cases." Dyslexic disturbances however are not accompanied by intellectual deficit; on the contrary dyslexic children have an above average IQ.

The seminar consists of a lecture by Prof. Giacomo Stella, Director of the Institue of Research on Dyslexia at Modena-Reggio Emilia University, and other speeches of Korean experts in various medical fields.

This can be considered as a first step in the cooperation between the two Countries in a sector where there is still much room for research and further investigation on the field.

The main objective is to make the professional and educational workers, as well as the public opinion, aware of the problem of dyslexia, promote research and training in the health service and in schools, offer the dyslexic patients and their families a reference point to get information, assistance and rehabilitation opportunities.

Etichette:


martedì, novembre 14, 2006

MODIGLIANI TORNA A CASA: A ROMA LA CERIMONIA DI CONSEGNA DELLA TÉTE DE CARIATIDE E IL VIA ALLA CAMPAGNA DI TRASFERIMENTO DEGLI ARCHIVI LEGALI

ROMA\ aise\ 14 novembre 2006 - Nell’ambito delle iniziative promosse dal Modigliani Institut Archives Légales Paris-Rome, Laure Modigliani Nechtschein, nipote di Amedeo Modigliani e titolare dei diritti morali dell’artista, ha scelto di far dono all’Italia della statua bronzea Téte de Cariatide, copia tratta dall’originale eseguito nel 1911 da Amedeo Modigliani, gesto con il quale si avvia la campagna per il trasferimento degli Archivi Legali Amedeo Modigliani e per la creazione della "Casa Modigliani" in Italia.
L’iniziativa è stata presentata oggi, 14 novembre, nel corso di una cerimonia che si è svolta presso la Sede dell’Archivio di Stato di Roma, alla presenza del sottosegretario di Stato al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Danielle Gattegno Mazzonis. La cerimonia, organizzata per iniziativa della Direzione Generale per gli Archivi di Stato e del Modigliani Institut Archives Légales Paris-Rome, segna una svolta nella missione istituzionale dell’Amministrazione archivistica. La tutela della memoria travalica i confini del nostro Paese e abbraccia, sino a riportarle in Patria, le carte di un maestro della pittura del Novecento, nato in Italia, maturato in Francia, cittadino del mondo e perciò espressione della più alta cultura contemporanea.
Nel corso della manifestazione Maurizio Fallace, Direttore Generale per gli Archivi, e Danielle Gattegno Mazzonis, Sottosegretario di Stato, hanno consegnato a Laure Modigliani Nechtschein e a Christian Parisot, presidente del Modigliani Institut Archives Légales Paris-Rome, la medaglia d’argento degli Archivi di Stato.
A fare da sfondo alla cerimonia le immagini tratte dal documentario Les heures chaudes de Montparnasse, girato negli anni sessanta da Jean-Marie Drot, ex Direttore dell’Accademia di Francia a Roma, che ritrae i protagonisti, allora ancora in vita, di quella boheme mitica che ha caratterizzato il clima culturale in cui ha operato Amedeo Modigliani, da Argon a Cocteau, da Duchamp a Man Ray.
Ad accompagnare l’evento "A disvelare l’anima" con Umberto Broccoli. Uno spettacolo per "disvelare", appunto, uno dei più grandi artisti del XX secolo che ha subito il fascino di Roma traendone ispirazione.
Alla scoperta dell’anima: questo il filo conduttore dello spettacolo di parole e note di Umberto Broccoli, scritto con Patrizia Cavalieri, con l’accompagnamento al pianoforte del M Luca Bernardini. Un viaggio nelle emozioni e nelle passioni umane che si apre con quell’animula vagula blandula – piccola anima, dolce e vagabonda – vagheggiata dall’Imperatore Adriano e che si adatta perfettamente ai tanti colori dell’anima di Amedeo Modigliani e al suo amore per la città eterna: "Roma è l’orchestrazione di cui mi cingo…. Ma io non posso qui dirti tutta l’impressione che io trovo in lei", scrive nel 1901 all’amico Oscar Ghiglia.
Un racconto che si snoda nei labirinti della noia e dell’angoscia, con le parole di Charles Baudelaire e Lucrezio, nella leggerezza e nella volubilità, con le riflessioni di Friedrich Wilhelm Nietzsche, nel coraggio, con i versi di Archiloco, e nella fragilità, con le lettere di Modì: "Io vorrei invece che la mia vita fosse come un fiume ricco d’abbondanza che scorresse con gioia sulla terra".
"La posa in opera della statua Téte de Cariatide", sostiene Christian Parisot, presidente del Modigliani Institut Archives Légales Paris-Rome, "saluta il trasferimento da Parigi a Roma degli Archivi Legali Amedeo Modigliani e l’avvio di un tavolo di lavoro tra la Direzione Generale per gli Archivi di Stato e il Modigliani Institut Archives Légales Paris-Rome, volto a valutare la migliore collocazione dei documenti".
Un patrimonio ricchissimo e in continuo divenire, in quanto soggetto a nuove scoperte e integrazioni, costituito da oltre 6mila documenti tra cui diari, primi cataloghi di mostre, oggetti appartenuti al grande artista, memorie della sua famiglia, dalle origini dei loro primi interessi in Toscana e in Sardegna fino al grande viaggio che, iniziato nel 1906, esattamente cento anni fa, lo condurrà a Parigi e nei luoghi della nascita dell’arte contemporanea dove incontrerà personalità artistiche del calibro di Pablo Picasso e Costantin Brancusi.
La creazione della "Casa Modigliani" in Italia rappresenta una grande opportunità per il nostro Paese. Essa sarà un luogo innovativo e contemporaneo in grado di sviluppare conoscenza sulla vita e l’opera di Modigliani per attrarre turismo culturale e aggregare studiosi, accademici e operatori culturali di tutto un mondo. A tale scopo, è stata già avviata una trattativa con una grande multinazionale dell’ITC che effettuerà la descrizione informatizzata e la riproduzione digitale dei documenti costituenti gli Archivi Legali, mediante l’utilizzo di tecnologie d’avanguardia sotto la direzione scientifica della Direzione Generale per gli Archivi di Stato.
L’evento odierno è il primo momento pubblico del Modigliani Institut Archives Légales Paris-Rome che prende il nome dal Modigliani Institut Archives Légales per sottolineare la continuità con l’istituzione parigina. Esso segue la costituzione del gruppo promotore, avvenuta a maggio scorso, ad opera di Christian Parisot, Presidente, Massimo Riposati, Vice Presidente, e Luciano Renzi, Segretario Generale.
L’attività del Modigliani Institut Archives Légales Paris-Rome è attestata da un autorevole Comitato dei Garanti composto da Claudio Strinati, Presidente, Laure Modigliani Nechtschein, Presidente onorario del Comitato dei Garanti e titolare dei diritti morali per Amedeo Modigliani, Jean-Marie Drot, Ex direttore dell’Accademia di Francia a Roma e Sylvie Buisson, Conservatore delegato al Musée di Montparnasse. La campagna per la creazione della "Casa Modigliani" si svolge inoltre sotto il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Commissione Nazionale Italiana dell’Unesco, della Regione Lazio e dell’Ente Nazionale Italiano per il Turismo. (aise)

Etichette:


sabato, novembre 11, 2006

FARNESINA E REGIONE DEL VENETO FIRMANO UN PROTOCOLLO D'INTESA SULLA PROMOZIONE CULTURALE

ROMA\ aise\10 novembre 2006 - Dopo quello con la Provincia di Firenze, un nuovo protocollo d’intesa è stato stipulato dal Ministero degli Affari Esteri per la promozione culturale all’estero. Si tratta del protocollo firmato oggi, 10 novembre, alla Farnesina, con la Regione del Veneto, rappresentata dal responsabile della Segreteria Regionale della Cultura, Angelo Tabaro.
Tra le iniziative che beneficeranno dell'apporto della rete estera degli Istituti Italiani di Cultura figurano l'esposizione del modello della Cappella degli Scrovegni di Giotto, promosso in collaborazione con l'Amministrazione provinciale di Padova, l'esposizione dei modelli lignei delle architetture palladiane in previsione del V centenario della nascita nell'anno 2008, l'esposizione dei disegni architettonici di Carlo Scarpa, in collaborazione con il Ministero per i Beni Culturali e le Attività Culturali, e le iniziative di valorizzazione dell'opera di Carlo Goldoni, in occasione del III centenario della nascita nell'anno 2007.
Nell'ambito dell'attuazione del protocollo, il Ministero degli Affari Esteri e la Regione terranno inoltre conto delle potenzialità operative e scientifiche offerte da prestigiose istituzioni con sede nel territorio del Veneto, quali ad esempio il Teatro Stabile del Veneto di Venezia, la Fondazione Giorgio Cini di Venezia, l'Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti di Venezia, il Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio - CISA di Vicenza e la Fondazione G. Mazzotti di Treviso. (aise)

Diplomatici in sciopero il 7 dicembre contro i tagli

di Piero Fornara

Il Sole 24 Ore, 11 novembre 2006
Non è un'assoluta novità nella storia della diplomazia italiana, ma senza dubbio un evento quanto mai raro: contro i tagli della manovra finanziaria alla Farnesina lo Sndmae, il sindacato che raggruppa circa l'80% dei dipendenti del ministero degli Esteri, ha proclamato una giornata di sciopero il 7 dicembre.

In una conferenza stampa a Roma il presidente dello Sndmae, Enrico Granara, ha definito «gravissima» la «continua erosione di risorse finanziarie e di personale» che sta «paralizzando la funzionalità della Farnesina e della rete diplomatico-consolare», perché la manovra riduce di altri 83 milioni di euro le risorse per il servizio estero, mentre i fondi per l'Unità di crisi subiscono una riduzione complessiva del 42 per cento. Lo sciopero, spiegato Granara - «non è solo contro i tagli di bilancio, ma anche per sostenere quei provvedimenti di riforma che il sindacato ritiene indispensabili e di cui si è fatto promotore: una semplificazione amministrativa» che porterebbe a benefici stimabili in almeno 150 milioni di euro l'anno». Questo, considerando che la percentuale del bilancio del ministero degli Esteri sul totale dello spesa pubblica, è scesa in vent'anni dallo 0,28% allo 0,23% odierno, un cifra «irrisoria» se confrontata ai fondi dei maggiori Paesi europei. L'agitazione sindacale si estende ad Ambasciate, Consolati e Istituti italiani di cultura che applicano lo "sciopero pignolo" con rispetto rigoroso degli orari di lavoro, annullamento dei viaggi di servizio se i mezzi dell'amministrazione sono insufficienti, ecc.

Diplomatico: chi è costui? In un agile libro, da poco pubblicato da Franco Angeli editore «Diplomatico: chi è costui? - Miti e realtà di una professione che cambia» (pp. 128, € 13,00), Enrico De Agostini racconta i suoi primi quindici anni di professione in diplomazia guidando il lettore in un mondo finora considerato chiuso, anche smontando gli stereotipi di una carriera - quella delle feluche - che oggi invece non è più per pochi eletti e dove le nostre sedi diplomatiche all'estero non possono più funzionare secondo regole di amministrazione e di contabilità del XIX secolo.

Oggi che, specialmente nell'Unione europea e nel G8, i capi di Stato e di governo, i ministri degli Esteri come pure dell'Economia e Finanze ecc. si parlano di frequente al telefono e si incontrano regolarmente, c'è ancora bisogno degli ambasciatori e dei consoli? Sì, scrive nel suo libro De Agostini perché «gli interessi dei 700 mila italiani in Germania e gli umori del ministero degli Esteri francese non possono essere analizzati e capiti per telepatia». I diplomatici non fanno politica estera, che spetta al Governo e al Parlamento, ma sono i "terminali" e i "sensori" per la preparazione della politica estera.

«O si adeguano le risorse alle ambizioni di politica estera o si ridimensionano gli obiettivi», ha concluso il presidente Sndmae Granara, ricordando come la rete diplomatica e consolare italiana con 338 sedi - pari a quelle della Germania - ha 5mila unità di personale e 700 milioni in meno di dotazioni finanziarie. Tra l'altro «la nostra rete risente del retaggio del passato» e deve per questo essere rivista. Un esempio? In Svizzera ci sono 12 consolati con 180 persone, mentre in Cina, il nuovo mercato emergente, solo tre, con 59 persone».

giovedì, novembre 09, 2006

Promozione e cooperazione culturale

Il Cosmopolita, 8 novembre 2006
La politica culturale costituisce uno strumento di affermata e crescente efficacia nell’azione di politica estera dell’Italia, paese privilegiato da un’immagine internazionale largamente connessa alla consistenza del suo patrimonio artistico-culturale; vivacità della sua produzione; ampiezza del suo contributo all’identità culturale europea e occidentale.

A questo strumento, strategico e complementare all’azione politica – economica negli scenari di politica estera prioritari per il paese, è stato assegnato, negli ultimi esercizi, un bilancio assolutamente inadeguato mai aggiornato dalla fine degli anni ‘80, composto di capitoli di mero trasferimento finanziario e di capitoli di spesa effettiva. Su questi ultimi sono stati effettuati, già con la finanziaria del 2006, tagli pari al 40”.

Eppure la crescente domanda di cultura nel grande mercato internazionale, derivata dallo sviluppo delle conoscenze anche in campo umanistico, presenta una forte opportunità per un Paese come l’Italia che vanta uno dei più ampi patrimoni culturali al mondo per densità e qualità.
L’urgenza (manifestatasi negli ultimi 8-10 anni) di un’internazionalizzazione complessiva del nostro paese (del suo comparto economico e produttivo, innanzi tutto, ma anche dei suoi apparati scientifici e tecnologici e della sua offerta formativa largamente ignorata nei paesi che domineranno tra breve l’economia mondiale) ha indotto ad un’attenzione assai più viva sul ruolo della cultura come mezzo particolarmente efficace di autorappresentarsi validamente nel mondo.
L’utilizzo di tale strumento non può pertanto che essere coerente con l’azione complessiva e con gli obiettivi generali di politica estera del paese. E’ ampiamente dimostrato come l’utilizzo di tale “linguaggio” sia stato, e continui ad essere, funzionale nel dialogo con realtà in cui sussistono oggettive difficoltà di comunicazione su altri piani. E’ per tale ragioni che la politica culturale all’estero è – e deve continuare ad essere - saldamente incardinata, funzionalmente ed amministrativamente, nel Ministero degli Affari Esteri onde garantire la necessaria corrispondenza tra l’azione e gli obbiettivi politici fissati dal Governo/Ministro.

Di conseguenza, gli odierni, e mutati, scenari mondiali richiedono un riassetto del sistema della promozione culturale: vanno cioè ridefiniti gli obiettivi strategici che sorgono dai profondi mutamenti a cui oggi assistiamo nel contesto internazionale.
La necessità di conferire efficacia agli strumenti/strutture a disposizione è impellente. Tale obbiettivo comporta:
1) Revisione e razionalizzazione della rete dei 90 Istituti di Cultura italiani nel mondo, così come delle Scuole italiane all’estero; della rete dei lettori presso Università straniere e degli Esperti di specifiche discipline presso la rete diplomatico-consolare.
2) Professionalizzazione degli operatori, oggi del tutto trascurata. E’ da notare che il profilo professionale dell’operatore culturale – Direttore o Addetto – è tra i più complessi ed innovativi. Esso richiede infatti • Interdisciplinarità • Mediazione tra culture • Acquisizione di professionalità multiple, che , a differenza di quanto avviene nei contesti nazionali, in questo caso sono necessariamente accentrate sul singolo operatore (programmazione, organizzazione, gestione, comunicazione). E’ necessario inoltre rivedere la natura e le caratteristiche della progressione di carriera del personale APC (area della promozione culturale), oggi relegato a qualifiche che poca o nessuna corrispondenza trovano nelle funzioni ad esso affidato;
3) Garanzia di un più organico e codificato apporto delle forze intellettuali del paese, attualmente ridotto ad erratiche nomine di così detti “chiara fama”, non collegate ad alcun progetto strategico od operativo (mediante una continua girandola di “upgrading” e “downgrading” dei relativi posti di Direzione, onde renderli confacenti al pre-designato, in una logica inversa e perversa).

A fronte di queste ineludibili sfide, il bilancio per tale vitale settore corrisponde ad un misero 10% del bilancio della Farnesina, a sua volta uno dei più magri dell’intero bilancio dello Stato.
Le risorse allocate alla Direzione Generale per la Promozione e la Cooperazione Culturale (DGPCC) vengono distribuite per quasi la metà alle scuole italiane all’estero, certamente una risorsa importante, ma di cui già da tempo si discute il rapporto costi-benefici.
Il resto si suddivide tra il finanziamento alla rete dei novanta Istituti Italiani di Cultura (circa 18 milioni di Euro, di cui oltre il 70% è assorbito dalle spese di funzionamento degli istituti stessi) ed alla attività di promozione culturale direttamente gestita dalla DGPCC, direttamente o attraverso la rete delle nostre Rappresentanze diplomatico-consolari.

A tale ultima attività è stato assegnato, negli ultimi esercizi, un bilancio globale mai superiore ad 1,5 milioni di Euro (e diminuito nel 2006 di un 40% rispetto all’anno precedente): un bilancio, per fare un esempio concreto, equivalente al costo di un’unica grande mostra. Se si considera la corrispondenza economica con la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90 se ne evidenzia l’assoluta inadeguatezza.

Comparativamente, anche i fondi stanziati ai novanta Istituti Italiani di Cultura, rimasti invariati in termini assoluti negli ultimi esercizi, risultano comunque ben inferiori a quelli delle principali “potenze” culturali europee Francia, Germania, Gran Bretagna e ultima la Spagna, tutte dotate di un ramificato e ben fornito network culturale in moltissimi Paesi del globo.
Ciò ha comportato che le iniziative di grande respiro e finalizzate, in sinergia con azioni economico-industriali e commerciali, a specifici obbiettivi strategici (“Italia in Giappone 2001”, “Italia-Russia 2004-2005”, “Anno dell’Italia in Cina”, tuttora in corso) siano state possibili, pur avvalendosi di consistenti finanziamenti “esterni”, bloccando ogni altra attività di qualche rilievo sull’intera rete diplomatico-consolare-culturale italiana negli altri paesi, con le disastrose conseguenze in termini di immagine e di continuità di presenza che è facile immaginare.

La prevista riduzione del 10% delle dotazioni dei capitoli di bilancio della DGPCC, dovrebbe per il momento comportare solo una diminuzione della presenza di lettori presso Università straniere direttamente inviati dal Ministero e di professori di ruolo nelle scuole italiane all’estero. Non è stata per il momento ancora toccata la rete degli Istituti Italiani di Cultura, ma certamente il clima di ristrettezza ed austerità che si viene creando, i condizionamenti nella emissione della spesa, la generale sensazione di dover risparmiare oltre i limiti stessi di una normale gestione finanziaria, contribuisce a porci nelle peggiori condizioni per affrontare le improrogabili scadenze che attendono l’Italia (basti pensare ai programmi che la UE egli Stati membri stanno predisponendo, a Bruxelles e nelle capitali,per il 50° anniversario della firma dei Trattati di Roma, a cui l’Italia, prima protagonista dell’Anniversario, potrà partecipare in modo assai modesto e del tutto inadeguato al suo ruolo).

A nostro giudizio, una seria volontà di adeguare l’azione culturale all’estero e la rete alle impellenti necessità politiche ed operative deve passare per:
1) uno sforzo di analisi volto ad una razionalizzazione della rete, dei servizi (non escludendo formule innovative, che altri paesi stanno anch’essi sperimentando) e delle attività;
2) una riforma legislativa adeguata;
3) una idonea formazione degli operatori.

Parrebbe inoltre assai opportuno riproporre la pratica, un tempo prescritta dalla Corte dei Conti, del documento annuale (potrebbe ipotizzarsi triennale) di “Istruzioni del Ministro” nelle materie di carattere discrezionale, che indicava le priorità politiche e gli obiettivi a cui doveva uniformarsi l’azione culturale all’estero.

In definitiva gli strumenti per un salto di qualità esistono, basterebbe adeguarli al mutato contesto internazionale; razionalizzarne l’azione e le strutture; dotarli di risorse umane che abbiano acquisito il più efficace profilo professionale; valorizzarli ed accrescerne le potenzialità positive.

mercoledì, novembre 08, 2006

"FARNESINA PORTE APERTE"

PRESENTATA A ROMA L’INIZIATIVA CHE APRE AL PUBBLICO LE STANZE E LA COLLEZIONE D’ARTE CONTEMPORANEA DEL MAE/ E INTINI ANNUNCIA: LA COLLEZIONE PRONTA A GIRARE IL MONDO GRAZIE AGLI IIC

ROMA\ aise\8 novembre 2006 - Sabato 18 novembre e poi di nuovo nel 2007, con sei appuntamenti a cadenza bimestrale, il Palazzo della Farnesina, sede del Ministero degli Affari Esteri, aprirà le proprie stanze e la Collezione d’Arte Contemporanea che esse custodiscono al pubblico, che potrà così accedere, attraverso visite guidate, non solo agli uffici ed alle sale di rappresentanza della nostra diplomazia, ma anche alle oltre 200 opere d’arte lì esposte.
L’iniziativa "Farnesina Porte Aperte", fortemente voluta dal Ministro D’Alema, dopo il primo positivo esperimento tenutosi in occasione della Notte Bianca romana, è stata presentata questa mattina a Roma dal Segretario generale Paolo Pucci di Benisichi, dal Vice Ministro Ugo Intini e dal Direttore generale per la promozione culturale Gherardo La Francesca. Tutti concordi nel dare all’iniziativa un valore allo stesso tempo altamente simbolico ed artistico.
Simbolico perché, ha spiegato Intini, si tratta di un "segno di trasparenza": "le stanze segrete della diplomazia italiana sono e saranno sempre più aperte ai cittadini". Artistico perché la Collezione d’Arte Contemporanea della Farnesina rappresenta davvero un prestigioso quanto raro complesso di opere rappresentative dell’arte italiana del XX secolo.
Esporre nella sede del Ministero, spazio architettonico già di per sè significativo, una così notevole collezione testimonia, dunque, e sottolinea l’importanza attribuita alla conoscenza di uno degli aspetti più caratterizzanti della cultura italiana contemporanea come parte integrante della nostra politica estera. Ne era ben consapevole nel 1999 l’allora Segretario generale Umberto Vattani, cui venne l’idea, poi realizzata l’anno seguente, di ospitare alla Farnesina una raccolta d’arte italiana contemporanea.
Oggi la Collezione, curata da Maurizio Calvesi e Lorenzo Canova, è composta di 236 opere tra dipinti, sculture, mosaici ed istallazioni, che, snodandosi nel lungo percorso fatto da corridoi, sale riunioni e ambienti di rappresentanza, testimoniano il dinamismo e la vitalità creativa della produzione artistica italiana del Novecento.
Solo al primo dei nove piani della Farnesina si possono letteralmente ammirare un meraviglioso controsoffitto realizzato nel 1950 da Pietro Cascella per la Sala Conferenze Internazionali, due imponenti cartoni preparatori a "L’Impero" (1936-38) e "Il Lavoratore" (1936) di Mario Sironi, l’action painting del "Ciclo 81" (1981) di Emilio Vedova confrontarsi faccia a faccia con il più delicato astrattismo di una "Composizione" (1953) di Emilio Scanavino. E poi ancora, addentrandosi tra anditi e sale del Ministero, si incontrano l’arte povera e del recupero di Joannis Kounellis e Mario Ceroli, il realismo lirico della "Superficie 627" (1967) di Giuseppe Capogrossi, una delle pochissime tele lasciateci dall’artista che usava distruggere i propri lavori dopo averli terminati, l’astrattismo concreto de "Le Città d’America" (1952) di Afro, due "Architetture con Cactus" (1991) di Alberto Burri, la scultura informale di Leoncillo e "L’Amante Morta" (1922) di Arturo Martini.
Ma non è finita qui. Sempre al primo piano - per visitarlo tutto ci vorrebbe almeno un’ora e mezza - sono esposti una "Quercia artificiale" (1967) in plexiglass verde di Gino Marotta, il delicatissimo "Arcadia" (1923) di Carlo Levi e, di fronte, la "Piazza d’Italia con sole spento" (1971) di Giorgio de Chirico.
Nella splendida e ariosa Sala de Grenet campeggiano due grandi arazzi di Antonio Scordia e Gastone Novelli. Di lì si accede alla stanza del Ministro D’Alema, che, in prima fila ad accogliere i visitatori della Notte Bianca, si è detto "fortunato". D’altra parte chi non lo sarebbe, potendo lavorare in uno studio in cui si incontrano antico e moderno nelle opere di Morandi e Vistosi, da un lato, e Guercino e Vanvitelli, dall’altro?
Fortunati saranno anche tutti coloro che potranno ritrovarsi nella grande sala in cui si incontrano gli artisti del Gruppo Forma: Carla Accardi, il marito Antonio Sanfilippo, Piero Dorazio, Antonio Perilli e Pietro Consagra, presente con la scultura "Bifrontale n.2" del 1995. Poco distante, la passerella vetrata della Farnesina che custodisce tra gli altri la scultura in bronzo lucido "Follia" (1962) di Giò Pomodoro e che affaccia sul cortile interno del Palazzo, dove si staglia la Fontana Monumentale di Consagra.
Ma la Collezione d’Arte Contemporanea della Farnesina è molto di più: Balla, Boccioni, Carrà, Chia, De Pisis, Depero, Fontana, Guttuso, Manzù, Merz, Morandi, Nunzio, Paladino, Pistoletto, Plessi, Rotella, Schifano, Scipione, Staccioli, Tirelli e Vangi sono solo alcuni dei nomi che hanno reso grandi 100 anni di arte italiana.
A parte alcune donazioni, la maggior parte delle opere esposte sono state acquisite, grazie alla disponibilità di gallerie e collezioni private, in comodato temporaneo per almeno due anni. Il che, è stato sottolineato oggi da più parti, definisce il carattere "aperto" della Collezione, unica nel suo genere e sempre nuova e diversa.
Da oggi, inoltre, la Collezione sarà on line, sul sito internet della Farnesina (www.esteri.it), per consentirne la fruizione a tutti, in Italia e all’estero, agli italiani nel mondo e ai cittadini del mondo. Scelta, questa, in linea con "l’importanza attribuita alla promozione della cultura all’interno della politica estera italiana", ha ribadito in conferenza il vice ministro Intini.
Per questo stesso motivo, le opere più significative della Collezione sono state esposte anche al di fuori delle mura del Palazzo. Presentate nel 2004 alla Triennale di Milano, nel 2005 sono state esibite a New Dehli e Mumbai, in occasione della visita del Presidente della Repubblica in India, poi in Giappone, nel Padiglione italiano dell’Expò di Aichi, ed infine a Belgrado, in Serbia. E sono pronte adesso a partire di nuovo.
Il Direttore generale della Farnesina La Francesca ha infatti annunciato oggi un nuovo progetto, ormai pronto al via. L’intenzione è quella di "far uscire dal grembo della madre, di natura sedentaria, una figlia, viaggiatrice", che porti 90 opere selezionate dalla Collezione in giro per il mondo attraverso la rete degli Istituti Italiani di Cultura. Insomma una vera e propria circuitazione della Collezione all’estero, che segni l’inizio di "un nuovo approccio alla promozione culturale del Ministero" e, contemporaneamente, un "rilancio dell’arte contemporanea italiana all’estero".
D’altra parte, come dimostrano gli ultimi dati forniti dal Ministero delle Attività e dei Beni Culturali, solo di recente l’arte italiana del Novecento ha acquisito un maggior prestigio nel nostro Paese e nel mondo. Ed il processo è ancora lungo. Ne è testimonianza la presenza proprio in Italia, ha sottolineato Calvesi, di "grandi collezioni, ma mai di una politica di acquisti", che oggi è impensabile.
"La Collezione della Farnesina", ha aggiunto Calvesi, "non sostituisce quel Museo di Arte Contemporanea italiana che non esiste, ma rappresenta un segnale molto cospicuo ed esauriente dell’importanza dell’arte italiana ed è oggi uno stimolo a conoscerla anche all’estero".
Per il momento, sono state selezionate 70 delle 90 opere che faranno parte dell’esposizione itinerante. Il Direttore La Francesca ha ipotizzato che "nell’arco di due settimane la mostra sarà definita nel dettaglio e poi ne sarà stabilito l’itinerario, seguendo un senso logistico e strategico per la promozione della cultura italiana".
Un ultimo sguardo prima di andare via. Davanti all’ingresso principale della Farnesina campeggia la grande "Sfera n.5" (1965) di Arnaldo Pomodoro, simbolo degli Istituti Italiani di Cultura ed emblema di un’arte, quella italiana del Novecento, che la nostra diplomazia ha deciso di riconoscere e valorizzare sino in fondo. (raffaella aronica\aise)

Ungheria: Le pellicole italiane arrivano a Budapest

Budapest, 7 nov. (Adnkronos) – L’Italia del cinema emigra a Budapest in occasione della 4 edizione del MittelCinemaFest, Festival Centro-Europeo del Cinema Italiano, che si svolgerà da domani al 18 novembre, alle ore 20.00, presso il cinema Puskin di Budapest, in una rassegna organizzata in collaborazione con Filmitalia e la Budapest Film, che quest’anno vedrà protagonisti 10 film di ultima produzione ed una retrospettiva dedicata a Luchino Visconti in occasione del centenario della nascita, iniziativa, quest’ultima, organizzata in collaborazione con l’Archivio Nazionale del Cinema Ungherese e ubicata presso la Sala cinema dell’archivio stesso.
Tra i film in programma per quest’anno, la cui traduzione simultanea è assicurata in lingua ungherese, si annoverano “Romanzo Criminale” con la regia di Michele Placido; “La bestia nel cuore” di Cristina Comincini, selezionato tra i finalisti per l’edizione 2006 dell’Oscar; “La seconda notte di nozze” di Pupi Avati; “Il regista di matrimonio” di Marco Bellocchio; “Saimir” di Francesco Munzi; “Texas” di Fausto Paravidino; “Manuale d’amore” di Giovanni Veronesi; “Agente matrimoniale” di Christian Bisceglia; “Notte prima degli esami” di Fausto Brizzi e “La terra” di Sergio Rubini.
Per quanto riguarda i film della retrospettiva dedicata a Visconti verranno, invece, proiettati “Lo straniero”; “Le notti bianche”; “Senso”; “L’innocente”; “Morte a Venezia”; “Ludwig”; “La caduta degli dei”.
Le pellicole ospiti di tale progetto interculturale, sponsorizzato da Inter-Europa Bank e Alitalia, verranno presentate grazie alla collaborazione di numerosi produttori e distributori quali Rai Trade; 01 Distribution; Fandango; Adriana Chiesa Entreprises; Filmauro; Filmexport; Celluloid Dreams; Mokép.
Come per le passate edizioni del Festival, i film verranno introdotti, oltre che da una delegazione di Filmitalia, co-organizzatrice del Festival, da registi, attori e sceneggiatori, ospiti d’eccezione delle serate che, anche quest’anno, vedranno i propri palcoscenici calcati da nomi illustri e personaggi noti, quali, per esempio, Cristina Comencini e Sergio Rubini, noto al pubblico ungherese per i film che l’Istituto Italiano di Cultura ha programmato negli ultimi anni; Eleonora Giorgi, produttrice del film “Agente matrimoniale”; Dino Abbrescia, uno dei protagonisti di “Manuale d’Amore”; Fausto Paravidino, regista di “Texas”; e Carla Cavalluzzi, sceneggiatrice del film “La terra”.
Il programma completo del Festival, che tra le novità di quest’anno include il concorso ”Il mio film preferito”, verrà distribuito nel corso della conferenza stampa che si terrà il 9 novembre 2006, alle ore 12.00 presso la sala stampa dell’Istituto Italiano di Cultura, durante la quale interverranno S.E. l’Ambasciatore d’Italia, Paolo Guido Spinelli; il Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura, Arnaldo Dante Marianacci; la regista Cristina Comencini; il responsabile del Cinema Puskin, Balázs Kalmanovits; e Júlia Gesztelyi dell’Archivio Nazionale del Cinema Ungherese.
Saranno inoltre presenti i produttori Aron Sipos, Hábermann Jeno e Stefano Albe che annunceranno l’uscita di un film sugli ultimi anni di vita di Sándor Márai, basato sui suoi diari, una felice coproduzione italo-ungherese.

CON UN TEST ONLINE LA SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI TI DICE QUANTO CONOSCI LA LINGUA ITALIANA

ROMA\ aise\8 novembre 2006 - Quanto conosci la lingua italiana? Qual è il tuo livello di conoscenza della grammatica? Sei in grado di coniugare i verbi, usare correttamente accenti e apostrofi e riconoscere errori di sintassi? Da domani, 9 novembre, chiunque fosse perseguitato da domande di questo tipo potrà darsi finalmente una risposta e mettersi alla prova entrando nel sito della Società Dante Alighieri, www.ladante.it.
Grazie ad una nuova batteria di divertenti esercizi ideati dai linguisti del PLIDA (Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri), il portale della "Dante" si presenterà come un vero e proprio banco di prova per studenti e docenti delle scuole italiane e straniere in Italia e all’estero, per gli immigrati in cerca di certezze linguistiche a scopo professionale, per i semplici amanti del nostro idioma e per chiunque desideri valutare la propria conoscenza della lingua italiana.
Gli esercizi, che saranno a disposizione di tutti i "navigatori", giovani e meno giovani, studenti o semplicemente curiosi dei tratti grammaticali dell’italiano, andranno ad aggiungersi a quelli già presenti sul nuovo portale e saranno ordinati secondo i sei livelli della Certificazione PLIDA, a loro volta conformi ai sei livelli del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue.
Al termine di ciascuna prova, l’utente potrà constatare immediatamente la correttezza delle sue risposte e passare dunque all’esercizio successivo, in un viaggio telematico attraverso nomi, verbi, frasi e suoni caratteristici della lingua italiana. Sarà così più divertente scoprire se quello che parliamo è un italiano cruschiano, colorito, approssimativo, urbano o naif. (aise)

LA FARNESINA E IL MIBAC INSIEME ALLA V BIENNALE DI ARCHITETTURA DI BRASILIA

ROMA\ aise\7 novembre 2006 - Il Ministero degli Affari Esteri e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali parteciperanno congiuntamente alla V Biennale di architettura di Brasilia, in programma dall'11 al 26 novembre prossimi (www.bienalbrasilia.com.br).
L'esposizione presenta opere realizzate da una ventina di studi di giovani architetti italiani. Il tema centrale è quello della sostenibilità ambientale quale guida per la ristrutturazione degli insediamenti umani, urbani o rurali. Esso è anche al centro di alcuni progetti di cooperazione che l'Italia sta realizzando in Brasile.
Il Padiglione italiano, che ospiterà la mostra "Ecologie contemporanee. Energie per l'Architettura Italiana", curata da Luigi Prestinenza Pugliesi, si articolerà in tre ambienti che rappresentano gli elementi primari necessari alla vita: acqua, sole e terra. I tre ambiti dell'allestimento raccolgono i differenti metodi progettuali dell'architettura sostenibile, individuabili nelle giovani generazioni di architetti italiani.
Il Ministero degli Affari Esteri e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali intendono così proseguire la loro collaborazione per diffondere i risultati della ricerca in altre sedi internazionali, anche avvalendosi della rete degli Istituti Italiani di Cultura nel mondo.
Il catalogo, in inglese, portoghese e italiano, sarà disponibile in versione pdf sul sito www.darc.beniculturali.it. (aise)

martedì, novembre 07, 2006

Farnesina e Provincia di Firenze firmano un protocollo d'intesa

PROMOZIONE CULTURALE

Inform, 7 novembre 2006
ROMA - Il Ministero degli Esteri e la Provincia di Firenze, rappresentata dal Presidente Matteo Renzi, hanno firmato alla Farnesina un protocollo d'intesa sulla promozione culturale.
Tra le iniziative, che beneficeranno dell'apporto della rete estera degli Istituti Italiani di Cultura, figurano la Rassegna polivalente dedicata al "Genio Fiorentino" (per approfondimenti è possibile consultare il sito www.geniofiorentino.it ) e le mostre ospitate nello storico Palazzo Medici-Riccardi, sede della Provincia.
La Provincia ha inoltre predisposto una "web-television" (Florence TV) dedicata alla promozione dell'immagine del territorio e che rappresenta anche - nelle intenzioni dei realizzatori - un possibile strumento per la diffusione della lingua italiana nel mondo.
Nell'ambito dell'attuazione del Protocollo, il Ministero degli esteri e la Provincia terranno inoltre conto delle potenzialità operative e scientifiche offerte da prestigiose istituzioni con sede nel territorio provinciale fiorentino, quali ad esempio, nel settore del restauro, l'"Opificio delle Pietre dure". (Inform)

lunedì, novembre 06, 2006

Hitler e il Duce nel ’38. Scoppia un caso Italia a Berlino

La Polemica – Il film curato da Piero Melograni sulla visita del Führer era stato approvato dall’Istituto di cultura
La presentazione del documentario bocciata dall’ambasciatore
di Dario Fertilio

Corriere della Sera, 6 novembre 2006
Quegli otto giorni che cambiarono l'Europa, e rafforzarono definitivamente l'Asse, tornano a innescare, se non le passioni almeno le polemiche tra Roma e Berlino. Perché una manifestazione indetta nella capitale tedesca per discutere lo storico viaggio in Italia di Adolf Hitler, nel maggio 1938, al culmine della potenza e della popolarità delle due dittature, è diventata un caso diplomatico e culturale. Ma c'è un aspetto inconsueto nella vicenda: lo scontro, benché si svolga sul suolo tedesco, è tutto italiano. L'ambasciatore Antonio Puri Purini contesta il direttore dell’Istituto italiano di cultura a Berlino, Renato Cristin, senza risparmio di argomenti polemici.
«Non è la prima volta che l'attuale ambasciatore a Berlino tenta di boicottare le attività dell’Istituto», denuncia Renato Cristin. «Negli altri casi ho tollerato per senso di responsabilità istituzionale, e perché non coinvolgevano direttamente le istituzioni universitarie e la ricerca, ma questa volta devo reagire perché la manifestazione è una tavola rotonda di carattere accademico, organizzata in collaborazione con la Freie Universität di Berlino».
«Siamo di fronte a un errore formale, dove però la forma diventa sostanza», replica l’ambasciatore Antonio Puri Purini, «nel senso che qui si rasenta l’apologia del fascismo e del nazismo».
Pietra dello scandalo non è la manifestazione in sé, che tra l'altro prevede, oltre a quella alcuni accademici tedeschi, anche la partecipazione dello storico Piero Melograni e dell’attuale presidente dell’Istituto Luce, il senatore diessino Stefano Passigli. Lo è invece l'invito ufficiale, che comprende la panoramica di una piazza italiana traboccante di folla e una delle tante immagini scattate in quei giorni frenetici, che ritrae Duce e Führer a fianco a fianco, sguardo deciso e passo militare. «Appaiono aitanti, simpatici e sicuri della loro forza davanti a un pubblico esultante», commenta l’ambasciatore Puri Purini, «e questa è l'immagine che viene proposta oggi per una conferenza che ha avviato l’Italia verso l'abisso. Sarebbe come se l'ambasciatore russo, oggi, autorizzasse una rievocazione trionfale del patto Molotov-Ribbentrop».
«Su proposta di Piero Melograni ho proposto ai colleghi della Freie Universität questo lavoro, realizzato con l'Istituto Luce, e loro dopo aver valutato con favore il documento e la sua presentazione nell'invito ufficiale, hanno deciso di proiettarlo facendone seguire una tavola rotonda», risponde Cristin. «Tutti d'accordo, dunque, noi e loro. Adesso posso soltanto denunciare il tentativo di sabotare una libera iniziativa accademica tedesca, e chiedere che le istituzioni italiane facciano chiarezza. Si vuole limitare libertà e autonomia della ricerca». Ma la questione dell’invito? «Sfido chiunque a trovarci un'apologia della dittatura», commenta Cristin. «Se si decidesse di correggere l'invito, sostituendolo con un altro, si finirebbe col peggiorare le cose», insiste Puri Purini. Aggiunge: «Escludo che da parte dell’Istituto ci sia stata malizia, tuttavia ora chiedo un rinvio dell'evento a data da destinarsi». E invece no, non se ne parla, fa sapere Cristin: «Io non recedo, è inconcepibile che l'università tedesca si pieghi. Dunque, la manifestazione si terrà il 24 novembre, come previsto». In mezzo ai due fuochi, lo storico Piero Melograni, ideatore del filmato, non prende posizione nel merito della polemica ma rivendica le novità storiche contenute nel suo lavoro: «Tra l'altro dimostra come la polizia fascista abbia approfittato dei fondi stanziati per la visita di Hitler allo scopo di potenziare se stessa e creare i suoi famosi archivi».
Come andrà a finire, adesso, è difficile prevederlo: i primi ad assistere sorpresi allo scontro frontale, per il momento, sono i tedeschi. Perché quello storico viaggio in Italia compiuto da Hitler nel maggio del '38, dopo l’annessione dell'Austria, ha lasciato un segno profondo nella memoria collettiva. Per le centinaia di tedeschi al seguito del Führer, quella fu l'occasione di una parata gigantesca, anzi di una «calata in Italia» che certificò non solo l’apogeo nazista, ma lo status privilegiato degli invitati. Per il regime fascista, fu l'occasione irripetibile di esibire la propria, apparente, forza organizzativa. Per l'Asse Roma-Berlino, una specie di sigillo finale.
L'ultima, effimera estate degli spiriti prima che sul mondo calassero i venti gelidi della guerra e dello sterminio: così oggi la maggior parte dei libri di storia descrive quei giorni. Non per caso, le scene di entusiasmo collettivo della folla romana fanno da contrappunto malinconico e grottesco, in «Una giornata particolare», il celebre film di Ettore Scola, all'amore struggente e impossibile tra Marcello Mastroianni e Sofia Loren. Crepuscolare lui, splendida lei, entrambi senza speranza.

sabato, novembre 04, 2006

TORNA "FARNESINA PORTE APERTE": E IL MINISTERO RIAPRE AL PUBBLICO LA PROPRIA COLLEZIONE DI ARTE CONTEMPORANEA

ROMA\ aise\ 3 novembre 2006- Sarà presentata mercoledì, 8 novembre, alle ore 11.00, alla presenza del Vice Ministro degli Affari Esteri, Ugo Intini, l’iniziativa "Farnesina Porte Aperte".
Il Palazzo della Farnesina, sede del Ministero degli Affari Esteri, apre, infatti, anche quest’anno, le proprie porte al pubblico, come già accaduto nel 2006, in occasione della scorsa edizione della "Notte Bianca". L’evento ha avuto un grande successo e così si è deciso di offrire nuove visite guidate alla prestigiosa Collezione di Arte Contemporanea custodita nel Palazzo. Ma non è tutto.
"Farnesina Porte Aperte" prevede l'apertura periodica del Ministero con cadenza bimestrale su un calendario programmato fino a novembre 2007. All'iniziativa verrà inoltre dedicata un'apposita sezione sul sito www.esteri.it.

venerdì, novembre 03, 2006

L’altolà di D’Alema: troppi tagli alla Farnesina

Duello sul bollo auto. Per evitare lo sciopero generale sbloccati i fondi sul pubblico impiego
di Enrico Marro

Corriere della Sera, 03 novembre 2006
ROMA — Sulla Finanziaria il governo non fa in tempo a chiudere un fronte che se ne apre un altro. Ieri ha presentato l’emendamento che rende esigibili i fondi per il contratto 2006-2007 dei dipendenti pubblici e il sottosegretario all’Economia, Nicola Sartor, si dice convinto che ciò servirà a disinnescare lo sciopero generale del pubblico impiego annunciato dai sindacati. Contemporaneamente però si profila una nuova rottura con gli enti locali, che con una nota dell’Anci accusano il governo di aver disatteso i patti. Come se non bastasse al vertice di maggioranza di ieri mattina c’è stato l’intervento a sorpresa del ministro degli Esteri, Massimo D’Alema, che, dopo aver criticato una Finanziaria troppo «ballerina», si è lamentato dei tagli al suo dicastero. E le sue lamentele hanno subito ottenuto ascolto. Al ministero dell’Economia si sono messi al lavoro sull’articolo 53 della Finanziaria, tanto che già in serata il vicepremier ha fatto trapelare la propria soddisfazione per la rimodulazione dei tagli agli stanziamenti della Farnesina. E modifiche potrebbero arrivare anche sul bollo auto visto che da più parti si chiede al viceministro dell’Economia, Vincenzo Visco, di rivedere l’aumento perché colpisce il 90% degli automobilisti. Solo che Visco ha un problema: l’incremento del bollo garantisce un maggior gettito di 538 milioni e quindi se lo si vuole alleggerire bisogna trovare delle compensazioni. «Basta con altre tasse », ha detto il ministro, ma ogni ipotesi di ricorrere ai tagli di spesa scatena liti.
FIDUCIA — Risultato: il vertice è stato aggiornato ad oggi, con governo e maggioranza impegnati nella ricerca di un accordo su pochi maxi emendamenti alla Finanziaria per la quale, però, già si ipotizza il voto di fiducia, che potrebbe essere chiesto dal governo in aula giovedì, per superare la montagna di emendamenti dei vari gruppi. Il ministro dei Rapporti col Parlamento, Vannino Chiti, si è affrettato a precisare: «Il governo non ha ancora deciso e molto dipenderà dall’atteggiamento dell’opposizione ». Ma in pochi credono a un esito diverso. E la richiesta del voto di fiducia viene data per scontata anche al Senato sul decreto fiscale.
LE NOVITÀ — Sono una sessantina gli emendamenti depositati dal governo e dal relatore di maggioranza, Michele Ventura. Queste le principali novità. Al posto delle deduzioni (riduzione dell’imponibile) delle spese per le badanti, già previste dalla Finanziaria 2005, potrebbe arrivare la detrazione (taglio dell’imposta) pari al 19% della spesa sostenuta, con un tetto di 399 euro, a patto che il reddito non superi 40 mila euro. I lavoratori con più di 55 anni potranno trasformare il loro contratto da tempo pieno a part-time se contemporaneamente viene assunto per il tempo restante un giovane. Alle Regioni andrà una quota del gettito dell’accisa sul gasolio auto pari a 75 milioni nel 2007. Dal 2008 tutti i registratori di cassa immessi sul mercato dovranno possedere la funzione di trasmissione telematica. Nessun taglio all’Università (il ministro Fabio Mussi aveva minacciato le dimissioni), al fondo per le aree sottoutilizzate del ministero dello Sviluppo e alla Presidenza del Consiglio. Giro di vite sulle scommesse clandestine e i giochi irregolari: le multe andranno da 30mila a 180 mila euro. Le Authority sulle telecomunicazioni e sulla privacy potranno assumere il 25% di personale in più. Maggiori fondi per potenziare la guardia costiera. Il governo ha poi presentato l’emendamento che recepisce l’accordo con le parti sociali sul decollo dal 2007 della previdenza integrativa (Tfr ai fondi o all’Inps nelle aziende con più di 50 dipendenti) stanziando 60 milioni per le compensazioni alle imprese.
ENTI PUBBLICI E MAGISTRATI — Tra le altre novità c’è la retromarcia del governo sui vertici degli enti pubblici non economici. Viene proposta infatti l’abrogazione dell’articolo 42 della Finanziaria che prevedeva la soppressione delle presidenze e dei consigli di amministrazione degli stessi affidando le loro competenze a un direttore generale, per un risparmio previsto in 5milioni. Restano, inoltre, gli adeguamenti automatici degli stipendi per magistrati, professori universitari, dirigenti di Forze armate e polizia. Con un emendamento all'articolo 64, che aveva provocato le vivaci proteste dei giudici, il governo limita la riduzione degli scatti al biennio 2007-2008 e alle retribuzioni oltre i 53.000 euro annui. Il taglio sarà del 30% anziché del 50%. Infine, 80 milioni in più per Venezia e 40 per l’editoria.

giovedì, novembre 02, 2006

QUARANTANNI DALL'ALLUVIONE DI FIRENZE: "GLI ANGELI DEL FANGO NORDICI" ALL’IIC DI OSLO

OSLO\ aise\2 novembre 2006 - Quarant’anni fa Firenze venne travolta da un’alluvione catastrofica che sommerse il suo inestimabile patrimonio artistico sotto un mare di acqua e fango. Migliaia di giovani e numerosi uomini di cultura accorsero da ogni parte d’Italia e del mondo per aiutare i fiorentini a salvare i tesori d’arte, i libri rari, gli archivi che rischiavano di andare perduti per sempre.
Oggi, giovedì 2 novembre l’Istituto Italiano di Cultura di Oslo commemora la ricorrenza ospitando nella sua sede un incontro con Erling Skaug, professore di Conservazione e di Tecnologia dell’Arte all’Università di Oslo, Membro dell’Accademia Norvegese delle Scienze e delle Arti e Cavaliere della Stella della Solidarietà della Repubblica Italiana. L’Illustre ospite fu uno dei tre direttori del "Centro Nordico del Restauro", il progetto ufficiale con cui i Paesi Nordici (Norvegia, Danimarca, Svezia, Finlandia) espressero la loro solidarietà alla città devastata, che impegnò a Firenze, dal 1967 al 1970, circa 100 restauratori provenienti dalle maggiori istituzioni museali dell’Europa del Nord. Nell’incontro, il professore testimonierà di quell’impegno straordinario di cui fu autorevole protagonista.
La serata sarà conclusa dalla proiezione del documentario "Per Firenze" di Franco Zeffirelli, con commento di Richard Burton, gentilmente concesso dall’archivio TECHE-RAI. (aise)

L’UNESCO COMPIE 60 ANNI E FESTEGGIA A PALAZZO VALENTINI

ROMA\ aise\2 novembre 2006 - Nata il 4 novembre del 1946, l’Unesco ha festeggiato i suoi 60 anni di vita nella sede della Provincia di Roma a Palazzo Valentini. Una due giorni di incontri e dibattito, il 30 e 31 ottobre, per celebrare l’anniversario dell’Organizzazione e per riflettere sul ruolo degli Enti locali nella tutela e valorizzazione dei beni mobili e immobili dell’umanità. Il convegno dal titolo "La provincia di Roma per il 60° anniversario dell'Unesco", dedicato alle politiche pubbliche di gestione e agli aspetti giuridici della tutela dei patrimoni unescani (ovvero culturale e naturale, immateriale, subacqueo, digitale, riserve della biosfera e memoria del mondo) è stata anche l’occasione per presentare e sottoscrivere la "Carta sul ruolo degli enti territoriali intermedi rispetto ai patrimoni dell'Unesco", o "Carta di Palazzo Valentini". Un "Patto" che la commissione nazionale italiana per l'Unesco e la Provincia di Roma adottano per promuovere e sostenere il ruolo che le Province possono assumere, realizzando una serie di azioni a favore dei Patrimoni Unesco, tra cui censire gli elementi dei patrimoni (specie se immateriali); supportare l'attività istruttoria per l'inserimento nelle liste dei patrimoni Unesco; contribuire all'adozione di standard nazionali, regionali e provinciali (come l'informazione e la segnaletica); costruire itinerari turistici di interesse culturale e/o naturalistico-ambientale nel rispetto del principio di sostenibilità; contribuire alla formazione del personale e alla diffusione, anche nelle scuole, della coscienza del vasto patrimonio italiano. "In sessant’anni, il lavoro dell'Unesco è riuscito a invertire la tendenza di un mondo che rischiava di perdere la propria memoria storica. Investire nella cultura è un'occasione non solo economica ma uno sforzo che ritorna indietro triplicato". Con queste parole, il Presidente della Provincia di Roma, Enrico Gasbarra ha aperto i lavori del Convegno. "Purtroppo - ha aggiunto Gasbarra - nel tritacarne delle battute politiche ci finisce sempre la cultura. Per questo valorizzare e tutelare le bellezze storiche e archeologiche, oltre che naturalistiche del nostro territorio, è una sfida dalla quale le istituzioni non devono sottrarsi". Il presidente Gasbarra ha quindi ricordato l'impegno della sua Amministrazione nelle operazioni di restauro per un investimento di 33 milioni di euro, mentre nove milioni sono stati impiegati per la ristrutturazione di 25 centri storici di altrettanti comuni del territorio.Il Presidente Gasbarra ha quindi lanciato l’ipotesi di inserire l'intera città di Tivoli ed il litorale romano come futuri siti del "patrimonio dell'umanità". Alla due giorni di incontri e dibattito hanno partecipato tra gli altri Claudia Cardinale, "Ambasciatrice di Buona Volontà dell'Unesco"; l'assessore provinciale alle politiche del Turismo, Patrizia Ninci; il dirigente del dipartimento Turismo della Provincia, Marco Bruschini; il presidente del comitato nazionale italiano dell'Unesco, Giovanni Puglisi; e Vincenzo Pellegrini, Consigliere Ministeriale della CNI Unesco."Non solo Tivoli e il litorale romano – ha proseguito la Ninci - ma rendere "patrimonio dell'umanità" tutelati dall'Unesco anche i beni immateriali della Provincia di Roma. La scelta da parte del presidente Gasbarra di istituire un nuovo assessorato per il turismo si inserisce in un'azione di governo della giunta tesa alle politiche della sostenibilità come la valorizzazione dei beni culturali, l'assetto territoriale con l'approvazione del nuovo piano che vede il rafforzamento degli attuali 117mila ettari a tutela con l'inserimento di aree di interesse naturalistico pari a un ulteriore 32%". "La collaborazione con la più grande provincia d'Italia, quella di Roma - ha concluso il presidente della CNI Unesco, Giovanni Puglisi - mette in risalto la volontà di creare un'articolazione per sottolineare la maggiore disponibilità delle ricchezze culturali del nostro territorio. Il nostro Paese è un museo diffuso, patrimonio dell'umanità". A conclusione degli incontri la Provincia di Roma ha inoltre consegnato un premio all'Arma dei Carabinieri per il ruolo svolto nella tutela e salvaguardia del patrimonio culturale e archeologico. (aise)

This page is powered by Blogger. Isn't yours?